Con gli occhi dell'assassino

Film 2010 | Horror V.M. 14 112 min.

Titolo originaleLos ojos de Julia
Anno2010
GenereHorror
ProduzioneSpagna
Durata112 minuti
Regia diGuillem Morales
AttoriBelen Rueda, Lluís Homar, Pablo Derqui, Francesc Orella, Joan Dalmau, Julia Gutiérrez Caba Boris Ruiz, Carlos Fabregas, Òscar Foronda, Víctor Benjumea, Laura Barba, Dani Codina, Hèctor Claramunt, Daniel Grao, Clara Segura.
Uscitamercoledì 11 maggio 2011
TagDa vedere 2010
DistribuzioneMoviemax
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14
MYmonetro 2,91 su 34 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Guillem Morales. Un film Da vedere 2010 con Belen Rueda, Lluís Homar, Pablo Derqui, Francesc Orella, Joan Dalmau, Julia Gutiérrez Caba. Cast completo Titolo originale: Los ojos de Julia. Genere Horror - Spagna, 2010, durata 112 minuti. Uscita cinema mercoledì 11 maggio 2011 distribuito da Moviemax. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 2,91 su 34 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Con gli occhi dell'assassino tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Quando Julia, affetta da una patologia degenerativa degli occhi, trova la sorella cieca Sara impiccata, inizia per lei un incubo che cresce al deteriorarsi della sua vista. In Italia al Box Office Con gli occhi dell'assassino ha incassato nelle prime 9 settimane di programmazione 440 mila euro e 200 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,91/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,33
PUBBLICO 3,30
CONSIGLIATO SÌ
Un incubo gemellare che cresce al progressivo calare delle capacità visive.
Recensione di Rudy Salvagnini
Recensione di Rudy Salvagnini

Affermata professionista, Julia percepisce improvvisamente che qualcosa di grave è accaduto alla sorella gemella Sara e, anche se non la vede da mesi, si precipita con il marito Isaac nella casa dove la sorella vive da sola: la trova impiccata. La polizia ritiene che si tratti di suicidio: Sara soffriva di una perdita progressiva della vista e l'ispettore incaricato delle indagini pensa che potesse essere depressa per quello. Julia nega: Sara sperava di guarire e aspettava solo un donatore per un'operazione risolutiva. Ma anche Sara soffre di perdita progressiva della vista, pur se a uno stadio meno avanzato della sorella. Nonostante tutto, Julia vuole scoprire quale mistero nasconda la morte della sorella e comincia a indagare tra le persone che la conoscevano. Tra queste, l'anziana Soledad, anche lei cieca, che la indirizza al misterioso Centro Baumann, un luogo di cura per ciechi. Ma qualcuno sta seguendo Julia e forse è la stessa persona che ha provocato la morte di Sara, il suo misterioso fidanzato, l'uomo che nessuno ricorda.
Afraid of the Dark, The Eye, Terrore cieco, Terrore nel buio: molte sono le pellicole che hanno tratto spunto a vario titolo dalla cecità per storie dell'orrore. Con gli occhi dell'assassino si inserisce in questo piccolo filone abbinandolo a un altro elemento dal grande fascino per il cinema horror: quello del legame tra i gemelli, caratterizzato da una ipersensibilità che sembra sconfinare nel paranormale. La specularità del destino delle sorelle mette la protagonista nella possibilità di intuire prima quale potrà essere il suo futuro, che si riflette in quello tragico della sorella, per cui la sua lotta per comprendere cosa sia veramente successo alla gemella è anche una lotta per la propria sopravvivenza, per evitare a sé la medesima fine. Il mistero è ordito con abilità e più la storia procede più tutto si complica, tra personaggi ambigui e un accumulo di fatti e circostanze strane e minacciose. Metaforicamente, la luce degli occhi di Julia si spegne e il mistero diventa sempre più oscuro.
Guillem Morales - al secondo lungometraggio dopo l'interessante El habitante incierto - dirige con stile e misura assecondando la storia e cercando di rendere lo spettatore partecipe del dramma della protagonista, ma non può evitare un calo di tensione nella lunga fase centrale dove la trama - pur complessivamente densa e ricca di sviluppi - si incarta e si dilunga rimanendo sostanzialmente ferma. Quando riparte è per un terzo atto nel quale la cecità della protagonista - immersa in un incubo nel quale si trova inerme - è anche quella dello spettatore, tenuto a condividerne la totale solitudine e l'assenza di qualunque certezza. La suspense è spesso sapientemente gestita con meccanismi hitchockiani, in modo classico e con buona efficacia. La ricerca di una conferma della propria identità attraverso gli altri e la lotta contro un'irrilevanza sociale che condanna alla solitudine sono temi che danno sostanza drammatica alla vicenda e sottolineano la banalità e sfuggevolezza di un male che nessuno vede per quanto esso si rende involontariamente invisibile. Prodotto da Guillermo del Toro, il film è sorretto anche dall'intensa interpretazione di Belén Rueda (Mare dentro).

Sei d'accordo con Rudy Salvagnini?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 13 maggio 2011
giacomogabrielli

Guillermo Del Toro produce un bellissimo giallo a tinte thriller/horror. Le atmosfere ricreate sono inquietanti e davvero ben fatte. Lo stile registico, l'uso della fotografia e delle scenografie è sicuramente influenzato, oltre che da Del Toro, dallo spagnolo Jaume Baguerò. I movimenti di macchina, le atmosfere vecchie e malate e gli arredamenti che utilizzano l'antico e il legno [...] Vai alla recensione »

giovedì 19 maggio 2011
Max Taylor

Thriller-horror di maniera (corridoi bui, rumori improvvisi e inaspettate mani sulle spalle, imposte sbattute dal vento…e tutto il campionario del genere), che strizza l’occhio a Hitchcock con sapiente e moderatissime aggiunte “pulp”, “Con gli occhi dell’assassino” è un film che funziona. Uno strepitoso inizio, claustrofobico e angosciante ma con ottimo ritmo, al quale segue una suspence con rare [...] Vai alla recensione »

mercoledì 6 aprile 2016
Guidobaldo Maria Riccardelli

Non delude questo bel prodotto dal sapore tipicamente spagnolo, servendosi sì di tòpoi classici arricchiti però con una regia fantasiosa e brillante, alternando alle brevi soggettive le riprese con figure tagliate, volte et a mantenere vivi i dubbi sulla risoluzione del mistero et ad immergere lo spettatore nel dramma affrontato dalla protagonista Julia, convincentemente interpretata da Belén Rueda. [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 luglio 2017
Francis Metal

Io non so chi sia questo regista, ma ha creato qualcosa che io personalmente non avevo mai visto. Mi chiedo perché sul web quando si parla di horror tutti parlano del ritorno di It, di Annabelle, di The Conjuring, ecc... mai che si parli di film come questo! Questo film mette ansia per davvero, perché non ci sono fantasmi, mostri, splatter, o le solite cose, ma qui si parla della cecit&agra [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 agosto 2011
time_traveler

Julia e Sara,due gemelle, soffrono della medesima malattia degenerativa che,progressivamente,porta alla cecità. Il rapporto tra le due si incrina per diverso tempo, ma quando Sara viene trovata morta per impiccagione in casa propria, Julia farà di tutto per far luce sulla vicenda. La polizia non ha trovato nulla, nessun indizio che farebbe pensare ad un omicidio, eppure quello che sembrerebbe [...] Vai alla recensione »

sabato 23 luglio 2011
Martino76

Film di un banale che più banale non si può! L'inizio sembra intrigante, ma con lo scorrere la storia si rivela sempre più prevedibile. Ci sono tante cose ormai già viste: omicidio che sembra suicidio, polizia superficiale, protagonista che scopre più degli inquirenti, il pazzo che la perseguita... e da cieca fa più di "wonder woman". Thriller di basso livello.

sabato 14 maggio 2011
Salvatore Vitale

come ho detto dal titolo della recenzione questo è il thriller dei thriller, un film fatto fin troppo bene! La cosa che mi ha colpito è che i thriller non sono mai avvincenti del tutto, questo invece dai titoli di testa ai titoli di coda riesce a tenerti sul filo della tensione come nessuno è mai riuscito! Non so cos'altro dire, da guardare A-S-S-O-L-U-T-A-M-E-N-T-E!

mercoledì 30 maggio 2012
tiamaster

L'inizio del film fà ben sperare,ricco di suspance e trovate discrete.....ma poi con la voglia di fare un colpo di scena si manda all'aria tutta la storia  (infatti la trama fà acqua ovunque), così come l'interesse dello spettatore,che man mano muta in noia.L'ultima ora è una sofferenza:lenta,insistentemente truce e drammatica,fino a rasentare il ridicolo.Buo [...] Vai alla recensione »

sabato 14 maggio 2011
renato volpone

La tensione ti prende subito e aumenta lentamente fino ad un urlo finale......è un film lungo e mette a dura prova i nervi....mette in discussione gli affetti...la fiducia....ti sottopone alla prova della menomazione fisica....ti rinchiude in spazi chiusi per liberarti e rinchiuderti subito dopo. In un perfetto stile del primo Dario Argento il film rimane fortemente impresso nella memoria. [...] Vai alla recensione »

sabato 14 maggio 2011
isterix

film veramente bello.tensine ed intrghi..vale la pena per gli amanti del genere..non delude

mercoledì 20 luglio 2011
astromelia

trama ricca di colpi di scena che alla fine stroppiano,quantomai romanzata la questione delle operazioni non riuscite,un fanta/horror mal riuscito

venerdì 3 giugno 2011
inglesino

Vorrei parlare con chi ha disprezzato drasticamente questo film e capire per loro qual'è un buon thriller? Qui c'è tutto e non manca nulla! Mistero, Suspense, fotografia eccellente, ottime interpretazioni, una storia che ti cattura subito e secondo me anche non banale. L'ultima volta che mi sono entusiasmato in questo modo per un film thriller/orror è stato per The Orphanage, se vi è piaciuto quello [...] Vai alla recensione »

sabato 11 giugno 2011
ipno74

Del toro produce un gran bel film tra thriller e storia d'amore. Un gran finale in stile - la finestra sul cortile - con la macchina fotografica ad immortalare la fine dell'assassino . Colpi di scena senza limiti, ritmo serrato e sceneggiatura ben congeniata. Per gli amanti del thriller ci sono tante citazioni di vecchi film. Godetevi questo bel film dai toni scuri e inquietanti.

lunedì 6 gennaio 2014
paride86

Bel thriller spagnolo che intrattiene con una suspense crescente e senza mai annoiare. Si perde un po' nello sdolcinato finale, ma per il resto è davvero un ottimo film con una bravissima protagonista.

lunedì 6 giugno 2011
Roberto Gay

otiimo ,pauroso, una storia con eccellenti colpi di scena bravi gli attori e il regista ,horror da consigliare a tutti.

venerdì 3 luglio 2015
themorenina

Film molto bello,con un finale commovente.

giovedì 28 novembre 2013
arwen88

Bellissimo film , fa paura al punto giusto senza necessariamente essere pieno di sangue , ma sono stati tutti bravissimi e il film riuscitissimo ....

martedì 17 gennaio 2017
toty bottalla

Una donna indaga sulla morte sospetta della sorella, ci saranno diversi omicidi, anche lei sarà presa di mira dll'assassino dalla mente malata che la ridurrà cieca. Una storia thriller dilungata, un pò noiosa e ripetitiva nelle tante sequenze, una storia che annoda i suoi fili ingarbugliati con forzature durante il racconto servendo alcune scene in maniera prevedibile, risulta [...] Vai alla recensione »

lunedì 21 marzo 2016
herovr

Trama inverosimile e confusa. Belen Rueda discreta anche se ha dato molto di più in "the orphanage" quello sì pur essendo altrettanto inverosimile si lascia vedere e con un finale davvero sorprendente. Qui veramente poche emozioni se non in qualche scena ma cose già viste e riviste (l'ombra in un corridoio, un coltello, un cadavere... repertorio insomma).

domenica 3 novembre 2013
dario

Gli nuoce la preparazione dichiarata agli eventi. La trama è abusata ed è trattata, per giunta, con molta sufficienza. Il finale è francamente insopportabile. Un po' e cose vengono salvate dalla recitazione, sebbene qusi sempre sopra e righe, e una certa capacità narrativa, un certo ritmo relativo, specie nella seconda parte.

venerdì 14 settembre 2012
4ng3l

Inizio con il cancellare il disastro più completo di Massimo Bertarelli, che non solo non riesce ad esprimere nulla ma sbraita pure. é questo il male peggiore, essere irrimediabilmente e smisuratamente in basso e non rendersene conto, anzi essere convinti di valere qualcosa, con potenti quanto terribili allucinazioni ed illusioni. L'Italia ne è la perfetta rappresentazione. [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 novembre 2011
Vittorio

Film che ti cattura dall'inizio alla fine, ben interpretato, thriller adrenalinico, a volte claustrofobico con un finale quasi horror....una piacevole sopresa!! Gran bel film! Da vedere

giovedì 19 maggio 2011
macchia88

Della serie "i trailer ingannano". Se penso di aver speso dei soldi e del tempo per guardare questi film il nervosismo non può fare che crescere. Per un attimo ci si sente come Alexander DeLarge di "Arancia meccanica", inchiodato sulla poltrona, costretto a guardare oscenità sul grandissimo schermo. Mi sono chiesto (e non sono il solo) se Mr. Del Toro abbia letto la sceneggiatura prima di decidere [...] Vai alla recensione »

sabato 18 febbraio 2012
thenoces

Veramente un ottimo thriller!!! Consigliatissimo a tutti gli amanti del genere thriller/horror!!!

domenica 15 maggio 2011
lovecraft87

Sinceramente pensavo meglio. La storie è originale ma certi personaggi come quello del polizziotto sono ridicoli.  Mi ha tenuto fino ai 3/4 poi è sceso completamente anche nel ridicolo !! 

domenica 15 maggio 2011
Lorenzo L.

a tratti veramente penoso. non ho retto fino alla fine. 

sabato 14 maggio 2011
enotar56

Dopo circa 20 minuti di visione del film ne ho avuto a basta e ho mollato .

giovedì 2 giugno 2011
gabriella

Non mi è piaciuto affatto questo film a metà tra il thriller e l'horror (in particolare splatter) del regista Morales ed ho trovato esagerata,eccessiva la performance di Belen Rueda.Non credibile anzi alquanto inverosimile la trama;una forte dose di incoscienza e di masochismo caratterizza il personaggio di Julia,discutibili le sue decisioni e la sua testardaggine.

venerdì 27 maggio 2011
ultimoboyscout

Produce Del Toro, quindi pensavo a qualcosa di decisamente migliore: infatti un certo fascino folle e visionario ce l'ha ma resta ben celato come celati nel buio sono i pericoli di questo film. E' un thriller cieco, più di tensione che horror, i cui unici meriti sono la regia (attendo Morales al salto di qualità) e una bravissima Belen Rueda, strepitosa nel farci provare e sentire [...] Vai alla recensione »

martedì 31 gennaio 2012
Kyotrix

Ottimo thriller come da tempo non ne vedevo! Inquietante e intrigante tutto il tempo. Peccato sia passato in sordina visto che e' un film spagnolo e non hollywoodiano. Solita nota stonata, il cambiamento del titolo italiano! Se il film si chiama "gli occhi di julia" ed ha perfettamente senso con la trama, perche' lo devono tramutare in "con gli occhi dell'assassino"?!?!? [...] Vai alla recensione »

Frasi
Posso vedere l'universo nei tuoi occhi
Julia (Belén Rueda)
dal film Con gli occhi dell'assassino
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Nella prima sequenza una donna s'impicca, mentre intorno aleggiano presenze arcane. Subito dopo ritroviamo la stessa attrice (Belen Rueda) nella parte della gemella della morta, Julia: affetta da una malattia degenerativa agli occhi, la sua vista si affievolisce sempre più. Prodotto da Guillermo del Toro, che di cinema orrorifico se ne intende, il film di Morales segue la lotta contro il tempo della [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Si comincia con una cieca impiccata. La sorella, anche lei mezza cieca perché è una malattia di famiglia, nonostante le assicurazioni di suo marito e della polizia, non crede al suicidio e si dà a indagare. Non a torto perché presto seguono altre morte sospette, compresa, a quanto sembra, quella dello stesso marito. Le spiegazioni, come sempre, solo alla fine, ma se non proprio incongrue, si aggrappano [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Incommensurabile boiata spagnola, che ha chiuso (male) l’ultimo Noir in Festival di Courmayeur. Nella cantina di un’imprecisata località la bionda, ormai cieca Sara sale sulla sedia sotto cui pende un cappio e medita inquieta, al contrario di qualcuno nell’ombra che con un risoluto calcione risolve per sempre i suoi dubbi. Quindi lo spettatore sa che si tratta di omicidio come del resto sospetta la [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati