Survival of the Dead

Film 2009 | Horror +16 90 min.

Regia di George A. Romero. Un film con Kathleen Munroe, Kenneth Welsh, Athena Karkanis, Alan Van Sprang, Devon Bostick. Cast completo Genere Horror - USA, Canada, 2009, durata 90 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 2,47 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Survival of the Dead tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Survival of the Dead è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,47/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 1,93
CONSIGLIATO NÌ
Al sesto capitolo sui morti viventi, Romero gioca col western e con la parodia ma non dimentica il suo nichilismo sulla natura dell'uomo.
Recensione di Edoardo Becattini
mercoledì 9 settembre 2009
Recensione di Edoardo Becattini
mercoledì 9 settembre 2009

Il misterioso fenomeno che vede i morti tornare in vita e procacciarsi carne umana, si è ormai esteso anche al di fuori dei margini continentali. A Slaughter Island, a largo delle coste della Pennsylvania, i clan rivali degli O'Flynn e dei Muldoon si contendono il dominio dell'isola e la strategia da adottare contro i morti viventi. A trovarsi in minoranza è il vecchio O'Flynn, sostenitore di un'uccisione rapida e totale dei non-morti, che viene condannato dalla famiglia nemica al confino sulla terraferma. Nei pressi del porto, O'Flynn si unisce a un gruppo di militari ribelli intenzionati a raggiungere l'isola e li convince a passare dalla sua parte nella battaglia contro gli zombi e per il dominio del territorio.
La lunga serie dei Dead vede pochi punti in comune da un capitolo all'altro. Concepita come una saga monadica, in cui ogni film è un racconto a sé stante che prende le mosse dal fatto che i morti tornano in vita risvegliati da una causa sconosciuta, l'esalogia di Romero ha costruito capitolo dopo capitolo un insieme di acute letture della contemporaneità (sociale, mediatica e tecnologica) e una filosofia pessimistica sullo stato di natura e sull'uomo come "lupo a se stesso". Survival of the Dead rompe questa singolarità della saga, presentandosi non come un vero e proprio seguito, ma come una partenogenesi del precedente Diary of the Dead. Gli sciacalli del corpo marines immortalati in una sequenza dalla videocamera di Diary, diventano qui i protagonisti di un horror che appare quasi "vecchia maniera" in un momento in cui dominano solo gli slasher citazionisti o i killer torturatori. Survival è lontano dal gusto per la sperimentazione del racconto dell'ottimo Diary, ma si propone come una sintesi brillante fra le nuove e le vecchie tendenze del genere.
Romero costruisce il film come un vecchio western ambientato in una prateria dove gli zombi hanno sostituito il bestiame, e la lotta di O'Flynn e Muldoon come una sfida all'O.K. Corral fra un vecchio marinaio irlandese e un cowboy che somiglia a Dick Cheney. I suoi personaggi sono tutti dei duri dalla lingua affilata e dalla mira infallibile, riciclo di un immaginario popolare che parte appunto dal cinema western (O'Flynn e Muldoon) per arrivare agli eroi dell'action movie contemporaneo (i militari e il ragazzino fanatico dell'hyper-tech sono quasi una proiezione parodica dei protagonisti di Transformers). Perfino gli zombi sono divenuti schiavi alienati di un'azione lavorativa ripetitiva e compiuta all'infinito, allo stesso tempo carnefici e vittime di una società sclerotizzata e senza un'identità distinguibile. È un gioco di contaminazione fra cinema classico e cinema tardo-moderno, che qua Romero affronta con un'ironia più esplicita, che tuttavia non fa dimenticare che la sua concezione (dell'horror, come della parodia) resta quella di un vecchio anarchico nichilista che si diverte moltissimo a mettere in scena le sue certezze sulla natura guerrafondaia ed egoista dell'uomo.

Sei d'accordo con Edoardo Becattini?
Ancora la saga dei morti viventi.

In una piccola isola nella parte meridionale della costa del Nord America, i morti minacciano i vivi. Gli isolani non riescono ad eliminare i loro cari, anche se questi ovviamente li tengono sotto scacco. Nel gruppo tuttavia c'è un ribelle che decide di distruggere tutti gli zombie che gli passano davanti, finché non viene cacciato per aver ucciso i suoi compagni e amici.

SURVIVAL OF THE DEAD
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
TheFilmClub
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€6,99 €9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 16 marzo 2011
Gallo1

In questo sesto episodio della saga di Romero sui morti che tornano in vita, il regista ha fatto qualche passo indietro rispetto all'ottimo Diary of the Dead e si riassesta sui livelli, non eccelsi, del quarto episodio Land of the Dead. Pur trattandosi, comunque, di un film ricco di spunti di riflessione e scene e trovate memorabili (la scena di chiusura del film, o gli zombie/schiavi/bestie [...] Vai alla recensione »

giovedì 21 ottobre 2010
dario carta

Roger Corman è il mago dietro le quinte di un cinema che nel ventennio ’50 / ’60 prese a bordo il pubblico dell’horror picture inglese,traghettandolo come Caronte oltre le paludi dello spettacolo stagnante della Hollywood prebellica e dando aria di novità alle emozioni che afferravano l’audience delle sale alle radici della paura.

martedì 12 ottobre 2010
Peer Gynt

Come ci sono pittori che dipingono sempre lo stesso soggetto (pensiamo alle bottiglie di Morandi), cosi’ ci sono registi che filmano sempre le stesse cose. E le bottiglie di Romero, come si sa, sono gli zombi. Romero, classe 1940, famoso per il classico della zombologia “La notte dei morti viventi” (del 1969), nel 2009 gira un altro film sui morti viventi! Perfino gli appassionati [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 novembre 2010
nick castle

Romero torna alla cara macchina su cavalletto e non più traballante, ma il digitale rimane, infatti questo seguito collegato direttamente con il precedente film, è stato girato con la Red One Camera, il che fa parte dell'adeguarsi ai tempi, che Romero sembra ben intenzionato a continuare. Si torna un po' a vecchi tempi, e il messaggio è ben chiaro ed era già stato [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 aprile 2010
gosnurle

La cosa che mi incuriosisce e' perche', un regista dalle evidenti qualita' artistiche ed intellettuali, si sia affidato ad un unico genere, l'horror ed ad un'unica icona del medesimo, lo zombie, per esprimere la sua arte e le sue idee sul cinema e sulla vita. Ma soprattutto la domanda fatidica e': xche' mai non trova due lire in piu' da spendere per arricchire i suoi [...] Vai alla recensione »

domenica 14 dicembre 2014
Maxiroll

Allora quest'ultimo film di Romero è terribile, soprattutto se proviamo a paragonarlo agli altri 5 capolavori. Sono rimasto molto deluso in primis dagli effetti speciali da film di serie B, poi analizzando la trama viene il peggio la storia sembra forzata e alcuni personaggi vanno in contro alla morte come degli stupidi, non voglio spoilerare niente però troppe scene prive di logica [...] Vai alla recensione »

sabato 9 febbraio 2013
Onufrio

Il papà degli zombi: George Romero, confeziona il suo sesto capitolo sui morti viventi; il genere rimane inconfondibile, il sangue schizza con "piacere", ma parliamoci chiaro: il vecchietto ha un pò stancato nel suo genere oramai ripetitivo, in un epoca in cui tutti si rinnovano,o per lo meno ci provano, Romero continua imperterrito la sua saga sugli zombi, senza apportare clamorose [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 marzo 2012
Nino Pell.

Inutile capitolo della famosa saga di Romero. Ripetitivo nello stile. Assolutamente da dimenticare

giovedì 23 dicembre 2010
dragonalex

Rimpiango gli zombi di Romero.Questo film è di una bruttezza inaudita.Gli zombi sono stati truccati evidentemente da Topolino.La regia è a dir poco scandalosa,ma per un film di serie c va piu' che bene.In poche parole:INGUARDABILE.

domenica 8 agosto 2010
rabbyt

ma xkè molti bei film in italia non escono?....................

FOCUS
INCONTRI
giovedì 10 settembre 2009
Marlen Vazzoler

Quanti altri film farai sul tema degli zombie? Non lo so, ma quando una cosa va bene dal punto di vista finanziario, si vuole fare un altro film. Ho moltissime idee. Penso che se cercassi di fare dei film seri non ne sarei capace, preferisco fare pellicole sugli zombie e divertirmi allo stesso tempo. Perché ha scelto un'isola? La storia non si poteva svolgere sulla terraferma? Sembra che un'isola sia il posto più sicuro per vivere perché circondato da acqua, quella è stata una delle prime idee che mi è venuta in mente.

Frasi
"In un mondo pieno di competizione, qualcuno issa una bandiera, un'altra persona la abbatte e issa la sua… ben presto nessuno si ricorderà cosa ha scatenato la guerra e la lotta riguarderà solo quelle stupide bandiere…"
'Nicotine' Crocket (Alan Van Sprang)
dal film Survival of the Dead - a cura di Vincent Vega
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Michael Ordoña
The Los Angeles Times

George A. Romero's zombie movies may no longer frighten, but the director always tries to provide something to chew on. In his new "Survival of the Dead," though, the metaphorical meat is one audiences may not care to digest. On an island off the Delaware coast where people speak with thick Irish brogues, an age-old conflict between clans rages despite the undead plague one would think should take [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
martedì 20 luglio 2010
Rudy Salvagnini

Il prima e il dopo Quando nel 1968 George A. Romero dirige La notte dei morti viventi provoca una cesura netta nel cinema horror. Esiste un prima e un dopo La notte dei morti viventi. La rivoluzione è totale.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati