La scomparsa di Alice Creed

Film 2009 | Thriller 100 min.

Titolo originaleThe Disappearance of Alice Creed
Anno2009
GenereThriller
ProduzioneGran Bretagna
Durata100 minuti
Regia diJ Blakeson
AttoriGemma Arterton, Martin Compston, Eddie Marsan .
DistribuzioneMikado
MYmonetro 3,38 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di J Blakeson. Un film con Gemma Arterton, Martin Compston, Eddie Marsan. Titolo originale: The Disappearance of Alice Creed. Genere Thriller - Gran Bretagna, 2009, durata 100 minuti. distribuito da Mikado . - MYmonetro 3,38 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La scomparsa di Alice Creed tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Due delinquenti decidono di rapire Alice, figlia di un ricco uomo d'affari, senza però fare i conti con le sue capacità. Al Box Office Usa La scomparsa di Alice Creed ha incassato nelle prime 5 settimane di programmazione 157 mila dollari e 81,3 mila dollari nel primo weekend.

Passaggio in TV
sabato 15 dicembre 2018 ore 1,55 su RAIMOVIE

Consigliato sì!
3,38/5
MYMOVIES 3,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,38
CONSIGLIATO SÌ
Thriller psicologico capace di stimolare un livello emotivo borderline che annoda sempre più allo schermo.
Recensione di Andreina Sirena
Recensione di Andreina Sirena

Due uomini - un ventenne e un quarantenne - organizzano un appartamento per il sequestro di Alice Creed, la figlia di un ricco uomo d'affari. Una volta rapita la legano mani e piedi al letto in attesa del riscatto milionario. La ragazza non sembra però così arrendevole...
Girato quasi interamente in interni e con soli tre personaggi, il film è tutt'altro che claustrofobico. La sonda psicologica che svela a poco a poco le personalità in un succedersi incalzante di colpi di scena, riesce subito a innescare un processo di proiezione e immedesimazione nello spettatore. Il momento che precede il sequestro con la preparazione dell'appartamento ha il misticismo e la sincronia di un rituale sacro e raggiunge il culmine con la copertura del capo dei carnefici e della vittima. Ha inizio una comunicazione acefala che parla più di qualsiasi sguardo. Tutti e tre nel macabro cappuccio si mascherano e si smascherano a vicenda tradendo emozioni sempre più intessute di adrenalina. Il filo psicologico è tirato fino all'orlo del baratro e vengono fuori sfumature estreme, un livello emotivo borderline che annoda sempre più allo schermo. Si respirano timori e disagi e, man mano che il bandolo si dipana, la narrazione si fa caleidoscopica e i personaggi si svelano ed evolvono, secondo dopo secondo, in combinazioni non considerate.
Gemma Arterton da agnello sacrificale impossibilitato a parlare a motore immobile che muove, genera e muta i piani. Martin Compston (che ha debuttato al cinema con Ken Loach in Sweet Sixteen), qui nei panni di Danny, da ragazzino timoroso e succube, svela presto una natura camaleontica. Eddie Marsan nelle vesti di Vic, combina magistralmente autoritarismo e fragilità. La tensione non viene data, come nella maggior parte dei thriller, da musiche tachicardiche e mannaie inaspettate ma da una vibrazione crescente, un alternarsi di speranze e minacce che mutano le combinazioni.
John Lennon diceva che la vita è quello che ti capita mentre stai facendo altri progetti. È proprio quello che crea la magia del film. Ognuno deve fare i conti continuamente con l'imprevisto, reinventare se stesso mantenendo il gioco. Lodevole il livello di interpretazione degli attori; oltre che sprofondati nella parte, diventano pienamente solidali con la sceneggiatura. Eccellente riuscita del primo lungometraggio firmato da Blakeson che al culmine della tensione riesce a distendere la trama con trovate ironiche e a riconsegnare equilibrio alla vicenda. Dunque un'opera serrata, profonda, rigorosa e armoniosa. Dove nulla stona; anzi, la colonna sonora di Marc Canham, registrata nei famosi studi di Abbey Road, e l'uso di strumenti originali come il gattam indiano, calzano a pennello.

Sei d'accordo con Andreina Sirena?

LA SCOMPARSA DI ALICE CREED disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 25 aprile 2013
lukgambs

I  due rapitori fanno la spesa. Comprano materiale fonoisolante e attrezzi al fine di foderare l'appartamento nel quale verrà tenuta Alice Creed prima del riscatto. Semplice storia di un rapimento di una bella rampolla dell'elite inglese? Niente affatto. Ottimo film dove il colpi di scena tengono incollato lo spettatore allo schermo e non rendono per niente prevedibile non solo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 15 settembre 2010
oblomovita

"Un colpo di scena è una svolta improvvisa nello sviluppo della trama, usata per stupire o per mantenerne vivo l'interesse" ed è così nella prima parte del film dove i rapporti tra i 3 unici protagonisti del film prendono connotati inaspettamente e decisamente diversi... ma nella seconda parte del film, come se gli scrittori non avessero più idea di come proseguire una storia con 3 soli personaggi, [...] Vai alla recensione »

martedì 6 agosto 2013
Cenox

Alice Creed, figlia di un ricco uomo d'affari viene sequestrata da un duo di personaggi piuttosto preparato, che impareremo a conoscere con il prosieguo degli eventi. Un film con un budget di base davvero bassissimo, che riesce a convincere soprattutto grazie a sapienti colpi di scena (solo a volte un po' forzati), che mantengono alta l'attenzione, e che riescono nell'impresa di non [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 giugno 2013
GianDrewe

Ottimo thriller girato benissimo, scritto meglio.  Anche se ambientato per il 90% in una casa il film è scorrevolissimo con dei continui colpi di scena. Cast eccezionale! Per chi non crede nel talento di Gemma Arterton si ricrederà dopo aver visto questo fim: bravissima. La sua migliore performance, per adesso! si vede che nasce dal teatro! Guardatelo assolutamente! Ne vale assolutamen [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 novembre 2017
Francis Metal

4 stelle è esagerato, già tre sono troppe. Notevole il fatto di avere girato il film a basso budget , con pochissime location, fondamentalmente una, con tre soli attori. Ovviamente le scene di nudo sono fatte per compiacere lo spettatore e la ragazza è stata scelta per il fisico mozzafiato.  Ci sono parecchi colpi di scena, e questo ti tiene incollato fino alla fine e non [...] Vai alla recensione »

giovedì 19 febbraio 2015
elgatoloco

Il film raggiunge la grandezza di un Kean Loach: ossia dove è kean Loach nel cinema politico e sociale, è Blakeson nella dimensione"thriller", "psicologica"etc.(ogni definizione di genere è data solo dalla nostro volontà tassonomica, ossia classificatrice, sostanzialmente di comodo). Questo suo primo film è un otttimo esempio di"Kammerspiel"fi [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 agosto 2015
no_data

Noia,noia noia!!!

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Thomas Sotinel
Le Monde

Par la grâce du calendrier des sorties, on se croirait revenu quarante ans en arrière, au temps où le corps des femmes était un terrain d'affrontement. Les féministes suédoises veulent le reconquérir par la pornographie (Dirty Diaries), la télévision suédoise se penche sur le corps de Lisbeth Salander avec un voyeurisme déguisé en compassion (Millénium) et Mathieu Amalric le célèbre avec concupiscence [...] Vai alla recensione »

Kevin Thomas
The Los Angeles Times

"The Disappearance of Alice Creed," a glum British kidnap movie in which writer-director J Blakeson manages to generate tension and some suspense, never rises above the mechanical and contrived, finally lapsing into the improbable. Its three-actor cast is admirably capable and dedicated, but the characters they are playing are stubbornly uninvolving.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati