La donna di nessuno

Film 2009 | Drammatico, 99 min.

Regia di Vincenzo Marano. Un film con Laurent Lucas, Hélène De Fougerolles, Thierry Frémont, Candice Hugo, Anna Galiena. Cast completo Genere Drammatico, - Italia, 2009, durata 99 minuti. Uscita cinema venerdì 26 giugno 2009 distribuito da FilmExport. - MYmonetro 2,03 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La donna di nessuno tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Tre vite che si incontrano e scontrano per poi annullarsi definitivamente in un epilogo doloroso e drammatico. In Italia al Box Office La donna di nessuno ha incassato nelle prime 9 settimane di programmazione 76,4 mila euro e 39,6 mila euro nel primo weekend.

La donna di nessuno è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato no!
2,03/5
MYMOVIES 1,50
CRITICA 1,83
PUBBLICO 1,63
CONSIGLIATO NO
Lungo la frontiera tra noir e mélo femminile si colloca il debutto cinematografico di Marano, regista italiano trapiantato in Francia.
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 18 giugno 2009
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 18 giugno 2009

Una giovane prostituta, testimone chiave al processo contro una maitresse senza scrupoli, muore precipitando dalla finestra di un albergo. Sulla sua morte indagano una giornalista impicciona e il commissario Gallager, fratello scontroso del celebre Martin Delvaux. Delvaux è un giudice ambizioso, sposato a una donna ricca e matura e amante occasionale della bella Sarah, prostituta di lusso che lo ama disinteressatamente. Coinvolti loro malgrado e con responsabilità diverse nel caso di omicidio, la giornalista, il giudice e la prostituta finiranno per incontrarsi e per farsi molto male.
L'opera prima di Vincenzo Marano, autore italiano trapiantato in Francia, non è un vero melodramma o almeno non lo è nei termini codificati del genere. Vi emerge tuttavia una progressione di tono che fa slittare il giallo-nero del film nella direzione, appunto, del melodramma. Sullo sfondo di una Parigi implicita e al centro di un film decisamente e formalmente francese, abitano i vertici di un triangolo amoroso: lui, lei e, sempre, l'altra.
Sarah è la donna del titolo, è di tutti e non è mai di nessuno, appartiene a se stessa, anche se vorrebbe tanto appartenere a Delvaux, e conclude la sua vita in perenne bilico con il più melodrammatico dei suicidi. Jeanne è una giornalista rigorosa mai obliqua, mai malvagia, mai pericolosa, è diretta, onesta e innamorata, anche lei, dell'ambiguo giudice. Martin Delvaux è l'uomo di potere, è l'uomo condiviso, divorato dall'amore per Jeanne e ossessionato da Sarah, urgenza improvvisa da consumare come un capriccio. L'uomo è prima dell'una e poi dell'altra, poi ancora di una e di nuovo dell'altra, in una gioco crudele vissuto in nome dell'amore e del diritto (del più forte).
Giocare con la sostanza della vita, ci dice il regista, equivale a giocare col suo opposto, l'ineluttabilità della morte. Nel melodramma, Marano, insinua una vicenda criminale, declinando al maschile e al noir il suo woman's film. E proprio lungo la frontiera tra noir e mélo femminile si colloca il debutto cinematografico di Marano (regista di numerose serie tv), che ha avuto un discreto successo in Francia e adesso trova una distribuzione nelle sale italiane. Il suo è uno sguardo elegante, un richiamo stilistico alle cinematografie di genere, attratto dalla sospensione inquieta dei primi piani ma ancora troppo (ben) confezionato e anonimo.
Un prodotto statico che sacrifica sfondo, motivazioni e sviluppi dei personaggi e delle situazioni. Il risultato è che molti passaggi narrativi risultano frettolosi (l'innamoramento Martin-Jeanne) e il film non restituisce le conseguenze morali che promette. Il regista romano riesce però a valorizzare il naturale istinto dei suoi attori e questa, comunque la si veda, è una (prima e buona) prova di regia.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Scritto da C. Hugo, Clara Dupont-Monod, Marc Quentin, Sergio Gobbi, liberamente tratto dal romanzo Histoire d'une prostitué di Clara Dupont-Monod. Storiaccia sans sens abitata da un giudice arrivista e scriteriato, una signora che sfrutta prostitute di alto bordo, una giornalista disonesta, un giovane ispettore di polizia che rivela al giudice di essere suo fratello, due donne suicide, il poliziotto che copre le colpe del giudice, più prostituto delle prostitute. Diretto da Marano, ex direttore della fotografia, che gioca con i colori, gli specchi, i riverberi dell'acqua e dei vetri. V.M. 14. Insensato come i 2 titoli.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
LA DONNA DI NESSUNO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
GRATIS
streaming
SD HD HD+ SD HD HD+ con pubblicità

-
-
-
-
-
-
-
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
-
Amazon Prime Video

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€5,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 7 agosto 2010
Tiziana Paghini

Film decisamente godibile seppur lento in alcuni passaggi e in forzate battute. Una storia che manifesta, tra lusso e ricerca di una vita effimera e fatta solo di apparenze e arrivismo, un male molto comune; la bramosia del potere a scapito di ogni valore e sentimento. La prostituzione, tema portante della pellicola, viene portata allo spettatore come una sfaccettatura adattabile ad ogni estrazione [...] Vai alla recensione »

sabato 27 giugno 2009
Woland

Combinando Holiday Hall e Simenon, Marano costruisce un thriller nero ricco d'invenzioni visive e ben recitato. In una Parigi insieme torbida e patinata, le vite di un campionario di personaggi si intrecciano in una storia di morte, violenza e corruzione. Qua e là si rischia il film di genere ma il risultato d'insieme è convincente e fan ben sperare.

venerdì 21 maggio 2010
100spindle

POTEVA ESSERE UN BEL FILM. LA STORIA E' INTRIGANTE E NON SCONTATA, MA LA SCELTA DEL CAST NE HA SICURAMENTE COMPROMESSO LA RIUSCITA. PER L'IMMEDESIMAZIONE NEL RUOLO SALVO SOLO HELENE DE FOUGEROLLES. GLI ALTRI, PUR BRAVI NON ERANO CREDIBILI NEI LORO RUOLI. CREDO CHE IL REGISTA SI SIA FATTO PRENDERE LA MANO DALLA VOGLIA DI STUPIRE E CI SIA RIUSCITO PURTROPPO IN SENSO NEGATIVO.

lunedì 3 maggio 2010
paride86

Il soggetto, se approfondito diversamente, poteva anche essere intelligente; purtroppo, invece, "La donna di nessuno", appena sotto il velo di melodramma, è un filmetto insipido che fa leva, perlopiù, sull'ammiccamento e sull'ambiguità sessuale della protagonista per tutta la sua durata fino allo stupido finale.

lunedì 6 luglio 2009
alien

Purtroppo i registi italiani si confermano privi di fantasia, poco emozionanti e scarsamente innovativi. Un film di cui si poteva veramente fare a meno. Comtinuando cosi' il cinema americano vincera' sempre tranne che nel natale vanziniano. Ridicolo il tentativo di rendere anche un po' piccante il film con qualche noiosissima e castissima scena di sesso.

mercoledì 26 maggio 2010
dario

Non si capisce bene cosa accade. La storia praticamente non c'è. Dialoghi stereotipati e inutili scene madri. Tutto dejà vu, ma con qualche classe registica. Indefinibili la recitazione.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Alberto Crespi
L'Unità

Parigi. Il corpo di una ragazza vola da una finestra e si schianta su un'automobile. La ragazza era chiusa in una camera d'albergo, dove un poliziotto avrebbe dovuto proteggerla: era una testimone chiave in un processo che a molti italiani ricorderà qualcosa... Per carità, non forziamo la natura: questo NON è un film su Papi e sulle sue frequentazioni «piccanti», però è pur sempre un thriller che prende [...] Vai alla recensione »

Davide Turrini
Liberazione

La crasi tra policier e noir nella gloriosa Francia di Jean-Pierre Melville diede il polar. La crasi tra giallo e televisione nella Francia di Vincenzo Marano dà la giallovisione. Un lapalissiano e preciso crogiuolo di fusione a freddo che innesca nelle torbide trame di polizia, spaccio di droga, omicidi e tribunali, il linguaggio della tv. Nulla di male, anzi.

Maurizio Cabona
Il Giornale

Potere politico e sesso mercenario in Francia formano la miscela di Sans état d'àme che esce da noi con due anni di ritardo e grazie a desolanti fatti di cronaca analoghi. Il titolo italiano, La donna di nessuno, non gli farà vendere molti biglietti. Peccato, perché Candice Hugo offre una bella interpretazione nel molo della prostituta di lusso capace di amare il giudice (Laurent Lucas) che si rivelerà [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Il film si intitola La donna di nessuno, ma in realtà il protagonista è un uomo: Laurent Lucas incarna l'ennesima variazione di Bel-Ami, solo che a differenza dell'arrampicatore di Maupassant ha scelto come trampolino la magistratura anziché il giornalismo. C'è anche la donna, la sua amante Candice Hugo, una prostituta che lui manovra come falsa testimone.

Roberto Nepoti
La Repubblica

Durante le indagini su un giro di prostitute (o escort, secondo l' eufemismo in voga) s' intrecciano i destini di alcuni personaggi variamente improbabili: Delvaux giudice belloccio e senza scrupoli di cui s' innamorano tutte; Sarah, puttana di lusso; Jeanne, ambiziosa giornalista investigativa; Grégoire, poliziotto deluso nonché parente stretto del giudice.

NEWS
NEWS
venerdì 26 giugno 2009
Lisa Meacci

Attenti ai Transformers Il nostro weekend inizia purtroppo all'insegna del lutto, con la morte di due grandi del mondo dello spettacolo: la Charlie's Angels Farrah Fawcett e il re del pop Michael Jackson.

[LINK] FOTO
mercoledì 17 giugno 2009
 
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati