Io, Don Giovanni

Film 2009 | Drammatico 127 min.

Regia di Carlos Saura. Un film con Lorenzo Balducci, Lino Guanciale, Emilia Verginelli, Tobias Moretti, Elena Cucci. Cast completo Genere Drammatico - Austria, Italia, Spagna, 2009, durata 127 minuti. Uscita cinema venerdì 23 ottobre 2009 distribuito da Lucky Red. - MYmonetro 2,78 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Io, Don Giovanni tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La vita di Lorenzo da Ponte, l'uomo che non rinuncia al suo animo libertino e alla sua amicizia con Giacomo Casanova, nonostante sia stato ordinato sacerdote. Ha vinto un premio ai Nastri d'Argento e Il film ha ottenuto 1 candidatura a David di Donatello. In Italia al Box Office Io, Don Giovanni ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 66,9 mila euro e 31,8 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,78/5
MYMOVIES 2,25
CRITICA 2,33
PUBBLICO 2,75
CONSIGLIATO NÌ
Carlos Saura (ri)scrive per immagini il Don Giovanni e la vita libertina di Lorenzo Da Ponte.
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 21 ottobre 2009
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 21 ottobre 2009

Venezia, 1763. Lorenzo Da Ponte è un ebreo convertito, battezzato a dieci anni perché il padre potesse passare a nuove nozze con una cristiana. Assunto il cognome del vescovo che gli impartì il sacramento, ordinato sacerdote ma cresciuto a immagine e somiglianza di Giacomo Casanova, Lorenzo compone versi contro la Chiesa, dissipa i denari al gioco e i sentimenti nell'adulterio. Denunciato da un tipografo viene giudicato dall'Inquisizione veneziana e condannato a quindici anni di esilio. Casanova, persuaso del talento letterario e amatorio del suo protetto, lo raccomanda a Vienna ad Antonio Salieri. Nella città della musica, Lorenzo incontrerà Mozart, inesauribile compositore, provato dalla malattia e dai debiti. Diviso tra la passione di un insidioso soprano e l'amore di una giovinetta virtuosa, Lorenzo scriverà il libretto del Don Giovanni, sposando le note di Mozart e precipitando all'inferno il suo passato libertino.
La figura di Don Giovanni nel cinema è davvero considerevole. Fedelmente o liberamente interpretato, il suo mito è stato spesso ridimensionato, parodiato o trasformato in inerte materia avventurosa da una straordinaria messe di titoli. Considerevole eccezione è stato (ieri) l'impassibile e glaciale Don Giovanni diretto da Joseph Losey e interpretato da Ruggero Raimondi, apprezzabile è (oggi) la traduzione cinematografica del libertino di Carlos Saura, già autore nel 1983 dell'adattamento per lo schermo dell'opera di Bizet (Carmen Story). Consumatore di giovinezza e di bellezza, il dissoluto licenzioso ringiovanisce ad ogni convivio d'amore e ritrova levatura e gigantismo nelle immagini di Carlos Saura e nella luce di Vittorio Storaro. Il punto di vista del regista spagnolo è quello di Lorenzo Da Ponte, poeta e librettista che si inserì nell'illustre schiera di letterati attratti dalla storia esemplare di Don Giovanni.
Sovrapponendo il mito del seduttore con tre figure storiche, Da Ponte, Mozart e Casanova, Saura intreccia e converge il personaggio con la persona, l'azione fantastica con la cronaca di quell'azione. Lorenzo Da Ponte, emulo e amico di Casanova, e più modestamente lo stesso Mozart, conoscevano bene le raffinate strategie dei sensi, e da uomini del loro tempo sentivano e sapevano che i giochi stavano per finire e che l'impavido farfallone amoroso avrebbe suo malgrado ceduto il passo al "convenuto di pietra", ai Commendatori accasati e padri di famiglia. L'autore è preciso e istruito nel cogliere attraverso i suoi personaggi il crepuscolo del Settecento e le derivanti evoluzioni morali. La classe sociale e l'anarchico modello di vita di Don Giovanni, come pure di Da Ponte e Casanova, erano destinate a soccombere sotto l'onda rivoluzionaria della morale borghese. Se Don Giovanni canterà nell'opera il gran rifiuto di rinnegare le proprie gesta persino alle soglie dell'inferno, Da Ponte, meno eroicamente e meno ostinatamente, si accompagnerà con una consorte fino a New York, dove si spegnerà quasi novantenne. Io, Don Giovanni solleva ancora una volta la questione dell'opera lirica sullo schermo e risponde con un film impegnato parimenti sugli aspetti musicali e su quelli cinematografici. L'impatto e l'espressività del canto trovano un adeguato corrispettivo nella recitazione e nella fisicità degli attori cinematografici. Replicando la doppia natura, comica e tragica, del soggetto di Da Ponte, Saura differenzia lo spazio teatrale da quello cinematografico, disponendo dietro al primo piano il palcoscenico su cui dipanare l'intreccio ed esibire l'empio materialismo del mito erotico settecentesco. La costruzione dello spazio scenico poi permette di rinvenire le specificità del mezzo: ogni "voce" vive in scena e in schermo mantenendo la propria squisita individualità. Contrappunto inedito che prova a conciliare immagine, musica e parola.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 5 giugno 2010
alesya

Immaginazione o realtà? Il cinema continua a interrogarsi sul genio e sull'estro degli uomini e delle donne che hanno fatto la storia cercando affannosamente una soluzione razionale che possa giustificare e spiegare a noi comuni mortali,come certe meraviglie siano venute alla luce;nella pellicola dello spagnolo Carlos Saura,oggetto di indagine è niente di meno che quel "Don Giovanni&q [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 ottobre 2009
ciccio capozzi

“IO, DON GIOVANNI” di CARLOS SAURA; ITA-SPA-AUSTRIA, 09. Lorenzo Da Ponte, avventuriero e “cosmopolita” (A.Gramsci), librettista d’opera e sciupafemmine: da Venezia a Vienna insieme a Mozart, per creare nel 1787 uno dei più grandi capolavori:”Don Giovanni”. Un film strano, complesso e difficile. Si pone come un ipertesto sull’opera di Mozart. Noi assistiamo, quasi in tempo reale, alla sovrapposizione [...] Vai alla recensione »

sabato 24 ottobre 2009
Lisbeth

Saura porta la grande musica al cinema e racconta il Don Giovanni partendo da un punto di vista insolito,quello del suo librettista Lorenzo da Ponte. Intitola Io, don Giovanni, e modella l’opera sull’esperienza personale del libertino in fuga da Venezia,Serenissima Repubblica che aveva già bandito il suo maestro di vita Giacomo Casanova. Approdato a Vienna,dove il genio di Mozart,la disciplina di [...] Vai alla recensione »

lunedì 22 febbraio 2010
Ulisse104

Il film viene categorizzato come un drammatico, ma a mio avviso è un film musicale. Un film discreto che fa riscoprire i segni della storia di un periodo, il 700, che è stato ricco di personaggi e storie che tutt'oggi ricordiamo. Mozart, Lorenzo Da Ponte, Giacomo Casanova, personaggi che hanno fatto la storia. D'altronde l'opera del "Io don Giovanni" è stata definita dai maggiori critici: la perfezione [...] Vai alla recensione »

sabato 17 ottobre 2009
Vitcar

Segnalo ai patiti di temi dongiovanneschi il nuovissimo libro: F. S. Borrelli - A. Di Pietro, Processo a Don Giovanni (accusato di omicidio e tentato stupro nell'omonima opera di L. Da Ponte e W. A. Mozart), Autentico Falso d'Autore di Vittorio Caratozzolo, Napoli, Guida Editore, 2009.

sabato 13 marzo 2010
Domenico A

Abbiamo visto Io, Don Giovanni diretto da Carlos Saura. Saura è un regista spagnolo importante ma allo stesso tempo marginale nel gotha della cinematografia europea. Qualcuno, negli anni Settanta lo aveva ritenuto addirittura l’erede di Bunuel. Ormai quasi ottantenne, ci ha lasciato alcuni film significativi come La caccia (1966), Anna e i lupi (1972), Cria Cuervos (1975), Mamma compie 100 anni (1979), [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 novembre 2009
EVERYONE

Il film "Io Don Giovanni"offre spunti felici solo per quanto riguarda la scenografia,l'uso sapiente delle luci e dei loro colori(PER FORZA SONO OPERA DI UN MAESTRO COME STORARO)ma per il resto lascia davvero perplessi.La recitazione di attori giovani decisamente acerbi e assai poco credibili quando cotretti a pronunciare certe battute è imbarazzante e lo svolgimento della trama stessa procede in modo [...] Vai alla recensione »

sabato 24 ottobre 2009
giorgio69

Un film mediocre. Concordo su Balducci, non si capis ce perchè reciti.

mercoledì 21 ottobre 2009
hermes

Mio Dio ancora Lorenzo BAlducci....CONTINUAnO A FARGLI FARE FILM, E AHIMè TUTTI SAPPIAMO PERCHè...CHE NESSUNO VEDE, NESSUNO. bASTAAAA BASTA.... CON QUESTI RACCOMANDATI BASTAAA. Avrà fatto 5 film NON LI HA VISTI NESSUNO LUI èè TREMENDO, nessuno si è mai accorto di lui..ma io mi domando, ma ve lo chiedete perchè, nonostante i progetti a cui ha partecipato abbiano incassato 3 euro, PERCHè ancora è protagonista [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 ottobre 2009
pasquino

...CERTO CHE PROPRIO NON CAPISCO PERCHE' SI SPENDANO TANTI SOLDI PER PROGETTI CHE NON VEDRA' MAI NESSUNO!!!!!!

FOCUS
INCONTRI
martedì 20 ottobre 2009
Gabriele Niola

Una nuova sintesi Capita alle volte che un film non sia solo il prodotto di un autore ma di più persone, e di certo accade sempre quando di mezzo c'è Vittorio Storaro, titanico direttore della fotografia, e in particolar modo quando incontra Carlos Saura. I due hanno già collaborato diverse volte e sempre all'insegna di una ricerca della possibile unione tra luce e musica. Ora, con Io, Don Giovanni la coppia giunge ad una nuova sintesi.

Frasi
Chi ama solo una donna non è altro che un egoista!
Casanova (Tobias Moretti)
dal film Io, Don Giovanni - a cura di marina
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Paolo D'Agostini
La Repubblica

La suggestione di ritrovare le tracce dei processi creativi e di rappresentarne il segreto, soprattutto se il caso è quello esemplare di Mozart, è stata più volte tentatrice nel cinema anche se con esiti spesso deludenti, tra caricatura e stereotipo. A meno che non si scelga la strada del divertissement, come fa Saura e come aveva già fatto prima di lui Milos Forman, con l' accortezza di non prendere [...] Vai alla recensione »

Thomas Sotinel
Le Monde

Il est sans doute temps d'organiser une conférence internationale dont l'ordre du jour serait un moratoire sur les films consacrés à Mozart et à son œuvre lyrique. En attendant, il faudra admettre la mise en circulation de ce film italien de l'Espagnol Carlos Saura. On y retrouvera la statue du commandeur, les recoupements entre biographie et fiction, entre petite et grande histoire, les extraits [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

Per incunearsi fra Don Giovanni di Joseph Losey e Amadeus di Milos Forman, Io, don Giovanni di Carlos Saura finisce stritolato. Perché il regista spagnolo, che ammette d’aver ignorato l’esistenza di Lorenzo Da Ponte (Lorenzo Balducci) prima di fare il film, si sia lanciato in questa impresa, si spiega solo col voler lavorare comunque e che questo gli passava il convento.

winner
miglior sonoro in presa diretta
Nastri d'Argento
2010
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati