Francesca

Film 2009 | Drammatico 94 min.

Anno2009
GenereDrammatico
ProduzioneRomania
Durata94 minuti
Regia diBobby Paunescu
AttoriMonica Barladeanu, Dorian Boguta, Luminita Gheorghiu, Teodor Corban, Doru Ana Dana Dogaru, Gabriel Spahiu, Mihai Dorobantu, Dan Chiriac, Ioana Diaconescu, Ionut Simionescu, Dragos Marinescu, Monica Mihaescu, Alina Berzunteanu, Ion Sapdaru.
Uscitavenerdì 27 novembre 2009
DistribuzioneFandango
MYmonetro 2,56 su 17 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Bobby Paunescu. Un film con Monica Barladeanu, Dorian Boguta, Luminita Gheorghiu, Teodor Corban, Doru Ana. Cast completo Genere Drammatico - Romania, 2009, durata 94 minuti. Uscita cinema venerdì 27 novembre 2009 distribuito da Fandango. - MYmonetro 2,56 su 17 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Francesca tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una giovane insegnante rumena, che insegna a Bucarest, sogna di emigrare in Italia. Per una vita migliore e maggiori speranze future. Ma, sfortunatamente, una serie di circostanze non le permetteranno di partire. In Italia al Box Office Francesca ha incassato nelle prime 6 settimane di programmazione 62,4 mila euro e 23,6 mila euro nel primo weekend.

Francesca è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,56/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,62
PUBBLICO 2,00
CONSIGLIATO NÌ
L'Italia vista dalla Romania: paura e desiderio.
Recensione di Marianna Cappi
venerdì 4 settembre 2009
Recensione di Marianna Cappi
venerdì 4 settembre 2009

Bucarest. Francesca è una maestra d'asilo sulla soglia di una decisione importante. Tramite un intermediario ha trovato un lavoro in Italia, come "assistente" di un anziano a Sant'Angelo Lodinese. Avrà, vitto, alloggio e stipendio. Vuole partire, ha i soldi, ma cerca anche l'approvazione dei suoi. Eppure tutti sembrano vedere nell'Italia un pericolo certo, un luogo violento, un finto miraggio.
Fa sorridere questo spaccato dei discorsi privati e pubblici sul nostro paese, sembra di passare per un attimo attraverso uno specchio e osservare una realtà simile e contraria. Fa sorridere fino ad un certo punto, Francesca, debutto nel lungometraggio di Bobby Paunescu, perché poi il pericolo affiora davvero ed è molto più vicino del previsto, viene dalla propria gente, con modalità universali, le modalità del ricatto e della violenza.
Un paese ex comunista a cui l'Europa propone una nuova identità, ma la storia non procede per automatismi e il neorealismo di Paunescu, perciò, non è il racconto di una rinascita in corso ma quello di una resistenza fra le macerie, dove il compromesso è prassi e la corruzione istituzione.
Ben dialogato e recitato, scandito sul tempo reale dei lunghi piani-sequenza e delle inquadrature fisse, il film procede senza mai cadere nella trappola della tesi o del messaggio da gridare al mondo, semplicemente diritto verso una fine sempre più prevedibile ma non per questo evitabile.
Il capitale investito ha un nome proprio, Monica Birladeanu: nota (come Monica Dean) negli Stati Uniti, si cala credibilmente nel ruolo di un'ignota (per noi) trentenne rumena divisa tra i sogni e gli affetti. Il resto è cinema di pochi mezzi ma più che sufficienti, che non si segnala per novità ma si fa apprezzare per lo stile sincero e la leggerezza del tocco, nel maneggiare temi di cui è impossibile negare il peso.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
FRANCESCA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 29 giugno 2016
Guidobaldo Maria Riccardelli

La giovane Francesca medita di trasferirsi in Italia, con progetti a lungo termine ed ambiziosi, ma sulla sua strada incontrerà diversi ostacoli. Bobby Păunescu dirige con stile ben preciso, sulla scia di questa scuola romena contemporanea: piani sequenza ottimamente sostenuti, macchina da presa immobile, in balìa degli eventi che le accadono di fronte, dialoghi solo all'apparenza essenziali [...] Vai alla recensione »

giovedì 12 novembre 2009
annìna

Francesca ha un sogno: aprire in Italia un asilo nido per bimbi rumeni. Per realizzare il suo progetto Francesca è disposta a scontrarsi con l'opposizione paterna e la diffidenza dei suoi connazionali. Giunto il momento decisivo della partenza però, Francesca sarà costretta a scontrarsi con una cruda realtà che le tarperà le ali prima ancora di averle spiegate.

lunedì 30 novembre 2009
melania

é un film discreto ma la tematica potrebbe riguardare qualsiasi altro paese,non caratterizza la Romania in particolare;il finale ti coglie un po' di sorpresa,mi sarei aspettate maggiore sviluppo degli avvenimenti...tuttavia non è un brutto film.forse inferiore alle mie aspettative.

domenica 3 giugno 2012
IlparereDelPubblico

Film lento,monotono,pessima sceneggiatura,non c'è molto da dire 2/5

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Francesca ha preso il nome santo di Madre Cabrini, protettrice dei migranti, il volto splendido di Monica Birladeanu, e attualmente il miglior cinema dell'Unione Europea: quello romeno. Non è bastato, comunque, per trovare buona accoglienza in Italia: l'Onorevole Alessandra Mussolini è andata in tribunale per bloccare la distribuzione del film, che la "insulta" al pari del sindaco di Verona.

Silvana Silvestri
Il Manifesto

Francesca di Bobby Paunescu, presentato al festival di Venezia, è finalmente nelle sale, e integro, dopo la «vittoria» in tribunale su Alessandra Mussolini che ne voleva bloccare l'uscita perché si era ritenuta offesa dall'esclamazione di un attore, a inizio film, indignato contro l'ondata xenofoba del nostro governo e della nostra opposizione. A battaglia persa, l'onorevole non si era poi lasciata [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

Francesca. Basterebbe guardare le anagrafi dei due paesi per capire quanto Italia e Romania siano legate. Storicamente, culturalmente, da un'umanità profonda e contraddittoria. E non solo da un flusso migratorio che non è solo a senso unico. Perchè, e ci sarebbe molto da discutere a proposito, le risorse umane sono attirate verso il nostro paese mentre quelle economiche di imprenditori furbi e profittatori [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Strano film, presentato a Venezia e subito schizzato al centro di polemiche italo-romene. Una giovane maestra vuole emigrare in Italia, nella speranza di una vita migliore ma anche di contribuire a cambiare l' idea che gli italiani hanno del suo popolo. Non ne condivide l' ottimismo il regista, il debuttante Bobby Paunescu, a giudicare dalla galleria dei personaggi di cui popola Bucarest: campionatura [...] Vai alla recensione »

Gaetano Vallini
L'Osservatore Romano

Gli italiani rapiscono i romeni per espiantare loro gli organi da vendere per i trapianti; sequestrano le donne immigrate per costringerle a prostituirsi; sono tutti, o quasi, razzisti e sono guidati da una classe politica che non è da meno quanto a xenofobia. Fa un certo effetto scoprire cosa pensano i romeni degli italiani: una serie di luoghi comuni e di pregiudizi.

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

È l'opera prima rumena che, presentata lo scorso agosto alla Mostra di Venezia, ha suscitato giuste rimostranze per il suo deciso atteggiamento antitaliano aggravato da ingiurie plateali nei confronti di una nostra parlamentare. Da un punto di vista critico, tuttavia, qualche merito ce l'ha perché il suo regista, Bobby Paunescu, ha studiato cinema negli Stati Uniti e quell'insegnamento, almeno in [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Gli italiani? Brutti, sporchi e cattivi, proprio come nel film di Ettore Scola. I rumeni? Se vengono dalle nostre parti, devono stare attenti, soprattutto le donne, che corrono il rischio di essere schiavizzate e violentate. Francesca, di Bobby Paunescu, ci fa vedere le cose dal punto di vista opposto al nostro. Tutti i luoghi comuni rovesciati, in modo speculare.

Paola Casella
Europa

Di Francesca, che ha aperto la sezione Orizzonti della Mostra di Venezia, si è parlato perché uno dei suoi personaggi, rumeno come tutto il film, ha dato della "puttana" alla Mussolini e del "sindaco di merda" al veronese Flavio Tosi. È ora che se ne parli invece per quel che fa vedere: il modo in cui ci considerano all'estero, ora che la reputazione dell'Italia è quella di paese poco accogliente anche [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

L'Italia vista dalla Romania. Una terra promessa o un paese nemico dove i romeni vengono sfruttati, pestati, addirittura rapiti per rubargli gli organi? È il mix selvaggio di speranze, dicerie, leggende metropolitane che circola in Francesca, esordio di un regista romeno cresciuto a Milano e laureato a Lugano, Bobby Paunescu. In un paese serio un film così verrebbe accolto col massimo interesse.

Dario Zonta
L'Unità

Alla fine il film Francesca del regista rumeno Bobby Paunescu arriva nelle sale nella versione integrale, senza i tagli richiesti dalla Mussolini. Facciamo, dunque, una rapida sintesi di quel che è successo a questo film dal suo esordio veneziano (aveva aperto la sezione «Orizzonti») fino a oggi, giorno della sua uscita. La Mussolini e il sindaco di Verona, Flavio Tosi, se la presero perché nel film [...] Vai alla recensione »

Luca Mastrantonio
Il Riformista

L'Italia vista dalla Luna, o da Marte. Comunque, da un altro pianeta, che poi così diverso non è, ma certo è messo peggio. Francesca di Bobby Paunescu, proiettato ieri, perla sezione Orizzonti, è la storia di una ragazza che segna di aprire un asilo per rumeni in Italia, per trovare un futuro migliore e dimostrare agli italiani che gli stereotipi che hanno sulle rumene sono falsi.

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Perché tanto livore contro l'Italia? Di questo Francesca, scritto e diretto da un romeno, tale Bobby Paunescu, scelto come «Opening (!) Film» della sezione Orizzonti all'ultima Mostra di Venezia, i lettori hanno già sentito ampiamente parlare. Soprattutto per le battutacce, davvero gratuite, a carico dei più intransigenti avversari dell'immigrazione selvaggia.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati