La vera leggenda di Tony Vilar

Film 2006 | Documentario 95 min.

Anno2006
GenereDocumentario
ProduzioneItalia
Durata95 minuti
Regia diGiuseppe Gagliardi
Uscitavenerdì 24 novembre 2006
MYmonetro 2,98 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Giuseppe Gagliardi. Un film Genere Documentario - Italia, 2006, durata 95 minuti. Uscita cinema venerdì 24 novembre 2006 - MYmonetro 2,98 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La vera leggenda di Tony Vilar tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento venerdì 23 marzo 2018

Due decenni dopo la scomparsa del celebre cantautore Tony Vilar un cugino di secondo grado si mette sulle sue tracce per fare luce sul suo declino come artista. In Italia al Box Office La vera leggenda di Tony Vilar ha incassato 3,6 mila euro .

Consigliato sì!
2,98/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,50
PUBBLICO 3,45
CONSIGLIATO SÌ
Un viaggio sulle tracce di un mito.
Recensione di Tirza Bonifazi
mercoledì 11 ottobre 2006
Recensione di Tirza Bonifazi
mercoledì 11 ottobre 2006

Antonio Ragusa è un cantautore calabrese emigrato in Argentina insieme alla "donna più cara della sua vita", la chitarra, in cerca di fortuna. Lì trova l'America - è il caso di dirlo - e con il nome di Tony Vilar diventa uno dei massimi rappresentanti della canzone melodica negli anni '60, portando al successo mondiale Cuando calienta el sol. Due decenni dopo la sua scomparsa un cugino di secondo grado, (il musicista Peppe Voltarelli, leader della band Il parto delle nuvole pesanti e co-sceneggiatore del film), si mette sulle sue tracce per fare luce sul suo declino come artista e consegnargli una canzone scritta e dedicata al suo mito. Arrivato a Buenos Aires scopre che anche lì, del cugino, non si hanno più notizie, ma viene messo a conoscenza della verità che si cela dietro il ritiro di Vilar dalle scene. Non datosi per vinto vola fino a Nueva York accompagnato da uno strambo personaggio disposto ad aiutarlo, e si perde nei racconti della gente che incontra, tutti compatrioti americanizzati.
"Avevo l'impressione che in America tutte le facce degli italiani venissero fuori dalle pagine di John Fante", è la voce fuori campo del protagonista nel mockumentary - un genere ancora poco esplorato dal cinema tricolore - diretto da Giuseppe Gagliardi. La musica, di Voltarelli e dello stesso Vilar, segue passo passo il viaggio del Nostro, tanto da tramutare un paio di sequenze in piccoli videoclip, tra cui quello vero di Roy Paci (What You See Is What You Get ha anticipato di qualche mese l'uscita del film) che nel lungometraggio appare in sogno nei panni di gangster. Non è importante dove termina la verità e dove inizia la finzione; arrivati a destinazione, sullo scorrere dei titoli di coda, ci vengono in mente le parole di un grande attore in un noto spot pubblicitario: un viaggio non è fatto solo di partenze e di arrivi, bisogna sapersi soffermare sui particolari che avvengono lungo il tragitto. E Giuseppe Gagliardi, in questo, si è dimostrato un maestro.

Sei d'accordo con Tirza Bonifazi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

È il 1° mockumentary - documentario falso - girato in Italia sebbene lo spunto di partenza sia vero: il cantautore calabrese Antonio Ragusa che, emigrato in Argentina nel 1952, vi divenne Tony Vilar, cantante popolare di celebri canzoni. Voltarelli - anche soggettista e sceneggiatore con l'esordiente regista - parte 50 anni dopo per il Sudamerica alla ricerca del suo lontano cugino, sparito senza lasciare tracce. La sua ricognizione comincia alla Boca di Buenos Aires e termina nel Bronx di New York, mettendo in fila pittoreschi incontri con italoamericani di varia estrazione sociale. Divertente, folclorico, cialtrone con risvolti di melanconia, una vena di sarcasmo critico sulla società dello spettacolo e due o tre numeri musicali apprezzabili. Girato in 16 mm da Michele Paradisi.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 20 dicembre 2010
etabeta

Un film che non annoia senza grosse pretese, dove la fa da padrone la forte personalità della Jolie. Solo un commento sulla scarsa interpretazione dei nostri attori. Una volta avevamo grande attori come ad esempio Gastone Moschin che ne Il Padrino tenevano testa o superavano DeNiro. Oggi abbiamo DeSica e Bova che sono più inespressivi di una statua di cera.

venerdì 24 dicembre 2010
flaminia72

Evidentemente io di film non ci capisco niente perché tutti i film che my movies consiglia a me non sono piaciuti e quelli che sconsiglia invece mi sono piaciuti! Questo film ad esempio lo sconsiglia ed invece io l'ho trovato molto carino! Molte scene non sono girate a Venezia (soprattutto quella in treno dove si sente l'annuncio dell'arrivo a Venezia Santa Lucia e si vede dal [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberta Bottari
Il Messaggero

Che fine ha fatto Antonio Ragusa, emigrante calabrese, partito da Genova nel 1952 per l'Argentina e diventato poi Tony Vilar: il più famoso cantante melodico del Sudamerica nei primi anni Sessanta? Come mai l'artista che ha reso celebri oltreoceano Tintarella di luna di Mina e Non esiste l'amor di Adriano Celentano e in tutto il pianeta Cuando calienta el sol degli Hermanos Rigual è sparito senza lasciare [...] Vai alla recensione »

Massimo Lastrucci
Ciak

Comunque vadano le cose, La vera leggenda di Tony Vilar può già vantare un record. È il primo "mockumentary" (un film di fiction che si presenta come un documentario) made in Italy. Sulle orme di un (vero) parente sparito nel nulla (Tony Vilar, cantante melodico che furoreggiò nell'Argentina tra i '50 e i '60 con le versioni, tra le altre, di Tintarella di Luna e Quando calienta el sol), Peppe Voltarelli [...] Vai alla recensione »

Roberta Bottari
Il Messaggero

Che fine ha fatto Tony Vilar? Come mai il più famoso cantante melodico del Sudamerica nei primi anni Sessanta è sparito all'apice del successo? È da questo spunto reale che parte La vera leggenda di Tony Vilar , di Giuseppe Gagliardi, un "falso documentario", dove elementi di realtà generano momenti assolutamente inventati. E riescono, forse per questo, ad onorare il rigore di una vera, appassionata [...] Vai alla recensione »

Dina D'Isa
Il Tempo

È un sogno diventato realtà La vera leggenda di Tony Vilar, docudrama di Giuseppe Gagliardi, con Beppe Voltarelli ex cantante e attore che, appassionato di un cantante argentino, nato in Italia con il nome di Antonio Ragusa, ha ricostruito una vicenda strabiliante. Il film, presentato ieri alla Festa di Roma nella sezione Extra, prodotto da Tico e distribuito da Tamberi per Metacinema, narra la storia [...] Vai alla recensione »

Mauro Gervasini
Film TV

Tony Vilar, al secolo Antonio Ragusa, sarebbe il popolare cantante italosudamericano (argentino, per la precisione) che negli anni '60 fece successo con la versione in spagnolo di Tintarella di luna e con Cuando callenta el sol (in verità dei Los Marcelos Ferial). Un lontano cugino, il musicista Peppe Voltarelli dell'ensamble Il parto delle nuvole pesanti, si mette sulle tracce di Vilar dopo la misteriosa [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

Altro film italiano, nella rassegna «Extra», quella delle stranezze e dei «vorrei ma non posso», è stato La vera leggenda di Tony Vilar di Giuseppe Gagliardi. L'idea sarebbe buona: un lontano parente (Peppe Voltarelli) cerca le tracce - ma perché? - di un cantante calabrese, emigrato in Argentina, dove ha fatto fortuna con le versioni in castigliano delle canzoni italiane degli anni Sessanta.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati