Ti do i miei occhi

Film 2003 | Drammatico 116 min.

Titolo originaleTe doy mis ojos
Anno2003
GenereDrammatico
ProduzioneSpagna
Durata116 minuti
Regia diIcíar Bollaín
AttoriLuis Tosar, Laia Marull, Candela Peña, Rosa María Sardá .
TagDa vedere 2003
MYmonetro

Regia di Icíar Bollaín. Un film Da vedere 2003 con Luis Tosar, Laia Marull, Candela Peña, Rosa María Sardá. Titolo originale: Te doy mis ojos. Genere Drammatico - Spagna, 2003, durata 116 minuti.

Condividi

Aggiungi Ti do i miei occhi tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una notte d'inverno, Pilar fugge di casa, portando via con sé solo poche cose e suo figlio Juan. Antonio si mette subito a cercarla. In Italia al Box Office Ti do i miei occhi ha incassato 75,6 mila euro .

Ti do i miei occhi è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,34
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
News
Cinema
Trailer
Ancora violenza domestica dalla Spagna.

Una notte d'inverno, Pilar fugge di casa, portando via con sé solo poche cose e suo figlio Juan. Antonio si mette subito a cercarla. Dice che Pilar è la sua luce ed oltre a questo, "le ha dato" i suoi occhi...

TI DO I MIEI OCCHI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 20 ottobre 2010
MauryT

Una bella pellicola sulla violenza domestica girata con delicatezza e intelligenza da una regista donna anche per questo con un occhio più attento ai problemi della donna nei diversi ruoli di moglie, amante, madre e soprattutto individuo. La vicenda si svolge in Spagna nella graziosa cittadina di Toledo. Pilar è una buona moglie, fedele, attenta ai propri cari e alla propria [...] Vai alla recensione »

lunedì 22 febbraio 2016
elgatoloco

"Te doj mis ojos"(ti do i miei occhi)è film di rara intelligenza drammaturgica, per come rende la situazione(per nulla solo"ipotetica", anzi, purtroppo)della violenza domestica contro la donna: il marito Antonio minaccia psicologicamente ma anche fisicamente Pilàr, la moglie, avviata verso una carriera brillante, come guida a monumenti e opere d'arte, mentre il [...] Vai alla recensione »

domenica 8 novembre 2009
Fulvia

Contrariamente a quanto immaginassi, non compaiono scene violente o raccapriccianti. Solo un episodio riassume il contesto della povera ed umiliata vita di questa moglie, vittima di un marito, che partecipa a tutte le sedute del suo psicologo, per tenere a bada l'autocontrollo...con risultati mediocri. Un film molto realistico, senza eccessivi colpi di scena,ma tuttavia veritiero e molto credibile. [...] Vai alla recensione »

domenica 18 ottobre 2009
Luviana

Un film molto asciutto ed essenziale nel parlare di un argomento abusato. Ho trovato interessanti i due lunghi inserti: uno è quello del gruppo ( seguito dal marito violento) condotto da uno psicologo sul riconoscere i sentimenti di ira e imparare a controllarli ( metodo che ha preso piede anche in Italia molti anni dopo il 2003) e l'altro è quello in cui la donna/moglie maltrattata, attraverso la [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Lietta Tornabuoni
La Stampa

Quando si parla d’un bel film spagnolo, di solito è diretto da Pedro Almodóvar oppure appartiene ai generi prediletti di quel cinema, il nero che terrorizza, l’horror sanguinolento: Ti do i miei occhi di Iciar Bollain, il più premiato della stagione, è diverso, ma non troppo remoto. In apparenza si tratta di un dramma coniugale, di un esempio della perenne tragedia sociale rappresentata dal mariti [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Il marito è iroso, violento, sospettoso, picchia la moglie ma le vuol bene. La moglie è bella, spaventata, desiderosa di migliorare la propria vita, insensibile ma vuol bene al marito. Il film spagnolo più premiato della stagione, Ti do i miei occhi di Iciar Bollain, è la storia di un matrimonio impossibile, il ritratto di due persone che si amano ma non possono vivere insieme: ed è molto ben fatto, [...] Vai alla recensione »

Fabrizio Corallo
Il Mattino

Esce anche in Italia Ti do i miei occhi, il film di Iciar Bollain che in Spagna ha collezionato record d'incassi e premi Goya (ben 7). Esce col sostegno dell’associazione Emily, interessatissima al tema affrontato dalla pellicola Laia Marull, quello della violenza sulle donne in famiglia. Ambientato a Toledo, il film racconta la storia di Pilar che fugge di casa col figlio Juan, inseguita dal marito [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Viaggio al termine della notte. Col favore delle tenebre una donna prende il figlio bambino, esce piangendo di casa, scappa, va a stare dalla sorella per evitare il marito. Potrebbe essere l’inizio di un brutto docu-drama sulla violenza domestica, uno di quei lavori tutti statistiche che soffocano il problema sotto montagne di razionalità. Invece è l’apertura di un bellissimo film spagnolo che in patria [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Antonio, un marito violento, possessivo, geloso. Pilar, una moglie remissiva e così innamorata (Ti do i miei occhi, gli dice) da accettare anche le peggiori percosse. Un giorno, però, la corda, troppo tirata, si spezza e Pilar si rifugia con il bambino dalla madre. Antonio non è un «mostro», si rende conto della sua indole e si sottomette a una terapia di gruppo, a tal segno convinto di esser riuscito [...] Vai alla recensione »

Simonetta Robiony
La Stampa

Iciar Bollain è minuta coi capelli rossi, piccole mani con anellini e piedi chiusi in stivaletti bassi: sembra una bambolina di quelle che puoi trovare in autogrill. Sorprende, quindi, che questa donna apparentemente fragile sia la regista di un film durissimo: Ti do i miei occhi, l’analisi di una coppia normale, innamorata, borghese dove il marito, però, durante attacchi d’ira, riempie di botte le [...] Vai alla recensione »

Pedro Armocida
Il Giornale

Negli ultimi mesi s’è fatto un gran parlare del miracolo economico che la Spagna sta attraversando. Anche nel mondo dell’arte però le sorprese non mancano. Se prendiamo il cinema, o almeno quello che riesce ad arrivare in Italia, ci accorgiamo come alcuni registi riescano a raccontare sapientemente dei fenomeni sociali che in Italia, per esempio, vengono marginalmente, se non per nulla, toccati.

Aldo Fittante
Film TV

Prendi lngmar Bergman e trasportalo a Toledo, nella piccola provincia madrilena. Scene da un matrimonio, face to face, con un marito irascibile e manesco e una moglie ancora troppo fragile per riuscire a tenere a debita distanza le intermittenze del cuore del focoso compagno. Almeno fino al giorno in cui la classica goccia fuoriesce da un vaso colmo di delusioni e frustrazioni.

Marco Balbi
Ciak

La cinematografia spagnola, nel panorama europeo, è forse quella più sensibile all’universo femminile e ai problemi delle donne, e Ti do i miei occhi non viene meno a questa tradizione. Girato da una donna, Iciar Bollain, regista ma anche attrice (l’abbiamo vista, tra gli altri, in Terra e libertà), il film punta l’attenzione sul problema della violenza fra le mura domestiche e sulle mogli costrette [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Come in un altro film spagnolo uscito il mese scorso - era "Solo mia", con Paz Vega - pure qui c'è un marito che carica di botte la moglie. Ma, parrà strano, lo fa per amore. Malato, accecato dalla gelosia e da una grave insicurezza. Comincia che Pilar lascia Antonio portandosi via il bambino perché non ne può più dei suoi accessi di collera. Continua che mentre lei ha trovato lavoro in un museo, [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati