ISA 9000

Film 2001 | Docu-fiction 41 min.

Anno2001
GenereDocu-fiction
ProduzioneItalia
Durata41 minuti
Regia diAngelo Serio
AttoriIsa Danieli, Lucio Allocca, Gianni d'Ambrosio, Sergio di Paola, Gigi Esposito, Mico Galdieri, Lello Giulivo, Mimmo Liguoro, Rino Marcelli, Manuela Metri, Enzo Moscato Elia Pirollo, Lina Wertmüller.
MYmonetro 3,44 su 1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Angelo Serio. Un film con Isa Danieli, Lucio Allocca, Gianni d'Ambrosio, Sergio di Paola, Gigi Esposito, Mico Galdieri, Lello Giulivo, Mimmo Liguoro, Rino Marcelli, Manuela Metri, Enzo Moscato. Cast completo Genere Docu-fiction - Italia, 2001, durata 41 minuti. - MYmonetro 3,44 su 1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi ISA 9000 tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un'opera sperimentale su "un certo modo di essere donna e attrice" della partenopea Isa Danieli.

Consigliato sì!
3,44/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,69
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
News
Critica
Premi
Cinema
Trailer
Un'anomala docu-fiction che sfugge a ogni definizione di genere.
Recensione di Edoardo Becattini
Recensione di Edoardo Becattini

Se il nome di Isa Danieli è "garanzia di un certo modo di essere donna e attrice" (come afferma il regista del film), allora, dopo di lei, ogni vera donna di teatro non potrà prescindere dal significato del corpo e del talento della Danieli, ma dovrà rispondere a una sorta di "norma ISA 9000". Da questa curiosa premessa prende forma e contenuto ISA 9000, mettendo in scena, con amici ed estimatori dell'attrice, il rapimento della stessa da parte di un gruppo di artisti partenopei, guidati dal produttore teatrale Mico Galdieri con l'intento di clonarla e di sfruttarne illimitatamente le capacità. Una forma e un contenuto talmente frammentari e mutevoli da rendere questo prodotto piuttosto arduo da identificare in maniera nitida, almeno quanto lo è tracciare il confine bioetico del tema che, per certi tratti, prende in considerazione. ISA 9000 sfugge difatti ad ogni tipo di classificazione formale: la sua durata non lo vuole né corto, né lungometraggio, i suoi molteplici universi di discorso (teatro, televisione, interviste simulate, immagini di repertorio) non lo annoverano né fra i documentari, né come tipico film di finzione, e per quanto il suo registro estetico possa chiamare in causa soap opera come Un posto al sole, non da neanche l'aspetto di un approfondimento televisivo sulla vita di un personaggio famoso o tanto meno di una pellicola biografica destinata alla fruizione in sala.
È insomma, nella maniera più semplice e spontanea possibile, un'appassionata dichiarazione d'amore per una vera istituzione del palcoscenico, che del suo andamento rapsodico e delle debolezze di natura estetica riesce a fare un punto di forza. Collocato all'interno di questa anomala prospettiva, e tenendo in considerazione che è stato pensato e realizzato in tempi ancora non sospetti in merito a crossmedialità e contaminazione fra generi finzionali e documentari, ISA 9000 ha il sapore di un home movie casalingo dal quale però traspare una passione contagiosa per il suo soggetto protagonista. La messa in scena semi-amatoriale e la visibile improvvisazione di alcuni momenti coinvolgono in un'atmosfera di disarmante naturalezza, fanno emergere in primo piano tutto il calore e la devozione profusi nei confronti di questa importante personalità della commedia, della sceneggiata e dell'avanspettacolo del nostro paese, lasciando sullo sfondo il carattere invariabilmente un po' approssimativo e semplicistico della messa in scena. E perfino una conclusione onirica, vagamente ispirata alla sarabanda del finale di 8 ½, riesce ad evitare con candore e semplicità la trappola della magniloquenza o della sterile autocelebrazione.

Sei d'accordo con Edoardo Becattini?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Scritto con Rosario Gallone (fotografia: Fabio Testa, Luigi Senatore; musiche: Luigi Stazio), è un documentario sulla nota attrice napoletana Isa Danieli, contaminato con una trovata di fiction, pretesto per far parlare la protagonista di sé stessa e del suo passato: un gruppo di allegri cialtroni la sequestra per farla clonare. Morale (facile): come e più di qualsiasi altro essere umano, la Danieli è inclonabile, irripetibile, irriproducibile. Napoletana verace e vivace, Isa ricorda - ora commossa, ora divertita - alcune delle sue interpretazioni più importanti da Luparella di Annibale Ruccello a Filumena Marturano di Eduardo (di cui recitò anche Bene Mio e core mio ), da La gatta cenerentola di Roberto De Simone ad Amore e magia nella cucina di mamma di Lina Wertmüller. Rievoca l'incontro con Totò quando aveva 17 anni e quello che chiama il coito interrotto con Strehler ( L'anima buona di Sezuan , di B. Brecht), l'esperienza dell'avanspettacolo con N. Manfredi, il suo primo amore con un uomo sposato di 17 anni più vecchio di lei e l'ultimo con un giovanotto che ne aveva 21 di meno. Ne esce il ritratto a sbalzo di un'attrice antica e, insieme, moderna, di una donna irrequieta e volitiva in cui l'istinto è controllato dall'intelligenza e dallo studio e la tenerezza si colora di una dura malinconia, ma subordinata dall'amore per la vita e per il teatro.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
RECENSIONI MYMOVIES
PUBBLICO
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati