Sotto la sabbia

Film 2000 | Psicologico 95 min.

Titolo originaleSous la sable
Anno2000
GenerePsicologico
ProduzioneFrancia
Durata95 minuti
Regia diFrançois Ozon
AttoriCharlotte Rampling, Bruno Cremer, Alexandra Stewart, Jacques Nolot .
MYmonetro 2,40 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di François Ozon. Un film con Charlotte Rampling, Bruno Cremer, Alexandra Stewart, Jacques Nolot. Titolo originale: Sous la sable. Genere Psicologico - Francia, 2000, durata 95 minuti. - MYmonetro 2,40 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Sotto la sabbia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento mercoledì 22 settembre 2010

Una donna sposata che conduce una vita agiata e ha un lavoro di lettrice all'università si trova di fronte a una realtà che la sconcerta. Il marito da... Al Box Office Usa Sotto la sabbia ha incassato 1,2 milioni di dollari .

Consigliato nì!
2,40/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA
PUBBLICO 2,79
CONSIGLIATO NÌ
Se non ci fosse la Rampling....
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Una donna sposata che conduce una vita agiata e ha un lavoro di lettrice all'università si trova di fronte a una realtà che la sconcerta. Il marito da lei tanto amato scompare in mare e il suo corpo non viene ritrovato. Da quel momento la donna nasconde, come suggerisce il titolo, la testa sotto la sabbia. Non accetta la perdita e si comporta come se il coniuge fosse lì con lei. Ciò che più l'ha turbata è l'incertezza sulla effettiva morte (che lo spettatore può ritenere anche inscenata per scomparire). Film tipicamente 'alla francese' con tutti i pregi e difetti della definizione. Cioè una grande attrice come Charlotte Rampling finalmente non più gelida e contorta ma fragile di fronte alla propria incapacità di vivere. Ma anche con una sceneggiatura troppo 'precisa' per coinvolgere anche cerebralmente e con tante, troppe parole. Cosa che solo Rohmer e pochi altri si possono permettere. Una curiosità: Ozon ha scritto e girato i primi 20 minuti poi si è fermato e ha realizzato il resto sei mesi dopo.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Sposati senza figli da venticinque anni, Marie e Jean in vacanza vanno a fare un bagno in mare su una spiaggia semideserta. Lei s'addormenta, lui scompare senza lasciare tracce. Marie non crede alla sua morte, rifiuta il lutto, torna a Parigi e riprende la vita di sempre all'ombra di un'ombra. Al 4° film il giovane F. Ozon racconta - spingendosi ai limiti del visibile filmico - quello che in psichiatria si definirebbe un caso di nevrosi delirante come il percorso di una donna traumatizzata che, nell'assenza del corpo amato, non può e non vuole accettarne la morte. Scritto con finezza dal regista con Emmanuèle Bernheim, è il frutto intelligente di un cinema non autoritario che lascia libero lo spettatore di porsi domande e di dare le risposte che preferisce. Desiderabile cinquantenne, C. Rampling è infallibile e porta con leggerezza il peso di quasi tutto il film.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 14 ottobre 2010
weachilluminati

Ozon  è giovane regista “talentuoso”, intelligente , ironico , curioso, , grottesco, dissacratore , libero, esistenziale, volubile ,attento..  Troppo aggettivi per lui? E’” materia complessa” che merita la scena internazionale a pieno titolo . Ma la morte separa veramente ? Sembrerebbe dire il regista : probabilmente no ,ma vediamo.

lunedì 22 ottobre 2012
paride86

Il tema di "Sotto la sabbia" è la (non) elaborazione del lutto. Marie, interpretata da una bella e brava Charlotte Rampling, deve fare i conti con la scomparsa del marito ma, invece di affrontare la cosa, preferisce mettere la testa sotto la sabbia - appunto. Si tratta di un film lento e doloroso, con una messa in scena molto spoglia rispetto a precedenti lavori di Ozon.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Lietta Tornabuoni
La Stampa

Uno scarto, un'anomalia, un imprevisto, un'alterazione: ed esistenze calme, consuete, subiscono un mutamento radicale, le persone si scoprono differenti mentre sentimenti mai provati s'insinuano e diventano dominanti. Per caso escono contemporaneamente due film francesi ispirati a questo stesso concetto, somiglianti anche per altri versi: tutt'e due si svolgono nel tempo di tregua dell'estate, durante [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

La riscossa delle over-quaranta è cominciata? Se ne ha la netta sensazione, soprattutto osservando il cinema d'oltralpe: dove Catherine Deneuve e Isabelle Huppert, Charlotte Rampling e la veterana Jeanne Moreau, Sabine Azéma e Sylvie Vartan conquistano di nuovo parti da protagoniste e non solo secondi ruoli di mamma come capita, da noi, a Stefania Sandrelli o a Ornella Muti.

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Ricominciare? A questa domanda, implicita, deve rispondere Marie (Charlotte Rampling). Una mattina d’estate, nella luce chiara d’una spiaggia atlantica, la sua vita si interrompe. Era addormentata sotto il sole, cullata dal rumore quieto delle onde e da rade grida di giochi lontani, e ora guarda l’oceano. Ancora non sa che, per sempre, questo istante segnerà per lei il confine tra l’antica serenità [...] Vai alla recensione »

Piera Detassis
Ciak

La prima sequenza ci presenta lo scordo di una serena e agiata solidarietà coniugale che dura saldamente da ormai venticinque anni. Impegnati a riaprire la casa al mare, Jean (Bruno Cremer) e la moglie Marie (Charlotte Rampling) si sfiorano con i gesti della consuetudine e dell'affetto. Poi si avviano - è mattino - alla spiaggia. Silenzio, brevi rumori d'onde che battono, grida soffocate del bimbo: [...] Vai alla recensione »

Silvio Danese
Quotidiano.net

Come Moretti, meglio di Moretti. La sparizione del marito (annegato? fuggito?) lascia in una donna la traccia della presenza come segno indelebile, fisico e mentale, nello spazio e nel tempo. Abilissimo nel suggerire che la nevrosi delirante di questa moglie abbandonata è uno stratagemma psicologico per raccontare l'inossidabile unione interiore con l'altro, quando " due è come uno", il francese Ozon [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Una calma giornata di sole, di fronte al mare. Marie (Charlotte Rampling) e Jean (Bruno Cremer) sono al primo giorno di vacanza, su una spiaggia della costa atlantica francese. Sotto la sabbia, di François Ozon, ci immerge all’interno di una tranquilla normalità ma, attenzione, è solo una trappola: il dolore, inspiegabile e incomprensibile, è in agguato.

Aldo Fittante
Film TV

Venticinque anni di matrimonio, coppia borghese, sguardi intensi, poche parole (ormai). Una vacanza nelle Lande, la spartana casa di campagna, che non ha bisogno di niente, se non delle loro, silenziosissime, presenze. Poi, sulla spiaggia, l'imponderabile: lui sparisce, forse inghiottito dal mare, forse svanito in un cercato anonimato, forse suicida come Bruce Dern nel finale diTornando a casa.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati