Totò che visse due volte

Film 1998 | Drammatico 92 min.

Anno1998
GenereDrammatico
ProduzioneItalia
Durata92 minuti
Regia diDaniele Ciprì, Franco Maresco
AttoriPierrots, Marcello Miranda, Salvatore Gattuso, Carlo Giordano, Francesco Tirone .
TagDa vedere 1998
MYmonetro Valutazione: 0,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Regia di Daniele Ciprì, Franco Maresco. Un film Da vedere 1998 con Pierrots, Marcello Miranda, Salvatore Gattuso, Carlo Giordano, Francesco Tirone. Genere Drammatico - Italia, 1998, durata 92 minuti. Valutazione: 0,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi Totò che visse due volte tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

La solita Palermo dove il degrado ha consumato tutto. La tesi dei due registi è che tutto è distrutto e le uniche pulsioni sono il sesso (schifoso, imbrattato), e lo schifo generale. In Italia al Box Office Totò che visse due volte ha incassato 78,9 mila euro .

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,71
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
Premi
Cinema
Trailer

La solita Palermo dove il degrado ha consumato tutto. La tesi dei due registi è che tutto è distrutto e le uniche pulsioni sono il sesso (schifoso, imbrattato), e lo schifo generale. La rappresentazione vuole essere estrema, il filo è quello del precedente Zio di Brooklyn. Continuiamo a pensare che non sia difficile la pratica dello shock con le immagini, basta deciderlo. Nello Zio c'era qualche momento di forza espressiva, qui c'è solo presunzione e l'arroganza di un'attitudine che non c'è. I "due" hanno lanciato strali contro Venezia, che non aveva apprezzato il loro capolavoro. Inutile dire che il pubblico... la pensa come Venezia. Ma la tragedia più grande è che "la coppia" troverà i finanziamenti per altri film come questo.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Diviso in 3 episodi, abitati da poveri cristi sullo sfondo di una Palermo e di una Sicilia rappresentate, come nel precedente Lo zio di Brooklyn , come la scena livida e allucinata del laido e del mostruoso. Fa da collante "il tema unitario della morte di Dio per un'umanità che ha smarrito i valori fondamentali" (Ciprì e Maresco). Con programmi esplicitamente blasfemi nel loro nichilismo disperato, toccano temi sacri il 1° e specialmente il 3° episodio in cui si narra, in modi grottescamente distorti, la storia di Lazzaro secondo il rito mafioso dello scioglimento nell'acido e quello della crocifissione. Film monocromo, monocorde, monotono che non sfugge al sospetto di un ossessivo maledettismo estetizzante: un'opera impietosa anche verso la stessa umanità che racconta. Ultimo film sequestrato dalla censura ufficiale in Italia. Dissequestrato poi in appello.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 27 dicembre 2010
salvonastasi

Recensire questo monumento della cinematografia moderna, italiana ed europea richiede ingegni e sensibilità ben più alti delle mie. Tuttavia, la tragedia sessuale dell'uomo moderno, bestia abbandonata ai propri impulsi, nella solitudine, nella povertà, nell'abbandono estremo del meridione più profondo è la cosa che da subito ci sbatte in faccia questo film.

sabato 19 novembre 2011
Paolo Pacitti

Diceva Marco Ferreri, il regista più anarchico del cinema italiano, che per combinare qualcosa bisogna riportare l'uomo allo stato brado, al livello animale (lo pensava anche Dino Risi): Ciprì e Maresco sono i registi che sono andati più all'estremo nella loro polemica contro una società non soltanto siciliana per la quale nutrono un dichiarato profondo disprezzo. [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 agosto 2011
'Mox'

I film di Ciprì e Maresco sono in bianco e nero, e così pure i giudizi su di essi: o li ami o ti disgustano, bianco o nero. Difficile trovare una via di mezzo. Totò che visse due volte è composto da tre episodi: il primo racconta l'esistenza miserabile di Paletta, segnata dalle persecuzioni dei compaesani e dalla frustrazione sessuale; il secondo la storia d'amore [...] Vai alla recensione »

sabato 18 agosto 2012
Ctizen K

Film con un significato immenso, Ciprì e Maresco riescono ancora una volta a mettere in discussione il malcostume italiano utilizzando scene e tecniche puramente "pasoliniane". Un esempio di cinema grottesco, cattivo, struggente e cinico dove la classe dei due registi si vede e fa la differenza con tutto il cinema comico moderno fatto solo di volgarità senza un determinato scopo. [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Lietta Tornabuoni
La Stampa

Nei suoi primi tre giorni di programmazione, in diciannove piccoli cinema nelle diverse città italiane, Totò che visse due volte di Daniele Ciprì e Franco Maresco ha avuto appena 6422 spettatori, ha incassato appena 68 milioni. Poco, molto poco. Fantastico: il film simboleggia dunque ben due mutamenti nel costume italiano. Da una parte ha accelerato nel Paese la fine della censura per gli adulti: il [...] Vai alla recensione »

PUBBLICO
RASSEGNA STAMPA
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati