La canzone di Carla

Film 1996 | Drammatico +16 127 min.

Titolo originaleCarla's Song
Anno1996
GenereDrammatico
ProduzioneGran Bretagna
Durata127 minuti
Regia diKen Loach
AttoriScott Glenn, Robert Carlyle, Oyanka Cabezas, Gary Lewis .
DistribuzioneBim Distribuzione
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 3,38 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Ken Loach. Un film con Scott Glenn, Robert Carlyle, Oyanka Cabezas, Gary Lewis. Titolo originale: Carla's Song. Genere Drammatico - Gran Bretagna, 1996, durata 127 minuti. distribuito da Bim Distribuzione. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,38 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La canzone di Carla tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il film è stato premiato al Festival di Venezia,

Consigliato sì!
3,38/5
MYMOVIES 2,38
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,13
CONSIGLIATO SÌ
Il racconto di una realtà che reclama il ritorno alle radici di una lotta di popolo che si alimenta grazie alle singole esistenze.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Glasgow 1987. George Lennox, autista d'autobus di linea, incontra Carla, una profuga nicaraguense, e se ne innamora. Progressivamente viene a conoscenza del suo doloroso passato in seguito a un tentativo di suicidio. Carla, sandinista, è stata torturata dai Contras e il suo compagno Carlos orrendamente mutilato. George decide di aiutarla a tornare in patria e la segue.
Ken Loach e Paul Laverty invertono il punto di osservazione rispetto al precedente Terra e libertà. Là il protagonista partiva dall'Inghilterra per seguire un ideale politico e in Spagna trovava l'amore e lo sconforto rispetto a quelli che considerava compagni. Qui George molla tutto per amore di Carla (della realtà socio-politica del Nicaragua non sa praticamente nulla) e solo una volta giunto in loco con lei comprende la complessità della situazione compiendo poi una difficile scelta finale. Perché Loach, al contrario di quanto molti suoi detrattori ritengono, non è un ideologo a cui interessa solo sostenere una tesi politica. Ciò che più gli importa è leggere le vite di uomini e donne che si confrontano con la Storia e fa ciò senza pretendere che lo spettatore ne sappia più del protagonista. Spetta infatti alla sorella di George, Eileen, informarlo e informarci.
Quando Lennox giunge in Nicaragua scopre un popolo sofferente ma che non ha piegato il capo dinanzi ai Contras finanziati dagli americani. Spetta a un intenso Scott Glenn rivelare all'attonito scozzese la strategia della CIA che addestra le forze paramilitari affinandone le pratiche più crudeli. All' 'autista pazzo' e alla 'ballerina matta' non resta che prendere atto di una realtà che reclama il ritorno alle radici di una lotta che è di popolo ma, proprio perché tale, si alimenta grazie alle singole esistenze, ognuna delle quali deve dare una risposta individuale. Talvolta una canzone può indicare la giusta via.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?

Glasgow 1987. George, conducente d'autobus bizzarro (e un po' cretino) incontra Carla, profuga politica nicaraguense. Si innamora di lei e molla tutto per riportarla a casa, dove c'è guerriglia fra i ribelli e i "contras". La ragazza cerca il suo ex compagno Antonio, che ritroverà alla fine, ormai larva umana. George se ne torna in Scozia. Film sbagliato, che sembra scappato dagli anni Settanta. Peccato per Loach, dopo il magnifico Terra e libertà. La parte girata in Nicaragua è didascalica, forzata e priva di poesia. La dialettica dei partigiani antifranchisti in Terra e libertà diventava vera e commovente forse per la prospettiva storica, lontana. La realtà nicaraguense di qualche anno fa è un fatto di attualità, pertinenza di media più attrezzati del cinema in quel senso. Non aiuta la scarsa simpatia del personaggio interpretato da Carlile, attore inutilmente espressivo. Ribadiamo: peccato.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Situata nel 1987, è una dolente e tormentata storia d'amore tra un conducente d'autobus scozzese e una rifugiata nicaraguense, divisa in 2 parti: Glasgow, il nord del Nicaragua. La prima parte è la più risolta; nella seconda prevalgono gli intenti di propaganda politica, l'indignazione morale, la carica di denuncia critica contro il governo USA e la CIA per la sporca guerra dei Contras nel Nicaragua sandinista. Scritto con l'avvocato Paul Laverty.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO

LA CANZONE DI CARLA disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 27 luglio 2010
nick castle

Pellicola interessante questa. Ken Loach questa volta lascia (e non del tutto) la crisi economica, per concentrarsi su altri temi, come appunto le guerre del centro america. Per non dire la trama, arrivo subito al nocciolo, le denuncie maggiori sono sempre agli stati uniti, principali colpevoli di queste guerre, forse un po' per dimostrare di poter ancora far cadere un paese, a differenza di [...] Vai alla recensione »

sabato 21 giugno 2014
enzo70

Film di denuncia alla Ken Loach, pochi dubbi, i buoni da una parte, i cattivi dall’altra. Robert Carlyle, perfetto per il ruolo, interpreta il ruolo di un autista di autobus di Glasgow, carattere difficile, insubordinato, contro il sistema e dalla parte dei poveri. Incontra una donna nicaraguense, povera tra i poveri, e si innamora, la cerca disperatamente.

mercoledì 12 settembre 2012
Clavius

Inverosimile storia d'amore che diventa preteso per dipingere un mero affresco politico antiamericano. Le vicende in Nicaragua che fanno da sfondo alla seconda parte sono addirittura irritanti per mancanza di parzialità, forzature e assenza della benchè minima onestà intellettuale. Buono per chi si accontenta di leggere la storia solo in chiave ideologica.

Frasi
George: "E allora,cosa facevi?"
Bradley: "CIA Tegucigalapa, dall'81 all'84. Honduras.E tu?"
Geo0rge: "Autista d'autobus. A due piani. Numero 72, a Glasgow!"
Dialogo tra Bradley (Scott Glenn) - George (Robert Carlyle)
dal film La canzone di Carla - a cura di Valy Ruggiero
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Sgradevole, duro, sarcastico, arrabbiato, dichiaratamente di parte: così è il miglior cinema di Ken Loach. Il suo realismo non è e non pretende d’essere una (impossibile) ripetizione del mondo. Al contrario, è uno sguardo sul mondo: uno sguardo politico ed etico, ideologico ed esistenziale, ma anche e soprattutto uno sguardo poetico. Lo si può condividere o lo si può rifiutare.

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Delusione, sorpresa: l'amato Ken Loach non arriva a ricreare le emozioni di Terra e libertà sulla guerra di Spagna nei Trenta raccontando in Carla’s Song (La canzone di Carla) la guerra dei contras contro il governo sandinista nel Nicaragua del 1987; e Jacques Doillon lascia stupefatti con Ponette, sensibile, intelligente, semplice, bello. Ponette è una bambina di quattro anni che ha perduto la madre [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Qualcuno si ricorda ancora del Nicaragua? Il piccolo Paese dell’America Centrale è scomparso dall’orizzonte della nostra attenzione, quasi con la stessa velocità con cui vi era entrato. I sostenitori di Somoza e i sandinisti, la clamorosa contestazione durante la visita di Giovanni Paolo il, alcuni sacerdoti ministri in un governo di ispirazione marxista, la guerriglia dei “contras”.

winner
medaglia d'oro del presidente del senato
Festival di Venezia
1996
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati