The Baby of Mâcon

Film 1993 | Drammatico 112 min.

Anno1993
GenereDrammatico
ProduzioneGran Bretagna
Durata112 minuti
Regia diPeter Greenaway
AttoriRalph Fiennes, Julia Ormond, Philip Stone, Don Henderson .
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Peter Greenaway. Un film con Ralph Fiennes, Julia Ormond, Philip Stone, Don Henderson. Genere Drammatico - Gran Bretagna, 1993, durata 112 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi The Baby of Mâcon tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Siamo nel 1650. Una donna avanti negli anni partorisce un bambino. Le donne incapaci di procreare allora vogliono poterlo taccare.

The Baby of Mâcon è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,75
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,00
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
News
Premi
Cinema
Trailer
Un film scritto e diretto sulla base di una duplice suggestione pubblicitaria.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Siamo nel 1650 e la cattedrale di Macon è testimone di un irreversibile decadimento. Una donna avanti negli anni partorisce un bambino. Le donne incapaci di procreare allora vogliono poterlo toccare. La figlia diciottenne dell'"anziana" finge di essere la vera madre e di essere anche vergine. Distrugge la propria famiglia. La Chiesa a sua volta sfrutta il bambino vendendo tutte le sue secrezioni. Allora la ragazza prende una decisione drastica che le costerà non poco.
E' un Greenaway uguale a se stesso e al contempo diverso quello che scrive e dirige questo film sulla base di una duplice suggestione non pittorica, come spesso gli è accaduto, ma pubblicitaria. Afferma infatti che l'idea gli è nata da un manifesto molto noto che aveva come soggetto un bambino e da una copertina del settimanale ELLE in cui compariva una top model che non aveva l'età per poter essere la madre del bambino dagli occhi blu che stringeva al suo abbondante petto. Entrambe le foto erano di Oliviero Toscani. Uguale a se stesso, si diceva, perché il gusto della provocazione continua a tenere banco nel suo cinema e qui viene portato all'eccesso quasi ci si andasse a cercare l'accusa di blasfemia con gli insistiti parallelismi con le Sacre Scritture. Greenaway però presenta anche un suo volto nuovo. Lo conosciamo come un autore che (escludendo dal novero I misteri dei giardini di Compton House) ha costantemente perseguito l'estetica della sovrabbondanza di suoni/rumori/forzature cromatiche. Nelle orge di decadenza e di barocchismi esasperati che costituivano l'ossatura di molti suoi film la cosiddetta trama veniva frammentata giungendo talvolta quasi a vanificarsi. In questo caso invece la 'storia' si rivela come un elemento importante che lo spettatore è invitato a seguire. Accade così che il tema dello sfruttamento degli innocenti diventi il cardine di una vicenda in cui teatro e spettatori (quelli sullo schermo e quelli davanti ad esso) vengono coinvolti in giudizio che, alla fine, potrebbe anche essere rimesso in discussione. Perché l'oggettività per questo Greenaway non esiste.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Recensione di Tiziano Sossi

Questa volta Greenaway ha forse teso come non mai il filo della pazienza dello spettatore. Duro, cinico, blasfemo e statico, il film è una prova imbarazzante per chi scrive. Col tempo può darsi che si potrà stabilirne l'esatto valore. L'ispirazione comunque pare sia nata dalla Controriforma cattolica e da due foto di Toscani per la casa Benetton, che mercificherebbero l'infanzia. Siamo nel 1650 e la cattedrale di Macon è testimone di un irreversibile decadimento. Una donna avanti negli anni partorisce un bambino. Le donne incapaci di procreare allora vogliono poterlo taccare. La figlia diciottenne dell'"anziana" finge di essere la vera madre e di essere anche vergine. Distrugge la propria famiglia. La Chiesa a sua volta sfrutta il bambino vendendo tutte le sue secrezioni. Allora la ragazza uccide il bimbo soffocandolo. Per legge una vergine non può essere condannata a morte. Il vescovo dunque acconsente che venga stuprata da un centinaio di soldati. La storia è scandita in atti teatrali con pubblico che assiste alla rappresentazione, cosa non troppo originale. L'ultimo esempio del genere è L'ultima Salomè di Ken Russell, regista al quale Greenaway deve molto figurativamente.

Sei d'accordo con Tiziano Sossi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Nel 1659 uno spettacolo teatrale rievoca quel che è accaduto a Mâcon, vicino a Lione: un'anziana donna partorisce un bambino che la sorella, vergine 18enne, dichiara suo, facendone un oggetto di culto redditizio. Poi lo uccide. Viene violentata a morte da 208 soldati. Il cadaverino del bambino è fatto a pezzi dalla folla. Gli attori ringraziano, il pubblico applaude. Definito una messa nera lunga 2 ore, è il film più blasfemo, violento e provocatorio di Greenaway che contamina il masque barocco con le moderne esperienze teatrali di A. Artaud e P. Brook. Per la 1ª volta Greenaway mette il suo cinema baroccheggiante e grandguignolesco al servizio di una tesi, una denuncia contro ogni forma di sfruttamento e di finzione dove i principali bersagli sono la Chiesa della Controriforma e la Famiglia. Il forte impianto teatrale soffoca il suo gusto per la manipolazione elettronica dell'immagine.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
THE BABY OF MÂCON
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
TheFilmClub
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 6 novembre 2010
paride86

Straordinario Peter Greenaway: nessuno come lui sa costruire un film in questo modo. Piani-sequenza eccezionali, costumi e scenografie che sembrano uscire da quadri di grandi autori, regia originale e inventiva. Eppure, nonostante questo, forse gli è un po' scappata la mano con "The Baby of Macon". Nella polemica - azzeccata - contro la Chiesa della Controriforma e la mercificazione [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Lietta Tornabuoni
La Stampa

La sfida di Peter Greenaway, 51 anni, gallese, anche scrittore e pittore, debuttante nel cinema con I misteri del giardino di Compton House (1982), autore dello straordinario Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante (1989), è davvero temeraria. Più il cinema tende alla semplificazione naturalistica o fiabesca per avvicinarsi a un pubblico incolto, più i suoi film diventano elitari ed esigenti, fitti [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati