Il monello

Film 1921 | Comico Film per tutti 83 min.

Titolo originaleThe Kid
Anno1921
GenereComico
ProduzioneUSA
Durata83 minuti
Regia diCharles Chaplin
AttoriCharles Chaplin, Jackie Coogan, Carl Miller, Edna Purviance, Tom Wilson (III) Albert Austin, Granville Redmond, Lillita McMurray, Henry Bergman, Raymond Lee (II), Nellie Bly Baker, Jack Coogan Sr., Dan Dillin, Walter Lynch, Elsie Sindora, Flora Howard, Rupert Franklin, Kitty Bradbury, Robert Dunbar, Beulah Bains, Edgar Sherrod, John McKinnon, Frank Campeau, Silas D. Wilcox, Jules Hanft, Edith Wilson, Charles Francis Riesner, May White, Monta Bell.
TagDa vedere 1921
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro 4,56 su 25 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Charles Chaplin. Un film Da vedere 1921 con Charles Chaplin, Jackie Coogan, Carl Miller, Edna Purviance, Tom Wilson (III). Cast completo Titolo originale: The Kid. Genere Comico - USA, 1921, durata 83 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 4,56 su 25 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il monello tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una giovane sedotta e abbandonata affida il figlioletto alla pietà altrui. Lo raccoglie Charlot, il vagabondo dal gran cuore che, fra mille sacrifici e astuzie, riesce ad allevare il bambino sottraendolo all'orfanotrofio.

Consigliato assolutamente sì!
4,56/5
MYMOVIES 4,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,71
ASSOLUTAMENTE SÌ
Il film eterno di Charlie Chaplin.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Una giovane donna sedotta e abbandonata si ritrova con un neonato che non sa come poter allevare. Lo lascia allora in un'auto lussuosa sperando che il proprietario gli faccia avere una vita migliore di quella che lei potrebbe offrirgli. Due ladri però rubano l'auto abbandonando il bambino in un quartiere degradato. Il vagabondo lo trova e cerca, senza successo, di liberarsene. Finirà con l'occuparsi di lui facendone il suo 'assistente' e lottando per riaverlo quando i servizi sociali cercheranno di sottrarglielo.
Chaplin apre il film con una didascalia in cui mostra la consapevolezza dei mezzi che metterà in campo: "Un film che farà ridere e forse anche piangere". È quanto accadde all'epoca e può ancora ripetersi oggi. C'è chi ha accusato questa sua opera di retorica a causa dei primi minuti in cui si presenta la condizione della madre nubile e la si paragona a una via crucis. Valutare in questi termini la premessa all'apparizione di Chaplin stesso (che avviene più avanti) significa applicare considerazioni dell'oggi a una realtà che la morale borghese dell'epoca vedeva precisamente in quei termini: come una colpa della donna 'perduta'.
L'entrata in scena del Tramp con la descrizione della sua pretesa differenza rispetto alla miseria che lo circonda (e che di certo non lo risparmia) è utile ad evidenziare un tratto caratteristico del personaggio che Chaplin non ha alcuna intenzione di occultare. Il Vagabondo non è fondamentalmente 'buono'. I tentativi che mette in atto per disfarsi del neonato, trovato del tutto casualmente, non lo inseriscono nella categoria dei benefattori. Lo diverrà in seguito affezionandosi al bambino (uno straordinario Jackie Coogan sulla cui presenza sul set fiorì una brillante aneddotica) che diverrà suo complice nell'infrangere vetri che lui poi proporrà di sostituire. La scena in cui gli viene portato via è ad alto tasso di drammaticità ed evidenzia le doti interpretative di entrambi i protagonisti.
Chaplin non si limita però a far ridere e piangere il suo pubblico ma continua a proporre una sua indagine severa della società. Non è solo la condizione abitativa dei due contrapposta a quella del mondo dei ricchi a segnalarcelo ma anche, in modo ancor più severo, la sequenza del dormitorio pubblico che è purtroppo più che mai attuale.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Francesco Rufo
venerdì 10 luglio 2009

Il monello, il primo lungometraggio di Chaplin, è un film dall’impronta autobiografica: il personaggio del monello rappresenta il piccolo Chaplin, che fu ospite per due anni di un orfanotrofio, mentre la madre era chiusa in una casa di cura; la soffitta del film è identica a quella di Pownall Terrace dove Chaplin conobbe la stessa miseria del monello. Fino a questo film, Chaplin aveva nascosto l’amarezza sotto la fantasia e l’assurdo dello slapstick, delle comiche: con Il monello, Chaplin non abbandona il comico puro, ma dà inizio all’evoluzione che lo porterà a toccare la tragicità. Il monello non è un film comico in cui si nasconda l’elemento drammatico, bensì un dramma con momenti e deviazioni comiche, farsesche, burlesche, e con aperture surreali, oniriche, liriche. È un film in cui emergono la verità umana di gesti e atti, la filosofia della miseria, e i toni sentimentali, commoventi, patetici del melodramma vittoriano, alla Dickens, che si impone soprattutto nell’incipit e nel finale. L’impianto accorato e umanistico si schiude a riflessioni su temi universali come l’aleatoria imprevedibilità del fato, e come la lotta tra bene e male, tra le ragioni del cuore e le imposizioni e repressioni della violenza e del potere. Il polo positivo della solidarietà, della pietà, dell’amore, della libertà, si oppone al polo negativo del potere, dell’autorità, delle regole istituzionali, della falsa carità (la polizia, l’orfanotrofio, le dame di carità). Le istituzioni (anche quella assistenziale) soffocano, opprimono, mentre il vagabondo libera nel monello l’energia, la pulsione alla libertà insite nell’infanzia. Tra i due si crea un legame elettivo, più forte del legame naturale del sangue, che arriva a renderli due figure tra loro complementari e speculari.

Sei d'accordo con Francesco Rufo?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 10 dicembre 2010
Reservoir Dogs

Un vetraio trova per caso un piccolo in fasce abbandonato, decide di accudirlo e crescendo il bambino lo "aiuterà" nella sua professione: mentre l'uomo ripara i vetri rotti, il piccolo li rompe. Ma il dottore che visita il piccolo ammalatosi di "poche cure e attenzioni" chiama l'orfanotrofio per affidarlo in mani "migliori", il padre adottivo farà [...] Vai alla recensione »

domenica 12 settembre 2010
il cinefilo

TRAMA:Una donna abbandona disperata il suo neonato che,per una catena di eventi,finisce per essere accudito dal vagabondo Charlot...COMMENTO:Charles Chaplin(regista,sceneggiatore,attore,produttore e ideatore del tema musicale)si trova alle prese,con questo film,con il suo primo lungometraggio(che si è rivelato un successo enorme ed è un mito ancora oggi).

martedì 1 novembre 2011
Andrea Levorato

Il monello ***** Produzione: USA 1921 Genere: Commedia, Drammatico Attori principali: Charles Chaplin, Jackie Coogan Regia: Charles Chaplin Trama: In preda al panico una donna abbandona il suo neonato (Coogan). Charlot (Chaplin), un vagabondo, lo prende con sé e lo cresce, ma dopo 5 anni la madre lo rivuole indietro. Mini recensione: È il primo lungometraggio di Chaplin.

mercoledì 24 settembre 2014
Great Steven

IL MONELLO (USA, 1921) diretto da CHARLES S. CHAPLIN. Interpretato da CHARLES S. CHAPLIN – JACKIE COOGAN – EDNA PURVIANCE – HENRY BERGMAN – TOM WILSON – LILLITA MACMURRAY – MAY WITHE – RAYMOND LEE – CHARLES RIESNER – JULES HANFT – JACK COOGAN SR. – FRANCK CAMPBEAU § Una giovane abbandonata, vittima di un perfido seduttore, affida [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 ottobre 2009
G. Romagna

Una piccola perla che fa ridere, piangere e riflettere, in un rapido turbinio di emozioni, tanto novant'anni fa quanto oggi. Charlot e il piccolo abbandonato divengono il simbolo dal cuore grande di un'intera classe sociale, quella degli ultimi, e delle disparità sociali nei confronti dei detentori del potere. Fortunatamente, nel continuo alternarsi degli stati d'animo con cui si segue l'evolversi [...] Vai alla recensione »

domenica 9 agosto 2009
Tony71

Malinconico, commovente, straordinario esordio di Chaplin nel lungometraggio.Impressionante l'interpretazione del piccolo Coogan. I momenti esilaranti sono tantissimi, ogni scena del film offre motivo per ridere, ma anche per commuoversi. Srabiliante la parte del sogno, con invenzioni che possono sembrare dozzinali, ma si rivelano efficaci. Ottimo.

martedì 21 giugno 2011
Lalli

bellissimo, da vedere e consigliarlo a tutti

mercoledì 13 ottobre 2010
greta jackson

grande Chaplin,grande film!Il primo film autobiografico e il primo lungometraggio di Chaplin;qui raggiunge l'apice dell'emozione quando gli assistenti sociali vogliono portargli via il bambino e Charlot sale per i tetti del paese per riprenderlo,è,una scena forte,con una musica indimenticabile che fa venire la pelle d'oca,musica composta da Chaplin!!é un film del 1921,ma ancora [...] Vai alla recensione »

giovedì 6 maggio 2010
Luca Scialo

In una Londra divisa tra ricchi e poveri, una giovane madre sola dalla disperazione abbandona il suo neonato, e vive nel rimorso anche quando arriverà per lei il successo e diventerà ricca. Un povero vetraio trova il fagotto abbandonato e decide, nonostante il proprio stato di povertà, di allevarlo. Quando poi il neonato diventa un pò più grande, si fa aiutare dal [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 luglio 2014
toty bottalla

Il monello di chaplin è un'opera eterna dal valore artistico inestimabile, ogni altra valutazione colorata di gratitudine e ammirazione risulterebbe superflua, a completare la meraviglia: la colonna musicale dello stesso chaplin, struggente e incantevole, un film che in un prossimo futuro ancora lontano sarà visto e goduto come noi abbiamo fatto, al di là del tempo e dei tempi! [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 agosto 2013
laurel martin

Capolavoro di Chaplin..in questo film rivive la sua infanzia infelice e solitaria,un film commovente e divertente

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Mario Gromo
La Stampa

Manca lo spazio, purtroppo, per adeguatamente parlare di questa straordinaria serata retrospettiva che ci ha tra l'altro offerto il primo «lungometraggio» osato da Chaplin. Il monello è del 1920; ed è ancora oggi tutto piacevole e vivo. Chaplin era ormai sicuro del suo «vagabondo», l'unica autentica maschera dei tempi nostri; stava per uscire dai limiti, per lui ormai angusti, di quei brevi film che [...] Vai alla recensione »

Gian Piero dell'Acqua

Una donna ha avuto un figlio dall’amante, che l’ha lasciata. Deposita il bambino in fasce in un’automobile signorile, che però viene rubata. I ladri lasciano il piccolo in una strada di periferia, dove lo trova Charlot. Inutili i tentativi di affidano a qualcun altro, Charlot lo tiene con sè e lo fa crescere. Grandicello, il bimbo aiuta Charlot, che fa il vetraio, a lavorare: con la fonda, rompe i [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati