L'Armée Du Crime

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblicon.d.
Virginie Ledoyen
Virginie Ledoyen (43 anni) 15 Novembre 1976 Interpreta Mélinée Manouchian
Simon Abkarian
Simon Abkarian (57 anni) 5 Marzo 1962 Interpreta Missak Manouchian
Robinson Stévenin
Robinson Stévenin (38 anni) 1 Marzo 1981 Interpreta Marcel Rayman
Jean-Pierre Darroussin
Jean-Pierre Darroussin (66 anni) 4 Dicembre 1953 Interpreta Inspecteur Pujol
Lola Naymark
Lola Naymark (32 anni) 5 Aprile 1987 Interpreta Monique
Ariane Ascaride
Ariane Ascaride (65 anni) 10 Ottobre 1954 Interpreta Madame Elek
Nascita e dissoluzione di un gruppo interculturale di resistenti al nazismo nella Francia degli anni Quaranta.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Trailer
primo piano
Il controprocesso di Guédiguian alla banda di Missak Manouchian
Marianna Cappi     * * * - -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING

Nella Parigi occupata dai tedeschi, il poeta armeno Missak Manouchian, che ha visto la propria famiglia sterminata dai turchi, prende la guida di una cellula interculturale di giovanissimi partigiani comunisti. Sono ebrei, ungheresi, polacchi, rumeni, spagnoli, italiani e armeni che rischiano la vita per liberare la Francia dal nazismo e restituirle il titolo di patria dei Diritti dell'Uomo.
Il film segue il costituirsi del gruppo, l'approdo dei vari affluenti nel corso principale, il passaggio dai piccoli sabotaggi occasionali alle azioni concordate nei dettagli, fino all'attentato d'eccezione e allo smantellamento della banda, ribattezzata dalla propaganda L'armée du crime, con la messa a morte di 22 uomini e una donna.
Robert Guédiguian lascia la Marsiglia di oggi per ricostruire la Francia di ieri senza che questo significhi allontanarsi dai suoi temi e dalla sua fede politica ma se mai alla ricerca di un'origine, per lui armeno di madre tedesca, e di uno specchietto retrovisore,che mostri come la menzogna sull'immigrazione, la sua demonizzazione utilitaristica, sia una compagna di strada di lunga data, difficile da seminare.
L'intento è dichiaratamente pedagogico, la modulazione partecipata, come dice l'insistenza sui contesti famigliari e sul significato di famiglia che il gruppo assume per i resistenti.
Scegliendo per titolo il giudizio storico che vuol contraddire, il regista inscena il suo controprocesso, ricorrendo a qualche manipolazione perché l'arringa goda di maggior impatto. I bei personaggi storici della banda di Manouchian diventano, così, bei personaggi modificati ad arte e poi begli attori, in un incedere in cui il rischio dell'effetto fiction è altissimo. Lo scarta l'indulgere del film sullo slancio vitale delle azioni dei protagonisti, anziché sulla morte che tanto piace al piccolo schermo. I partigiani di Guédiguian non sono morti che camminano, la questione in questo senso è chiusa in partenza, nell'incipit, e non scorre a terra come un'ombra per tutto il tempo. Il gruppo uccide per permettere a chi vive di farlo non nella paura ma nella libertà e ognuno dei membri ha la sua autonomia narrativa, la sua intima giusticazione, la sua verità poetica. L'assunto di fondo resta quello di illustrare, di spiegare, di ricordare e il cinema si piega a indossare queste tre fogge, ma la lezione merita di essere seguita.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
L'ARMÉE DU CRIME
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Amazon Prime Video
Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film L'Armée Du Crime adesso. »

La Resistenza ritrovata di Robert Guédiguian

di Davide Turrini Liberazione

Missak Manouchian, Feri Boczov, Celestino Alfonso, Thomas Elek, Marcel e Simon Rayman, Patriciu, Henri Keltekian, Olga Bancic, Petra, Henri Krasucki. Sono tra i più celebri e attivi patrioti morti per la Francia combattendo l'infido occupante nazista nella Parigi dei primi anni '40. Nomi di origine armena, ebraica, italiana, spagnola, polacca, ungherese. L'armata del crimine , come storia francese vuole, gruppo ramificato e resistenziale che Robert Guédiguian, regista fieramente comunista, ha voluto riportare alla memoria del pubblico francese ed internazionale, Fuori Competizione, nella Cannes numero sessantadue. »

Il controprocesso di Guédiguian alla banda di Missak Manouchian

di Thomas Sotinel Le Monde

"L'Armée du crime" : l'affiche rouge, histoires de sang et sens de l'histoire Trois semaines après le premier, un autre groupe de juifs décidés à tuer des Allemands arrive sur les écrans. Ce n'est pas tout à fait une coïncidence que L'Armée du crime, de Robert Guédiguian, sorte vingt jours après Inglourious Basterds, de Quentin Tarantino, après qu'ils se sont croisés au Festival de Cannes, au mois de mai. Au moment où meurent les derniers témoins, Tarantino a estimé qu'il était temps de lever l'interdit historique qui pesait sur la période et de jouer avec l'histoire de la seconde guerre mondiale (comme un enfant joue avec sa panoplie de cow-boy). »

L'Armée Du Crime | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Rassegna stampa
Thomas Sotinel
Davide Turrini
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità