La comune

Film 2016 | Drammatico +13 111 min.

Titolo originaleKollektivet
Anno2016
GenereDrammatico
ProduzioneDanimarca
Durata111 minuti
Regia diThomas Vinterberg
AttoriTrine Dyrholm, Ulrich Thomsen, Helene Reingaard Neumann, Martha Sophie Wallstrom Hansen, Lars Ranthe, Fares Fares Magnus Millang, Julie Agnete Vang, Anne Gry Henningsen, Mads Reuther, Jytte Kvinesdal, Rasmus Lind Rubin, Lise Koefoed, Adam Fischer, Oliver Methling Søndergaard, Ida Emilie Krarup.
Uscitagiovedì 31 marzo 2016
TagDa vedere 2016
DistribuzioneBim Distribuzione
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,95 su 18 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Thomas Vinterberg. Un film Da vedere 2016 con Trine Dyrholm, Ulrich Thomsen, Helene Reingaard Neumann, Martha Sophie Wallstrom Hansen, Lars Ranthe, Fares Fares. Cast completo Titolo originale: Kollektivet. Genere Drammatico - Danimarca, 2016, durata 111 minuti. Uscita cinema giovedì 31 marzo 2016 distribuito da Bim Distribuzione. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,95 su 18 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
La comune
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Thomas Vinterberg (nominato agli Oscar come miglior film straniero per Il sospetto) dirige un film sulle contraddizioni di una comune. Il film è stato premiato al Festival di Berlino, ha vinto un premio ai European Film Awards. In Italia al Box Office La comune ha incassato 248 mila euro .

La comune è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,95/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,33
PUBBLICO 2,51
CONSIGLIATO SÌ
Un lavoro partecipato che riflette con leggerezza sulla complessità dell'animo umano e sulla bellezza di alcune utopie.
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 18 febbraio 2016
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 18 febbraio 2016

Copenaghen 1975. Erik ed Anna, architetto e insegnante lui e conduttrice di TG lei, hanno una figlia adolescente e si trovano ad ereditare una casa molto grande. Anna ha un'idea e spinge il marito ad accettarla: invitare alcuni amici a vivere con loro dando origine a una comune. Ben presto il gruppo si forma e si dà delle regole non sempre rispettate da tutti ma fra riunioni, pranzi e feste di Natale le cose sembrano funzionare. Fino a quando una nuova persona entra nella vita di Erik mutandone le prospettive.
Nell'ormai lontano 2000 Lukas Moodysson con Together - Insieme alla sua opera seconda vinceva numerosi premi con una lettura degli anni Settanta visti con gli occhi di un bambino portato dalla madre a vivere in una comune. Moodyson è svedese ma della coproduzione faceva parte anche la Danimarca. Oggi è un danese come Thomas Vinterberg a tornare sul tema mutando però il punto di vista anche perché in una comune ci ha vissuto dall'età di sette anni a quella di diciannove. Riesce quindi a leggerne le dinamiche e le utopie con il distacco dato dal trascorrere del tempo ma anche con la comprensione e la partecipazione indispensabili.
I suoi Steffen, Allon, Ole, Mona e Ditte insieme ai due protagonisti principali danno tutti la sensazione non di personaggi di una sceneggiatura ma di persone con i loro slanci, le loro ritrosie e anche i piccoli o grandi egoismi. A loro si aggiungono l'adolescente Freja e un bambino che usa come elemento di attrazione l'aver sentito dai medici che non supererà i nove anni d'età. Quando però Erik si innamora di Emma, una sua studentessa, tutto cambia. Perché un conto, ci ricorda Vintenberg, è teorizzare e un conto è affrontare una nuova presenza che muta gli equilibri. Della coppia e quindi della apparentemente superata 'famiglia' formata da Anna, Erik e Freja e, di conseguenza, dell'intera comunità.
Dopo aver lasciato il piccolo villaggio in cui il pregiudizio si faceva irrimediabilmente strada di Il sospetto ed essendosi concesso una parentesi letteraria con Via dalla pazza folla, Vinterberg torna a farci riflettere sulla complessità dell'animo umano e sulla bellezza (ma anche sulla fragilità) di alcune utopie. Lo fa con mano leggera ma sapendo come e quando far emergere le pulsioni più profonde e difficilmente controllabili da parte dei singoli anche quando una sorta di nuovo conformismo di gruppo spingerebbe ad occultare le situazioni più spinose. Perché i suoi adulti finiscono, nonostante i proclami, con lo smarrire in tutto o in parte la possibilità di guardare veramente avanti non fossilizzandosi in un rinnovamento che inevitabilmente finisce con il diventare conservazione di se stesso.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
LA COMUNE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€4,50
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 7 aprile 2016
Nanni

Nella vertigine della rivoluzione dei costumi del sessantotto quella della comune, soprattutto in nord Europa, fu un'esperienza diffusa. Nessuna di quelle esperienze è sopravvissuta. Siamo a Copenaghen negli anni '70 del novecento. Dopo aver ereditato la casa di famiglia troppo grande per viverci in tre, Erik, Anna e la loro figlia adolescente Treja, rinunciando alla vendita, decidono, coinvolgendo [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 aprile 2016
Flyanto

Vivere insieme agli amici più cari, dividendo la casa e le giornate quotidiane, sarebbe quanto mai bello ma nella realtà, alla resa dei conti, risulta invece un'impresa assai difficile da realizzare e dunque una vera e propria utopia. E' quanto viene prontamente dimostrato nell'ultima opera cinematografica "La Comune"  di Thomas Vinterberg, dove un gruppo [...] Vai alla recensione »

domenica 3 aprile 2016
LBavassano

Ciò che siamo stati. Ciò che avremmo potuto essere. Ciò che non siamo stati. Ciò che non avremmo potuto essere. Ma va al di là l'ottimo film di Thomas Vinterberg, nei primissimi piani dei volti, degli occhi dei protagonisti, va al di là della precisa ricostruzione storica di un'epoca di grandi speranze e di grandi ideali, va anche al di là del [...] Vai alla recensione »

domenica 10 luglio 2016
AlessioMovie

Anni Settanta, la ricerca della "mutazione" sociale e la rinnegazione della famiglia del dopo-guerra è il fulcro di questa pellicola. Copenaghen, nord Europa, è il luogo ideale dove provare a lanciarsi in un futuro immaginato, immaginario e immaginifico. Un film difficile da comprendere fino in fondo, come del resto, una vita difficile da descrivere e da concepire per la maggior [...] Vai alla recensione »

domenica 10 aprile 2016
Giulio Vivoli

  Nei dintorni di una Copenhagen fedelmente riportata al 1975, un’evoluta  coppia adulta di un professore di architettura e un’ anchorwoman televisiva con figlia adolescente decidono di utilizzare la vecchia grande casa di famiglia di lui per realizzare insieme ad altri volontari  una residenza in comunità basata su ferree regole scritte e condivise dai partecipanti, [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 aprile 2017
stefano capasso

Nella Copenaghen degli anni 70 Erik, Anna e la loro figlia adolescente ereditano una grande casa di famiglia.  L’idea è di venderla e incassare una buona quantità di denaro, ma Anna vuole tenerla e, di fronte alle perplessità del marito sull’alto costo di gestione, pensa bene di dare origine ad una comune. Erik accetta e cosi altre 5 persone arrivano a vivere nella [...] Vai alla recensione »

sabato 21 gennaio 2017
rampante

La periferia di Copenaghen degli anni Settanta. Una "comune" accattivante ma l'amore libero è rimasto solo un'utopia e alla tranquillità iniziale subentrano equilibri estremamente fragili e dolorosi. Erik, docente di architettura eredita dal padre una casa troppo grande e costosa, sua moglie Anna, giornalista televisiva lo convince a tenere la casa e a condividere [...] Vai alla recensione »

venerdì 25 novembre 2016
giuliog02

Un esercizio tecnico di demolizione del mito sessantottino della Comune. Il regista impiega le sue conoscenze nel campo della psicologia  e della tecnica cinematografica per tracciare la cronaca di un fallimento annunciato. Le riprese insistono su primi piani, anche quando si ha a disposizione una casa di 450 metri quadrati. C'é una ricerca studiata, e sinceramente sadica, [...] Vai alla recensione »

domenica 10 aprile 2016
Miguel Angel Tarditti

 “LA COLECTIVIDAD” (La comune)   Film dinamarqués del 2016, de Thomas Vinterberg   Somos al mismo tiempo el Uno y el Plural   Cada ser humano es en sí una comunidad. Cada hombre es en sí una pluralidad en ebullición. Un magma inquieto y fluido, contrastado e inquietante, contradictorio, afectivo, agresivo, solidario, indiferente, solidario, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 6 aprile 2016
big boss 86

in poche parole in gran parte una palla, piuttosto peso fatta eccezione per qualche punto ma poca roba!

sabato 16 aprile 2016
no_data

La Comune mi ha lasciata amareggiata. Certo il regista non ha empatia nei confronti delle donne. O forse la cultura danese è gelidamente distante dalla nostra. L'uscita di scena della protagonista ormai devastata dal dolore è incredibile: non un'amica della Comune, nemmeno la figlia, nessuno si alza per un abbraccio. Continuano il loro pasto mentre lei se ne va sola e disperata.

martedì 5 aprile 2016
Mikirino

La complessa concretizzazione di una utopia politica e esistenziale: l'argomento si prestava ad una indagine raffinata sui rapporti personali, sul rapporto tra ideali e realtà, sulla difficoltà di essere quel che si vorrebbe... Poteva essere trattato come dramma, tragedia o anche in tono leggero e scherzoso. Invece ne è venuto fuori un film con personaggini senza spessore, più stupidi che complessi. [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 aprile 2016
eloita

Film noioso e superfluo. Una riflessione utopica sull’amore

giovedì 31 marzo 2016
terencemallick

Si , film decisamente mediocre. Cosa ne è del regista di Festen e Il Sospetto?  Del dogma non vi è più traccia alcuna , e può anche starci , ma il regista è irriconosbibile sotto ogni punto di vista , tanto che il film a tratti sembra una produzione hollywoodiana ; colonne sonore insistenti e fuori luogo , dialoghi con battute miserrime , attori impalpabili(tranne [...] Vai alla recensione »

FOCUS
FOCUS
domenica 3 aprile 2016
Roy Menarini

Di recente si parla molto di co-housing, progetto di vita comune in spazi abitativi privati che condividono alcune zone domestiche e immaginano una comunità pacifica e ideale dentro la quale far crescere le proprie famiglie. Questi progetti sono già ampiamente noti in Danimarca e nelle repubbliche scandinave, dove un architetto, Hoyer, fu tra i primi a studiarli e proporli negli anni Sessanta, evidentemente influenzato dal clima culturale del periodo.
E forse non è un caso che sia proprio il cinema nord europeo a tornare spesso sull'idea di Comune, che per noi europei meridionali è una buffa utopia relegata agli anni dei figli dei fiori, mentre per quella società rimane una soluzione praticabile almeno dal punto di vista architettonico, e in certi periodi anche da un punto di vista etico. Se Together - Insieme di Lukas Moodysson aveva mostrato una comune particolarmente politicizzata e anarchica, dove a fare le spese delle utopie libertarie erano borghesi impreparati a condividere beni e corpi, La comune di Thomas Vinterberg affronta l'argomento da un punto di partenza diametralmente opposto.

Vinterberg procede per progressivi avvicinamenti alle passioni, alle sofferenze, alle scelte dei personaggi e mette in scena un gruppo molto umano, che oscilla tra capacità di assorbire, distribuire, sostenere lutti e disgrazie, e incertezza su come risolvere conflitti sentimentali imprevisti.

Il nucleo amicale che dà vita alla comunità che si installa in una grande casa (a proposito, che peccato che il regista non si dia pena di spiegarci chiaramente la topografia del luogo per meglio comprendere le dinamiche del gruppo), lo fa senza particolari teorie sociopolitiche di partenza. Un'eredità imprevista, e la noia della moglie/mamma, spingono a spartire spese e organizzazione domestica con un eterogeneo ventaglio di persone molto differenti tra di loro. Vinterberg, giustamente, non indulge in voyerismo, né sbircia nelle possibili implicazioni erotiche o morbose della condivisione, limitandosi a osservare i comportamenti bislacchi di adulti che chiedono ai figli di assistere in diretta a un esperimento non facile da maneggiare, e ad analizzare affettuosamente tutte le contraddizioni che nascono in seno all'utopistica società alternativa.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Già adepto del manifesto Dogma e rodato narratore di affari di famiglia (Festen, Riunione di famiglia), il danese Thomas Vinterberg ci riporta agli anni Settanta con un film presentato in concorso a Berlino. Erik, professore di architettura, eredita una casa troppo grande ed eccessivamente costosa da mantenere. Vorrebbe venderla; invece sua moglie Anna, giornalista televisiva, lo convince a farci vivere [...] Vai alla recensione »

Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

C'era una volta l'utopia di una collettività total dem, magnifica ossessione di spiriti liberi, meglio se nordici. Ne ha fatto esperienza lo stesso danese Thomas Vinterberg, oggi 47enne ma bimbo e adolescente all'epoca del suo convivere allargato. Preso dalla nostalgia di quegli anni felici, ha rivissuto un sentimento "personale ma non privato" attraverso la scrittura/produzione e regia prima di una [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Da Festen (il film che l'ha lanciato) in poi, l'intrigante cineasta danese Thomas Vinterberg non ha fatto altro che demistificare dall'interno le dinamiche borghesi: salvo che nel tempo il piglio è diventato meno provocatorio e lo stile meno aggressivo. Qui, nella cornice della Copenhagen del 1975, due coniugi con figlia adolescente - lui (Ulrich Thomsen) architetto, lei (Tryne Derholm) giornalista [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
lunedì 7 marzo 2016
 

Copenaghen 1975. Erik ed Anna, architetto e insegnante lui e conduttrice di TG lei, hanno una figlia adolescente e si trovano ad ereditare una casa molto grande. Anna ha un'idea e spinge il marito ad accettarla: invitare alcuni amici a vivere con loro [...]

winner
miglior attrice
Festival di Berlino
2016
winner
miglior montatore europeo
European Film Awards
2016
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati