My Name Is Adil

Film 2016 | Biografico +13 74 min.

Titolo originaleMy Name Is Adil
Anno2016
GenereBiografico
ProduzioneItalia, Marocco
Durata74 minuti
Al cinema2 sale cinematografiche
Regia diAdil Azzab, Andrea Pellizzer, Magda Rezene
AttoriHusam Azzab, Hamid Azzab, Adil Azzab, Hassan Azzab, Zilali Azzab, Mohamed Atiq Ali Tatawi, Hanan Filali, Aicha Badraoui.
Uscitamartedì 24 ottobre 2017
TagDa vedere 2016
DistribuzioneUnisona
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,50 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Adil Azzab, Andrea Pellizzer, Magda Rezene. Un film Da vedere 2016 con Husam Azzab, Hamid Azzab, Adil Azzab, Hassan Azzab, Zilali Azzab, Mohamed Atiq. Cast completo Titolo originale: My Name Is Adil. Genere Biografico - Italia, Marocco, 2016, durata 74 minuti. Uscita cinema martedì 24 ottobre 2017 distribuito da Unisona. Oggi tra i film al cinema in 2 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,50 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
My Name Is Adil
tra i tuoi film preferiti.




oppure

La storia vera di Adil, che decide di partire dal Marocco per raggiungere il padre in Italia. La frattura sarà però dolorosa.

Consigliato sì!
3,50/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,17
PUBBLICO 4,33
CONSIGLIATO SÌ
Un film sincero che insegna a camminare con le scarpe altrui, a comprendere la povertà, i sogni e il dolore del distacco.
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 28 settembre 2017
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 28 settembre 2017

Adil è un bambino marocchino che vive in campagna. Il padre è venuto in Italia per cercare lavoro ed è il denaro che manda a casa a consentire a moglie e figli di andare avanti. Adil è però stato requisito dallo zio come guardiano delle pecore e l'uomo non gli riserva certo un trattamento di favore ma lo tratta quasi come uno schiavo. Finché un giorno Adil a 13 anni decide di raggiungere il genitore in Italia. La sua vita cambierà ma il senso di separazione dalle proprie radici si farà sentire.
Ci sono film dalla struttura semplice e lineare che sanno offrire allo spettatore più occasioni di riflessione di altri che nella complessità della struttura credono di trovare il loro fondamento.

In questo caso siamo di fronte a una vicenda che ci viene subito dichiarata come realmente accaduta e a un protagonista da tempo integrato nella nostra società che ricorda la propria infanzia.

Tanto sono affascinanti gli spazi in cui il piccolo Adil agisce quanto non lo è la vita che è costretto a condurre. Vittima di uno zio violento (la memoria va a Padre padrone dei Taviani) che lo costringe anche a lottare con i coetanei mettendo in palio del tonno in scatola, il bambino può trovare nella madre conforto ma scarsa protezione mentre il nonno lamenta l'assenza del figlio che è andato in Italia abbandonando i campi. Però il denaro che invia è utile e c'è chi in famiglia (sempre lo zio) ne vorrebbe sempre di più.

Mentre si assiste alla vita di Adil non possono non venire alla mente storie analoghe che il cinema, la letteratura e, innanzitutto, la Storia ci hanno raccontato a proposito di quando erano i nostri padri a migrare e non solo dal Sud ma anche da quel Nordest oggi in parte così chiuso a qualsiasi inserimento. Bene ha fatto Edgar Reitz quando è tornato a girare un nuovo capitolo della sua Heimat realizzando quello che potremmo definire un prequel delle vicende della famiglia Simon. Lì si ricordava ai tedeschi di memoria corta che nell'800 anche dalla nazione oggi trainante e dominante nell'economia europea partivano migranti alla volta del Brasile in cerca di quello che in patria non potevano avere: un minimo di sicurezza economica.

In My name is Adil ci viene offerta l'opportunità di provare, almeno idealmente, a camminare con le scarpe altrui, a cercare cioè di comprendere non solo la povertà e i sogni ma anche il dolore del distacco e il sentirsi non più nordafricani ma neanche del tutto italiani. Non siamo però dinanzi a un pamphlet ideologico ma a una persona con i suoi dubbi, le sue scoperte (il mare) e le sue realizzazioni. Se più spesso ci sforzassimo di guardare agli altri senza le lenti del pregiudizio generalizzante ci accorgeremmo che ognuno ha un suo vissuto e capiremmo che 'loro' non sono tutti come lo zio (che il film ci fa detestare e che non vorremmo incontrare sul nostro cammino). Ci sono gli 'zii' e ci sono gli Adil e non possono essere trattati allo stesso modo.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 20 ottobre 2017
Katru

Un crescendo di emozioni. Si respira autenticità dalle prime scene, dalla ricerca dell'agnellino (altrimenti sono botte...) alla delusione dell'arrivo in un paese tanto sognato (l'Italia) che in realtà ti fa sentire invisibile... "non ero mai stato in una città, non avevo mai visto tante persone tutte insieme, ma nessuno mi guardava". L'odio per lo zio (e le sue pecore) ignorante e manesco, e il saluto [...] Vai alla recensione »

sabato 21 ottobre 2017
torri

Non dovremmo limitarci a un giudizio artistico e tecnico (ma le 4 stelle qui ci sono tutte), se si dovesse valutare un film in base alle emozioni qui saremmo a 10. Sei al cinema, ti guardi intorno e scopri di non essere l'unico a sorridere e a commuoverti. Questo per me è cinema. 

sabato 21 ottobre 2017
torri

La scoperta più sorprendente è la presenza dei grandi temi dell'identità, dell'appartenenza, dei diritti fondamentali (il diritto ad andare a scuola...) trattati con l'ingenuità di un adolescente, determinato ma anche spaventato e deluso. E' strano commuoversi e identificarsi in percorsi di vita tanto lontani dal nostro, in apparenza. E ti chiedi perché.

giovedì 19 ottobre 2017
AFTC

L’ho visto questa estate e sicuramente lo rivedrò. Consigliatissimo!

venerdì 20 ottobre 2017
Yessong

Condivido in pieno. Nella tua descizione c'è quasi tutto. Aggiungerei solo una nota in più per il finale e la colonna sonora. Nel finale, lo sguardo tra lo smarrito, imbarazzato e irritato di quasi tutti gli adulti del villaggio giustifica la visione del film.

domenica 22 ottobre 2017
Nick70

Ho visto questo film quest'estate, durante una Rassegna milanese. Inizialmente ero un po' scettica, pensavo alla solita storia triste e noiosa. E invece le prime immagini mi hanno subito rapita. Mi sono immersa nella storia, immedesimata, ho pianto, mi sono emozionata, ho sorriso con Adil. Un film sorprendente e genuino accompagnato da un canto che ancora ora mi fa venire i brividi.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 12 aprile 2016
Andrea Chimento
Il Sole-24 Ore

Un esordio autobiografico toccante e impegnato: «My Name Is Adil» è stato uno dei film più interessanti dell'edizione 2016 del Festival del Cinema Africano, d'Asia e America Latina di Milano. Arrivato in Italia dal Marocco a 13 anni, il neoregista Adil Azzab oggi ha 27 anni e un impiego come assistente educatore. Con questa sua prima prova dietro la macchina da presa ha messo in scena la sua vita, [...] Vai alla recensione »

domenica 17 aprile 2016
Veronica Deriu
Lombardia Oggi

Cinque minuti di applausi scroscianti e qualche lacrima di commozione davanti a tramonti rossi, terra ocra e una storia fortissima: quella del bimbo pastore Adil che odiava le pecore e voleva studiare, fino a diventare regista. La bellezza e la potenza di immagini, colori e suoni vanno dritte al cuore durante la prima proiezione di «My name is Adil», il lungometraggio d'esordio di Adil Azzab prodotto [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 aprile 2016
Silvia Sperandio
Il Sole-24 Ore

Pare quasi di sentirlo sulla pelle, il sole caldo del Marocco che sovrasta campi e greggi, sporadiche case bianche di calce, cortili e stalle dove i gatti cercano fazzoletti d'ombra per accoccolarsi. Un mondo assolato e desolatamente povero, dove fin da piccoli si lavora per ore nei pascoli, gli adulti possono essere rudi e studiare è un privilegio di pochi.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati