Glory - Non c'è tempo per gli onesti

Film 2016 | Drammatico +13 101 min.

Titolo originaleSlava
Anno2016
GenereDrammatico
ProduzioneBulgaria, Grecia
Durata101 minuti
Regia diKristina Grozeva, Petar Valchanov
AttoriStefan Denolyubov, Margita Gosheva, Ana Bratoeva, Stanislav Ganchev, Mira Iskarova Milko Lazarov.
Uscitagiovedì 21 settembre 2017
TagDa vedere 2016
DistribuzioneI Wonder Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,11 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Kristina Grozeva, Petar Valchanov. Un film Da vedere 2016 con Stefan Denolyubov, Margita Gosheva, Ana Bratoeva, Stanislav Ganchev, Mira Iskarova. Cast completo Titolo originale: Slava. Genere Drammatico - Bulgaria, Grecia, 2016, durata 101 minuti. Uscita cinema giovedì 21 settembre 2017 distribuito da I Wonder Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,11 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Glory - Non c'è tempo per gli onesti
tra i tuoi film preferiti.




oppure

La lotta di un onesto ferroviere per riavere indietro un suo vecchio orologio, insieme alla sua dignità. In Italia al Box Office Glory - Non c'è tempo per gli onesti ha incassato 15,9 mila euro .

Consigliato sì!
3,11/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA 3,33
PUBBLICO 4,00
CONSIGLIATO SÌ
Tra sarcasmo e realismo, lo stile peculiare di Grozeva e Valchanov si smarrisce in una parabola scontata negli esiti e nello svolgimento.
Recensione di Emanuele Sacchi
giovedì 4 agosto 2016
Recensione di Emanuele Sacchi
giovedì 4 agosto 2016

Tsanko Petrov lavora alla manutenzione dei binari ferriovari in uno stato di quasi indigenza. Un giorno trova sui binari del treno un'ingente somma di denaro. Anziché intascarselo, Tsanko chiama la polizia e le consegna il denaro, divenendo una sorte di eroe per la stampa nazionale. Come premio il Ministero dei Trasporti, nel frattempo al centro di un'indagine sulla corruzione, gli consegna un orologio. Solo che l'orologio nuovo non funziona e quello vecchio, regalato a Tsanko dal padre, viene smarrito dalla PR del ministro, Julia Staikova.

Molti hanno conosciuto il cinema bulgaro attraverso il talento di Kristina Grozeva e Petar Valchanov e al loro The Lesson - Scuola di vita, distribuito in sala anche in Italia e mietitore di consensi nei vari festival in cui è stato presentato. La mano dei due autori si riconosce anche in Glory, ma è come se il dosaggio degli ingredienti fosse state alterato da un sabotatore.

L'intento è ancora una volta quello di mettere in luce contraddizioni e storture di una società piagata dalla corruzione e dall'inquità, una macchina che sembra avere come unico scopo quello di stritolare lo Tsanko Petrov di turno, vittima predestinata delle prevaricazioni altrui. E puntualmente Tsanko Petrov - goffo, ingenuo e ignorante - sbaglia tutti i passi possibili per affrancarsi dal proprio disagio, finendo solo per stringere sempre più il cappio attorno al proprio collo.

L'accento è posto sul lato più grottesco e umoristico delle vicende di Tsanko e in parallelo, e per contrasto, di Julia Staikova, donna in carriera che pone il lavoro sopra ogni cosa e non nasconde il proprio disprezzo nei confronti dei suoi sottoposti. L'incontro improbabile tra i due, determinato da un fato beffardo, mette a nudo la profonda ingiustizia insita nella società bulgara, in cui un atto altruista come quello di Tsanko rappresenta un'anomalia imprevista e ingestibile per un sistema corrotto fino al midollo.

La pochade procede ricorrendo a gag clownesche, con una marcata componente di fisicità: lo scambio dei pantaloni e poi delle camicie, lo scambio degli orologi, la balbuzie di Tsanko e la sua incompatibilità con le esigenze dei media, la sua capacità di essere sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato. Umorismo che si tinge sempre più di nero, palesando i limiti della sceneggiatura nella gestione dei cambi di registro e nella risoluzione della vicenda. Ben presto il grottesco si fa rozzo e la critica sociale si fa ovvia.
Lo stile di Grozeva e Valchanov, un misto di sarcasmo e realismo con scrittura alla Jaoui-Bacri e macchina a mano alla maniera di Mungiu e Dardenne, si smarrisce in una parabola scontata negli esiti e nello svolgimento.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 27 settembre 2017
Flyanto

 "Glory - Non c'è Tempo per gli Onesti" è un film duro e purtroppo quanto mai realistico per ciò che concerne la sua storia.  In seguito al fatto che un operaio delle ferrovie dello Stato, balbuziente ed in condizioni economiche assai precarie, consegna un'ingente quantitativo di banconote trovate una mattina da lui sparse per i binari, si innesca [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 agosto 2016
gaiart

C’ERA UNA VOLTA UN BULGARO, UN GRECO, UN …   SLAVA Glory     3 agosto 2016 C’era una volta un bulgaro, un greco, un polacco e un francese. Come nelle barzellette. Solo che qui si tratta dell’apertura del Film Festival di Locarno dove, interessanti pellicole dell’Europa dell’est in concorso, si sono distinte sin all’ape [...] Vai alla recensione »

domenica 24 settembre 2017
Maurizio.Meres

Un uomo umile,con problematiche nel linguaggio molto serie,avvolto in un mondo tutto suo,felice a suo modo e soddisfatto del suo lavoro altrettanto umile,amante delle sue cose in special modo dell'orologio che il padre gli regalò,ripetitivo nelle varie fasi delle giornata,non chiede niente a nessuno e soprattutto non si confronta con il modo che lo circonda.

FOCUS
FOCUS
mercoledì 20 settembre 2017
Giancarlo Zappoli

Dopo la proiezione di alcune scene in anteprima di Blade Runner 2049, di cui però ci è tassativamente proibito parlare, Denis Villeneuve e l'attrice Sylvia Hoeks, che nel film interpreta Luv, hanno concesso un generoso incontro alla stampa romana. Si è partiti da un riepilogo di alcuni assunti già del film precedente, come il ruolo dei replicanti: «Sono esseri sintetici, sviluppati dalla bio-ingegneria per essere schiavi, pensati per sfruttare le risorse di altri pianeti, al di fuori del sistema solare, e renderli abitabili per gli esseri umani», ha detto il regista, «Inizialmente erano vietati per legge e soprattutto era vietato che si aggirassero non registrati sulla Terra, per questo ci sono poliziotti speciali, chiamati Blade Runner, il cui compito è scovarli e "ritirarli"».

Dal 2019 del primo capitolo al 2049 del secondo diverse cose sono cambiate: «Già nel film di Ridley Scott il mondo era di grande atmosfera ma pure un incubo e il nostro porta avanti quell'idea, dove le cose hanno continuato ad andare male: il clima è impazzito tanto che a Los Angeles nevica e i mari si sono alzati (al punto che serve una diga per tenere la città al sicuro)".

"Volendo restare fedeli allo spirito noir della pellicola originale abbiamo dovuto affrontare il problema di Internet. Perché non c'è niente di più noioso di un detective che sta a digitare guardando uno schermo, così i nostri sceneggiatori hanno avuto l'idea di un grande blackout, un enorme disturbo elettromagnetico che ha distrutto tutti i dati digitali, facendo sopravvivere quasi solo quelli analogici. È anche una riflessione sulla fragilità del nostro mondo informatico, ma soprattutto mi piace che nel nostro film l'eroe debba incontrare le persone, camminare anche nel fango e via dicendo».

Frasi
- Perché non gli chiedi scusa?
- Non ho niente di cui scusarmi!
Julia Staykova (Margita Gosheva)
dal film Glory - Non c'è tempo per gli onesti - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 21 settembre 2017
Paolo D'Agostini
La Repubblica

Non è la consueta denuncia della corruzione sopravvissuta alle macerie dei regimi comunisti est europei. C'è qualcosa di più sottile, la mano è più sofisticata, il punto di vista più sconsolato e forse cinico di quanto avvenga in altri casi. Il ministro dei trasporti è messo alle strette da una campagna di stampa su uno scandalo di appalti riguardanti le vetture ferroviarie.

giovedì 21 settembre 2017
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Un operaio di manutenzione, un mucchio di euro sui binari, un orologio scomparso, una giornalista senza scrupoli. L'eroe mite e balbuziente che avverte la polizia viene premiato, illuso e abbandonato. Circostanze e intreccio di questo apologo sulla prevaricazione di politica, informazione e burocrazia sono da scoprire in sala, perché la fragile sceneggiatura si tiene proprio grazie alle connessioni [...] Vai alla recensione »

giovedì 21 settembre 2017
Francesco Alò
Il Messaggero

Addetto balbuziente al controllo dei binari trova ingente somma di denaro sparsa sui cavi di rame della sua ferrovia. Decide di restituire tutti i soldi (o quasi: trattiene solo 150 euro). La responsabile delle pubbliche relazioni del Ministero dei Trasporti ne vuole fare un eroe da propaganda (capita a fagiolo: bisogna insabbiare scandali e corruzione) ma senza concentrarsi troppo: d'altronde quell'individ [...] Vai alla recensione »

giovedì 21 settembre 2017
Alessandra Levantesi
La Stampa

Sappiamo poco o niente della produzione bulgara attuale, ma a giudicare da Glory. Non c'è tempo per gli onesti verrebbe da pensare che a Sofia si fa un cinema di livello. Ben recitato, solidamente scritto, il film della coppia Kristina Grozeva/Petar Valchanov, anche sceneggiatori, disegna il quadro tragicomico di un paese postcomunista dove le manovre di potere di un élite in carriera desiderosa di [...] Vai alla recensione »

giovedì 21 settembre 2017
Silvana Silvestri
Il Manifesto

Commedia postcomunista con retrogusto drammatico di Kristina Grozeva e Petar Vakhanov, il cui humour si svela a cominciare dal titolo, Glory (Slava, nell'originale). La gloria di un paese, di un uomo, la gloria di un popolo antico? No, è la marca dell'orologio che il padre regalò con una dedica al figlio Tzanko Petrov (Stefan Denolyubov), ora cantoniere di una certa età, che lui, da bravo ferroviere [...] Vai alla recensione »

giovedì 21 settembre 2017
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Che belle sorpresa. Anche se resta da vedere quanti correranno nelle sale per un film bulgaro. Dunque, l'operaio delle ferrovie Tsanko Petrov, un omino balbuziente di mezza età, nel sotto giro di manutenzione, trova tra i binari una paccata di milioni. Avverte la polizia, diventando un eroe. Non sa in che inferno si è cacciato. Una commedia grottesca, intrisa di humour nero, che sbeffeggia una society [...] Vai alla recensione »

NEWS
GUARDA L'INIZIO
venerdì 15 settembre 2017
 

Tsanko Petrov lavora alla manutenzione dei binari ferriovari in uno stato di quasi indigenza. Un giorno trova sui binari del treno un'ingente somma di denaro. Anziché intascarselo, Tsanko chiama la polizia e le consegna il denaro, divenendo una sorte [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati