La Forma della Voce

Film 2016 | Animazione 129 min.

Titolo originaleA silent voice
Anno2016
GenereAnimazione
ProduzioneGiappone
Durata129 minuti
Regia diNaoko Yamada
AttoriMiyu Irino, Saori Hayami, Aoi Yuki, Kensho Ono, Yûki Kaneko, Yui Ishikawa Megumi Han, Toshiyuki Toyonaga, Mayu Matsuoka, Shoko Nakagawa.
Uscitamartedì 24 ottobre 2017
DistribuzioneNexo Digital
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Naoko Yamada. Un film con Miyu Irino, Saori Hayami, Aoi Yuki, Kensho Ono, Yûki Kaneko, Yui Ishikawa. Cast completo Titolo originale: A silent voice. Genere Animazione - Giappone, 2016, durata 129 minuti. Uscita cinema martedì 24 ottobre 2017 distribuito da Nexo Digital. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi
La Forma della Voce
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Una ragazza affetta da sordità si scontra con un compagno che non accetta lo scherno dei compagni.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Il percorso di redenzione di un ex bullo in una trasposizione dalla grande intensità emotiva.
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 23 ottobre 2017
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 23 ottobre 2017

Ogaki. Il liceale Shoya Ishida sta per saltare dal ponte per suicidarsi, ma all’ultimo desiste. Cinque anni prima, ai tempi della scuola elementare, nella classe di Shoya arriva Shoko Nishimiya, una ragazza sordomuta: l’accoglienza dei suoi compagni da timida diviene in breve tempo ostile. Per quanto Shoko si sforzi di essere gentile e disponibile con tutti, un gruppetto, capitanato da Shoya, si accanisce contro di lei. Cinque anni dopo Shoya ancora non è in grado di darsi pace per i torti inflitti a Shoko, anche perché la conseguenza delle sue azioni passate è la totale solitudine.

Se la trasposizione dalla carta al grande schermo si presenta già di per sé come un processo complicato e irto di difficoltà, tradurre le vicissitudini di un manga di sette volumi in un lungometraggio di 130 minuti appare come un’impresa ai limiti del possibile.

Tuttavia Naoko Yamada ce la mette tutta, limitando al minimo indispensabile le inevitabili incongruenze o i momenti ermetici, inspiegabili e non spiegati (tra questi il rapporto di Shoya con la sorella adottiva, o spunti affrontati superficialmente, come l’identità sessuale incerta della sorella minore di Shoko).

Nei 130 minuti diseguali di La forma della voce emerge chiaramente come a Yamada, più della coerenza narrativa, interessi l’intensità emotiva. E su questo punto è difficile eccepire qualcosa all’immersione a capofitto nell’inconsueto punto di vista di un ex bullo, ricca di eventi traumatici, risoluzioni che si traducono in un nulla di fatto e svolte inattese. La prospettiva è costantemente obliqua, come lo è lo sguardo di Shoya, puntato verso il basso fino a rendere i volti dei coetanei altrettante anonime X (Yamada lo esemplifica visivamente, con una certa audacia visiva). È impossibile perdonare Shoya, ma è altrettanto impossibile rinunciare a provare a comprenderne le ragioni, che sono strettamente correlate alla sua attrazione (inizialmente mascherata da repulsione) verso Shoko. Entrambi ragazzi privi di una figura paterna, entrambi dotati di una sensibilità non comune, non sono vittima e carnefice: sono vittime entrambi.

L’una, Shoko, consapevole, mentre palesa la sua natura di reietta a causa dei suoi problemi di udito; ma Shoya non è meno condannato alla alienazione dalla spietata società dei suoi coetanei. La vergogna per il proprio umile e singolare background, mai sottolineata ma costantemente richiamata, con la giusta dose di leggerezza, si mescola al senso di colpa per gli atti di bullismo perpetrati. Shoya vorrebbe riportare tutto indietro, Shoko invece vorrebbe che Shoya trasformasse il suo disagio in solidarietà, la sua ritrovata sensibilità in amore. Entrambi sanno di essere dei paria ma non riescono a condannare l’altro a un destino di emarginazione. Attorno ai due primattori ruotano alcuni riusciti personaggi satellitari, caratterizzati da una componente di egoismo, che è figlia dell’istinto di sopravvivenza in società. Non ci sono malvagi (né buoni tout court) nell’affresco di Yamada: nessuno è condannato in toto perché nessun ragazzo è un’isola, in un sistema che sembra legato inestricabilmente al darwinismo sociale più spietato. Ma anche senza eroi né villain, è giusto credere di poter migliorare, di poter crescere. Val la pena affrontare gli ostacoli più insormontabili pur di provarci.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 21 novembre 2017
witty4ever

Questo è l'ultimo film di Naoko Yamada, adattamento del Manga “A silent voice”.Sono partito guardando questo film molto incuriosito dal trailer, senza sapere realmente cosa aspettarmi, non avendo mai letto il manga.Quello che mi sono trovato davanti è un'opera che merita di essere guardata, profonda, commovente divertente per come riesce a raccontare le cose, un “cartone” più adulto di molti altri [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 novembre 2017
PelucheOnFire

Ho pianto più volte durante la sala, riesce a darti emozioni uniche e rare per un film d'animazione

NEWS
BOX OFFICE
mercoledì 25 ottobre 2017
Andrea Chirichelli

IT continua la sua marcia vincente, con 584mila euro e punta a superare i 10 milioni di euro entro la fine del weekend, cosa decisamente fattibile, visto che è già a 7,8 complessivi. Gran esordio per La Forma della voce, che conferma la capacità di [...]

GUARDA L'INIZIO
lunedì 23 ottobre 2017
 

Coraggioso e poetico lungometraggio di una delle rare registe giapponesi, Naoko Yamada, La forma della voce - di cui presentiamo in esclusiva i primi 10 minuti - racconta con enorme delicatezza le difficoltà di Shoko Nishimiya, una ragazzina non udente, [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati