Viva la sposa

Un film di Ascanio Celestini. Con Ascanio Celestini, Alba Rohrwacher, Salvatore Striano, Francesco De Miranda, Veronica Cruciani.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 85 min. - Italia, Francia, Belgio 2015. - Parthénos uscita giovedì 22 ottobre 2015. MYMONETRO Viva la sposa * * 1/2 - - valutazione media: 2,67 su 10 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato nì!
2,67/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * - -
 critica * * * - -
 pubblico * * - - -
   
   
   
Passa una bellissima donna bionda tra le vite di poveri cristi. Una sposa che fa voltare tutti. Guardare la sposa li aiuta a sopravvivere, ma poi la vita vera è un'altra.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Attraverso il suo personaggio, Celestini rivolge uno sguardo di comprensione all’umanità dolente (ma non del tutto vinta) che popola il film
Giancarlo Zappoli     * * * - -

Nicola passa il tempo bevendo e fingendo che sta smettendo di bere. Questa è la storia sua e di tanti altri personaggi che incontra per un destino o per caso come in un road movie. Perciò è anche la storia di Sabatino che truffa le assicurazioni. Pure il Concellino vive truffando le assicurazioni, ma vuole fare carriera. È la storia di Salvatore, figlio di Anna e forse anche di Nicola, ma Anna è una prostituta e non lo sa chi è il padre di suo figlio. È la storia di Sofia che dice che scappa in Spagna con l'amica. Lo dice, ma poi resta a Cinecittà. È la storia dell'Abruzzese che fa il carrozziere, ma anche il parcheggiatore notturno. È la storia di Sasà che una notte finirà peggio di tutti nella stanza di una questura di periferia. E in mezzo a tutte queste storie c'è quella dell'americana che gira l'Italia vestita da sposa.
Quella di cui sopra è la sintesi della trama che si può trovare sul catalogo delle “Giornate degli Autori” del Festival di Venezia 2015 ed espone con precisione tutte le vicende che percorrono il film di Celestini. A fare da fondamentale trait d’union è appunto Nicola ma si potrebbe chiamare anche Ascanio perché lo sguardo di comprensione con cui l’attore/regista si rivolge all’umanità dolente (ma non del tutto vinta) che popola il film è il suo.
A fare da bussola e da chiave di lettura è la battuta pronunciata da Nicola/Ascanio in apertura e che ribalta il finale del Pinocchio collodiano. L’essere umano è buffo, meglio il burattino. Perché l’essere umano celestiniano è fragile e contraddittorio. Cerca il prossimo ma al contempo lo teme. Fa propositi che poi non mantiene e cerca di sopravvivere ai margini del luogo dove la finzione si fa arte (Cinecittà). Anche vivendo al limite della legalità o addirittura superandolo cercando una bellezza che è negata sia dagli esterni che dagli interni, siano essi un’abitazione/ricovero degradata o un bar di periferia ultimo approdo di chi vorrebbe raggiungere un porto sicuro. Magari con in mano una bottiglia di vino con un fiocco rosso.

Sei d'accordo con la recensione di Giancarlo Zappoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
50%
No
50%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * * * -

Effetti speciali

martedì 27 ottobre 2015 di no_data

Dicevo, gli effetti speciali nei film di "celeste" si evidenziano nella normale umanità che si dimena nel quotidiano. Credendo, a volte sperando di non "essere". Poi vedo una consapevolezza marginale che non rende eroi, non c'è redenzione o un ipocrito lieto fine che corrompa la sorte. Rimane tutto come all'inizio, quasi a dirti che non bastano 85 minuti per risolvere e svoltare. Però ti dice di farlo proprio perchè non te lo mostra. Ti indica un punto opposto che non sempre può essere migliore, continua »

* * - - -

Ecco il mondo stralunato di celestini

venerdì 30 ottobre 2015 di Flyanto

Secondo lungometraggio di Ascanio Celestini che per il surrealismo e l'essere popolato da personaggi stralunati e completamente distaccati dalla massa non si discosta molto dalla sua prima opera "La Pecora Nera", sebbene la trama sia completamente differente. Ascanio Celestini è il protagonista di buon cuore e generoso che vive trascorrendo le proprie giornate bevendo birra in un bar di periferia, facendosi seguire nei suoi giri da un ragazzo adolescente, figlio di un'amica continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Viva la sposa adesso. »

FOCUS | Presentato alle Giornate degli Autori alla Mostra di Venezia 2015, l'opera di Ascanio Celestini è disperata e piena di vitalità. Di Roy Menarini.

Il cinema italiano che viene da fuori

lunedì 26 ottobre 2015 - Roy Menarini

Viva la sposa, il cinema italiano che viene da fuori Tenuto ai margini in maniera francamente ingenerosa alla Mostra del Cinema di Venezia 2015, Viva la sposa di Ascanio Celestini merita più di un plauso per le modalità di racconto, messa in scena e rappresentazione che porta in dono. Difficile descrivere con precisione timbri e ironie di un'opera contemporaneamente disperata e piena di vitalità, dove si assiste - più che alla descrizione di un quartiere - a una vera e propria micro-cosmogonia di personaggi e situazioni periferiche. E proprio questo elemento ci interessa, di Viva la sposa, per la nostra rubrica.

   

Celestini poeta di periferia

di Alessandra Levantesi La Stampa

Un poco simile al borghese Zeno di Italo Svevo che ogni giorno si riprometteva di smettere di fumare, così il borgataro romano Nicola di Viva la sposa ogni tanto finge che smetterà di bere, ma è ovvio che non lo farà mai: il suo costante stato di quieta ebbrezza è quello che gli consente di sopravvivere senza cadere nella disperazione. E in realtà Ascanio Celestini, scrittore regista e interprete del film, ha concepito il tenero personaggio come un poeta di periferia che, vagabondando fra locali e strade del rione, incontra altri personaggi e li racconta con accenti crepuscolari: Salvatore che è figlio della prostituta Anna e forse pure di Nicola, il carrozziere Abruzzese che forse è anche un parcheggiatore notturno, Sofia che vuole scappare in Spagna e forse non lo farà. »

di Alberto Crespi L'Unità

Secondo film da regista di Ascanio Celestini, più corale ma anche più frammentario e meno convincente del precedente «La pecora nera». È tutto girato in un quartiere romano a Celestini molto caro, Il Quadraro. Piccole storie di periferia, che diventano "grandi quando incontrano sulla propria strada la violenza. Presentato a Venezia, ha suscitato irresponsabili proteste da parte di un sindacato di polizia (nel finale si allude alla morte di Stefano Cuochi). Dal coro di attori emerge Sasà Striano, il Bruto di «Cesare deve morire». »

Quelle anime perdute nei bar di Periferia

di Antonello Catacchio Il Manifesto

Imprevedibile Ascanio Celestini. Quando ha presentato alle Giomate degli autori, a Venezia, il suo nuovo film, Viva la sposa, Stefano Disegni ha fumettato su di lui dicendo di amarlo quando fa teatro. Come dire che il cinema rimane estraneo al nostro. Eppure Ascanio intriga quando nei panni del protagonista Nicola è sempre attaccato alla bottiglia, fingendo di smettere. E intomo a lui ruota un'umanità dolente, non domata. C'è Salvatore e sua mamma Anna, prostituta da sempre e ribelle da poco, c'è Sabatino che simula incidenti per truffare le assicurazioni, roba minima, poi però succede anche il fattaccio, c'è anche Concellino che vuole ambiziosamente seguire la carriera di truffatore, c'è Sofia che la mamma di Nicola avrebbe voluto come nuora, ma lei è sempre in procinto di partire, solo con la fantasia. »

di Anna Maria Pasetti Il Fatto Quotidiano

Riesumatore per eccellenza del cine-romanzo gotico Vittoriano accanto a Tim Burton è lo "specialista" Guillermo del Toro, atteso con la sua nuova fatica Crimson Peak, straordinaria agli occhi per scenografìe/costumi/effetti ma anche per un triangolo di star bellissime e in perfetta sintonia. La storia è quella della giovane amerìcana Edith, aspirante scrittrice d'horror, che s'innamora ricambiata del fascinoso baronetto inglese Thomas. Peccato questi abbia una sorella ambigua e misteriosa che una volta arrivati nel maniero in Inghilterra farà di tutto per inquietare la cognatina. »

Viva la sposa | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | no_data
  2° | flyanto
Link esterni
Uscita nelle sale
giovedì 22 ottobre 2015
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità