Savage Grace

Un film di Tom Kalin. Con Julianne Moore, Eddie Redmayne, Stephen Dillane, Elena Anaya, Unax Ugalde.
continua»
Drammatico, durata 93 min. - Francia, USA, Spagna 2007. - Bim Distribuzione uscita venerdì 20 giugno 2008. MYMONETRO Savage Grace * * 1/2 - - valutazione media: 2,53 su 27 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato nì!
2,53/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * 1/2 - -
 critica * 1/2 - - -
 pubblico * * - - -
Le grandi ambizioni sociali dei Baekeland e la loro scintillante "bella vita" prima della loro tragica caduta dagli anni '40 agli anni '70.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Una Julianne Moore magistrale nel ruolo di una madre morbosa e tormentata
Giancarlo Zappoli     * * * - -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING

Barbara Daly era una modella e aspirante starlette quando sposò Brooks Beakeland, nipote di Leo l'industriale che aveva fatto fortuna con la bakelite. Il film ce la fa incontrare a New York nel 1946 poco dopo la nascita del suo unico figlio Anthony. Barbara è una parvenu nel mondo dei ricchi e non perde occasione per aumentare la sensazione di eccentricità sia che si trovi in incontri mondani sia nel privato in cui a periodi di euforia si alternano profonde depressioni. Anthony cresce con un padre distante e attratto dalle sue prime amichette e con una madre morbosamente attaccata a lui e decisamente propensa alla sperimentazione in campo sessuale. Messa di fronte all'evidenza dell'omosessualità del figlio Barbara farà di tutto per 'recuperarlo' giungendo fino al rapporto sessuale. Il finale tragico è alle porte.
Solo un'attrice come Julianne Moore poteva dare corpo con credibilità a un personaggio complesso come quello di Barbara Daly e solo un regista come Tom Kalin (interessato all'omosessualità sin dal suo film d'esordio Swoon) poteva offrire a un attore estremamente dotato per portare sullo schermo figure di adolescenti tormentati come Eddie Redmayne (Symbiosis - Uniti per la morte) l'occasione di un ruolo così sfaccettato.
È Anthony il narratore, vittima e poi carnefice, sin dalle prime battute del film. Quelle cioè in cui vediamo una madre amorevole che tiene in braccio il proprio figlio neonato. Le origini del male risiedono lì ma non sono semplicisticamente individuabili nel classico legame simbiotico madre-figlio che letteratura e cinema ci hanno raccontato migliaia di volte. Qui c'è di più e di peggio. Barbara è una donna che cerca disperatamente un proprio ruolo, una donna che vorrebbe essere accettata nell'alta società che frequenta per merito del consorte e che, vistasi inadeguata, sceglie la via della provocazione. In queste sei stazioni che marcano gli spostamenti in luoghi diversi Kalin ci mostra quanto distruttiva possa divenire una figura materna. Perché Barbara, mentre adotta atteggiamenti sempre più trasgressivi sul piano sessuale (infilandosi nel letto del figlio e del suo compagno del momento), di fatto cerca disperatamente la Norma. Grazie a un contraddittorio rimescolamento di valutazioni nel momento in cui si offre sessualmente al figlio lo fa pensando di poterlo ricondurre nell'alveo della 'normalità' risvegliando in lui l'eterosessualità.
Per un personaggio così disturbato e disturbante erano indispensabili i sorrisi tesi, il bon ton di facciata, i gesti della quotidianità che cercano di celare il tormento interiore. Per tutto questo era indispensabile Julianne Moore che sa suggerire con una risata il malessere del vivere.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
SAVAGE GRACE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
* * * * -

Toccante

mercoledì 29 aprile 2009 di Mary22

Anche se la storia è tagliata un pò troppo grossolanamente..il dramma del figlio con un attore ESPRESSIVAMENTE PERFETTO è reso in modo vibrante e mai lo svolgimento presenta un carattere decisamente volgare ma piuttosto dolorosamente distruttivo..decadente..in cui si taglia a fette la nebbia del fallimento e dell'impotenza esistenziale.La scena del collare perso e di un cane che non si è mai visto ma che si sa morto fa pensare a una infanzia mai vissuta perchè castrata e alla sua fuoriuscita in continua »

* * - - -

Solo per julianne moore

lunedì 1 ottobre 2012 di paride86

Il film racconta la storia (parziale) di Tony, rampollo dell'alta società industriale, figlio di un ereditiere e di un'aspirante attrice. Il ritratto psicologico del ragazzo è superficiale e la storia in sé è sviluppata e narrata in maniera a tratti sconnessa e disturbante. Il vero motivo per vedere questo film è Julianne Moore: la sua Barbara è ribelle, istrionica, autodistruttiva, incestuosa e, ovviamente, bellissima. continua »

* * * - -

Un amore soffocante

martedì 12 ottobre 2010 di Framenne

Barbara una madre alquanto bizzarra che soffoca il proprio figlio e anche il proprio marito con la troppa attenzione ricercata. Spinge cosi negli anni a farsi abbandonare dal marito e a crescere un figlio che non sa come vivere la propria vita e sessualita'. Una storia vera, che ha dei risvolti grotteschi e decisamente macabri, come molte delle scene di sesso. Ottima la recitazione della Moore e anche del figlio.  continua »

Antony Baekeland
Mio nonno Leo una volta disse:"Uno dei vantaggi dei soldi è che ci permettono di non dover convivere con le conseguenze dei nostri errori"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Antony (Eddie Redmayne)
Occuparmi della mamma è la mia eredità.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase

Madre e figlio, l'erotismo mortale di un'ossessione

di Cristina Piccino Il Manifesto

Povera ma ossessionata dalla ricchezza, una famiglia disastrata col padre suicida e il fratello che muore misteriosamente, Barbara Daly, bostoniana, è per lo più considerata un'arramipicatrice sociale. Sposa infatti l'erede dei Baekeland, col suo impero pure se vacillante (lei però non lo sa ...) della plastica, i due viaggiano, New York, Parigi, Londra, Cadaquès, con loro l'unico figlio, Tony... Quasi trent'anni di storia, dal 46, anno in cui nasce il ragazzo, al 72, quando Barbara Daly muore, anche se la saga dei Baekeland copre in pratica un secolo tra ambienti, suggestioni, realtà molto diverse . »

Soldi, sesso e superficialità

di Piera Detassis Panorama

Disturbante, con un finale inatteso (per chi non conosce la storia vera da cui è tratto), Savage Grace è raccontato con un gelo stilistico che si traduce in un sottile tedio, la parola più spesso usata dai privilegiati protagonisti. La storia, tratta dal bel libro di Natalie Robins e Steven Aronson, potrebbe appartenere al repertorio di Francis Scott Fitzgerald. Brooks, svuotato erede dell’inventore della bachelite, è sposato con Barbara, donna libera e instabile, tutta pose, provocazioni e arrivismo sociale. »

Storie gay, per chi non ama il glamour di Almodovar

di Davide Turrini Liberazione

Spulciando tra gli scampoli di fine stagione. Savage grace , distribuito oggi dalla Bim anche se il film è stato presentato alla Quinzaine di Cannes 2007, è film algido, decadente, debitore di alcune umane e cinematografiche suggestioni incestuose che furono. New York 1946, dinastia industriale dei Baekeland. Brooks (Stephen Dillan) figlio di Leo, che inventò la bachelite, è sposato con Barbara (Julienne Moore) e si gode la fortuna lasciatagli dal genitore. Le scarne stanze di una casa da ricchi poco "abitata" accolgono coniugi, pargoletto bianco color latte appena nato e una chiara instabilità postmatrimoniale. »

Drammi e incesti inutili e patinati

di Francesco Alò Il Messaggero

La cronaca nera mette l'abito da sera per Savage Grace, dramma in sei atti che racconta la storia vera della famiglia Baekeland dal 1946 al 1972. Lui è un uomo senza qualità figlio di magnati della plastica, lei (Julianne Moore) una frivola arrampicatrice sociale col vizio della battuta ad effetto. Tra un party e l'altro volando tra New York, Parigi, Cadaqués, Palma di Maiorca e Londra, assisteremo alla lenta decadenza della famiglia: lui scappa con una ragazza latina e lei diventa si attacca sempre più morbosamente al figlio problematico, che ha scritto in faccia il destino dalla prima inquadratura. »

Savage Grace | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 20 giugno 2008
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 6 settembre
I puffi - Viaggio nella foresta s...
venerdì 1 settembre
King Arthur - Il potere della spada
mercoledì 23 agosto
Fast & Furious 8
mercoledì 26 luglio
Slam - Tutto per una ragazza
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità