Senza destino

Acquista su Ibs.it   Dvd Senza destino  
Un film di Lájos Koltai. Con Marcel Nagy, Miklós B. Székely, Zoltán Bezerédy, Péter Vall Titolo originale Sorstalanság-Fateless. Drammatico, durata 130 min. - Ungheria, Germania, Gran Bretagna 2005. uscita venerdì 27 gennaio 2006. MYMONETRO Senza destino * * * - - valutazione media: 3,42 su 30 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,42/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * - - -
 critica * * * - -
 pubblico * * * * -
Trailer Senza destino
Il film: Senza destino
Uscita: venerdì 27 gennaio 2006
Anno produzione: 2005
   
   
Da un libro del premio Nobel Imre Kertész, scrittore ungherese ebreo sopravvissuto ai campi di concentramento, la storia di Gyuri Koves, 14enne alle prese con la tragedia dell'Olocausto.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Trama significativa per una messa in scena un po' retorica
Francesca Felletti     * * - - -

È difficile criticare un film che tratta il tema dell'Olocausto. Ed è ancora più difficile farlo dal Festival di Berlino, in una città dove ancora esistono i fantasmi di quella tragedia.
Il film di Lajos Koltai, direttore della fotografia di István Szabó, si basa sul romanzo autobiografico di Imre Kertész. Racconta la prigionia dello scrittore ungherese ebreo deportato, da bambino, nei campi di concentramento di Auschwitz e Buchenwald. Quella che era un'infanzia felice e spensierata si trasforma presto in una maturità dolorosa, vissuta in un vortice di crudeltà e degenerazione. Trama significativa, senza dubbio. Ma la messa in scena porta con sé tutta la retorica di quello che, ormai, è un genere cinematografico. Fotografia che progressivamente vira dal colore al bianco e nero, mano a mano che la "Vita" si allontana. Antologia completa delle efferatezze compiute dai nazisti sui prigionieri, con la violenza di un dettaglio sul ginocchio infetto del ragazzino da cui escono i vermi.
La parte finale, quella del ritorno in patria, è la più interessante, peccato che arrivi dopo oltre due ore.
La memoria è importante ma l'arte richiede anche estro, intelligenza, comunicatività.

Premi e nomination Senza destino MYmovies
il MORANDINI
Incassi Senza destino
Primo Weekend Italia: € 61.000
Sei d'accordo con la recensione di Francesca Felletti?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
31%
No
69%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * * * -

Bellissimo

lunedì 30 gennaio 2006 di Daniele

Il film trovo che sia una grande suggezione sia di immagini assolutamente innovative, non a caso il regista è un direttore della fotografia, sia del colore qusi sempre usato il seppia con il bianco e nero. Questa scelta la reputo ottima proprio per dar maggior risalto al vuoto delle emozioni delle persone che hanno vissuto quell'esperienza e per dar maggior risalto ad un epoca che di colore ne aveva ben poco. Altra cosa che ho trovato positiva, l'aver sottolineato in minor modo possibile le efferatezze continua »

* * * * *

Bellissimo e commuovente...

venerdì 10 febbraio 2012 di Lella Sabadini

Uno dei migliori fra i molti film che ho visto sull'argomento. La fotografia naturalmente è uno dei fattori che contribuiscono all'atmosfera nel passaggio dal colore a un bianco e nero che contribuisce a rendere meno crude certe scene ma nello stesso tempo sottolinea lo stato d'animo dei detenuti e degli spettatori man mano che la vicenda si dipana. E' uno dei rari film in cui si insiste sul ripetersi delle giornate sempre uguali scandite dalla sveglia, dalla magra colazione e dal lavoro continua »

* * * * -

Il significato vero della dignità umana!

venerdì 29 settembre 2006 di Cris

Drammatico e crudele,questo documentario rigorosamente realistico rappresenta un ricordo vero ed autentico del orrore, allo stato puro,dell'Olocausto.Capisco chi dice che scrivere una critica su una tragedia di questa portata può risultare alquanto difficile perchè si valorizza il tecnico di un film creato invece per costituire unicamente una testimonianza storica di natura riflessiva,ma trattare con una certa superficialità un lavoro di questo genere significa limitarsi unicamente ad una visione continua »

Jyurko
"L'inferno non esiste. I lagher, sì."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

di Lietta Tornabuoni L'Espresso

Film puro e semplice, sobrio e profondo, privo di enfasi e di patetismi, Fateless - Senza destino, primo film diretto da Lajos Koltai, racconta di un ragazzino quattordicenne ungherese ebreo deportato nel 1944 ad Auschwitz.. ragazzino (che ha la faccia smunta, struggente e bellissima di Marcell Nagy) cerca di salvarsi dall’atrocità con l’obbedienza agli ordini e il rispetto delle regole dementi del lager; con la forza fisica e la leggerezza dell’età. Però quando, scampato alla morte, si ritrova a camminare per le vie di Budapest, è un’altra persona: il ragazzo obbediente all’orrore si è trasformato in un vecchio quindicenne, sfiduciato e senza futuro. »

di Titta Fiore Il Mattino

Dopo aver rifiutato per anni di portare sullo schermo il suo romanzo autobiografico sull'Olocausto, «Fateless», lo scrittore premio Nobel Imre Kertész, sopravvissuto agli orrori di Auschwitz e di Buchenwald, ha accettato di ridurlo in sceneggiatura per l'esordio nella regia del celebrato direttore della fotografia Lajos Koltai. «L'ho fatto perché il lavoro di uno sceneggiatore professionista non mi convinceva», dice, «volevo che il racconto della vita nel campo di concentramento fosse come lo ricordavo: modesto, discreto, realistico. »

di Antonello Catacchio Il Manifesto

Per moltissimi anni Imre Kertész, lo scrittore ungherese premiato con il Nobel per la letteratura, si era rifiutato di cedere i diritti di trasposizione del suo romanzo più famoso: Essere senza destino. Non si trattava solo di attaccamento a una propria creatura. Quel romanzo scaturiva dalle viscere, era il racconto autobiografico della sua storia. La storia di un giovane ragazzino di Budapest, quindicenne, ebreo che vede deportare nei campi di lavoro, che poi diventano di sterminio, molti dei suoi parenti. »

di Raffaella Giancristofaro Film Tv

In Ungheria, dal 1939 al 1944, le leggi razziali hitleriane limitano progressivamente le libertà dei cittadini ebrei, fino alla deportazione nei campi di concentramento. A Budapest il ragazzino Gyuri assiste prima alla partenza del padre e dopo poco gli tocca la stessa sorte. Con la differenza che Gyuri tornerà a casa. Tratto dal libro del premio Nobel ungherese lmre Kertész Essere senza destino (Adelphi), un film che rinnova la questione della rappresentabilità dell’orrore della Shoah, che va dal carrello di Kapò alle divise scintillanti dei nazisti e al cappottino rosso della bambina di Schindler’s List. »

Senza destino | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 27 gennaio 2006
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità