Dizionari del cinema
Periodici (1)
Miscellanea (5)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
venerd 27 aprile 2018

Brigitte Bardot

B.B., la ragazza del peccato

83 anni, 28 Settembre 1934 (Bilancia), Parigi (Francia)
Brigitte Bardot
David di Donatello 1961
Premio miglior attrice straniera per il film La verit di Henri-Georges Clouzot

David di Donatello 1961
Nomination miglior attrice straniera per il film La verit di Henri-Georges Clouzot



ONDA&FUORIONDA di Pino Farinotti.

Brigitte: leggenda di ottant'anni

sabato 13 settembre 2014 - Pino Farinotti cinemanews

Brigitte: leggenda di ottant'anni La Francia si prepara al giubileo di Brigitte Bardot, la "francese" per eccellenza. Il 28 settembre compir ottant'anni. Brigitte tutto. Ne ha avuto il tempo, il corpo, le occasioni, l'intelligenza. e ha fatto tutto. Tanto che non possibile, in questa sede offrire un'istantanea generale. Occorrono delle scelte. "Tutto" significa modello, simbolo, mito, Paese. Amata da tanti, in tutti i sensi. Riconosciuta da tutti, di tutti i target. Ispirazione di artisti e scrittori di vertice. Chiacchierata per scelte politicamente poco corrette e per ogni tipo di scandalo. Ma lei ha sorpassato tutto. E senza neppure trattenere la sua bellezza frequentando questo o quel chirurgo. Brigitte adesso una bellissima vecchia. un'ottantenne. Per contro-analogia mi viene in mente una sua coetanea Sophia (alla quale MYmovies.it dedica una rassegna in streaming dei suoi film indimenticabili su MYMOVIESLIVE!), che diventer ottuagenaria otto giorni prima di Brigitte. Ebbene la Loren continua a tenere le copertine, con ampio decollet, e davvero tiene schiacciata la sua vera et.

   

Auguri a Brigitte Bardot!

E Dio cre B.B.

luned 28 settembre 2009 - Michelangelo Salvioni cinemanews

E Dio cre B.B. Esistono persone eccezionali che grazie a particolari condizioni storiche e sociali si trasformano in personaggi pronti a vivere di vita propria nellimmaginario di milioni di persone. Brigitte Bardot compie settantacinque anni: il mito di B.B. non ha et.
B.B. ha rinunciato a calcare le scene quando era ancora giovane, come Greta Garbo, ma se lattrice svedese era definita La divina, Brigitte ha incarnato un altro modello femminile, specchio e al tempo stesso modello per lEuropa degli anni cinquanta e sessanta.
La Bardot era sensualit terrena, semplice, diretta e senza fronzoli. Il corpo minuto e il viso dalle labbra imbronciate incorniciato da una chioma bionda e ribelle suggerivano lidea di una ragazza libera dai condizionamenti dettati dalle sovrastrutture sociali. Una giovane donna un po selvaggia che agiva secondo il proprio istinto senza curarsi del giudizio del prossimo. Lapparente ingenuit della Bardot, forse anche pi della sua bellezza, fu la ragione del suo successo. Una ragazza che cammina a piedi nudi saltando dalle storie di celluloide ai sogni degli uomini. Una carica erotica inconsapevole e libera, quanto di pi distante dalle bellezze artefatte e maliziosamente seducenti. A differenza di altri grandi miti (Monroe, Loren, Lollobrigida) la Bardot possedeva una fresca impertinenza da monella costretta in un corpo piccolo e sinuoso. Una donna-bambina che con la sua aria da adolescente aumentava la distanza tra s e gli uomini, accrescendone proporzionalmente il desiderio. Lolita, frutto acerbo, bramosia inconfessata e inconfessabile
Dopo alcune prime esperienze nel mondo del cinema il marito attore e regista Roger Vadim crea il personaggio che diventer mito con Et Dieu cra la femme del 1956, film che consacr limmagine dellattrice come tutti ora la ricordano. Poco importa indagare quanto Brigitte Bardot fosse genuina e quanto fosse raccontata dai film e dai produttori. Il cinema trasfigura e concentra rendendo inscindibili realt e finzione. Erano anni in cui limmaginario popolare si alimentava soprattutto con il cinematografo e le riviste.
Seguiranno varie produzioni, tra melodrammi e commedie creati su misura per alimentare il mito B.B., in linea con i film di Vadim. Nel 1960 gira La verit di Henri-Georges Clouzot, dramma ben costruito che vincer loscar come miglior film straniero. Partecipa anche a film di registi di nome: Vita privata di Louis Malle del 1961, Il disprezzo di Godard del 1963, Il maschio e la femmina (1966) sempre di Godard e Tre passi nel delirio (1968) nellepisodio di Malle.

Il disprezzo

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,69)
Un film di Jean-Luc Godard. Con Brigitte Bardot, Michel Piccoli, Jack Palance, Fritz Lang, Giorgia Moll.
continua»

Genere Drammatico, - Francia 1963. Uscita 06/02/2017.

A ciascuno il suo cinema

* * * - -
(mymonetro: 3,00)
Un film di Bille August, David Cronenberg, Claude Lelouch, Jane Campion, Michael Cimino, Lars von Trier, Olivier Assayas, Wim Wenders, Manoel de Oliveira, Joel Coen, Atom Egoyan, Abbas Kiarostami, Raoul Ruiz, Gus Van Sant, Takeshi Kitano, Nanni Moretti, Zhang Yimou, Roman Polanski, Youssef Chahine, Ken Loach, Ethan Coen, Theodoros Angelopoulos, Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne, Amos Gitai, Walter Salles, Alejandro Gonzlez Irritu, Aki Kaurismki, Elia Suleiman, Raymond Depardon, Andrey Konchalovskiy, Wong Kar-wai, Chen Kaige, Hou Hsiao-Hsien, Tsai Ming-liang. Con Isabelle Adjani, Anouk Aime, Josh Brolin, Jean Cocteau, David Cronenberg.
continua»

Genere Documentario, - Francia 2007. Uscita 14/05/2012.

Tre passi nel delirio

* * * - -
(mymonetro: 3,13)
Un film di Roger Vadim, Louis Malle, Federico Fellini. Con Brigitte Bardot, Jane Fonda, Alain Delon, Peter Fonda, Terence Stamp.
continua»

Genere Horror, - Italia, Francia 1967.

Il maschio e la femmina

* * * - -
(mymonetro: 3,17)
Un film di Jean-Luc Godard. Con Brigitte Bardot, Franoise Hardy, Jean-Pierre Laud, Chantal Goya, Eva Britt, Antoine Bourseiller.
continua»

Genere Drammatico, - Francia, Svezia 1966.

Il riposo del guerriero

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,50)
Un film di Roger Vadim. Con Brigitte Bardot, Robert Hossein, Macha Mril, Jacqueline Porel, James Robertson Justice.
continua»

Genere Drammatico, - Francia 1962.
Filmografia di Brigitte Bardot »

marted 17 aprile 2018 - Silvana Giacobini l'autrice di un romanzo che approfondisce la vita, la carriera e gli amori di Sordi.

Albertone, romano di Trastevere, americano a Roma

Pino Farinotti cinemanews

Albertone, romano di Trastevere, americano a Roma Per cominciare l'autore: Silvana Giacobini. Nome e volto popolare. Storia importante e completa. Le categorie: opinionista in tiv di programmi leggeri; direttrice di magazine da milioni di copie (Gioia, Chi, Diva e donna, fra gli altri) dunque amatissima dagli editori; editorialista del sociale e della cultura; autrice di romanzi di spessore, da cui sono stati tratti film; biografie che fanno testo. L'azione di Giacobini pu dunque essere definita in una sintesi: attitudine alla scrittura, alla divulgazione e al marketing. Al livello pi alto. Sono pochi i talenti cos completi. Con qualcosa in pi che non guasta, lo charme personale. Francesco Alberoni, scrittore e sociologo del mondo, l'ha voluta come relatrice alla presentazione della sua biografia, un'apertura di fiducia importante, significa cultura, la pi alta. in quell'occasione, all'Umanitaria di Milano, che Silvana mi ha dato il suo libro "Albertone: Alberto Sordi, una leggenda italiana". Il metodo: scontato che Giacobini conosca il mondo, donne e uomini di tutti i campi. normale che una Sophia Loren si fidi di lei e le confessi cose magari sconosciute. Ma Silvana quella che chiama Hillary Clinton alla Casa Bianca e la first lady - o Segretario di Stato - accetta di incontrarla e le due si confrontano come donne e come mamme, e Hillary pu davvero essere "vista da vicino", secondo il titolo del libro. Alberto Sordi (1920-2003) ha fatto 61 anni di cinema, ha fatto tutto, notorio. La percezione-Sordi ben presente nella memoria di tutti, inutile dilungarsi: l'italiano buono per tutti i ruoli, tutti i sentimenti, tutti i sorrisi e, all'interno della sua azione, con momenti di roba molto seria. Costretto all'essenziale per la solita ragione di spazio, per il racconto del libro, parto dal capitolo 13, "Sonego l'uomo del destino" privilegiando un titolo, Una vita difficile, in cui lo sceneggiatore, e l'attore, raccontano la guerra e il dopoguerra, con quelle sequenze indimenticabili: Sordi partigiano, poi giornalista, rigorosamente comunista, coinvolto il quel 2/6/1946, data del referendum, con quella cena a casa dei principi sconvolti per la vittoria della repubblica; e poi l'attentato a Togliatti, le elezioni del 18 aprile del '48 con l'Italia in bilico fra l'alleanza atlantica e il patto di Varsavia.

Sonego e Sordi facevano capire la storia italiana meglio dei libri, delle accademie e degli editoriali. Altra sintesi: il racconto degli amori di Alberto sorprendente, perch si scontra con l'idea popolare dell'uomo racchiuso nel rapporto famigliare, che vedeva nelle donne un pericolo, per la sua libert e per il patrimonio. Il libro lo presenta come un grande seduttore. Giacobini, capillare, approfondisce. Solo due richiami esemplari, decisamente diversi. Frequent l'ereditiera Frances De Villers Brokaw. La scrittrice racconta "Se l'avesse sposata sarebbe diventato cognato di Jane Fonda e "genero" del grande Henry... Della famiglia della presunta nuova fidanzata facevano infatti parte Roger Vadim, ma anche Brigitte Bardot che il regista spos prima appunto di Jane, da cui ebbe Vanessa, e ancora Catherine Deneuve da cui Vadim ebbe Christian. Catherine divenne anche madre di Chiara, figlia di Marcello Mastroianni... Per non menzionare, come facente parte della famiglia allargata, anche Ernest Hemingway, amato da una delle mogli di Henry Fonda, l'italiana Afdera Franchetti". Certo, singolare immaginare un trasteverino al centro di intrecci amorosi cos... cosmopoliti. Ma tant'.
Ma il vero amore, la donna che Alberto, forse, avrebbe sposato, stata Andreina Pagnani. Grande attrice di matrice teatrale, era pi grande di Alberto di 14 anni e non improprio dire che la Pagnani non era una Loren, e neppure una Pampanini ma era "...una bellezza antica, e il ricordo di Andreina si affaccer prepotente nella mente di Alberto ogni volta che sarebbe stato in procinto di chiedere la mano alle giovani donne che incrociava sulla sua strada. E tutte perdevano al confronto". Nella biografia, come detto, passano tutti e tutto, e un capitolo non poteva non riguardare "Quel pasticciaccio dell'eredit". Ma chiudo con un doppio finale, del libro e del protagonista: "Dotato di fede semplice, Alberto Sordi aveva interpretato la miseria e la nobilt dell'animo umano, disse il Cardinale Ruini, mentre in aria volteggiava lo striscione con la scritta 'Ieri un americano a Roma, oggi un romano in Cielo". Era il 24 febbraio del 2003.

   

Altre news e collegamenti a Brigitte Bardot »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità