•  
  •  
Apri le opzioni

Marty Feldman

Marty Feldman. Data di nascita 8 luglio 1933 a Londra (Gran Bretagna) ed è morto il 2 dicembre 1982 all'età di 49 anni a Città del Messico (Messico).

Il volto indimenticabile di Hollywood

A cura di Francesca Pellegrini

"Your face is your luck" : "la tua faccia è la tua fortuna"! Non c'è proverbio al mondo che meglio potrebbe calzare a questo ineguagliabile personaggio.
Marty Feldman verrà ricordato non solo per aver fatto del suo inconfondibile volto un marchio di fabbrica, ma per essere stato uno dei più grandi comici britannici di tutti i tempi. Attore, regista, sceneggiatore e commediografo: il divo, deve la sua bizzarra e formidabile fisionomia ad un mix di eventi. Il grosso naso, è la conseguenza di un pugno ricevuto in gioventù. I suoi occhi invece, sono il risultato combinato di problemi di iperattività tiroidea, e di un'operazione subita in seguito ad un incidente stradale, avvenuto prima dei 30 anni.
Marty nasce nell'East End di Londra nel 1933, da una modesta famiglia ebrea: il padre lavora come sarto. Studente svogliato, il giovane, lascia la scuola all'età di quindici anni, per dedicarsi al sogno di diventare un trombettista jazz. Qualche tempo dopo, il ragazzo si rende conto della sua passione per la settima arte. Inizia cosi a studiare teatro e a recitare in alcune commedie, traendo ispirazione dai suoi idoli: Buster Keaton e i fratelli Marx. Influenzato dalla comicità di quest'ultimi, Feldman, forma un trio chiamato "Morris, Marty & Mitch" in cui presto spicca per il sue attitudini , ottenendo i primi ingaggi.
Dal 1954, il comico stila sceneggiature per le sit-com inglesi e ben presto, diviene una star radiofonica, grazie all'ideazione e alla conduzione di spassosissimi programmi. Il successo delle sue produzioni lo portano ad essere l'ideatore principale di numerosi show televisivi; i suoi spettacoli sono i più visiti del Regno Unito.
Nel 1961, ossia a 28 anni, Marty comincia a soffrire di problemi di natura tiroidea, che avranno evidenti effetti sull'apparato oculare, che subisce gravi modificazioni. Quella che inizialmente sembra una sfortuna, lo renderà invece un'icona! Feldman non si abbatte ed inizia a lavorare per la celeberrima rete televisiva BBC: la popolarità dell'attore ora si espande anche negli Stati Uniti. La BBC poi, lo incarica di realizzare serie tv che lo vedano protagonista come At Last the 1948 Show del 1967 e Marty dell'anno successivo.
Diventato ormai una stella della tv, l'attore nel 1974, ottiene la consacrazione anche nel mondo del cinema grazie al ruolo dell'irresistibile ed inquietante Igor, nella scatenata parodia cinematografica più famosa di tutti i tempi: Frankenstein Junior, opera diretta da Mel Brooks ed interpretata da Gene Wilder.
Investito da un'enorme popolarità, Feldman, recita nuovamente accanto a Wilder ne Il Fratello più Furbo di Sherlock Holmes. E nel 1976, verrà ancora una volta scritturato da Mr. Brooks ne L'ultima follia di Mel Brooks.
Durante la lavorazione della pellicola Barbagialla il Terrore dei Sette Mari e Mezzo, Feldman quarantanovenne, viene colto da un attacco di cuore. Pochi giorni dopo, il 2 dicembre del 1982, il divo si spegne nella sua stanza d'albergo a Città del Messico. La moglie Lauretta Sullivan, sposata nel gennaio 1959, gli restò accanto fino alla sua morte.
Una settimana prima di morire, Marty dichiarò in un'intervista: "Sono troppo vecchio per morire giovane, e troppo giovane per crescere". La fisicità, l'animo e l'incredibile talento di questo inimitabile comico, rimarranno per sempre nel firmamento di Hollywood. Oggi Marty Feldman, riposa al famoso cimitero di Forest Lawn, a Los Angeles, accanto al suo idolo, Buster Keaton.

Ultimi film

Commedia, (USA - 1980), 97 min.
Comico, (USA - 1974), 106 min.

Focus

APPROFONDIMENTI
martedì 1 febbraio 2011
Rudy Salvagnini

L'orrore è un genere che spesso ama gli eccessi e, dove c'è l'esagerazione, c'è inevitabilmente la parodia. Inoltre, è fisiologico nell'horror spingere al massimo la soglia dell'incredibile richiedendo agli spettatori una altrettanto massima sospensione dell'incredulità. In questo modo, le storie si popolano di fatti poco realistici e anche poco credibili, ma mantengono intatte le loro capacità visionarie, metaforiche e soprattutto di intrattenimento

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati