Orlando, My Political Biography

Film 2023 | Documentario, +13 98 min.

Titolo originaleOrlando, ma biographie politique
Anno2023
GenereDocumentario,
ProduzioneFrancia
Durata98 minuti
Al cinema2 sale cinematografiche
Regia diPaul B. Preciado
AttoriAmir Baylly, Naëlle Dariya, Clara Deshayes, Frédéric Pierrot, Paul B. Preciado .
Uscitagiovedì 28 marzo 2024
TagDa vedere 2023
DistribuzioneFandango
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,42 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Paul B. Preciado. Un film Da vedere 2023 con Amir Baylly, Naëlle Dariya, Clara Deshayes, Frédéric Pierrot, Paul B. Preciado. Titolo originale: Orlando, ma biographie politique. Genere Documentario, - Francia, 2023, durata 98 minuti. Uscita cinema giovedì 28 marzo 2024 distribuito da Fandango. Oggi tra i film al cinema in 2 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,42 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Orlando, My Political Biography tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento lunedì 25 marzo 2024

Partendo dal ritratto che ne fece Virginia Woolf, il regista si chiede chi siano gli Orlando contemporanei.

Consigliato sì!
3,42/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,25
PUBBLICO 4,00
CONSIGLIATO SÌ
Una lettera corale a Virginia Woolf da parte di tutti gli Orlando per riflettere sulle metamorfosi contemporanee con umanità.
Recensione di Claudia Catalli
domenica 26 febbraio 2023
Recensione di Claudia Catalli
domenica 26 febbraio 2023

Quando un filosofo attivista trans come Paul B. Preciado esordisce dietro la macchina da presa non può che farlo esplorando le aporie della nostra contemporaneità, andando a rintracciarne la radici nella letteratura. Aporie che riguardano l'identità, la fluidità, la scrittura di una biografia che nel suo essere assolutamente personale diventa collettiva. La storia di un Orlando è la storia di tutti e merita rispetto, accoglienza e ascolto da parte di tutti: questo dice chiaramente a chi guarda questo documentario.

Lo scrittore esordisce raccontando che non ha mai scritto una biografia, perché Virginia Woolf l'ha già scritta per lui con il suo Orlando.

Prosegue sottolineando le profonde divergenze, su tutte il doloroso processo di transizione (non basta certo dormire per svegliarsi con un altro sesso) e la complessità intima quanto politica di essere trans oggi: "Essere trans è molto più difficile: rischiamo la vita ogni giorno".

Per fortuna il mondo contemporaneo è pieno di Orlando che stanno cambiando la storia: Preciado ne interpella alcuni (venticinque, scelti su un casting di cento), di sesso ed età diverse, scrivendo così la sua lettera corale post mortem a Virginia Woolf e mettendo in scena una galleria di testimoni, tra persone non binarie e trans. Mostra come tutti gli Orlando abbiano una storia uguale e diversa, in cui alcuni passaggi ritornano e il filo rosso è sempre la considerazione della vita non come mera concatenazione di fatti biografici, ma come continua metamorfosi.

Dichiaratamente ispirato ai lavori di Godard, come di Pasolini, il documentario si rivela un'interessante riflessione sulle metamorfosi contemporanee, narrate da una prospettiva individuale e collettiva al tempo stesso. Sono i corpi a raccontarsi, e a soffermarsi ora sulla violenza della burocrazia che tarpa le ali ("Bisogna attendere una carta che ci dica chi siamo"), ora sui dolorosi passaggi obbligati, dalla psichiatria alla sala operatoria.

Ancora oggi, insiste Preciado, si parla di questione di genere attraverso la lente del pregiudizio, oppure della medicalizzazione. Tuttavia il filosofo, esperto anche di storia della sessualità (basti pensare ai suoi testi "Manifesto Controsessuale" e "Pornotopia", sugli studi queer, trans e post-genere) si guarda bene dal raccontare questi corpi in transizione con retorica o tono gravoso, riesce a utilizzare l'ironia sottile percettibile anche tra le righe dei suoi libri, persino di "Testo Junkie", incentrato sulla sua stessa transizione di genere.

Questo suo debutto dietro la macchina da presa centra in pieno l'obiettivo: senza la pretesa di impartire lezioni, punta sull'umanità viva dei suoi Orlando per ricordare a chi guarda il diritto imprescindibile di cambiare e di scegliere quale forma e sostanza avere, con una libertà (che dovrebbe essere) inviolabile.

Powered by  
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 30 marzo 2024
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Quella stronza di Virginia Woolf ha scritto la mia biografia nel 1928". Poi il regista Paul Preciado si scusa per aver detto stronza ("in realtà ti ammiro molto e vorrei saper scrivere come te") e spiega che "Orlando" è la biografia di tutti i transgender, passati presenti e futuri. Anche se sono rappresentati come aristocratici dell'Inghilterra coloniale: alla rivendicazione di genere si aggiunge [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 marzo 2024
Ryan Lattanzio
IndieWire

Un documentario sulla formazione dell'identità trans all'ombra del patriarcato, realizzato da un regista esordiente, allievo di Jacques Derrida. Sulla carta potrebbe sembrare un compitino. Ma Orlando. My political biography del filosofo e scrittore spagnolo Paul B. Preciado è molto di più. Si rivela un inno gioioso e giocoso al modo in cui il transgenderismo evidenzia le finzioni, le duplicità e il [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 marzo 2024
Lucrezia Ercolani
Il Manifesto

«Al contrario di quello che credevi, Virginia, Orlando non era solo». Riconoscersi molteplici è la chiave dell'esordio alla regia di Paul B. Preciado, filosofo fondamentale per la teoria queer, da più di vent'anni indagatore delle costruzioni di genere nel loro rapporto con la storia occidentale delle idee. All'interno di questa storia ecco però che la disphoria mundi, forza impersonale e collettiva, [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 marzo 2024
Leonardo Lardieri
Sentieri Selvaggi

Un secolo dopo la pubblicazione di Orlando: una biografia di Virginia Woolf, il regista Paul B. Preciado indirizza una lettera per dirle che il suo personaggio si è avverato: il mondo sta diventando Orlandesco. Preciado riunisce il cast attorno a questa domanda: "Chi sono gli Orlando contemporanei?" 25 persone diverse, tutte trans e non binarie, dagli 8 ai 70 anni, che interpretano il personaggio immaginari [...] Vai alla recensione »

martedì 26 marzo 2024
Ilaria Feole
Film TV

Inutile cercare di scrivere la propria biografia se una gigante della letteratura l'ha già scritta al posto tuo, decenni prima della tua nascita: è ciò che il filosofo e attivista queer Paul B. Preciado pensa riguardo all'Orlando di Virginia Woolf, testo del 1928 il cui eroe/eroina fluttuante tra i secoli e cangiante tra i generi pare al regista il miglior tentativo possibile di raccontare l'esperienza [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
venerdì 8 marzo 2024
 

Regia di Paul B. Preciado. Un film con Amir Baylly, Naëlle Dariya, Clara Deshayes, Frédéric Pierrot, Paul B. Preciado. Da giovedì 28 marzo al cinema. Guarda il trailer »

BERLINALE
domenica 26 febbraio 2023
Claudia Catalli

Il debutto del filosofo attivista Paul B. Preciado ha conquistato il Premio della Giuria nella sezione Encounters. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2024 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati