Due donne al di là della legge

Film 2022 | Drammatico, +13 90 min.

Anno2022
GenereDrammatico,
ProduzioneItalia
Durata90 minuti
Al cinema12 sale cinematografiche
Regia diRaffaele Schettino
AttoriMara Calcagni, Raffaele Schettino, Jean-Paul Denizon, Luisa De Santis, Clara Galante .
Uscitagiovedì 19 maggio 2022
DistribuzioneGroucho Cinema
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,00 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Raffaele Schettino. Un film con Mara Calcagni, Raffaele Schettino, Jean-Paul Denizon, Luisa De Santis, Clara Galante. Genere Drammatico, - Italia, 2022, durata 90 minuti. Uscita cinema giovedì 19 maggio 2022 distribuito da Groucho Cinema. Oggi tra i film al cinema in 12 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,00 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Due donne al di là della legge tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento lunedì 16 maggio 2022

La storia di una famiglia italiana in un tempo passato, ma con una maturità sociale che oltrepassa i tempi attuali. In Italia al Box Office Due donne al di là della legge ha incassato 1,5 mila euro .

Consigliato sì!
3,00/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA
PUBBLICO 4,00
CONSIGLIATO SÌ
Un film fieramente indipendente, dagli intenti genuini ma ondivaghi, che affronta il tema dell'emancipazione femminile.
Recensione di Paola Casella
mercoledì 11 maggio 2022
Recensione di Paola Casella
mercoledì 11 maggio 2022

Anditri, Irpinia, 1919. Donato e Anna De Martino sono una coppia serena che gestisce una fattoria sottratta ai latifondisti e aspetta con ansia un figlio che tarda ad arrivare. Marisa è una giovane donna figlia di padre còrso cresciuta in parte in Corsica, in parte in Sardegna: quando il padre viene ucciso da un'esplosione nella cava dove lavora come spaccapietre Marisa, che ha studiato, viene assunta da Anna per tenere la contabilità della fattoria. Ma presto Donato si innamora della giovane donna e lei di lui, mentre Anna si dispera per il tradimento e per quel figlio tanto desiderato e ancora negato. Forse però sarà possibile creare un'unità famigliare unica, in largo anticipo sui tempi, che soddisferà i desideri di tutti.

Raffaele Schettino scrive (con Domenico del Mastro, dirige, monta, interpreta e produce un film fieramente (e veramente) indipendente che affronta il tema dell'emancipazione femminile tanto difficile da raccontare in Italia.

I suoi intenti sono genuini, ma la realizzazione del film è ondivaga: da un lato Schettino è animato da uno spirito curioso che viaggia fra il melodramma e la sceneggiata, mantenendo una certa ironia e una certa cura nello stile che ricorda (e omaggia) il cinema muto coevo della storia che racconta, descritta da un cartello iniziale come realmente "accaduta nel Sud all'inizio del secolo scorso". C'è un certo gusto compositivo ed estetico, nonché un certo desiderio di sperimentare, nelle inquadrature e nelle tecniche di ripresa, che accomuna Schettino al giocoliere che è il suo Donato De Martino.

Dall'altro lato i dialoghi sono lontanissimi dalla naturalezza e dal modo di esprimersi che possiamo immaginare avessero i contadini dell'epoca e le protagoniste femminili hanno una consapevolezza di genere troppo avanzata per l'epoca (mentre la madre di Donato ragiona davvero come una donna del suo tempo), malgrado la lettura corsara di "Una donna" di Sibilla Aleramo. E Sonja Birgit Berg nel ruolo di Marisa, complice anche la sua scarsa familiarità con la lingua italiana, declama invece di parlare e si esprime in un linguaggio artificioso e innaturale.

È un peccato perché la contestualizzazione iniziale post Prima Guerra Mondiale, con accenni alle campagne per il voto alle donne e alla crescita dell'occupazione femminile, lasciava ben sperare. Lo stratagemma dello Scazzamauriello (una sorta di monaciello locale) cerca di aggiungere un po' di realismo magico ad una storia che mette troppa carne al fuoco, fra grandi proclami e smaccati simbolismi (uno per tutti: l'inquadratura "bergmaniana" di una delle scene finali). Spicca però per luminosità e carisma Mara Calcagni (Anna), che speriamo di vedere in future produzioni.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 19 maggio 2022
Fabio Fulfaro
Sentieri Selvaggi

Un modello di famiglia allargata in un paese dell'Irpinia del 1919. Donato (Raffaele Schettino), la moglie Anna (Mara Calcagni) e l'amante Marisa (Sonja Birgit Berg) decidono di risolvere la matassa dei loro sentimenti convivendo. Sullo sfondo le prime guerre sindacali a tutela dei lavoratori e la lotta per la parità dei diritti delle donne. Raffaele Schettino alla seconda regia dopo Il mondo magico [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
venerdì 29 aprile 2022
 

Un dramma storico dai tratti brillanti e tutto al femminile, basato su una storia vera. Dal 19 maggio al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati