L'uomo dal fiore in bocca

Film 2021 | Drammatico, 103 min.

Anno2021
GenereDrammatico,
ProduzioneItalia
Durata103 minuti
Regia diGabriele Lavia
AttoriGabriele Lavia, Michele Demaria, Rosa Palasciano .
Distribuzione01 Distribution
MYmonetro 4,00 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Gabriele Lavia. Un film con Gabriele Lavia, Michele Demaria, Rosa Palasciano. Genere Drammatico, - Italia, 2021, durata 103 minuti. distribuito da 01 Distribution. - MYmonetro 4,00 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi L'uomo dal fiore in bocca tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento venerdì 28 gennaio 2022

Due personaggi in una notte piovosa d'estate, nella sala d'aspetto di una stazione ferroviaria in Sicilia.

Powered by  
Consigliato assolutamente sì!
4,00/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA
PUBBLICO 5,00
ASSOLUTAMENTE SÌ
Scheda Home
Premi
Cinema
Trailer
Il bel testo di Pirandello è spinto al massimo dal minimalismo del regista che accomoda in una stazione un'interrogazione sulla vita e la morte.
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 2 dicembre 2021
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 2 dicembre 2021

Stazione, interno notte. Due uomini si incontrano e cominciano a conversare. Uno ha perso il treno e attende (im)paziente il prossimo, l'altro ha un male incurabile e attende la morte. In quel breve intervallo, ingolla la vita, ci si aggrappa, osservando scrupolosamente il mondo che lo circonda, cogliendo la realtà nei suoi minimi dettagli. Frammenti e bagliori di esistenza di cui vuole comprendere il senso prima di cedere al sonno eterno. Vuole essere dentro le cose ma forse è già separato dagli uomini. Fuori la pioggia cade copiosa, una donna spera e un treno si arresta.

Un film vince sempre a mostrare un treno. La cinegenia di un treno, soprattutto a vapore, è un'evidenza. Per questo i Lumière hanno cominciato da lì, istintivamente. Per questa ragione Gabriele Lavia comincia il 'suo teatro' da lì, intenzionalmente.

Perché il treno in corsa incarna come al principio del cinema la nascita di un rilievo. Lavia conosce l'importanza del treno al cinema e le funzioni che un autore può attribuirli. È allora quel colosso cieco e sbuffante a schiantare il silenzio e a fare avanzare la storia, aggiungendo il suo stridore al meticoloso (dis)ordine di un uomo sull'orlo della fine. È un treno che cattura l'illusione cinematografica e la sua dimensione ludica ma è soprattutto un treno mentale che porta con sé la tradizione del film ferroviario tramandata da Patrice Chéreau, a cui è legato un altro compartimento di questo vasto convoglio che è il 'film da stazione', quello dei binari eternamente paralleli, delle banchine e dei suoi addii. L'addio di un amante all'amata o l'addio di un uomo alla vita che quando fugge sollecita l'immaginazione.

Comincia allora come un film di Zemeckis L'uomo dal fiore in bocca di Gabriele Lavia ma il teatro attende dietro l'artificio del décor. Una stazione gelata uguale a mille altre ospita una narrazione di meditazione, di viaggio interiore, di vite nude, di uomini soli. Ma ce n'è uno che è più solo di tutti perché la morsa della morte stringe. Benvenuto dunque al trafelato straniero coi suoi venti pacchetti colorati e altrettanti affanni.

Lavia accomoda l'atto unico di Pirandello ("L'uomo dal fiore in bocca") sulle panche di una stazione senza tempo, accomoda un'interrogazione sulla vita e la morte, quella di un uomo che assiste al lento e sicuro declino di sé. Due uomini sulla scena e la morte che rode e prende la forma di una donna che appare come un'ombra al condannato.

È la sposa borghese dell'uomo dal fiore in bocca, a cui resta poco tempo da vivere. Il suo medico gli ha diagnosticato un epitelioma, nascosto sotto il 'suo baffo' come un "bel tubero violaceo" e fatale. Da quando lo ha saputo, l'uomo fugge il suo appartamento e la sua giovane moglie ossessiva e incalzante. Lei vuole stare con lui, lui vuole stare da solo, passare il suo tempo a guardare le vetrine e le persone, di cui ama immaginarsi la vita.

Adesso osserva il suo vicino, un cliente che ha perso il treno per la campagna dove lo attendono le figlie e una consorte esigente. Il 'pacifico avventore' è andato a teatro, ha fatto mille (troppe) commissioni prima di rientrare, ancora ignaro della tragedia di chi gli siede accanto. Un uomo che canta (in siciliano) e gli domanda di raccogliere un ciuffo d'erba una volta a casa, uno grande, lo prega, per contare i fili dei giorni che gli restano. Termina così l'opera di Pirandello, dopo averci sprofondato in abissi di contraddizioni e di ironia, di sentimenti e di riflessioni sulla banalità della vita e il coinvolgimento alla vita.

Il bel testo di Pirandello, cesellato come pietra da Gabriele Lavia e Michele Demaria, scava un'intimità segreta e solitaria. Avvolti nella notte gli attori sono diversamente investiti nella loro performance: Lavia sincopato tra i 'tempi forti' e i 'tempi deboli' della vita, Demaria in levare, più affannato che placido. Dopo Vittorio Gassman e Marco Bellocchio, il suo adattamento (1993) è interpretato da Michele Placido e Antonino Bellomo, Gabriele Lavia sceglie il minimalismo spingendo al massimo il testo. Un testo che ci ricorda la forza dell'autore a teatro. Aggiunge una meteorologia piovosa e una scenografia di chiaroscuri, realista e fantastica insieme per trascendere la vita con l'immaginazione. La musica accompagna, facendosi intendere e dimenticare come un viaggiatore sulla quai de la gare, in quell'ora incerta in cui la notte incontra il giorno.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Powered by  
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 18 gennaio 2022
Matteo Marelli
Film TV

Dopo Vittorio Gassman (1970) e Marco Bellocchio (1993), anche Gabriele Lavia si confronta con L'uomo dal fiore in bocca, l'atto unico più breve di tutta la drammaturgia pirandelliana: un'interrogazione sulla vita e la morte in forma di dialogo fra un uomo che si sa condannato, e per questo medita con «spirito filosofesco» sull'esistenza, e uno come tanti, che vive pacifico senza troppe preoccupazioni. [...] Vai alla recensione »

NEWS
TORINO FILM FESTIVAL
giovedì 2 dicembre 2021
Marzia Gandolfi

Lavia accomoda in una stazione un'interrogazione sulla vita e la morte. Al 39TFF.  Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati