Il Tempo Rimasto

Film 2021 | Documentario, +13 85 min.

Anno2021
GenereDocumentario,
ProduzioneItalia
Durata85 minuti
Al cinema5 sale cinematografiche
Regia diDaniele Gaglianone
Uscitagiovedì 20 gennaio 2022
TagDa vedere 2021
DistribuzioneZaLab
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,59 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Daniele Gaglianone. Un film Da vedere 2021 Genere Documentario, - Italia, 2021, durata 85 minuti. Uscita cinema giovedì 20 gennaio 2022 distribuito da ZaLab. Oggi tra i film al cinema in 5 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,59 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il Tempo Rimasto tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una riflessione sulla vecchiaia e su cosa si può scoprire guardandosi in questo specchio, che nasce da un lungo percorso di ascolto e decine di lunghi incontri in cinque regioni italiane.

Consigliato sì!
3,59/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,67
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un film che fa brillare un mondo di azioni e sentimenti rimosso dall'immaterialità del contemporaneo.
Recensione di Raffaella Giancristofaro
sabato 4 dicembre 2021
Recensione di Raffaella Giancristofaro
sabato 4 dicembre 2021

Da un'idea del regista Andrea Segre (ZaLab) in collaborazione con Istituto Luce Cinecittà, ha preso il via nel 2019 "Archivio '900", progetto di conservazione digitale delle memorie vive del secolo scorso, di prossima pubblicazione sul portale dell'Istituto. Da questa collezione di testimonianze video raccolte in cinque regioni (Piemonte, Veneto, Lazio, Sicilia e Sardegna) è scaturito Il tempo rimasto, un film "dedicato alle memorie delle ultime persone che hanno vissuto il mondo e la vita prima delle grandi trasformazioni tecnologiche del '900. Com'era la vita prima dell'elettricità, prima della macchina, prima del riscaldamento, prima del telefono, prima della televisione?", nelle parole di Segre, anche produttore insieme a Stefano Colizzolli, anche cosceneggiatore con il regista Daniele Gaglianone.

Più che video interviste, quelle di Il tempo rimasto sono veri e propri "ascolti" di persone anziane che ricordano (anche se il regista preferisce la parola "vecchi"). Ascolti perché viene dato loro il tempo non solo di rievocare e riferire i piccoli e grandi fatti delle proprie vite, ma anche di ripetersi, esplicitare, concedersi le pause scaturite da un'emozione.

Nel farlo si appoggiano spesso alla suggestione di ritorni in luoghi a loro cari o foto in bianco e nero. La loro esperienza è quella di un tempo e di un mondo in cui ogni cosa ha richiesto pazienza, spostamento, fatica. Un passato che sembra lontano anni luce. A tratti appaiono come gli ultimi abitanti di un pianeta rimasto isolato e appena scoperto da nuove civiltà.

Il documentario di Gaglianone compie un doppio lavoro sul tempo: il recupero di memorie "minori", non al centro della Storia, e il prodigio di rappresentare una circolarità tra prima e ultima età della vita umana. Guardando l'obiettivo della macchina da presa questi seniores infatti si mostrano per ciò che sono (tornati ad essere): dei bambini. Privi del supporto di memorie vicarie ed estranei all'infosfera totalizzante, come piccoli, giocano, vicini all'uscita di scena, a rivivere lo stupore e il pudore delle prime volte: la prima volta che si è visto il mare, o si incontrato lo sguardo della persona della vita, che si è ballato con un coetaneo, sentito parlare di sesso, tagliato i capelli dopo aver ottenuto il permesso.

Di quel mondo non interconnesso, in cui la lentezza era un valore e un indice di autorevolezza, non si parla solo con rimpianto, come se si trattasse di un'età dell'oro. Anzi, è ancora aperta la ferita di diritti fondamentali negati, povertà e durezze difficili da verbalizzare, ingiustizie non sanate, oppressioni non combattute fino in fondo. Alcune delle quali sono tristemente tornate attuali, in un'ulteriore ciclicità evocata dal film.

Ma anche la memoria di felicità semplici: la solidarietà tra più e meno abbienti, il rispetto per l'istruzione come vettore di emancipazione sociale ed economica, la cui unica alternativa, specie per le donne, è sempre stato il matrimonio; l'assenza di ossessione per la bellezza (quanta saggezza in quel "piacente", aggettivo ingiustamente desueto). A volte nella consapevolezza di essere gli estremi messaggeri di un mondo manuale (quante mani, in campo), fragile, rimosso dall'immaterialità del contemporaneo. Un mondo di azioni e sentimenti che questo film sa scovare e far brillare.

Sei d'accordo con Raffaella Giancristofaro?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 20 gennaio 2022
Alessandra Levantesi
La Stampa

Gli anni passano, l'orizzonte di vita si restringe, le forze cedono: come sosteneva Svevo, la vecchiaia è una malattia per la quale non esiste cura, ma con la sua carrellata di interviste a anziani - raccolte in giro per l'Italia fra Nord e Sud - il regista Daniele Gaglianone sottolinea del Tempo rimasto l'aspetto più intimamente vitale. Perché da quell'intreccio polifonico di vissuti filtrati sul [...] Vai alla recensione »

mercoledì 19 gennaio 2022
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

Le radici del cinema passano attraverso il tempo e lo spazio, due elementi fondamentali e semplici, che possono essere affrontati da tante angolazioni. Si parte da quanti secondi impiega un personaggio per attraversare una piazza, e si arriva a narrazioni scandite dalle lancette di un orologio appeso al muro, come in Stasera ho vinto anch'io di Robert Wise.

martedì 18 gennaio 2022
Roberto Manassero
Film TV

Il tempo di cui parla Daniele Gaglianone in questo film - nato da un'idea di Andrea Segre, che con Istituto Luce - Cinecittà ha realizzato Archivio '900, un progetto di conservazione delle memorie del secolo scorso - non è solo il tempo che resta da vivere agli anziani protagonisti intervistati, ma soprattutto il tempo che resta a noi spettatori per sentire dalla viva voce di chi le ha vissute le storie [...] Vai alla recensione »

sabato 4 dicembre 2021
Leonardo Lardieri
Sentieri Selvaggi

Il tempo passato e quello che resta, è da questa voragine esistenziale che emerge il bellissimo documentario di Daniele Gaglianone (La mia classe, Ruggine, Nemmeno il destino), che ormai figura tra gli autori italiani più apprezzati e rincorso dai festival di settore, trovando il giusto e meritato riconoscimento anche nel pubblico non propriamente cinefilo.

venerdì 3 dicembre 2021
Matteo Mazza
Duels.it

Ricordo confuso, segno indelebile, promessa da compiere, spazio nitido, stato d'animo sospeso. Ma cos'è il tempo, allora? Una casa in rovina, di vuoti e macerie, un labirinto senza uscita, di lacrime e rughe, una lettera d'amore, di speranza e follia, una canzone, una fotografia, un vestito nuovo, un sorriso. Dov'è il tempo, allora? Cosa resta a noi del tempo? Cosa rimane agli altri? A queste e altro [...] Vai alla recensione »

NEWS
MYMOVIESONE
sabato 4 dicembre 2021
Raffaella Giancristofaro

Presentato al 39TFF, disponibile in streaming su MYmovies e dal 20 gennaio al cinema. Vai all'articolo | Guarda il film »

TRAILER
giovedì 25 novembre 2021
 

Regia di Daniele Gaglianone. Da giovedì 20 gennaio al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati