Il Legionario

Film 2021 | Drammatico, +13 81 min.

Anno2021
GenereDrammatico,
ProduzioneItalia, Francia
Durata81 minuti
Regia diHleb Papou
AttoriGermano Gentile, Maurizio Bousso, Marco Falaguasta, Félicité Mbezelé, Antonio Veneziano .
Uscitagiovedì 24 febbraio 2022
TagDa vedere 2021
DistribuzioneFandango
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,16 su 17 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Hleb Papou. Un film Da vedere 2021 con Germano Gentile, Maurizio Bousso, Marco Falaguasta, Félicité Mbezelé, Antonio Veneziano. Genere Drammatico, - Italia, Francia, 2021, durata 81 minuti. Uscita cinema giovedì 24 febbraio 2022 distribuito da Fandango. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,16 su 17 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il Legionario tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento martedì 1 marzo 2022

Daniel è l'unico poliziotto di origine africana del Reparto Mobile di Roma. Deve sgomberare un palazzo occupato in cui vivono 150 famiglie. Una è la sua. In Italia al Box Office Il Legionario ha incassato nelle prime 10 settimane di programmazione 23,8 mila euro e 13,8 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,16/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 2,81
PUBBLICO
CONSIGLIATO SÌ
Un'opera prima promettente che guarda a Sollima e usa il cinema di genere come grimaldello per l'analisi sociale.
Recensione di Tommaso Tocci
sabato 7 agosto 2021
Recensione di Tommaso Tocci
sabato 7 agosto 2021

Daniel, italiano di seconda generazione, fa l'agente di polizia nei reparti della Mobile, parte di una squadra di celerini spesso chiamata a eseguire sgomberi di immobili occupati a Roma. La squadra è per lui una famiglia, nonostante la cameratesca integrazione al suo interno porti sempre un asterisco di fondo per l'unico poliziotto di colore del reparto. Daniel ha però anche una famiglia vera che cerca di tenere nascosta ai colleghi, una madre e un fratello che vivono in un palazzo occupato da sempre sotto minaccia di sgombero. Patrick, fratello pieno di rancore a causa del lavoro di Daniel, è tra i più attivi nel comitato degli occupanti, e le due vite non potranno essere tenute separate ancora a lungo.

Esordio di un giovane regista nato in Bielorussia e cresciuto in Italia, Il legionario usa il cinema di genere come grimaldello per l'analisi sociale, e si espande a lungometraggio a partire da un corto che lo stesso Hleb Papou aveva realizzato nel 2016.

Pur senza elevarsi tecnicamente e drammaturgicamente molto al di sopra delle aspettative di un debutto alla regia, è però un film dotato di uno sguardo, per di più puntato dritto su un angolo cieco della nostra società.

Due sono i filoni che si intrecciano nel film. Da una parte il ritratto collettivo di una comunità di abitanti - molti tra loro immigrati - che prova a gestire un palazzo tra mille difficoltà e al tempo stesso sensibilizzare tanto l'opinione pubblica quanto le autorità alla loro causa. Dall'altra lo spaccato macho e intollerante di vita nella Celere, che già era stato il tema di ACAB per la regia di Stefano Sollima. Proprio a un certo cinema di Sollima, dalle musiche alla fotografia, sembra rifarsi Papou nel dare vita a una Roma dura e operaia, minacciosa e tagliente.

Formalmente il lavoro riesce a metà, peccando nella fluidità delle scene d'azione e nel livello recitativo generale. Ciò non toglie che il protagonista Germano Gentile sia una presenza dal fascino criptico, che lascia entrare lo spettatore nella sua sfera emotiva complessa ma lo costringe anche chiedersi in quale gesto essa si manifesterà. Papou compensa però le comprensibili mancanze con qualcosa di più importante, ovvero uno sguardo da outsider, in controcampo, che illumina le convenzioni trite su cui inevitabilmente si adagia un cinema sempre uguale a se stesso.

Ciò vale sia per la componente sociale (straniante la comparsata di Sabina Guzzanti che parla a una sala del diritto alla casa, ed è ripresa di spalle come a sottolineare che siamo di fronte a qualcosa che conosciamo, ma con un punto di vista differente) sia per quella di genere, che seppur senza strafare indovina le frequenze sulle quali il cameratismo va a sovrapporsi all'intolleranza e cattura con grande sensibilità il sottobosco di romanità e maschilismo in cui esso si muove.

Caso esemplare di una riconfigurazione di materiale narrativo, Il legionario parla di case e di famiglie, chiedendosi cosa questi termini vogliano dire tra significato letterale e simbolico, e quanto velocemente le definizioni possano cambiare adeguandosi a una società in evoluzione. Quella di Hleb Papou è la promessa di una voce che in futuro potrà aiutarci a distinguerle.

Sei d'accordo con Tommaso Tocci?
Frasi
Davanti al cartello "Cave Canem"
Daniel: << Ti sei fatto il cane?>>
Aquila: << So' io er cane>>
Aquila (Marco Falaguasta)
dal film Il Legionario - a cura di Antonio Cecconi
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 1 aprile 2022
Giona A. Nazzaro
Rumore

Rivelato nel 2017 dalla Settimana Internazionale della critica di Venezia con il cortometraggio Il Legionario, Hleb Papou, cineasta italiano di origini bielorusse, esordisce sulla lunga distanza con un film che lascia il segno. Rielaborazione compatta e serrata del corto, Il Legionario è un esordio potente. Probabilmente è dai tempi di Acab di Stefano Sollima che il cinema italiano non vedeva un'opera [...] Vai alla recensione »

sabato 26 febbraio 2022
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

È la storia di un celerino di colore che deve sgomberare il suo palazzo I motivi per farsi piacere Il legionario non mancano. Innanzitutto, ha le idee chiare, può essere raccontato in poche parole, virtù sconosciuta a tanto cinema italiano. La sinossi, chi scrive da Trieste in giù se la segnasse: "Daniel è l' unico poliziotto di origine africana del Reparto Mobile di Roma.

venerdì 25 febbraio 2022
Carmen Paddock
One room with a view

Per certi versi l'esordio di Hleb Papou può ricordare I miserabili di Ladj Ly: anche Il legionario racconta le tensioni tra comunità d'immigrati e polizia che deflagrano in un terzo atto esplosivo. In questo film, i due mondi in rotta di collisione sono rappresentati in un'unica famiglia. Daniel (Germano Gentile) e Patrick (Maurizio Bousso) sono italiani di seconda generazione, cresciuti con i loro [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 febbraio 2022
Alessandra De Luca
Avvenire

Daniel è l'unico poliziotto di origine africana del Reparto Mobile di Roma, quello antisommossa, chiamato a sgomberare un palazzo occupato abusivamente nel quartiere San Giovanni di Roma, in cui vivono 150 famiglie che rivendicano il diritto ad avere una casa. Una è la sua famiglia, anche se lui finge di non averla per essere accettato dai suoi colleghi, ed è proprio il fratello a guidare la rivolta [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 febbraio 2022
Gian Luca Pisacane
Famiglia Cristiana

Un film che nasce dalla strada, dalla polvere, dalla periferia. Al centro c'è il grido disperato di chi non ha una casa. Una palazzina occupata abusivamente nella capitale deve essere sgomberata.11 riferimento è all'Esquilino, in cui era anche intervenuto l'elemosiniere del Papa. A dover svolgere il difficile compito sono i celerini. Queste sono le premesse di Il legionario, l'esordio dietro la macchina [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 febbraio 2022
Alice Sforza
Il Giornale

Daniel è un poliziotto di colore, operativo nel Reparto Mobile di Roma. In particola- re viene impiegato, con i suoi compagni di reparto, per sgomberare immobili occupati. Quando però la sua squadra dovrà liberare lo stabile dove vivono anche sua madre e suo fratello, Daniel andrà in crisi. Convincente opera prima che, pur con qualche difetto, soprattutto di recitazione, riesce nel suo intento evidente. [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 febbraio 2022
Roberto Nepoti
La Repubblica

A Locarno nella sezione "Cineasti del presente", Il legionario è un film che interpella il pubblico su nozioni come etnìa, identità, giustizia nelle forme di una solida storia di conflitto. Originario del Camerun, Daniel è un agente della Mobile di Roma integrato nella squadra e amato dai colleghi (anche se lo chiamano Ciobar). Tuttavia il poliziotto, che sta per diventare padre, nasconde che la madre [...] Vai alla recensione »

mercoledì 23 febbraio 2022
Simone Granata
Cineforum

Nella Roma Imperiale i legionari erano soldati di professione, spesso provenienti dai ceti meno abbienti, allettati più dalla paga che dall'idea di servire lo Stato. E come moderni legionari, con scudi e manganelli, si muovono i celerini nella Roma di oggi, secondo il giovane regista Hleb Papou (italiano di origini bielorusse), premiato come miglior esordiente al Festival di Locarno.

martedì 22 febbraio 2022
Roberto Manassero
Film TV

Il legionario nasce dall'omonimo cortometraggio che il regista bielorusso, cresciuto in Italia, Hleb Papou presentò alla Settimana della critica di Venezia nel 2017 e che già vedeva protagonisti due fratelli italiani, figli di genitori africani, divisi dalla professione e dal destino, uno agente di polizia e membro dei reparti mobili chiamati a operare sgomberi e l'altro leader di un gruppo di cittadini [...] Vai alla recensione »

domenica 17 ottobre 2021
Raffaele Meale
Quinlan

Quattro anni fa, quando alla Settimana Internazionale della Critica di Venezia venne presentato il corto Il legionario (in concorso nella sezione SIC@SIC), apparve evidente come contenesse in nuce già il potenziale drammatico ed espressivo per poter essere trasformato in un lungometraggio. Quattro anni più tardi, grazie all'intervento della Clemart di Massimo Martino e Gabriella Buontempo, della francese [...] Vai alla recensione »

venerdì 15 ottobre 2021
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

Il tema delle case occupate è sempre più centrale nel cinema italiano. In poco tempo abbiamo visto due titoli affini, dai contenuti simili, che differiscono solo nel linguaggio: Spin Time, Che fatica la democrazia! di Sabina Guzzanti e Il legionario di Hleb Papou. Il primo è un documentario, il secondo un racconto di finzione. Anche in Il legionario vediamo Guzzanti con il microfono in mano.

sabato 14 agosto 2021
Leonardo Lardieri
Sentieri Selvaggi

Primo lungometraggio del regista bielorusso naturalizzato italiano da undici anni, allievo del Centro Sperimentale, presentato nella sezione del Festival di Locarno "Cineasti del Presente". Trattasi della versione lunga del cortometraggio omonimo passato alla Settimana della Critica di Venezia quattro anni fa. "Ciobar" è il soprannome affibbiato dai colleghi del Reparto Mobile all'unico poliziotto [...] Vai alla recensione »

sabato 7 agosto 2021
Massimo Causo
Duels.it

Prigioniero tra il contrasto e la contraddizione, Daniel è un ragazzone dalle pelle nera e dalla parlata romanesca che veste la divisa dei celerini, indossa il casco e impugna lo scudo e il manganello degli agenti del Reparto Mobile di Roma, ovvero la squadra antisommossa della capitale. Lo abbiamo già conosciuto a Venezia nel 2017, protagonista del cortometraggio Il legionario di Hleb Papou presentato [...] Vai alla recensione »

sabato 7 agosto 2021
Antonello Catacchio
Il Manifesto

Nei cineasti del presente invece un' incursione italiana: Il legionario di Hleb Papou, regista di origine bielorussa (intervistato su Alias del 31 luglio scorso) da tempo residente in Italia e frequentatore del Centro Sperimentale. Qualche anno fa aveva realizzato un corto dallo stesso titolo e sullo stesso tema, due fratelli italiani di origine camerunense, uno celerino, l' altro leader del comitato [...] Vai alla recensione »

sabato 7 agosto 2021
Alessandra Levantesi
La Stampa

Siamo a Roma, Il legionario di origine africana del titolo si chiama Daniel ed è un celerino in forze nel Commissariato di Ponte Galera. Nato a Minsk e cresciuto a Lecco, il regista esordiente Hleb Papou racconta che l' idea gli è nata da un' immagine: «Il viso di un poliziotto nero fra volti bianchi. Che faceva lì in mezzo, che storia poteva avere? Non è fantascienza: nella Polizia Italiana ci sono [...] Vai alla recensione »

martedì 7 settembre 2021
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Il Reparto Mobile di Roma è chiamato a sgomberare un palazzo occupato, dove vivono 150 famiglie. Tra i celerini c'è Daniel, di origine africana. Una delle famiglie è la sua. Tratto da un suo precedente corto (passato alla Settimana della Critica di Venezia), il film di Hleb Papou, bielorusso residente in Italia da quasi 20 anni, racconta un dramma sociale e familiare al tempo stesso, ma purtroppo la [...] Vai alla recensione »

NEWS
GUARDA L'INIZIO
mercoledì 23 febbraio 2022
 

Su MYmovies i primi 5 minuti di un'opera prima promettente che guarda a Sollima e usa il cinema di genere come grimaldello per l'analisi sociale. Dal 24 febbraio al cinema. Guarda l'inizio »

NEWS
martedì 8 febbraio 2022
 

Daniel e` l'unico poliziotto di origine africana del Reparto Mobile di Roma. Deve sgomberare un palazzo occupato in cui vivono 150 famiglie. Una e` la sua. Vai all'articolo »

TRAILER
lunedì 24 gennaio 2022
 

Regia di Hleb Papou. Un film con Germano Gentile, Maurizio Bousso, Marco Falaguasta, Félicité Mbezelé. Da giovedì 24 febbraio al cinema. Guarda il trailer »

[LINK] FESTIVAL
sabato 7 agosto 2021
Tommaso Tocci

Un film dotato di uno sguardo. Presentato al Festival di Locarno. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati