True Mothers

Film 2020 | Drammatico, 140 min.

Titolo originaleAsa ga Kuru
Titolo internazionaleTrue Mothers
Anno2020
GenereDrammatico,
ProduzioneGiappone
Durata140 minuti
Al cinema16 sale cinematografiche
Regia diNaomi Kawase
AttoriArata Iura, Hiromi Nagasaku, Taketo Tanaka, Aju Makita, Miyoko Asada Komai Ren.
Uscitagiovedì 13 gennaio 2022
TagDa vedere 2020
DistribuzioneKitchen Film
MYmonetro 3,25 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Naomi Kawase. Un film Da vedere 2020 con Arata Iura, Hiromi Nagasaku, Taketo Tanaka, Aju Makita, Miyoko Asada. Cast completo Titolo originale: Asa ga Kuru. Titolo internazionale: True Mothers. Genere Drammatico, - Giappone, 2020, durata 140 minuti. Uscita cinema giovedì 13 gennaio 2022 distribuito da Kitchen Film. Oggi tra i film al cinema in 16 sale cinematografiche - MYmonetro 3,25 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi True Mothers tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una coppia che ha adottato un bambino deve fare i conti con una donna che si finge la madre biologica. In Italia al Box Office True Mothers ha incassato 2,8 mila euro .

Consigliato sì!
3,25/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,00
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un'opera ambiziosa e necessaria, contraddistinta dallo stile di Kawase, volto alla massima semplicità.
Recensione di Emanuele Sacchi
mercoledì 12 gennaio 2022
Recensione di Emanuele Sacchi
mercoledì 12 gennaio 2022

Satoko e Kiyozaku Kurihara non possono avere figli. Dopo aver valutato diverse opzioni alternative per diventare genitori, scelgono di adottarne uno e si rivolgono a Baby Baton, un luogo incantevole nella prefettura di Hiroshima dove vengono accolte ragazze incinte, spesso molto giovani, che non potranno tenere con sé la propria prole. Una di queste ragazze, Hikari, affida il figlio Asato ai Kurihara, ma cinque anni e molte vicissitudini dopo li rintraccerà per poter rivedere Asato.

Ai vagiti di un bebè segue un'inquadratura del mare di Hiroshima, placido e avvolgente come un liquido amniotico. Fin dal suo incipit True Mothers ruota attorno al concetto di maternità e al suo impatto sulla vita di una donna, declinandolo poi su tre figure femminili e materne, che rappresentano rispettivamente il desiderio di maternità (Satoko), la sua sublimazione e astrazione (Shizue Asami) e la sua privazione (Hikari).

Satoko è disposta a tutto pur di avere il figlio che Kiyozaku non può darle e realizzarsi come madre; Asami è "madre" delle ragazze perdute che approdano sulla sua isola; Hikari è una vittima dell'entusiasmo adolescenziale, che ha spinto il suo romanticismo laddove l'età, la società e la famiglia non lo consentono. Le loro traiettorie si intrecciano a più riprese, mentre i flashback si mescolano al racconto coniugato al tempo presente, permettendoci di capire cosa ha portato i personaggi a questa situazione.

La narrazione non è mai diacronica, avanza e indietreggia, mentre lo stile rimane quello caro a Kawase: inquadrature semplici di volti sinceri e spontanei, illuminati da una luce che sembra poter bucare ogni nuvola e abbattere ogni ostacolo. O forse mettere chiarezza nelle menti turbate degli uomini odierni, malati di egocentrismo e scarsa fiducia verso il prossimo.

Kawase gioca continuamente con lo spettatore, inducendolo ad assecondare i propri pregiudizi per poi smentirlo con i fatti. Man mano che si dipana la matassa delle vite dei personaggi e che conosciamo le difficoltà che hanno affrontato, il giudizio di chi guarda è infatti destinato a mutare, a sostituire con la pietà e la comprensione l'istintivo moto di disprezzo o rifiuto iniziale.

Tangenzialmente il percorso di Kawase sfiora temi sociali ancora fortemente sentiti in Giappone: la necessità per la madre di rinunciare al lavoro come precondizione per l'adozione, le difficoltà di ragazze madri che, attraverso l'espediente delle videointerviste di Hikari, sono affrontate da Kawase con uno stile documentaristico.

Il passaggio da un registro all'altro è affrontato senza clamore e con attenta capacità di mimesi, entrando e uscendo da generi cinematografici (il documentario, il mélo su amori adolescenziali, ecc.) ma mantenendo la sobrietà delle immagini come stella polare. A True Mothers si può solo, forse, rimproverare un po' di autoindulgenza distribuita su più di 140 minuti di film, ma ogni digressione e apparente verbosità aiuta a comprendere meglio la psicologia dei personaggi. E quindi a costruire la chiave per accedere al senso ultimo di un film profondamente umano e - in tempi di cinismo imperante - quanto mai necessario.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 17 gennaio 2022
cardclau

Il film della regista giapponese Naomi Kawase True Mothers è una splendida sinfonia cantata, di una dolcezza infinita, della vita. Anche la colonna sonora e la natura fanno parte a pieno titolo dello spartito. Mi viene in mente quando Valentina in West Side Story (Spielberg) dice ad Anton, verso la fine, “ … la vita? Perché la vita è più importante anche dell’a [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 17 gennaio 2022
Paola Brunetta
Cineforum

Giochiamo un po' con i titoli, per cominciare: True Mothers come Madre di Bong, La madre di Muschietti, Madre! di Aronofsky, Madre di Sorogoyen; le Madres paralelas e molto altro cinema di Almodóvar; Mia madre di Moretti e La scomparsa di mia madre di Barrese; Tutto sua madre di Gallienne per citarne solo alcuni, diversissimi, tra l'altro, nell'approccio al tema; come molte sono le opere che affrontano [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 gennaio 2022
Olivier Lamm
Libération

Per una madre un'adozione può essere un trauma o un miracolo. Così si può riassumere il quattordicesimo lungometraggio di Naomi Kawase. In True mothers ci vengono mostrate due donne, la giovane Hikari (Aju Makita) e Sakoto (Hiromi Nagasaku), prima e dopo il loro diventare madri. Hikari rimane incinta mentre va ancora a scuola. Sakoto, sposata con un uomo sterile, adotta un bambino appena nato.

venerdì 14 gennaio 2022
Matteo Galli
Close-Up

Selezionato per lo sfortunato Festival di Cannes del 2020, True Mothers, undicesimo lungometraggio della cinquantatreenne regista giapponese Naomi Kawase, è un film dedicato a un argomento di altissimo spessore morale, ovvero l'adozione di un bambino e il rapporto fra i genitori adottivi e la madre biologica e possiamo dire fin da subito che la regista - il film è tratto da un romanzo di qualche anno [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 gennaio 2022
Alessandra De Luca
Avvenire

Satoko e Kiyozaku Kurihara non possono avere figli e scelgono di adottarne uno rivolgendosi a Baby Baton, nella prefettura di Hiroshima, dove vengono accolte ragazze incinte, spesso molto giovani, che non potranno tenere con sé i nascituri. Una di queste ragazze, Hikari, affida il figlio Asato ai Kurihara, ma cinque anni e molte vicissitudini dopo li rintraccia per poter rivedere Asato.

giovedì 13 gennaio 2022
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Satoko e il marito Kiyo Kazu decidono di adottare un bambino. Sei anni dopo li ritroviamo, felici e sereni, vivere con il piccolo Asato. Un giorno, però, si presenta una donna, Hikari, che pretende il figlio indietro o dei soldi in cambio. Lo aveva avuto a 14 anni, costretta a darlo in adozione per la giovane età. Ma è la vera madre? Due maternità messe a confronto, tra passato e presente, incrociando [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 gennaio 2022
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Al trentesimo piano di un grattacielo della nuova Hiroshima, Satoko e suo marito crescono il figlio adottivo, partorito a 14 anni in un'isola di ciliegi e gabbiani da Hikari, che un giorno va in città e telefona: «Vorrei indietro il mio bambino». Quando parliamo di due madri in occidente pensiamo subito alla dicotomia naturale/adottiva, oggi anche alla tremenda locuzione utero in affitto.

giovedì 13 gennaio 2022
Claudia Ferrero
La Stampa

Due madri: una naturale, che ha messo al mondo un bimbo da adolescente ed è stata costretta a cederlo, e una adottiva, che ha accolto felice quel neonato. Due protagoniste in un Paese come il Giappone, dove «esiste un sistema di adozione speciale che garantisce il trasferimento integrale di diritti e doveri dai genitori biologici a quelli adottivi».

martedì 11 gennaio 2022
Mariuccia Ciotta
Film TV

Distillato di Naomi Kawase (firma regia, sceneggiatura e fotografia), memoria di un abbandono riflesso su fotogrammi liquefatti, trasparenze, rami fioriti che si prendono la scena. La regista giapponese torna sul tema della perdita, e su di sé bambina alla ricerca della "vera madre". Questa volta, però, il racconto (tratto dal romanzo di Mizuki Tsujmura) si districa dal flusso di visioni oniriche e [...] Vai alla recensione »

martedì 20 ottobre 2020
Aldo Spiniello
Sentieri Selvaggi

È vero. Naomi Kawase non ce la fa più. È come se il suo cinema si fosse ormai costretto in una forma convenzionale, da "esportazione", azzerando in un colpo solo la sua capacità di passare dal viscerale allo spirituale. Seppur torna a temi consueti, come la maternità, l'ansia, il travaglio, l'impossibilità e la liberazione del dare alla luce, tutto si traduce ormai nello schema meccanico di un melodramma [...] Vai alla recensione »

martedì 20 ottobre 2020
Luca Barnabé
Duels.it

Una telefonata in cui una madre sostiene di essere la mamma del figlio allevato dalla donna all'altro capo del filo. La quotidianità e la serenità familiare vanno in frantumi, ogni ordine sovvertito, ogni verità in discussione. Intuiamo progressivamente il quadro di un doppio dramma irrisolvibile. Arriva oggi alla Festa del Cinema di Roma uno dei film più attesi della rassegna di quest'anno: Asa ga [...] Vai alla recensione »

lunedì 19 ottobre 2020
Lorenzo Ciofani
La Rivista del Cinematografo

Sarebbe stata la settima volta a Cannes per la giapponese Naomi Kawase, da oltre un ventennio abbonata alla Croisette (vincitrice della Camera d'Or all'opera prima, poi cinque partecipazioni in concorso e una in Un Certain Regard). È andata com'è andata, ma, a testimonianza dell'amicizia che lega la regista e il festival, True Mothers fa il giro del mondo - e arriva anche alla Festa del Cinema di Roma [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
venerdì 7 gennaio 2022
 

Regia di Naomi Kawase. Un film con Arata Iura, Hiromi Nagasaku, Taketo Tanaka, Aju Makita, Miyoko Asada. Da giovedì 13 gennaio al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
martedì 16 novembre 2021
 

Una coppia che ha adottato un bambino deve fare i conti con una donna che si finge la madre biologica. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati