The Cloud in Her Room

Film 2020 | Drammatico 98 min.

Anno2020
GenereDrammatico
ProduzioneCina, Hong Kong
Durata98 minuti
Regia diZheng Lu Xinyuan
AttoriJin Jing, Liu Dan, Chen Zhuo, Ye Hongming .
TagDa vedere 2020
MYmonetro Valutazione: 4,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Zheng Lu Xinyuan. Un film Da vedere 2020 con Jin Jing, Liu Dan, Chen Zhuo, Ye Hongming. Genere Drammatico - Cina, Hong Kong, 2020, durata 98 minuti. Valutazione: 4,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi The Cloud in Her Room tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una ragazza torna al vecchio appartamento dei suoi genitori e rivive il passato.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
ASSOLUTAMENTE SÌ
Scheda Home
Critica
Premi
Cinema
Trailer
Ritratto generazionale che rilegge la poetica della Cina contemporanea con un tono intimista.
Recensione di Tommaso Tocci
mercoledì 5 febbraio 2020
Recensione di Tommaso Tocci
mercoledì 5 febbraio 2020

In occasione dei festeggiamenti per il nuovo anno cinese, Muzi torna nella città natale di Hangzhou e si stabilisce nel vecchio appartamento di famiglia, nel frattempo abbandonato da tutti. Il padre si è rifatto una vita con la seconda moglie e una figlia piccola, mentre la madre vive sola in compagnia di un fidanzato tedesco. La ragazza, 22 anni, si trova al confine tra due età in un luogo che non riconosce più a causa dei rapidi cambiamenti della città. Dai ricordi di una relazione già conclusa fino ai nuovi incontri in un bar, Muzi mette insieme pezzi del passato sperando che indichino una traccia verso il futuro.

Le riflessioni sui cambiamenti del tessuto urbano e sociale in Cina sono forse la chiave narrativa più florida nel cinema locale degli ultimi anni, e a ragione.

La scala di queste mutazioni è così enorme da sfidare la percezione e la comprensione, che forse tra qualche decennio andremo a ricercare nelle opere di maestri contemporanei come Jia Zhangke. Il piccolo ma esordio di Zheng Lu Xinyuan, The Cloud in Her Room, ha il merito di intrufolarsi nella conversazione pur trovandole una chiave nuova, più intima, e impreziosita da una voce femminile di cui si sente un gran bisogno.

La pellicola è un ibrido tra documentario e finzione, fotografata in un bianco e nero plumbeo dal belga Matthias Delvaux (il quale, in tema di ibridazioni, ha girato nello stesso anno l'interessante To Live, To Sing di Johnny Ma), ma il suo carattere sperimentale ha il merito di restare sempre ad altezza umana, in una storia che non intimidisce e anzi invita a una partecipazione globalizzata dell'esperienza attraverso i simboli della vita domestica.

Muzi vuole aprire finestre, ma gli infissi cedono e il vetro cade giù inesorabile; vuole stendersi nel letto d'infanzia, ma i piedi troppo cresciuti rimangono fuori penzolanti.

Ritratto generazionale che trascende i confini, The Cloud in Her Room rilegge la poetica della Cina contemporanea in un tono più caldo di quelli a cui siamo abituati. Zheng Lu ne fa un racconto "alla finestra", in cui sono i suoni in sottofondo ad alludere alle realtà più ingombranti, ma gli oggetti del quotidiano a rimanere vicini allo sguardo. Alla finestra o sul terrazzo c'è spazio anche per le conversazioni con una famiglia perduta ma ancora presente, catturate ora nella memoria effimera di uno smartphone, ora in composizioni ardite e alienanti.

Uno dei tanti momenti che rimangono impressi negli occhi ritrae la protagonista (Jin Jing, una presenza minuta ma magnetica) sott'acqua, con l'inquadratura capovolta e le gambe raccolte. Un corpo finalmente a suo agio nello spazio, che gravita nei contorni familiari ma sottosopra della piscina, proprio come le strade da riscoprire della sua Hangzhou.

In un momento di grande ricchezza creativa per l'industria culturale cinese, la giovane regista si segnala come un talento da seguire, capace sia di intercettare le sfumature di un sentimento nazionale quanto di renderlo più personale che mai, in un felice miscuglio di codici tra cinema orientale e occidentale.

Sei d'accordo con Tommaso Tocci?
NEWS
[LINK] FESTIVAL
mercoledì 5 febbraio 2020
Tommaso Tocci

Un esordio profondo sui ricordi d'infanzia. Vincitore dell'International Film Festival di Rotterdam.  Vai all'articolo »

[LINK] FESTIVAL
martedì 4 febbraio 2020
Tommaso Tocci

La parata cittadina per la celebrazione del Capodanno cinese, famosa in tutta l'Olanda, ha turbato la placida efficienza del sabato mattina di Rotterdam, pur essendo in tema con i verdetti della giornata finale dell'International Film Festival Rotterdam. [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati