Vieni come sei

Film 2019 | Commedia, 106 min.

Regia di Richard Wong. Un film Da vedere 2019 con Grant Rosenmeyer, Hayden Szeto, Ravi Patel, Gabourey Sidibe, Janeane Garofalo. Cast completo Titolo originale: Come as you are. Genere Commedia, - USA, 2019, durata 106 minuti. Uscita cinema giovedì 28 luglio 2022 distribuito da 102 Distribution. - MYmonetro 3,18 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Vieni come sei tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento giovedì 28 luglio 2022

Un film che affronta con umorismo un tema sociale di stretta attualità: le difficoltà che le persone con disabilità devono affrontare per vivere la propria sessualità. In Italia al Box Office Vieni come sei ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 4,8 mila euro e 2,4 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,18/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 2,86
PUBBLICO
CONSIGLIATO SÌ
Tratto da una storia vera, un remake che ha lo spirito giusto per divertire e far riflettere.
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 28 luglio 2022
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 28 luglio 2022

Scotty, Matt e Mo sono tre giovani americani affetti da disabilità differenti. In modo causale scoprono che a Montreal esiste una fondazione che consente ai diversamente abili di avere la loro prima esperienza sessuale con prostitute appositamente preparate. I tre, pur con caratteri differenti, hanno in comune il fatto di avere dei genitori decisamente molto protettivi che impedirebbero loro il viaggio se ne conoscessero la meta. Decidono quindi di organizzarsi in segreto chiedendo di essere trasportati su un pulmino da un servizio che prevede la presenza di infermiere pilota. Il viaggio permetterà loro di conoscersi meglio e di far cadere più di una barriera.

Da una storia vera e da un film che vi si era ispirato nasce ora un remake che ha lo spirito giusto per divertire e far riflettere.

Alle origini di tutto c'è Asta Philpot, un produttore cinematografico affetto da artogriposi che si era fatto paladino dei diritti dei diversamente abili, ivi compreso quello alla pratica della sessualità. Nel 2007 nel documentario BBC For One Night Only aveva narrato della sua esperienza in Spagna in un'istituzione ad hoc. Era seguito nel 2011 il film Hasta la vista.

A distanza di circa 10 anni giunge questo film che ha il pregio di riportare al centro dello schermo l'argomento (anche se per ora solo dal versante maschile). Lo fa con attori e non con veri disabili e questo potrebbe aprire l'annoso contenzioso. C'è chi, se vede un film interpretato da disabili veri parla di sfruttamento della loro condizione a fini commerciali e c'è chi vede nella presenza di attori uno snaturamento della realtà. In questo caso le performance interpretative sono tutte all'altezza e restituiscono a chi non conosce queste vite una molteplicità di sfaccettature.

C'è innanzitutto il rapporto con la disabilità da parte di chi la vive con tutte le tensioni ma anche gli abbandoni che questa condizione comporta. C'è poi, descritta con precisione, la difficoltà che spesso i familiari hanno nell'accettare che il figlio sia cresciuto e che le sue richieste ed esigenze siano mutate. L'istinto di protezione si cela sotto il pur sincero amore, spesso creando i problemi più che risolverli. In questo on the road verso l'effettiva liberazione sessuale scopriamo che cinematograficamente più che la meta conta il viaggio.

Non ci si debbono aspettare scene erotiche da voyeuristi su un tema come questo. La regia fa bene a riservare all'arrivo a destinazione lo spazio che gli compete e nulla di più. Quello che è importante è trattare un tema, troppo spesso evitato, con tono leggero, sfiorando un po' la retorica ma senza farsene asservire e, soprattutto, delineando con il cesello tre psicologie. Magari facendosi anche un po' aiutare dal rap.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 2 agosto 2022
Adriano De Grandis
Film TV

Sesso e disabilità. Tre maschi, attraverso diversi stati americani, vanno per una prima volta fino a Montréal, dove ad accoglierli ci sono pazienti e affettuose prostitute. Un viaggio a insaputa delle famiglie, un'avventura per sentirsi, anche da questo punto di vista, il più possibile uguali agli altri e rispondere a un desiderio altrimenti inappagato.

domenica 31 luglio 2022
Fabio Ferzetti
L'Espresso

Tra i grandi soggetti di questi anni il più proteiforme è forse la dipendenza. Dipendenza fisica, mentale, interiore. I tanti film dedicati a personaggi portatori di disabilità non segnano solo la ricerca di una nuova sensibilità. Rivelano un interesse per tutto ciò che ci lega e ci limita, sempre e comunque. Dietro il successo di Quasi amici non cera solo la sedia a rotelle, ma l'immensa distanza [...] Vai alla recensione »

sabato 30 luglio 2022
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Dal 2019 aspetta di uscire in sala, ma sappiamo come sono andati questi anni. Forse le piattaforme avrebbero offerto qualche chance in più. Tre amici disabili arruolano un autista che li porti a Montreal, in un bordello (volete chiamarlo casa d'appuntamenti, ora che tutti i social gestiscono gli appuntamenti in materia di sesso?). Obiettivo: perdere la verginità.

venerdì 29 luglio 2022
Daniele D'Orsi
Sentieri Selvaggi

Al pari dei loro fragili protagonisti, generalmente i film sulla disabilità soffrono di un problema congenito, che li porta a compromettere quelle stesse argomentazioni su cui vorrebbero tanto articolare un discorso positivo e umano. Nelle narrazioni più superficiali, le condizioni (psico)fisiche dei personaggi diventano spesso oggetto di una contemplazione patetica, che sull'altare di un sentimentalismo [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 luglio 2022
Ilaria Falcone
NonSoloCinema

La temperatura non vuole saperne di scendere sotto i 30 gradi. L'unica soluzione per trovare una indispensabile zona di comfort è andare al Cinema a vedere Vieni come Sei: un'ora e quaranta minuti circa di intrattenimento che scalda, fa ridere e commuove. Scotty (Grant Rosenmeyer) è un giovane uomo tetraplegico, aspirante rapper, un burbero dal linguaggio disinibito.

giovedì 28 luglio 2022
Lidia Saller
Il Giornale

Tre ragazzi con varie disabilità escogitano un piano per fuggire di casa, attraversare il confine e consumare la loro prima notte «d'amore» in una casa chiusa speciale. Li aiuta un'improbabile infermiera che diventerà presto par- te integrante del gruppo. Una commedia che se ne infischia del politically correct e parla di vite (con esigenze) reali: al diavolo il pudore, qui ci si diverte.

giovedì 28 luglio 2022
Matteo Galli
Close-Up

Fra gli scampoli di fine stagione arriva nelle sale italiane per merito della 102 Distribution il piacevole film di Richard Wong dal titolo che richiama una delle più celebri canzoni dei Nirvana, ovvero Come As You Are, in italiano tradotto alla lettera con Vieni come sei. Il film è il remake americano, dieci anni dopo, di un film belga (regista: Geoffrey Enthoven) del 2011 intitolato Hasta la vista, [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
venerdì 22 luglio 2022
 

Regia di Richard Wong. Un film con Grant Rosenmeyer, Hayden Szeto, Ravi Patel, Gabourey Sidibe. Da giovedì 28 luglio al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
venerdì 22 luglio 2022
 

Un film sulle difficoltà che le persone con disabilità devono affrontare per vivere la propria sessualità. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati