Zerovskij - Solo per Amore

Film 2018 | Musicale +13 143 min.

Anno2018
GenereMusicale
ProduzioneItalia
Durata143 minuti
Regia diGaetano Morbioli
AttoriRenato Zero .
Uscitalunedì 19 marzo 2018
DistribuzioneLucky Red
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Gaetano Morbioli. Un film con Renato Zero. Genere Musicale - Italia, 2018, durata 143 minuti. Uscita cinema lunedì 19 marzo 2018 distribuito da Lucky Red. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi Zerovskij - Solo per Amore tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

In una improbabile stazione ferroviaria, diretta dal misterioso Zerovskij, tra reale e irreale, in scena Amore, Odio, Tempo, Morte e Vita.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un racconto di zerofilosofia e new age, anelito spirituale e godimento pagano, "scelleratezza creativa" e kitch.
Recensione di Paola Casella
giovedì 15 marzo 2018
Recensione di Paola Casella
giovedì 15 marzo 2018

Adamo, Eva, Vita, Morte, Amore, Odio, Tempo, Dio: sono i personaggi di Zerovskij - Solo per amore, l'opera pop scritta (con Vincenzo Incenzo), musicata, interpretata e diretta da Renato Zero che si ritaglia il ruolo del titolo, un capostazione intento a dirigere il traffico di anime e di sentimenti di uno scalo ferroviario, a metà fra Tim Burton e Antoine de Saint-Exupéry Zerovskij, versione cinematografica, è la registrazione (di Gaetano Morbioli) di questo spettacolo di "teatro totale" che racconta non solo la storia narrata dal libretto ma anche quella del rapporto pluridecennale fra Zero e i suoi fan, un pubblico eterogeneo per età e provenienza unito dall'amore viscerale verso un cantautore anomalo nel panorama musicale italiano.

I "suoi" temi ci sono tutti: dalla lotta al consumismo a quella alle sostanze stupefacenti, dalla difesa dell'ambiente alla tutela della libertà individuale, dalla centralità dell'amore all'inevitabilità della solitudine, tutto cantato (e a tratti recitato) in stile zerofolle.

I fan che si aspettavano un medley dei suoi successi del passato sono stati presi in contropiede: solo alcune delle canzoni di Zerovskij erano familiari al pubblico, il resto è tutto scritto ad hoc per raccontare zerofilosofia e new age, anelito spirituale e godimento pagano, "scelleratezza creativa" e kitch. Impossibile valutare questo musical sui generis paragonandolo ad altro, impossibile pretendere più asciuttezza, meno melodramma o meno eccesso retorico. Quel che conta, qui, è la coerenza con il percorso artistico e umano del capostazione, e quella è rispettata alla lettera. I fan storici non si sentiranno traditi, anche senza lo sfogo della compilation vintage.

Quello che Zerovskij mette in scena è il loro Renato, eccessivo e trasgressivo, commosso e sincero anche nella più eclatanate delle finzioni. Zero ha l'intelligenza di circondarsi di professionisti di spessore, dal coreografo Bill Goodson all'Orchestra Filarmonica della Franciacorta diretta da Renato Serio al team di validi attori-cantanti su cui giganteggia Roberta Faccani nel doppio ruolo di Morte e Vita. In mezzo scorre Renato lungo una rotaia immaginaria e canta a squarciagola quelle melodie gonfie e struggenti che sono la sua cifra distintiva, quelle strofe piene fino all'orlo, tracimanti convinzione e indignazione, precise nel raggiungere come un dardo d'amore il bersaglio del genuino affetto che gli tributa il suo pubblico.

La sua comunicazione è forte e chiara, la sua presenza scenica, nonostante il rallentamento fisico e la recitazione registrata in voce fuori campo, resta imponente. Renato Zero dà al suo pubblico ciò che vuole: pathos, note auliche, potenza canora, parole per celebrare l'eroismo quotidiano, eccessi per esorcizzare (cioè "sorcinizzare") il piattume contemporaneo.

Certo, due ore e venti sono lunghe, anche se il montaggio si sforza di rendere più veloce e cinematografica la messa in scena e alcune inquadrature (fuori luogo) degli ambienti esterni cercano di "staccare" dallo show, inserendo (inopinatamente) anche qualche scena interpretata da Gigi Proietti. Ma Zerovskij resta il gran spettacolo di un sognatore che, invece di adagiarsi sui successi passati, si muove su nuovi terreni riuscendo a rimanere fedele a se stesso.

Sei d'accordo con Paola Casella?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 5 aprile 2018
Silvano Bersani

Che abbiamo visto? Poco più di un concerto, poco meno di un musical. Anzi, molto meno in quanto se dovessimo cercare una trama nel racconto, che pure mette in scena diversi personaggini, ci sentiremmo in forte imbarazzo. A Rena', che vvolevi di'? Troppo facile sparare sulla Croce Rossa ma mettere in scena l'Amore e l'Odio, che sono sentimenti, assieme al Tempo, che è una [...] Vai alla recensione »

NEWS
BOX OFFICE
mercoledì 21 marzo 2018
Andrea Chirichelli

La notizia più importante del box office italiano, almeno quello futuro, è quella inerente il rinnovo dell'iniziativa Cinemadays, che prevede il biglietto d'ingresso nelle sale cinematografiche a soli 3 euro.

BOX OFFICE
martedì 20 marzo 2018
Andrea Chirichelli

Renato Zero batte Lara Croft e vince un grigio lunedì con Zerovskij - Solo per amore, che incassa 125mila euro e supera Tomb Raider, fermo a 105mila euro. Il docu-film sul celebre cantante italiano sarà nelle sale anche oggi e domani.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati