Diamantino - Il calciatore più forte del mondo

Film 2018 | Commedia 92 min.

Regia di Gabriel Abrantes, Daniel Schmidt (II). Un film Da vedere 2018 con Carloto Cotta, Cleo Tavares, Anabela Moreira, Margarida Moreira, Carla Maciel. Cast completo Genere Commedia - Portogallo, Francia, Brasile, 2018, durata 92 minuti. Uscita cinema giovedì 15 agosto 2019 distribuito da I Wonder Pictures. Oggi tra i film al cinema in 12 sale cinematografiche - MYmonetro 3,04 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi




oppure

Un talento del mondo calcistico perde la forza sportiva e deve ricominciare da capo la sua vita. Il film ha ottenuto 1 candidatura agli European Film Awards, In Italia al Box Office Diamantino - Il calciatore più forte del mondo ha incassato 8,5 mila euro .

Consigliato sì!
3,04/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 2,57
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un contropiede pop e delirante che parla a tutti e travolge tutto al suo passaggio.
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 14 dicembre 2018
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 14 dicembre 2018

Diamantino è un prodigio del pallone. Toccato dalla grazia in campo, fuori campo l'attaccante portoghese è un idiota sublime che non comprende nulla delle forze politiche che agitano il suo Paese. A un passo dalla Coppa del Mondo, perde la sua magia e sbaglia il rigore decisivo. Abbandonato dai tifosi e dal padre, che muore di infarto, Diamantino cade nella rete delle sorelle, gemelle sadiche, e di un complotto dell'estrema destra, che progetta di clonarlo per formare una super nazionale. Ma la palla è rotonda come l'amore che arriva dal mare e ha il volto di un 'rifugiato', un'agente dei servizi segreti venuta a ficcare il naso nelle sue finanze. Niente va come previsto e l'imprevisto è davvero mai visto...

Manipolazioni genetiche, transumanesimo, crisi dei rifugiati (il protagonista ne adotta uno), il calcio come nuova estetica di massa, il culto della celebrità, la sorveglianza globalizzata, i nazionalismi esacerbati, la rimonta delle destre estreme, il capitalismo sfrenato, c'è tutto questo e ancora nel film di Gabriel Abrantes e Daniel Schmidt.

Un contropiede pop e delirante che travolge tutto al suo passaggio e combina due spiriti, uno lusitano e l'altro americano. Leggero e libero come una partita di serie B, Diamantino oscilla tra satira politica e science-fiction ma è soprattutto una favola, che inverte i generi e trasforma un calciatore in una principessa salvata da una giovane guerriera. Una donna d'arme che espugna il castello decorato di azulejo nei panni di un adolescente migrante.

Diamantino, interpretato con superbo candore da Carloto Cotta, sa tutto del pallone ma niente del mondo su cui alza di colpo lo sguardo, interessandosi alla causa dei rifugiati e scivolando nelle spire di una machiavellica organizzazione fascista che, in un'ottica da Brexit sud-europea, sogna di allevare un esercito di giocatori "da Mondiale". La strumentalizzazione dello sport per indurre artificialmente la felicità nazionale è un'espediente vecchio come il mondo ma gli autori vanno oltre, puntando il dito sulla situazione attuale del Portogallo, dove il miracolo economico è una pubblicità per turisti e gli idioti del calcio la somatizzazione di una società malata. Dentro questa bolla di disfunzioni contemporanee pronta a esplodere, Abrantes e Schmidt costruiscono una riflessione sul genere.

Se il protagonista rischia di essere clonato, Diamantino stesso è ricalcato su Cristiano Ronaldo, Narciso del calcio a cui Carlota, debordante di compassione, ruba lo sguardo smarrito di bambino intrappolato in un corpo di adulto. Improntato al suo narcisismo, che lo spinge a ogni partita a esibire fieramente i pettorali, il film li converte in seni, effetto secondario di una manipolazione genetica, spingendo l'immaginario più lontano fino a pescare l'anima queer di un giocatore che mette a segno goal sovrumani.

Vittima del suo statuto mediatico, Diamantino è un'immagine senza fondo, una figurina infinitamente riproducibile (anche in laboratorio). Creatura spettacolare in preda a crisi mistiche, dei pechinesi giganteschi gli appaiono in campo indicandogli la via del goal, si cerca dietro psichedeliche nuvole rosa e in una galleria inesauribile di immagini che ritrasmettono le sue prodezze. Abrantes e Schmidt contraddicono l'immagine virile incollata come un pallone ai giocatori e disegnano sul petto una 'sfumatura' nuova di gentilezza che gonfia la maglia e turba la silhouette plastica, proiettando il calcio in un'età adulta (e turgida) di desideri nascenti.

Al largo e fuori finalmente dal mondo agonizzante del pallone, Diamantino inventa una fisionomia altra, maschile e femminile insieme in una sintesi inedita che conferisce al calciatore, elevato al rango di immortale, un sembiante finalmente umano.

Riconciliando con brio maschile e femminile, avanguardia e mainstream, immagini sintetiche e pellicola 16 mm, gli autori firmano un'opera ibrida che fugge qualsiasi classificazione e genere. Una maniera fintamente naïve di guardare l'attualità, scovando nell'eterogeneità la coscienza del mondo. Mash-up folle e inventivo, Diamantino è pronto a tutto e aperto a tutti, appassionati di calcio e non, etero e non, cinefili, cinofili e gattofili, nessuno escluso. Dribblate la noia e andate in rete. E al cinema.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 19 agosto 2019
Mamauz

BuonaseraIo non ho capacità critica estesa, non sono capace di fare recensioni detto in parole povere.Ho visto il film, invogliato dalla sua recensione. Anche secondo me è una favola ma la definisco allegorico/grottesca. Purtroppo mi sono annoiato.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
mercoledì 14 agosto 2019
Fabio Fulfaro
Sentieri Selvaggi

Si caratterizza per la forza corrosiva e grottesca Diamantino, primo lungometraggio di Gabriel Abrantes e Daniel Schmidt, i ragazzi terribili del cinema queer che già avevano collaborato nel cortometraggio A History of Mutual Respect (2010) e nel mediometraggio Palacios de pena (2011). Il film narra la favola di Diamantino Matamouros (il bravissimo Carloto Cotta), un Michelangelo del calcio portoghese [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 agosto 2019
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Diamantino, asso portoghese del pallone, fuori dal campo è un idiota totale, manipolato da due sorelle gemelle, in stile nazi. Quando il «campione» sbaglia il rigore alla finale del mondiale (il giorno prima, era in barca...), medita il ritiro, ma, complice le due sadiche donne, finirà al centro di un complotto per clonarlo. Non è un film sul calcio, ma uno sconclusionato mix di generi che, pur cretino, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 14 agosto 2019
Alessandro Uccelli
Cineforum

Ci si poteva aspettare qualcosa di più, da Abrantes e Schmidt, che sul corto e medio metraggio hanno per anni dato prova di un grande talento, il primo soprattutto, riuscendo a fare del sovvertimento surreale delle regole del racconto un grimaldello critico, spesso puntato verso artisti e opere di grande valore iconico. Le icone, appunto: anche un analfabeta calcistico riconosce, al minuto due, che [...] Vai alla recensione »

martedì 13 agosto 2019
Giulio Sangiorgio
Film TV

C'è un Ronaldo ritardato, uno che a stento raggiunge il 10% delle capacità mentali di un uomo medio ma possiede il cuore innocente di un bimbo. C'è un errore dal dischetto, nella finale dei mondiali, perché gli immaginari pechinesi giganti che ispirano l'eroe sul campo vengono d'improvviso sostituiti dalle immagini di una migrante che piange. Ci sono due sorelle d'una crudeltà oltre la soglia di quelle [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 agosto 2019
Francesco Del Grosso
La Rivista del Cinematografo

Ci sono film che per volontà di chi li ha concepiti sfuggono a qualsiasi tentativo di classificazione, impedendo allo spettatore di circoscriverlo all'interno del recinto di un dato genere. Diamantino di Abrantes e Schmidt è uno di questi. Il suo DNA drammaturgico, narrativo e formale, ha nell'ibridazione il carburante che ne alimenta il motore. Con un mix di dramma, commedia surreale e fantascienza, [...] Vai alla recensione »

domenica 11 novembre 2018
Raffaele Meale
Quinlan

Diamantino, icona assoluta del calcio e simbolo dell'intero Portogallo, è capace da solo di sfondare le difese più rocciose. Nel momento cruciale della sua carriera però il suo genio si dissolve. La sua carriera è finita, e la stella sportiva cerca di dare un senso alla propria vita. Comincia in quel momento una folle odissea nella quale si confronteranno neo-fascismo, crisi migratoria, deliranti traffici [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
mercoledì 24 luglio 2019
 

Diamantino è un campione di calcio di fama mondiale. Finché un brutto giorno tutto il genio sparisce irrimediabilmente nel nulla. Dal 15 agosto al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
mercoledì 24 luglio 2019
 

Un talento del mondo calcistico perde la forza sportiva e deve ricominciare da capo la sua vita. Ma è in grado di farcela? Vai all'articolo »

TRAILER
venerdì 4 gennaio 2019
 

Diamantino è un prodigio del pallone. Toccato dalla grazia in campo, fuori campo l'attaccante portoghese è un idiota sublime che non comprende nulla delle forze politiche che agitano il suo Paese. A un passo dalla Coppa del Mondo, perde la sua magia e [...]

CANNES FILM FESTIVAL
giovedì 17 maggio 2018
 

Il primo premio consegnato quest'anno durante il Festival di Cannes è quello della Semaine de la Critique, andato al film Diamantino di Gabriel Abrantes e Daniel Schmidt. Il film racconta la storia di un genio del calcio che sbaglia la partita [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati