Atlas

Film 2018 | Drammatico +13 99 min.

Titolo originaleAtlas
Anno2018
GenereDrammatico
ProduzioneGermania
Durata99 minuti
Regia diDavid Nawrath
AttoriRainer Bock, Albrecht Schuch, Uwe Preuss, Thorsten Merten, Roman Kanonik Nina Gummich.
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di David Nawrath. Un film con Rainer Bock, Albrecht Schuch, Uwe Preuss, Thorsten Merten, Roman Kanonik. Cast completo Titolo originale: Atlas. Genere Drammatico - Germania, 2018, durata 99 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Atlas tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Opera prima che sfiora atmosfere noir, basata su personaggi e volti che portano impressi i segni di una vita e un mondo faticosi e spietati ma che riescono a far emergere il calore del sentimento.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Tra dramma, crime e mélo, un racconto metropolitano contemporaneo che ha la sua forza nella verità dei personaggi.
Recensione di Marianna Cappi
venerdì 30 novembre 2018
Recensione di Marianna Cappi
venerdì 30 novembre 2018

Walter ha una sessantina d'anni e fa una vita grigia, silenziosa e dura. Si occupa di traslochi in caso di sfratto e porta sulle spalle il peso delle case che svuota e di un passato misterioso e drammatico. Il suo capo lo considera il più leale e capace tra i suoi dipendenti e si affida a lui per portare a compimento lo sfratto di tutti gli appartamenti di un immobile che interessa alla malavita. Ma una famiglia si oppone, rifiutando di andarsene, nonostante le minacce crescano d'intensità.

Il passato di Walter, improvviso, riaffiora, costringendolo a decidere se cominciare a vivere o tornare a mettere la testa sotto la sabbia.

Opera prima del giovane regista David Nawrath, di origini iraniane e tedesche, Atlas è un film di personaggi che rimangono impressi per la loro tridimensionalità, per la carica vitale che sprigionano anche quando sono, come Walter, individui soli, di pochissime parole, abituati a non esprimere i propri sentimenti e a non parlare di quello che provano. Ma di Walter parla il volto, parlano le spalle, che posizionano il corpo al centro di un film di esterni freddi e di deserti morali, catalizzando l'attenzione dello spettatore su un personaggio che, paradossalmente, ha passato l'esistenza a cercare di rendersi invisibile.

Parte come un film drammatico, poi diventa un crime, in parte thriller in parte noir, e c'è persino la componente melodrammatica: è impossibile definire in maniera univoca il genere di appartenenza di questo racconto metropolitano contemporaneo, permeato da un'aura di antica tragedia, e d'altronde il mito è nel titolo ed è scritto sul corpo (con un tatuaggio) e afferma che il carico di Walter è una punizione a vita, l'espiazione di un torto, ma fa anche di lui un pilastro, qualcuno a cui appoggiarsi per rimanere dritti in un mondo che vorrebbe piegare, storcere e corrompere.

Narrativamente, regista e sceneggiatore decidono di chiudere il cerchio (avrebbero potuto fare altrimenti, senza perdere in pathos) consegnandoci un racconto in fondo molto lineare e, da un certo punto in poi, anche prevedibile, ma è chiaro che è una scelta ragionata: non è il ricorso a trucchi o stratagemmi che fa vivere questo dramma, ma il suo toccare l'intimità di qualcuno che vorrebbe non averla, non sentirla, perché è ormai troppo tardi (o forse no).

Nessuna sorpresa, dunque: si resta anzi incollati allo schermo per il motivo opposto, per come Nawrath racconta la quotidianità, la verità di certe relazioni e di certe derive, che non lasciano spazio alcuno per l'intelligenza e tanto meno per l'empatia (impressionante, in questo senso, il dialogo notturno con Moussa). Atlas non è un film folgorante, è un ingresso nel mondo del lungometraggio di basso profilo, che non fa troppo rumore, ma promette qualcosa, innesca un'attesa per il futuro, e non è un risultato da poco.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati