Love Off the Cuff

Film 2017 | Commedia rosa 121 min.

Anno2017
GenereCommedia rosa
ProduzioneCina, Hong Kong
Durata121 minuti
Regia diPang Ho-Cheung
AttoriShawn Yue, Miriam Chin Wah Yeung, Mengjie Jiang, Paul Chun .
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Pang Ho-Cheung. Un film con Shawn Yue, Miriam Chin Wah Yeung, Mengjie Jiang, Paul Chun. Genere Commedia rosa - Cina, Hong Kong, 2017, durata 121 minuti. Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Love Off the Cuff tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un'interminabile storia d'amore sfida gli ostacoli e tempeste per riuscire a mantenersi viva.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Un film capace di indagare sulla grandezza delle metropoli orientali.
Recensione di Marco Castelli - Redazione Scrivere di Cinema
venerdì 7 aprile 2017
Recensione di Marco Castelli - Redazione Scrivere di Cinema
venerdì 7 aprile 2017

Dopo l'incontro avvenuto nelle aree fumatori cercando di aggirare i divieti sul fumo (Love in a Puff, 2010) e la riconciliazione a seguito d'una separazione dovuta a motivi di lavoro (Love in the Buff, 2012) i due protagonisti dell'ultimo episodio della serie cult hongkonghese, Jimmy Cheung (Shawn Yue) e Cherie Yu (Miriam Yeung) coabitano ormai da anni, ma rimangono titubanti sull'opportunità di rendere stabile definitivamente il loro rapporto. La loro vita familiare prova a costruirsi una quotidianità, scivolando quasi per inerzia verso quello che sembra essere il finale naturale della storia: il matrimonio ed un futuro da genitori. Saranno tuttavia sufficienti alcuni scoppi di gelosia legati a dei qui-pro-quo e le visite di alcuni invadenti parenti a rendere agitata la loro relazione, l'equilibrio della quale si romperà definitivamente davanti ad una situazione critica (che ricorda Forza maggiore, vincitore del premio della giuria a Un Certain Regard 2014), costringendoli a rimettere tutto in gioco.

Riusciranno anche questa volta i due a riconquistarsi ed a superare così la crisi del settimo anno? Saprà Jimmy dimostrare d'esser pronto a crescere ed ad assumersi le sue responsabilità?

Anche se spesso la trama si mostra leggera come la carta delle sigarette del primo incontro dei personaggi, le tante situazioni ridicole e l'inserimento di scene tra lo spaesante e lo stravagante (dalla favola d'infanzia che apre ex abrupto il film all'arrivo degli alieni), tengono alta l'attenzione e non fanno mai cadere il ritmo.

Con una rete strettissima di rimandi ai precedenti episodi della serie il regista e sceneggiatore Pang Ho Cheung presenta un lungometraggio diretto sia ad un pubblico di affezionati ma anche godibile da coloro che - meno attenti alle auto-citazioni - si possono comunque divertire con le continue scene ironiche e surreali, per poi magari riconoscersi in alcuni dei dubbi e delle gelosie della coppia, commentate dal "coro greco" delle amiche di Cherie.

Purtroppo però la sceneggiatura della commedia sembra specchiarsi nella relazione dei due protagonisti, come se anche il rapporto tra Ho Cheung e la sua produzione di maggior successo non riesca più ad avere la freschezza e l'imprevedibilità dei primi episodi. Così nonostante la regia indaghi spesso sulla grandezza della metropoli orientali, sembra essere tutto fatto fatto solo a fini didascalici e non per rappresentare una sensazione di smarrimento e la possibilità di alternative per i due protagonisti.

Anche i momenti drammatici, pur presenti, non sembrano poter davvero cambiare una trama tutta scritta attorno ed a favore di Jimmy e Cherie, con gli altri personaggi che faticano ad uscire dallo stereotipo (il gruppo di amici "nerd", il vecchio amante delle donne, la canadese liberale) e servono soltanto a far rotolare avanti - la maggior parte delle volte aggiungendo dei problemi - la situazione della coppia. Se ciò contribuisce chiaramente alla solidità del film fa però sbiadire la trama dietro ai dialoghi che puntano più all'effervescenza che alla profondità, facendo ricordare più i singoli episodi umoristici che la vicenda in sé.

Sei d'accordo con Marco Castelli - Redazione Scrivere di Cinema?
NEWS
[LINK] FESTIVAL
giovedì 26 aprile 2018
 

I cambiamenti della società orientale, e le relative similitudini e differenze con la nostra realtà, tra stress da lavoro ed equilibri familiari complessi, sono al centro della quinta edizione del Dragon Film Festival, la rassegna dedicata al meglio della [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati