Trafficanti

Film 2016 | Commedia, Drammatico +16 149 min.

Titolo originaleWar Dogs
Anno2016
GenereCommedia, Drammatico
ProduzioneUSA
Durata149 minuti
Regia diTodd Phillips
AttoriJonah Hill, Miles Teller, Ana de Armas, Kevin Pollak, Bradley Cooper, Barry Livingston Shaun Toub, JB Blanc, Ashley Spillers, Barbra Roylance, Brenda Koo, Ashli Haynes, Roman Mitichyan, Mehdi Merali, Julian Sergi, Jasmine Golden, Lucas Di Medio.
Uscitagiovedì 15 settembre 2016
DistribuzioneWarner Bros Italia
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 2,86 su 19 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Todd Phillips. Un film con Jonah Hill, Miles Teller, Ana de Armas, Kevin Pollak, Bradley Cooper, Barry Livingston. Cast completo Titolo originale: War Dogs. Genere Commedia, Drammatico - USA, 2016, durata 149 minuti. Uscita cinema giovedì 15 settembre 2016 distribuito da Warner Bros Italia. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 2,86 su 19 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Trafficanti tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Due amici ventenni decidono di sfruttare un'iniziativa governativa per fare i soldi e godersi la bella vita. Ma la situazione gli sfuggirà di mano. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Golden Globes, In Italia al Box Office Trafficanti ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 2,3 milioni di euro e 879 mila euro nel primo weekend.

Trafficanti è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,86/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,70
PUBBLICO 3,38
CONSIGLIATO SÌ
I personaggi di Todd Phillips hanno idee che superano di gran lunga l'opportunità della loro messa in pratica.
Recensione di Marianna Cappi
giovedì 15 settembre 2016
Recensione di Marianna Cappi
giovedì 15 settembre 2016

David Packouz sbarca il lunario facendo il massaggiatore, a Miami, dopo che gli sono andati male una serie di affari. Efraim Diveroli, invece, il suo migliore amico degli anni di scuola, ha un conto in banca a sei zeri. Quando la moglie rimane incinta, David accetta l'offera dell'amico di diventare suo socio, niente meno che nella vendita internazionale di armi. È l'era di George W. Bush e il governo, per rispondere alle accuse di favorire pochi soliti clienti, apre le porte delle aste sui contratti militari anche ai piccoli commercianti. Efraim e David sono piccoli ma spregiudicati quanto basta e cominciano ad accapararrarsi un contratto dietro l'altro. Almeno fino a quando non tentano il passo più lungo della gamba.
Todd Phillips, regista di amicizie maschili e personaggi dalle idee che superano di gran lunga l'opportunità della loro messa in pratica, ha visto giustamente nella storia vera di David e Efraim un boccone adatto al suo palato. L'avventure surreale di due poco più che ventenni che hanno convinto il Pentagono di poter armare l'intero esercito americano in Afghanistan, senza la minima cognizione di politica internazionale e, in fondo, senza il minimo scrupolo, era stata raccontata da Guy Lawson in un articolo su Rolling Stone (Arms and the Dudes) e, stando alle parole di Packouz, assomigliava ad una bravata, qualcosa che non sarebbe durato per sempre ma che suonava come un'occasione imperdibile. Phillips, dunque, adotta questo preciso punto di vista e accompagna l'ignaro David e il più folle Efraim in quello che appare il paese dei balocchi.
Il ritorno del regista in quel di Las Vegas, dove lui stesso ha fatto fortuna con la trilogia di Una notte da leoni, è un momento emblematico: travestiti in giacca e cravatta, i due ragazzotti di Miami Beach approcciano il più grande mercato mondiali delle armi come fosse il Comic-Con e il loro lavoro come una puntata milionaria alla roulette. Quando qualcuno domanda loro per cosa sta la sigla della Società, A.E.Y., Efraim afferma a cuor leggero che non sta per niente, "non vuol dire nulla, ma sembrava professionale". Questo è ciò che ha visto Todd Phillips: una storia che "sembrava un film", un'avventura fuori misura, dove la realtà interrompe ad un certo punto, al fischio di pallottole vere, a turbare l'estasi di due giovani sbronzi (non solo di alcool ma soprattutto di soldi).
Meno divertente delle precedenti scorribande di Phillips nel cinema demenziale, Trafficanti lascia che a parlare il linguaggio della commedia siano i corpi e le interpretazioni di Jonah Hill e Miles Teller, mentre tra le righe fa emergere una critica più esplicita del solito del mix che lega stupidità e avidità. In questo modo, però, il tono si intorbidisce; i suoi personaggi non sono più simpatici, colossali idioti, ma portano in loro una dose di furbizia di segno negativo (Diveroli in particolare, l'altro è santificato a vittima), mentre scrittura e regia non sono abbastanza strutturate per reggere l'ibrido tra dramma e commedia, e il film perde leggermente quota, atterrando più indietro rispetto a dove avrebbe potuto arrivare.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
TRAFFICANTI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99 €16,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 20 settembre 2016
Filippo Catani

Due ragazzi, sfruttando i bandi pubblici messi online dall'esercito degli Usa, diventano in breve tempo due affermati trafficanti d'armi. Da una storia vera. Meglio non dare troppi dettagli sulla trama perchè proprio su questo si basa il film. O per meglio dire: si basa sul fatto che gli assurdi eventi narrati sono realmente accaduti.

giovedì 22 settembre 2016
Flaw54

Certamente  non è un film che sarà ricordato nel tempo, ma, se pensiamo che è tratto da una storia vera, invita a riflettere sul tema della guerra e della vendita delle armi. Due giivani sbandati ottengono commesse dallo stato americano fino ad avere la possibilità  di vendere milioni di munizioni con guadagni stratosferici: la cosa ha dell' incredibile , ma [...] Vai alla recensione »

domenica 18 settembre 2016
Mario Nitti

Da massaggiatore per ricchi signori e trafficante di armi c'è un bel salto, soprattutto quando si è poco più che adolescenti, ma è questo che accade al protagonista del film. Ho iniziato a guardarlo con molte riserve, ma poi mi sono ricreduto. Il film è imperfetto, non sfrutta le potenzialità della trama e i personaggi sono un po' semplificati, quindi [...] Vai alla recensione »

martedì 11 ottobre 2016
Domenico Astuti

All’inizio del film veniamo a sapere che la divisa e le armi in dotazione di ogni soldato statunitense costa ben 17.500 dollari, calcolando che solo in Iraq sono passati almeno due milioni di soldati ci possiamo rendere conto di quanto possa far guadagnare una guerra. A metà del film i due protagonisti si trovano a Bagdad e vanno a ritirare dei soldi in un deposito in cui sono imballati [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 settembre 2016
elpiezo

Ironico e divertente, si raccontano le avventure di due squinternati trentenni e di una folle vendita internazionale d'armi. Dalle ammiccanti luci di Las Vegas alle aride terre del medio oriente, passando per la fredda ed inospitale Albania, la vera storia del fantomatico duo è narrata con avvincente vena comica, misurate sequenze d'azione, un calibrato turpiloquio ed un'incalzante colonna sonora. Vai alla recensione »

venerdì 16 settembre 2016
Daminax14

Recensione con spoiler! Essere il massaggiatore delle persone più benestanti di Miami non è sicuramente il sogno di un ventenne che ha tutta la propria vita davanti. Neanche se sei pagato 70$ all'ora. Vendere coperte di ottima fattura negli ospizi neppure, anche perché gli affari non vanno bene ( "ma hai mai toccato la pelle di un ottantenne?" ).

venerdì 28 ottobre 2016
Emanuele 1968

Mi ricordava quel capolavoro di "Finchè c'è guerra c'è speranza" con Alberto Sordi, e la l'amerezza della frase finale del film "pure un quarto d'ora prima" insomma.....Però non ho ben capito se Ralph Slutsky i soldi li ha presi alla fine, e il vedere una donna che segua il suo uomo Ralph Slutsky non per soldi, qui francamente mi sembra [...] Vai alla recensione »

venerdì 23 settembre 2016
Simonpeace01

Secondo me è un ottimo film. Ci lascia attaccati alla poltrona. Mai banale ne scontato. Ti impegna una ora e mezzo della tua vita e ti fa provare un'esperienza cinematografica bella. 

lunedì 22 ottobre 2018
Felicity

Miles Teller è simpatico, Jonah Hill ricorda Joe Pesci in Goodfellas. Ma il film non è un capolavoro. Scivola via. Accenna e non approfondisce il dilemma morale del traffico di armi, ma è soprattutto la sceneggiatura che lascia a desiderare. Troppi errori grossolani da parte dei protagonisti e troppe svolte improvvise ed ingiustificate. Godibile, ma dimenticabile.

lunedì 20 febbraio 2017
Inesperto

Per trattare questa storia vera si è preso qualche spunto da The wolf of Wall Street (varie somiglianze si alternano), ma c'è molta meno eccentricità. Divertente e serio allo stesso tempo, scorre via piacevolmente. Bradley Cooper compare poco ma è efficace. Ana de Armas è una delizia per gli occhi.

sabato 14 gennaio 2017
Liuk

Esagero un pò con il voto per mettere in risalto una pellicola strepitosa, basata su fatti realmente accaduti ma poco noti in Italia. L'assurda gestione dell'arsenale americano da parte del governo Bush fa da sfondo ad una storia adrenalinica magistralmente raccontata da due ottimi giovani (se pur già esperti) attori. Il racconto è appassionante e tiene lo spettatore incollato [...] Vai alla recensione »

mercoledì 28 settembre 2016
Begoloz

Originale lo spunto , ma il film è  un Po fiacco senza grosse scene di  azione, ma comunque divertente e scanzonato. 

sabato 17 settembre 2016
pier delmonte

Non credo sia impeccabile dal punto di vista della narrazione di cose eventi affari e burocrazia, pero’ ha un pregio, parla delle ultime sporche guerre dal punto di vista delle sporche dietro le quinte delle stesse (anche se inverosimili), e su questo punto intriga.

Frasi
"Che cosa vedi? Un tizio dell'Arkansas che fa il suo patriottico dovere per difendere il suo Paese? Io vedo un elmetto, un paio di guanti ignifughi, un giubbotto antiproiettile e un M16. Io vedo 17500 dollari. Questo è il costo dell'equipaggiamento di un soldato americano."
David Packouz (Miles Teller)
dal film Trafficanti - a cura di Dania G.
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Paolo D'Agostini
La Repubblica

Reduce dal grande successo di Una notte da leoni e dei suoi due sequel, Todd Phillips trasferisce parte dello spirito goliardico e dell'umore brillante di quegli exploit nel sentimento e nel ritmo cli questa nuova storia abbinandoli a sfondi e temi più pesanti, certamente più di un addio al celibato o di una scorribanda a Las Vegas (che comunque è presente pure qui).

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Parte come se fosse una commedia satirica, ma ben presto vira su toni drammatici, mettendo sul banco degli imputati il famoso Sogno Americano. Un affarista senza scrupoli offre lavoro a un vecchio compagno di scuola, ora massaggiatore per ricchi: proviamo a vendere armi all'esercito americano? I due, per stare al passo con le commesse vinte, dovranno ricorrere a mezzi sempre più truffaldini.

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Due ventenni della classe media di Miami, Efraim Diveroli e David Packouz, si incontrano a un funerale dopo essersi persi di vista per anni e decidono di lanciarsi in un'attività improbabile quanto lucrosa. Mercanti d'armi. Parte così una specie di versione demenziale - ma basata su una storia vera - di The Wolf of Wall Street, con la guerra in Iraq al posto della finanza e due ebrei sbarbatelli e [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Alla base di c'è un articolo pubblicato nel 2011 su Rolling Stone, dove si raccontava di due giovani americani che ai tempi della primo conflitto iracheno erano riusciti, pur essendo venditori di armi improvvisati, a chiudere un contratto miliardario con il Pentagono dalle catastrofiche conseguenze. Scrittore e regista della fortunata trilogia di Una notte da leoni, Todd Philips ha capito il potenziale [...] Vai alla recensione »

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

L'America che esporta democrazia, dall'Iraq all'Afghanistan, e due amici ventenni di Miami, l'intrallazzone Efraim Diveroli (Jonah Hill) e l'ex massaggiatore David Packouz (Miles Teller), che provano ad approfittarne. Cogliendo al balzo un'iniziativa "trasparente" del governo Usa, s'improvvisano mercanti d'armi, fornendo Beretta alla polizia irachena e, affare da 300 milioni di dollari, proiettili [...] Vai alla recensione »

NEWS
SERIE TV
lunedì 23 gennaio 2017
 

Nuovi contenuti arricchiscono la piattaforma di streaming on demand Infinity che anche a febbraio torna ad offrire al pubblico una scelta ampia tra serie tv, capolavori cinematografici e i titoli più recenti attraverso Infinity Premiere, disponibili con [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati