Le mille e una notte - Arabian Nights: Volume 3 - Incantato

Film 2015 | Drammatico, +13 125 min.

Titolo originaleArabian Nights: Volume 3 - The Enchanted One
Anno2015
GenereDrammatico,
ProduzionePortogallo, Francia, Germania
Durata125 minuti
Regia diMiguel Gomes
AttoriCrista Alfaiate, Bernardo Alves, Chico Chapas, Carloto Cotta, Jing Jing Guo .
Uscitavenerdì 18 marzo 2016
TagDa vedere 2015
DistribuzioneMilano Film Network
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Regia di Miguel Gomes. Un film Da vedere 2015 con Crista Alfaiate, Bernardo Alves, Chico Chapas, Carloto Cotta, Jing Jing Guo. Titolo originale: Arabian Nights: Volume 3 - The Enchanted One. Genere Drammatico, - Portogallo, Francia, Germania, 2015, durata 125 minuti. Uscita cinema venerdì 18 marzo 2016 distribuito da Milano Film Network. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi Le mille e una notte - Arabian Nights: Volume 3 - Incantato tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Terzo film della trilogia, in cui Gomes trova nei sobborghi di Lisbona nuove libertà e possibili racconti nel canto degli usignoli allevati dal popolo. Al Box Office Usa Le mille e una notte - Arabian Nights: Volume 3 - Incantato ha incassato 4,2 mila dollari .

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
La conclusione della trilogia di Gomes è una sfida alla pazienza che restituisce stimoli teorici sulla natura dell'intera opera.
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 21 marzo 2016
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 21 marzo 2016

Sheherazade sente il peso di dover salvare il mondo raccontando le sue storie e inganna il tempo tra una notte e l’altra spassandosela nell’“Arcipelago di Bagdad”. Quando riprende a raccontare, lo fa con “Il coro inebriante dei fringuelli”, storia di addestratori di fringuelli che si sfidano tra loro in competizioni canore. Dopo aver messo alla prova se stesso e i propri limiti con Desolato, Miguel Gomes nell’ultimo atto delle sue Mille e una notte mette alla prova il pubblico, quello spettatore complice che ha girovagato con lui, è stato al gioco e vuol vedere come andranno a finire 380 minuti di film. Inutile dire che “lo stare al gioco” deve accompagnare in modo particolare l’epilogo della vicenda, quanto mai bizzarro. Ma che Gomes non fosse da prendere completamente sul serio pareva chiaro già dal primo volume delle Notti.
Diviso chirurgicamente in due sezioni, Incantato sembra da principio voler ricongiungere gli spazi della narrazione e della meta-narrazione, conducendo alla corte del sultano e nelle braccia di Sheherazade. In una pauperista ricostruzione dell’assurdo, che mescola luna park e spiagge marsigliesi per raffigurare un Arcipelago di Bagdad che di Bagdad non ha nulla (né pretende di averne), si muove Sheherazade, incarnazione dello spirito gomesiano e forse sua Musa. Libera, consapevole e sessualmente disinibita, quasi un’icona di femminismo contrapposta al potere invisibile ma opprimente.
Lo sforzo di dover tornare “sulla terra”, nel momento in cui Sheherazade riprende a narrare, non prepara in ogni caso alla sorpresa che attende lo spettatore: un minuzioso resoconto della competizione tra fringuelli addestrati a cantare da generazioni dai loro proprietari. Una storia in cui si mescolano ricordi e tradizione popolare, entrambi abbondantemente trasfigurati, in cui ancora una volta non si riescono a stabilire confini precisi tra documentario e finzione; e in cui prevalgono silenzi, iterazioni e scritte in sovraimpressione che raccontano di fatti oltremodo fuorvianti e pleonastici.
Una sfida alla pazienza, alla maniera di una "Revolution n. 9" dei Beatles, che restituisce stimoli teorici sulla natura dell’opera di Gomes, quasi sussunta dal movimento tripartito del canto degli uccelli. Ironica a fieramente diversa fin nel suo pseudo-epilogo, sulle note di una cover di un brano per diverso tempo ritenuto dei Beatles. Come una traccia fantasma potenzialmente infinita di un album dalle molteplici sensazioni e divagazioni, misterioso ma carico di significati e guidato da una forma di irriducibile speranza in quel che resta dell’uomo al tempo della crisi.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Eugenio Renzi
Il Manifesto

I primi quaranta minuti del terzo capitolo, Incantato, somigliano ad una deriva oltre i limiti del racconto. Sherazade entra in scena in carne ed ossa e comincia a vivere in prima persona le proprie storie. Oltre la finzione c'è la vita. La finzione è andata al di là del racconto e questo a sua volta si è sublimato fino a scomparire o a coincidere con l'azione.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati