Tir

Film 2013 | Drammatico 85 min.

Anno2013
GenereDrammatico
ProduzioneItalia, Croazia
Durata85 minuti
Regia diAlberto Fasulo
AttoriBranko Zavrsan, Lucka Pockja, Marijan Šestak .
Uscitagiovedì 27 febbraio 2014
DistribuzioneTucker Film
MYmonetro 2,75 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Alberto Fasulo. Un film con Branko Zavrsan, Lucka Pockja, Marijan Šestak. Genere Drammatico - Italia, Croazia, 2013, durata 85 minuti. Uscita cinema giovedì 27 febbraio 2014 distribuito da Tucker Film. - MYmonetro 2,75 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Tir tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il documentario diretto dal friulano Alberto Fasulo ha vinto l'ottava edizione del Festival del Film di Roma 2013. Il film è stato premiato a Roma Film Festival.

Tir è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,75/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,50
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
A metà tra finzione e realtà, Tir mostra l'anima di un uomo on the road.
Recensione di Marco Chiani
sabato 16 novembre 2013
Recensione di Marco Chiani
sabato 16 novembre 2013

Da qualche mese, Branko, di nazionalità croata, fa il camionista per una ditta di trasporti italiana. Prima era un insegnante, ma il suo nuovo lavoro riesce ad assicurargli uno stipendio tre volte superiore. Guida per le strade di mezza Europa da solo oppure insieme al copilota Maki, un trentenne con un bambino piccolo ad aspettarlo a casa, sempre più indeciso se continuare o meno a fare quella vita. Le telefonate con la moglie o con il figlio sono l'unico contatto che Branko ha con la famiglia.
Frutto di cinque anni di ricerche sul campo, Tir ha una base di partenza fortemente documentaristica. Con una macchina da presa leggera, settata dal posto del passeggero, sempre vicino ai corpi, Alberto Fasulo mostra la vita "on the road" del suo protagonista, l'attore professionista Branko Zavrsan, che ha davvero conseguito la patente di guida prevista dal codice della strada. All'iniziale ricerca della verità si specchia dunque l'anima di finzione del progetto, quella di una costruzione narrativa certamente aperta, ma precisamente indirizzata a raccontare un'occupazione alienante attraverso una vicenda in certo modo esemplare. Tra strade, autostrade, svincoli, magazzini dove caricare la merce, si delinea un tracciato fatto di non luoghi, tutti uguali, ma separati da una distanza geografica che nasconde il peso della fatica, in cui Branko pare voler sfidare la sua stessa resistenza. Lasciando le sequenze andare oltre il tempo necessario, il respiro dato dal montaggio ambisce a far sentire il palpito della condizione di un uomo che mangia e si lava nei modi in cui meglio può e soprattutto vive la sua famiglia soltanto attraverso conversazioni telefoniche: una lunga sequenza in cui la moglie racconta di una serata trascorsa con alcuni amici accende una fiamma di gelosia, così come alla richiesta del figlio di denaro per acquistare un appartamento corrisponde una decisione forse troppo affrettata. Il contesto che si vuole ritrarre è forse quello dell'esilio, di una lontananza sì dolorosa, ma vissuta con caparbia tenacia da chi porta avanti un'esistenza di fatiche e rinunce per dare stabilità a quelle stesse persone che, più o meno velatamente, lamentano la sua mancanza. Il film di Fasulo non è soltanto una riflessione sulle limitazioni e le difficoltà vissute dai trasportatori, tuttavia messe in evidenza (la richiesta dell'azienda di guidare oltre le ore consentire, le proteste di alcuni colleghi), ma anche un esercizio su alcuni modelli di racconto e sulle possibilità che la commistione dei vari linguaggi può offrire. Molto credibile il rapporto tra l'attore professionista Zavrsan e Marijan Sestak, di professione camionista, che interpreta Maki.

Sei d'accordo con Marco Chiani?
TIR
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 26 agosto 2016
stefano capasso

Branko è un uomo croato che ha preferito la vita del trasportatore a quella dell’insegnante. Guida il suo tir, spesso in compagnia dio un collega, per tutta Europa, e rimane per lunghi periodi lontano da casa e dalla famiglia che sente regolarmente per telefono. Ma guadagna tre volte di più e questo lo spinge a continuare con questa vita.

lunedì 24 febbraio 2014
no_data

E' un docufilm di grande attualità perchè mette a nudo la guerra tra poveri ,che si sta conducendo nel vecchio continente europeo, da quando una crisi economica così  grave da evocare  carestie d' altri tempi sta attanagliando  la categoria di lavoratori che , fino ad ora ,costituivano il nerbo dei paesi industrializzati.

sabato 16 novembre 2013
rct_freexis

Una bomba H soporifera ha vinto il Festival. Complimenti.

martedì 19 novembre 2013
gaiart

TIR di Alberto Fasulo     Nomen Omen! di Gaia Serena Simionati Uno che si chiama Fasulo, in dialetto "fagiolo" può mai produrre qualcosa di stimolante o ecletticamente originale? Uno che, alla conferenza stampa di TIR ha fatto sbadigliare tutti o addormentare alcuni,  e che alla proiezione, come risultato di reazione più scomposta, ha provocato un’agghiac [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Lungo le strade dell'Europa per capire il mondo in cui viviamo, con le sue difficoltà economiche, con i suoi rapporti affettivi e umani in difficoltà. Il friulano Alberto Fasulo sale sul Tir, che ha vinto il festival di Roma, e ci accompagna in un percorso geografico-esistenziale dentro la vita di Branko Zavrsan, attore che si è fatto veramente camionista e che ci spiega, nei lunghi dialoghi telefonici [...] Vai alla recensione »

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Ancora on the road, ma senza maledettismi, senza canne e poesia: il viaggio è pragmatico, coatto. Nè maggiolino, nè transporter, ma un anonimo TIR, un bestione della strada, a tracciare una X sull'Europa che non c'è: dalla Svezia a Roma, da Siviglia a Budapest. In cabina, giorno e notte per quattro mesi, sono in due: il regista friulano, classe 1976, Alberto Fasulo e l'attore Branko Zavrsan, già in [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Tir di Alberto Fasulo ha vinto come miglior film l'ultima edizione del festival di Roma. È un ibrido, un documentario ma costruito, scritto, recitato. Al centro c'è la personalità di Branko che è croato di Fiume e ha lasciato il lavoro di insegnante - e la famiglia: la moglie anche lei insegnante, il figlio sposato e a sua volta padre - per girare l'Europa come camionista.

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Uscireste di casa per andare a vedere un camionista che si lava (a lungo) le ascelle e (più sommariamente) i piedi? La docufiction del temerario friulano Alberto Fasulo, racconta le peripezie di un ex prof croato di mezza età, tale Branko. Guadagna tre volte di più alla guida di un Tir che in cattedra. Mangia, parla al telefonino, anche mentre guida, dorme, su e giù per l'Europa.

NEWS
NEWS
sabato 16 novembre 2013
Chiara Renda

Presentata da un'emozionata Anna Foglietta, la cerimonia di premiazione dell'ottava edizione del Festival del Film di Roma ha visto trionfare, come all'ultima Mostra di Venezia (con Sacro GRA), il documentario italiano.

winner
miglior film
Roma Film Festival
2013
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati