Ci vediamo domani

Film 2013 | Commedia 103 min.

Regia di Andrea Zaccariello. Un film con Enrico Brignano, Burt Young, Ricky Tognazzi, Francesca Inaudi, Giulia Salerno. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2013, durata 103 minuti. Uscita cinema giovedì 11 aprile 2013 distribuito da Moviemax. - MYmonetro 2,63 su 20 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Ci vediamo domani tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Marcello Santilli decide di aprire l'unica agenzia di pompe funebri in uno sperduto paesino della Puglia, popolato solo da ultranovantenni. Ma il tempo passa e i vecchietti restano in salute... In Italia al Box Office Ci vediamo domani ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 1,7 milioni di euro e 629 mila euro nel primo weekend.

Passaggio in TV
venerdì 27 aprile 2018 ore 21,15 su RAITRE

Ci vediamo domani è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,63/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,27
CONSIGLIATO NÌ
Commedia malinconica che tenta di restituire una realtà non edulcorata attraverso la verve di Brignano.
Recensione di Paola Casella
giovedì 4 aprile 2013
Recensione di Paola Casella
giovedì 4 aprile 2013

Marcello Santilli è uno spiantato sempre in cerca dell'occasione per "svoltare" la propria esistenza popolata da una ex moglie, una figlia che considera il padre "il bruco nella sua mela" e una nonna che l'ha cresciuto in assenza dei genitori, e che continua a chiedergli se gli affari vanno bene (sapendo che non è mai così). Quando Marcello apprende che un paesino della Puglia abitato da ultranovantenni è privo di un'agenzia di pompe funebri decide di aprirne una lui, convinto che sia l'opportunità della sua vita, visto che "in tempi di crisi la gente fa solo due cose: mangia e muore". Ma i vecchietti non hanno alcuna intenzione di andarsene, e Marcello rischia di fare l'ennesimo buco nell'acqua.
Su uno spunto non dissimile da quello del Pinuccio Lovero di Pippo Mezzapesa, che vedeva un becchino del bitontino impossibilitato a svolgere il proprio mestiere per mancanza di defunti, Ci vediamo domani imbastisce una vicenda che fa luce su una problematica contemporanea: la contrapposizione socioeconomica fra i quarantenni privi di opportunità lavorative "massacrati da preoccupazioni e incertezze" e la generazione dei loro nonni che, non avendo "niente da perdere" (e spesso potendo fare conto su una pensione e una casa di proprietà), può godersi il presente (acciacchi permettendo) senza l'angoscia costante del domani, nel privilegio di un "coraggio assoluto".
Il film di Andrea Zaccariello, autore di corti pluripremiati e regista di innumerevoli spot pubblicitari fra cui quelli "celestiali" di una nota marca di caffé, non è una commedia tout court (anche se si ride e si sorride) ma la storia malinconica e a tratti struggente di un maschio contemporaneo preso d'assedio da una realtà fatta di "furbetti del quartierino" e di chance mancate. La vis comica di Enrico Brignano, da sempre sottesa da una vena di strazio esistenziale, si attaglia perfettamente al personaggio di Marcello, e forse ne è l'ispiratrice.
Intorno al suo personaggio la complessa realtà italiana è raccontata in dettagli precisi: l'arredamento "antico" della casa della nonna, le palazzine di dignitosa modestia del quartiere romano, il paese arcaico la cui piazza è attraversata dagli anziani abitanti come certe inquadrature pasoliniane dalle galline di cortile. La piega lievemente surreale della messinscena viene allo scoperto in un'inquadratura finale, con un personaggio che guarda in macchina con espressione stranita.
Imperfetto nel ritmo narrativo e nei tempi comici nonostante la verve di Brignano, Ci vediamo domani resta comunque un coraggioso tentativo di pescare dalla realtà e restituircela non edulcorata, con la stessa laconica presa d'atto della figlia di Marcello (Giulia Salerno, molto brava e credibile) quando dice: "Io non giudico, semplicemente non faccio finta di niente".
E Zaccariello, anche sceneggiatore, riporta correttamente sulle spalle del protagonista la responsabilità morale delle sue scelte, ricordandogli che la coscienza di non meritarsi le proprie sfortune non lo assolve dal dovere di evitarne altre, a sé e a chi gli sta vicino. Bel ruolo di contorno per Burt Young (doppiato da Omero Antonutti) nei panni di un "papà d'America" pronto ad accogliere Marcello, pregi e difetti, raffinata la canzone finale di Cristina Donà.

Sei d'accordo con Paola Casella?
CI VEDIAMO DOMANI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€6,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 18 aprile 2013
Siebenzwerg

Quattro stelle per l'originalità e l'intelligenza. L'idea che anima la storia ha quel tanto di surreale da commedia napoletana che rende i personaggi degli anziani, centenari, "immortali", un po' incantati e proprio come nelle vecchie commedie di Eduardo il messaggio è più profondo di quel che sembra. Il personaggio di Brignano (chiamato col nome felliniano di Marcello) scopre una visione esistenziale [...] Vai alla recensione »

lunedì 19 maggio 2014
rita branca

  Ci vediamo domani  (2013) film di Andrea Zaccariello con Enrico Brignano, Burt Young, Francesca Inaudi, Ricky Tognazzi, Luca Avagliano,Carlo Fabiano   La presenza in questo film di Enrico Brignano sembrerebbe sufficiente a creare l’aspettativa di una commedia brillante con molteplici stimoli alla risata… nulla di più sbagliato.

venerdì 30 gennaio 2015
enzo70

Ci vediamo domani è un film che va nella scia del buonismo della commedia all’italiana degli ultimi anni. Basta una buona, un buon attore e l’intelligenza di non avere pretese. E lo spettatore in cambio di un’ora di mezza senza pensieri accetta anche le banalità che, alla fine, innervano il film. In sintesi, partiamo dall’idea, buona come detto: un piccolo imprenditore [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 aprile 2017
Diabolik0

Brignano è il protagonista di questa commedia attraversata da una venatura malinconica.Al di la delle battute dell'attore comico romano di discrete qualità,soprattutto in teatro, dove è un grande animale da palcoscenico,quello che colpisce è una sorta di riflessione sul tema della vecchiaia.Gli anziani qui sono vitali e animati da grande voglia di vivere,amara e giusta [...] Vai alla recensione »

mercoledì 14 dicembre 2016
SARGI67

la disperazione di Marcello,  un uomo fallito (Brignano) che ha alle costole il solito ed insensibile bancario,  un matrimonio finito, debiti a non finire, prova a metter su un'agenzia di pompe funebri in un paesino di poche anime, tutti vecchi.... L'impresa, risulterà vana, fino a quanto, Marcello e Mario un abitante del posto, reduce di guerra, si [...] Vai alla recensione »

sabato 6 luglio 2013
ultimoboyscout

Ridotto sul lastrico, Marcello Santilli, pensando a facili guadagni, decide di aprire un'agenzia di pompe funebri, l'unica, in un paesino sperduto della Puglia, abitato esclusivamente da ultranovantenni. Avrà fatto bene i conti? Da un soggetto di Paolo Rossi e del regista Zaccariello, è una commedia priva di sesso e corna che vra su sapori antichi,  contadini e malinconici [...] Vai alla recensione »

domenica 21 aprile 2013
muttley72

Commedia più che agrodolce, a tratti altamente drammatica, che affronta le tematiche delle difficoltà finanziarie, della crisi della famiglia, del "senso della vita" e di come essa andrebbe vissuta nel Mondo odierno. Brignano recita senza i suoi classici "monologhi" (....ma nel film un paio ce ne sono), superando la prova (non facile) con una sufficienza [...] Vai alla recensione »

venerdì 12 aprile 2013
renato volpone

Definito come una commedia malinconica, questo film racconta di Marcello, un romano fallito negli affetti e nell'amore, che tenta di recuperare terreno e denaro aprendo una ditta di pompe funebri in un paesino abitato solo da anziani e centenari, ma gli abitanti del luogo, oltre che essere longevi, sono anche resistentissimi alle malattie e alla depressione.

giovedì 26 settembre 2013
Enry93ss

Un film di 98 minuti che ci regala ben poche scene interessanti. Un cast sicurmente importante: Enrico Brignano, Burt Young, Francesca Inaudi, Ricky Tognazzi. Ed è stato l'ultimo film per Anna Maria Orso, deceduta poco dopo le riprese del film. Sicuramente tutti gli attori e le comparse recitano molto bene, ma il problema a mio avviso stà nella trama.

martedì 14 maggio 2013
intoccabile

Cofermo le sensazioni provate dagli altri utenti. E' un film lento che tentenna fra il comico e il drammatico, senza però riuscire pienamente in nessuno di essi.

sabato 27 aprile 2013
egizol

Se vi aspettate di ridere... non è il film che fa per voi! Poche le scene divertenti... veramente poche, ad un certo punto c'è un monologo (il suo classico parlare velocissimo) ma non ottiene l'effetto desiderato. In quanto a trama regna in una sorta di assurdo, incongruenze, comportamenti senza senso (comprare un ristorante in nero tanto per dirne una).

venerdì 23 agosto 2013
asrdrubale03

un film che di mette tristezza e noia per 103 minuti

venerdì 12 maggio 2017
Portiere Volante

A me Brignano fa simpatia anche se continuo a pensare che il cinema non sia il suo palcoscenico migliore. La commedia ha momenti riusciti ed altri pessimi. Vedere con quanta costanza, gli anziani del paese, facciano "resistenza" al protagonista,due risate ce le strappa pure,il desiderio di vederli capitolare al più presto, molto meno.

mercoledì 9 aprile 2014
stefano bruzzone

 Sig.ra Paola Casella da quale cilindro ha estratto 3 stelle? non ci siamo. mi piace Brignano ma ancora una volta mi trovo a dover commentare un film italiano pessimo. pessimo per sceneggiatura e pessimo per interpretazione. Brignano è un ottimo monologhista ma, come spesso accade in italia ove non ci sono più attori formati ma presentatori,imitatrici e cabarettisti riciclati [...] Vai alla recensione »

mercoledì 9 aprile 2014
ellistor

Gentili Signori, ma quali problematiche esistenziali ! Il protagonista è semplicemente un immorale, e vediamo di non giustificare i tentativi di omicidio che mette in atto fino a rendersi responsabile della morte dell'unica persona che gli ha voluto bene: la nonna! Se la comicità "malinconica" di Brignano è tutta qui, con quel suo noioso vezzo di sottintendere come nella pubblicità del caffe, ah [...] Vai alla recensione »

sabato 4 maggio 2013
giox967

mi meraviglio di Brignano che è il mio idolo IN TEATRO, questo film è stata una delusione poco divertente e con una trama idiota, un consiglio a Enrico "LASSA PERDE ER CINEMA" 

giovedì 2 maggio 2013
ezechiele1985

Non male come storia, forse serviva qualcosa in più (colpo di scena, etc) per dargli quel tocco in più. Ci fa riflettere su come prendere la vita e cosa si può imparare da persone un po' più grandi di noi e il sentirsi sempre giovane, per poter dire "Ci vediamo domani..."

sabato 27 aprile 2013
Nino Pell.

Discreto film, tutt'altro che leggero. Attraverso lo stile comico dell'attore Brignano e di una formula narrativa simpaticamente umorale di cui questo film è caratterizzato, il regista Zaccariello intende trasmetterci una serie di messaggi che trovano spunto da certe problematiche che spesso imperversano nell'ambito della nostra società contemporanea: la crisi del matrimonio, le difficoltà esistenziali [...] Vai alla recensione »

lunedì 22 aprile 2013
GEMMA

pensavo che un comico come Brignano facesse ridere, invece mi ha depresso, è un filmetto nemmeno comico. L'idea forse era buona, ma oggi abbiamo bisogno di farci quattro risate senza moralismi nè insegnamenti.

Frasi
"Io non giudico, semplicemente non faccio finta di niente!"
Melania (Giulia Salerno)
dal film Ci vediamo domani - a cura di Nicholas Nasso
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati