Jaurès

Film 2012 | Sperimentale 83 min.

Titolo originaleJaurès
Anno2012
GenereSperimentale
ProduzioneFrancia
Durata83 minuti
Regia diVincent Dieutre
AttoriVincent Dieutre, Eva Truffaut .
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Regia di Vincent Dieutre. Un film con Vincent Dieutre, Eva Truffaut. Titolo originale: Jaurès. Genere Sperimentale - Francia, 2012, durata 83 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi Jaurès tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un film sperimentale con Eva Truffaut (la figlia del famoso regista) dove realtà e sogno si mescolano. Il film ha ricevuto il premio speciale della giuria nella sezione Forum alla Berlinale 62. Il film è stato premiato al Festival di Berlino,

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Una privilegiata 'finestra sul cortile' che permette un'acuta riflessione su vicende private e collettive.
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 12 settembre 2012
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 12 settembre 2012

Vincent Dieutre (regista), Eva Truffaut (regista e fotografa). Sono entrambi seduti in uno studio e vedono e commentano le immagini riprese da Vincent da un appartamento in prossimità della stazione Jaurès della metropolitana parigina. L'appartamento apparteneva a Simon (in un passato recente compagno del regista) e da lì si poteva scorgere un accampamento provvisorio (ai bordi di un canale) realizzato da rifugiati afgani. Dieutre ha documentato la loro vita quotidiana che, in qualche misura, coincideva con la sua.
È una 'finestra sul cortile' contemporanea quella che Vincent Dieutre ci offre grazie alla complicità delle domande dell'amica Eva che porta sulle spalle un cognome pesante (è figlia di François). Perché ciò che appare dinanzi alla telecamera potrebbe sembrare un semplice trascorrere dei giorni e delle stagioni in cui un gruppo di profughi cerca di sopravvivere ai disagi e ai controlli delle autorità. Ma questo è solo un primo livello di narrazione. Perché così come dinanzi agli occhi dello spettatore si presentano tre piani di vita (quello della linea metropolitana sopraelevata, quello della gente che percorre le strade e quello di chi cerca una sopravvivenza sotto il ponte) lo stesso accade per il narratore. Vincent è infatti un 'clandestino' nella vita di Simon. Il suo appartamento lo accoglie la sera ma deve essere lasciato al mattino. L'amante non può esistere nella sua vita ufficiale di persona impegnata in difesa dei diritti degli immigrati. Simon è cattolico, è stato sposato, ha dei figli e una famiglia classica continua a rimanere il suo ideale. Vincent, mentre rivede insieme a Eva (altro livello temporale e di riflessione) le immagini riprese di nascosto, ripercorre contemporaneamente la propria vicenda amorosa leggendone la bellezza ma anche la contraddizione. Il privato e il sociale finiscono con il fondersi e (positivamente) con il confondersi, rivelando a chi guarda, un'intimità venata di malinconia in cui una delle due parti (quella più, a suo dire, ancorata alla realtà) ha attratto l'altra senza mai abbandonarsi del tutto alla relazione.
Simon viene descritto come qualcuno che fa fatica ad accettare il cambiamento (tornato nel quartiere dopo esserne stato distante a lungo, non ne comprende i mutamenti per quanto riguarda l'assetto sociale). Resta a Vincent il compito di cercare di aprire una finestra su mondi che non sono solo esteriori. Mentre sullo sfondo emergono i rumori di una parvenza di quotidianità.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 13 settembre 2012
Paola Di Giuseppe

“Un film fragile, un dispositivo minimale” lo definisce il regista, fatto per vedere“…se esiste una relazione tra la tenerezza e una specie di generosità sociale”. Sotto i ponti di Jaurès,stazione metro di Parigi che prima del ’14 si chiamava Allemagne,trovano rifugio profughi afghani.Inedita convergenza di destini, beffa e paradosso,stravaganza della modernità,alterazione malata delle sue viscere [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
mercoledì 12 settembre 2012
 

Stasera si inaugura la diciassettesima edizione del Milano Film Festival; la cerimonia d'apertura prevede la proiezione di Manhattan di Woody Allen e contemporaneamente in streaming su MYMOVIESLIVE! sarà mostrato un piccolo capolavoro di intimismo, Jaurès [...]

winner
teddy awards - miglior film
Festival di Berlino
2012
winner
caligari film award
Festival di Berlino
2012
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati