Jaurès

Un film di Vincent Dieutre. Con Vincent Dieutre, Eva Truffaut Titolo originale Jaurès. Sperimentale, durata 83 min. - Francia 2012. MYMONETRO Jaurès * * * - - valutazione media: 3,00 su 1 recensione.
   
   
   

Storia di amori Valutazione 4 stelle su cinque

di Paola Di Giuseppe


Feedback: 24400 | altri commenti e recensioni di Paola Di Giuseppe
giovedì 13 settembre 2012

“Un film fragile, un dispositivo minimale” lo definisce il regista, fatto per vedere“…se esiste una relazione tra la tenerezza e una specie di generosità sociale”. Sotto i ponti di Jaurès,stazione metro di Parigi che prima del ’14 si chiamava Allemagne,trovano rifugio profughi afghani.Inedita convergenza di destini, beffa e paradosso,stravaganza della modernità,alterazione malata delle sue viscere se il grande fondatore de L'Humanité,foglio di teoria e prassi del socialismo liberale e democratico dei primi del Novecento,ora può fornire solo arcate in ferro e cemento contro la pioggia e il sole.C’è chi guarda da una finestra e filma.E’ Vincent Dieutre:"Jaurès non è un film premeditato. Ho ripreso le scene istintivamente, come per lasciare una traccia della mia storia d’amore con Simon.Nell’ultimo anno della nostra relazione, ho filmato quello che vedevamo dalla finestra del suo appartamento, dove passavamo la notte. Se qualcuno entra nella mia vita, automaticamente entra a far parte dei miei film. Ma Simon, il cui nome e la cui storia ho cambiato, non ha mai voluto apparire nei miei progetti.” La ripresa è durata un anno, dalla sera al mattino presto.Teddy Award alla Berlinale 2012, Jaurès è una camera digitale fissa sul mondo di fronte e sottostante; una finestra non sul cortile, quello spazio familiare del tempo che fu, non alieno anche se, in alcuni casi, inquietante.In un mondo senza più cortili si guardano le finestre di fronte, che i flussi luminosi dei diodi LED colorano di rosso, giallo e verde.Se lo sguardo scende in basso, sul Canale Saint-Martin, sotto il ponte Lafayette che i treni attraversano veloci,vede uomini e oggetti sparsi senza valore, qualche tendina canadese, tentativi di sopravvivenza a oltranza. Afghani profughi che, prima o poi, spariranno in qualche operazione di bonifica di polizia.Per ora, e per alcuni mesi, restano dentro l’obiettivo di Dieutre.Un film singolare,esperimento felice di doppia focalizzazione,esterna e interna. Da un cono d’ombra affiorano due voci basse (la sua e quella di Eva Truffaut) e rapidi tagli danno luce ai volti davanti allo schermo su cui guardano le riprese, mentre lei domanda e lui spiega.Lo spazio urbano fuori della finestra si fa largo, rumoroso e silenzioso, assordante per i convogli che sfrecciano sul ponte, insonorizzato dalla distanza per i gruppi di profughi che parlano fra loro.Tenere insieme finzione e documento,conciliare i livelli della rappresentazione intrecciando alla biografia lo sguardo sul sociale e il politico,e dare a tutto questo la parvenza scorrevole di un sommesso colloquio d’amore. Poche parole e immagini al minimo, solo quelle di uno spazio esterno filtrato dall’occhio che guarda, mentre rievoca un amore segreto e profondo,ora concluso,ma quante tracce nella memoria e nelle rare parole.Simon è una presenza/assenza costante,definita nei tratti fondamentali, nella sua identità di uomo sposato, attivista politico, sindacalista impegnato a tutto campo nel sociale,alla fine amareggiato e soprattutto incapace di conciliare le sue contraddizioni.Ma Dieutre ne parla con tenerezza e rispetto, lo scrosciare della doccia,un fraseggio al pianoforte che Simon suona non visto,qualche ricordo dell’infanzia raccontata all’amante,confondono i confini tra documentario e fiction autobiografica.Il rimando fra realtà esterna e realtà della memoria è continuo, quei profughi aiutati di giorno sono gli stessi ripresi di notte dalla finestra. Fino alla fine delle due storie.

[+] lascia un commento a paola di giuseppe »
Sei d'accordo con la recensione di Paola Di Giuseppe?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Paola Di Giuseppe:

Vedi tutti i commenti di Paola Di Giuseppe »
Jaurès | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | paola di giuseppe
Festival di Berlino (2)


Articoli & News
Scheda | Cast | News | Trailer | Foto | Frasi | Pubblico | Chat | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 6 settembre
I puffi - Viaggio nella foresta s...
venerdì 1 settembre
King Arthur - Il potere della spada
mercoledì 23 agosto
Fast & Furious 8
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità