Fratelli d'Italia

Film 2009 | Documentario, 90 min.

Anno2009
GenereDocumentario,
ProduzioneItalia
Durata90 minuti
Regia diClaudio Giovannesi
AttoriAlin Delbaci, Masha Carbonetti, Nader Sarhan .
Uscitavenerdì 7 maggio 2010
DistribuzioneCinecittà Luce
MYmonetro 3,20 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Claudio Giovannesi. Un film con Alin Delbaci, Masha Carbonetti, Nader Sarhan. Genere Documentario, - Italia, 2009, durata 90 minuti. Uscita cinema venerdì 7 maggio 2010 distribuito da Cinecittà Luce. - MYmonetro 3,20 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Fratelli d'Italia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Tre adolescenti, italiani di seconda generazione, porgono alla videocamera aspirazioni, affetti, humour e rabbia. In Italia al Box Office Fratelli d'Italia ha incassato 1,9 mila euro .

Fratelli d'Italia è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,20/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,40
PUBBLICO 2,00
CONSIGLIATO SÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Un documentario che si interroga sul multiculturalismo in Italia con un eccellente lavoro di trasparenza ma qualche aspetto controverso.
Recensione di Edoardo Becattini
lunedì 26 ottobre 2009
Recensione di Edoardo Becattini
lunedì 26 ottobre 2009

Uno sguardo alle vite di tre adolescenti di famiglie immigrate in Italia che frequentano un istituto tecnico di Ostia. Alin è un ragazzo rumeno che vive in Italia da quattro anni. Ha problemi a scuola coi compagni di classe e con gli insegnanti, problemi che preferisce risolvere disertando i collettivi e andando in giro con il motorino o a ballare in discoteca. Masha è una ragazza bielorussa adottata da una famiglia di italiani, dopo che il padre l'ha disconosciuta dal carcere e la madre è stata interdetta perché la picchiava. Da quando ha ritrovato contatti con il fratello Ilya, Masha non pensa ad altro che ad andare a trovarlo, ma i problemi sono tanti: dai tempi burocratici dell'ambasciata ai timori per un ritorno in Bielorussia, passando per la gelosia del ragazzo italiano. Nader è egiziano di origini ma italiano di seconda generazione. È perfettamente introdotto nella vita di periferia con gli amici e con una ragazza che ama, ma il suo atteggiamento ribelle gli crea diversi problemi coi professori e coi genitori.
Da un progetto di educazione all'audiovisivo rivolto alle scuole superiori, Claudio Giovannesi aveva tratto nel 2007 un mediometraggio incentrato sul rapporto fra un ragazzo rumeno e i compagni di classe, Welcome Bucarest, adesso confluito come primo frammento di questo Fratelli d'Italia assieme al ritratto di altri due adolescenti immigrati. La genesi è molto simile a quella del film La classe - Entre les murs, anche se gli esiti sono differenti. Alla base dell'ottenimento di un realismo che abbia valore sociologico e antropologico, c'è un rapporto di fiducia e di convivenza pacifica che gli operatori hanno instaurato con gli alunni della scuola attraverso una serie di esperienze e di laboratori di lungo periodo. Rispetto al film Palma d'Oro di Laurent Cantet, dove la macchina da presa restava sempre "fra le mura" dell'istituto scolastico per mappare la violenza reale e simbolica tanto dei ragazzi delle banlieues, quanto delle abitudini e delle frustrazioni del corpo insegnante, a Giovannesi, ex allievo del Centro Sperimentale, interessa raccontare quella babele di civiltà su cui si sta costruendo il multiculturalismo in Italia. La differenza è fondamentale: i ragazzi di Cantet recitano una parte, si introducono in un personaggio che, per quanto vicino o lontano possa essere dal loro carattere, resta frutto di una messa in scena, di una simulazione. Nel documentario di Giovannesi, gli studenti della scuola di Ostia vengono colti nella vita di tutti i giorni e la bravura degli operatori sta nel riuscire a farsi presenza amichevole, quotidiana e perciò invisibile, tanto da riuscire a cogliere parole e sentenze senza filtro, imbarazzo o forzature da parte tanto dei ragazzi quanto degli adulti coinvolti.
Non vi è partecipazione o commento sulle azioni dei tre protagonisti se non attraverso gli interventi indiretti sul montaggio e sulla colonna sonora. Ma più trasparente è il discorso e più difficile diviene costruire un messaggio. Se da un lato il film documenta efficacemente i problemi dell'integrazione e del retaggio culturale dei giovani che vivono il forte dissidio di trovarsi accentrati fra due culture di fronte al quale reagiscono con la paura o con un atteggiamento ribelle, dall'altro una tale ricerca di immagini "oneste", trasparenti, mette fuori campo il punto di vista e le responsabilità della società e delle istituzioni in tale processo. Corollario involontario di questo porsi come occhio indiscreto e impassibile (fly on the wall nella dicitura americana) è quello di rappresentare lo stesso tipo di inerzia delle istituzioni, di coloro che osservano i problemi del processo di integrazione senza intervenire. A questa apertura, e al rischio di violare la sacralità dello studio perseguito dal suo documentario, Giovannesi preferisce la sicurezza delle immagini delle onde che si rifrangono sul litorale di Ostia, diaframma fra i vari episodi del documentario e apertura dell'orizzonte delle possibilità sui sogni di questi ragazzi e sul futuro di una società multietnica.

Sei d'accordo con Edoardo Becattini?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Le difficoltà di inserimento, il condizionamento delle origini e i conflitti adolescenziali di 3 ragazzi stranieri nell'Istituto Tecnico Commerciale "Paolo Toscanelli" di Ostia: un 17enne rumeno che vive in Italia da 4 anni e ha un agro rapporto con i compagni e la prof. d'italiano; una 18enne bielorussa adottata, che vorrebbe conoscere il fratello di sangue; un 16enne egiziano, nato a Roma e fidanzato con una romana, in urto coi genitori. Frutto di un anno scolastico di lavoro e di osservazione che ha permesso al giovane regista, ex allievo del Centro Sperimentale, di conquistare la fiducia dei 3 ragazzi che recitano sé stessi con apprezzabile naturalezza, è un ottimo esempio di "cinema civile e ‘altro’ che riesce a tradurre sullo schermo la condizione migrante e postmigrante senza preconcetti" (F. Pontiggia). Distribuisce Istituto Luce.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
FRATELLI D'ITALIA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,90
FOCUS
INCONTRI
giovedì 29 aprile 2010
Edoardo Becattini

Le difficoltà fra giovani e adulti, genitori e figli, ribelli e conformisti, erano al centro anche del lungometraggio d'esordio di Claudio Giovannesi, La casa sulle nuvole. Con l'accezione, lieve ma significativa, che permette di passare dalla dizione di film a quella di “film documentario”, Fratelli d'Italia porta avanti lo stesso discorso, stando meno “sulle nuvole” e ben più piantato a terra, situato all'interno delle mura scolastiche e familiari di tre adolescenti immigrati di seconda generazione.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Boris Sollazzo
Liberazione

Claudio Giovannesi ha talento e uno sguardo interessante sull'animo umano e sulle persone e Fratelli d'Italia rende giustizia ad essi più del suo pur piacevole esordio nel lungometraggio di finzione La casa sulle nuvole . Forse perchè è un progetto forte, cresciuto sulla volontà di unire cinema e impegno in un laboratorio multiculturale- quello, lodevolissimo, de Il labirinto - che guarda all'Italia [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

A confronto con personaggi che prima di tutto sono persone. Che non recitano, ma vivono quello di cui soffrono o si limitano ad esprimere, come se, a riprenderli, non ci fosse una macchina da presa, ma fossero lì, soli o a tu per tu con altri, nel momento stesso in cui l'azione (la loro vita) li coinvolge. La cornice è Ostia, l'ambiente di base è una scuola frequentata da ragazzi e ragazze dai 16 ai [...] Vai alla recensione »

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Ostia, istituto tecnico: Alin Delbaci, 17 anni, romeno, vive nel nostro Paese da quattro anni e lotta con i compagni e la professoressa di italiano; Masha Carbonetti, 18 anni, bielorussa adottata, vorrebbe rincontrare il fratello di sangue; Nader Sarhan, 16 anni, egiziano nato a Roma, è fidanzato con un’italiana, per la quale litiga con i genitori. Sono i Fratelli d’Italia di Claudio Giovannesi, già [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

In sincrono con le celebrazioni del Giubileo della Nazione, avviate due giorni fa sullo scoglio di Quarto dal presidente Napolitano, arriva nelle sale Fratelli d’Italia: coincidenza probabilmente non casuale, visto che il documentario di Claudio. Giovannesi contiene gli elementi per entrare nella polemica accesa dalla Lega sull’opportunità o meno di festeggiare i 150 anni dell’Unità.

Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

L’integrazione. Bel sogno. Nel collettivo in classe al Tecnico Toscanelli di Ostia vien fuori che il rumeno Alin vorrebbe, ma non riesce proprio a stare con i compagni italiani e la prof d’italiano lo stringe davanti ai problemi. L’egiziano Nader, che parla romanesco, si mette con una ragazzina italiana, ma la cosa non va per i genitori. E la biondina Masha, bielorussa, adottata, vuote ritrovare il [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Claudio Giovannesi, romano classe 1978, si guadagna da vivere suonando (benissimo) la chitarra jazz. Avere un mestiere alternativo, nel cinema italiano, aiuta. Soprattutto se un regista, pur avendo già esordito nel lungometraggio a soggetto (La casa sulle nuvole, 2009), si intestardisce a cimentarsi nella difficile «arte povera» del documentario. L'uscita in sala di Fratelli d'Italia, distribuito [...] Vai alla recensione »

Paola Casella
Europa

«Qualcuno non ha proprio la possibilità di vivere con gioia», ribatte Alin, 17enne rumeno, alla professoressa di italiano che gli chiede come mai certe persone non recepiscano l'aspetto ludico dell'esistenza. Il documentario Fratelli d'Italia, regia del 32enne Claudio Giovannesi, ci mostra la quotidianità di tre studenti di origine straniera che studiano presso un istituto tecnico commerciale di Ostia [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Questa settimana scegliamo di segnalare con evidenza un documentario. Perché merita. E poi, se questo fosse il timore, non è affatto noioso. Racconta una questione di cui si parla continuamente, ma nel linguaggio giornalistico e politico sempre indicata come un' emergenza e come un "problema", in una maniera molto semplicee autentica. Che ci dice, senza scorciatoie o facilonerie o luoghi comuni buonisti, [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
martedì 22 ottobre 2013
 

In attesa del Festival del Film di Roma (8-17 novembre), MYMOVIESLIVE! propone online quattro lungometraggi delle passate edizioni. Oggi è la volta del film del giovane Claudio Giovannesi (autore più recentemente di Alì ha gli occhi azzurri) Fratelli [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati