Berlin Calling

Film 2008 | Drammatico, 105 min.

Regia di Hannes Stöhr. Un film con Paul Kalkbrenner, Rita Lengyel, Corinna Harfouch, Araba Walton, Peter Schneider. Cast completo Genere Drammatico, - Germania, 2008, durata 105 minuti. Uscita cinema venerdì 6 novembre 2009 distribuito da Officine Ubu. - MYmonetro 2,35 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Berlin Calling tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ickarus, famoso DJ e compositore di Berlino, si appresta a pubblicare il suo nuovo disco, che dovrebbe consacrarne il definitivo successo. Quando il disco viene rifiutato dalla casa discografica, comincia una discesa nei bassifondi berlinesi. In Italia al Box Office Berlin Calling ha incassato 3,7 mila euro .

Consigliato nì!
2,35/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,69
CONSIGLIATO NÌ
Un film realizzato a tavolino, senza particolare forza creativa nè possibilità tecniche.
Recensione di Gianmarco Mariotti
Recensione di Gianmarco Mariotti

Ickarus è un affermato dj berlinese di ritorno da una logorante tournée internazionale. Nonostante continui ad esibirsi ogni sera su palchi locali si impegna, con l'aiuto di Mathilde, la ragazza alla quale è fedele, nel mixing dell'album di prossima uscita, appesantito dal grande hype. La pressione di Alice, la produttrice del disco, e le tentazioni dell'ambiente underground portano Ickarus sulla via della droga, della quale rimane vittima a causa di una parte di Mpa, uno psicoattivo dagli effetti devastanti, contenuta in una pasticca di Ecstasy che ha acquistato dall'amico Pisello. Inizia un percorso autodistruttivo, nel corso del quale perde tutti gli affetti sinceri in cambio di relazioni spurie. È costretto più volte dentro ad un centro di recupero dal quale, grazie alla dottoressa Petra Paul, riuscirà ad uscire vincente con un album nuovo, che si afferma immediatamente come un capolavoro di musica elettronica in tutte le più grandi metropoli europee. Inizia così, con gli affetti riconquistati, la tournée promozionale di Berlin Calling, l'album che il Dj avrebbe dovuto realizzare sin dall'inizio, e che infine ha realizzato.
Berlino chiama i giovani a creare. Li richiama alla presenza consapevole nel mondo, ad abbandonare il ruolo di inani simulacri di una realtà scura, impersonale come l'album di Ickarus nel principio, morta come i suoi compagni nel declino (Pisello e Jenny), assente e allucinata come i residenti del centro recupero. Berlin Calling come London Calling, dunque? Istillare una volontà di risveglio creativo, una rinascita dello spirito vitale, una rivoluzione, come quella punk, narrata dai Clash, ora in veste Elettro e minimal, che riunisca le forze dei cuori e delle menti giovani nella faticosa lotta contro il vuoto.
Sembra esser questo l'imperativo autoimposto di Hannes Stöhr. Il regista vuol parlare di arte, con la parabola di un uomo che, a causa di un periodo di sterilità umana e creativa della sua vita, ed è una vecchia storia, e di un ambiente deteriorante, subisce inerte il proprio declino fino a quando la musica, l'arte, che è un'affermazione forte di presenza, di autodeterminazione, giunge a salvarlo. Dal grattare compulsivamente il fondo della sua vita, dove non ci sono amore né affetti familiari e né soddisfazioni professionali perché Mathilde lo ha lasciato, il padre e il fratello si sono allontanati e Alice lo ha licenziato, Ickarus torna ad alzare la testa, riottenendo tutto ciò che aveva perso e anche di più: un capolavoro.
Il regista, quindi, vuol parlare anche di relazioni fra persone, di amore, di pazzia. Peccato che il film mostri come la conoscenza dei mondi, immensi, che si è cercato di esplorare, sia del tutto insufficiente e pretenziosa. E lo mostra con un impianto tecnico inadeguato, a partire dalla sceneggiatura che è altalenante e lacunosa, specialmente nei punti cardine dell'evoluzione della vicenda, con una fase finale, quella della rinascita, giustificata frettolosamente non da elementi narrativi, ma da presupposti retorici quali: l'arte salva dal vuoto. Queste inconsistenze retoriche incidono nei nervi una sceneggiatura per niente solida, e costringono il film in un regime di austerità emozionale, ovvero: le immagini non vibrano, non emozionano, non c'è ironia, né ci sono guizzi originali che diano l'idea di una storia reale, vissuta e pura. Ugualmente, l'estetica è del tutto impersonale: si parte con un'introduzione sterilmente documentaristica che non dà tempo al dramma di svilupparsi, si prosegue con una fase, del confronto con le droghe e la pazzia, nella quale si tenta di attingere ad altre pellicole come Trainspotting, che è un po' il salvagente del film, perché non si sa, ed è palese, come concretizzare gli obiettivi propostici. È un film realizzato a tavolino, con uno storyboard delle scene da girare in una mano e il taccuino delle cose importanti da esprimere nell'altra. Ma senza forza creativa, né possibilità tecniche.
Anche gli attori danno impressioni altalenanti, anche se non particolarmente negative. A partire da Paul Kalkbrenner, che nella vita è effettivamente un dj affermato, e che, pur non essendo un attore, riesce talvolta a convincere. Non è da disprezzare neppure Corinna Harfouch, nel ruolo della dottoressa Petra Paul, che, suo malgrado, annega in inquadrature soffocanti che sembrano mutuate da un'estetica da soap e in dei dialoghi che non le rendono la vita facile. In fin dei conti la parte meglio riuscita è quella finale, che sembra un appello sincero e accorato allo spettatore dove si riescono a percepire le motivazioni che animano il film e ci si riesce anche ad emozionare, perché il regista riesce finalmente a velare la pellicola della sua sensibilità, che è assai più ingenua e bonaria di quanto richiesto dal resto del film.
Siamo lontani dallo spirito epico di London Calling, dalla claustrofobia alienante di Requiem for a dream o dal reale sporco di Trainspotting; forse la chiamata berlinese non ha quelle qualità di purezza e profondità, ma siamo di fronte ad un appello che può essere importante, al quale, forse, vale la pena rispondere.

Sei d'accordo con Gianmarco Mariotti?

BERLIN CALLING disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€14,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 17 ottobre 2010
sandro010

Il film è un capolavoro dal punto di vista musicale se si è in grado di apprezzare un tipo di sound non accessibile a tutti.I paragoni con trainspotting,requiem for a dream etc.. sono tutti forzatamente riportati dai soli critici incapaci di vedere il film per la semplicità e l'essenzialità che lo contraddistinguono.Lo dimostra il fatto che in Germania,a distanza di 14 mesi dall'uscita,il film è ancora [...] Vai alla recensione »

martedì 11 gennaio 2011
daddaman

Da amante della musica e del cinema ho trovato questo progetto davvero molto interessante, un film che aveva l'opportunità di spingersi su nuove frontiere del cinema, aveva perchè, ahimè, a mio modestissimo parere il film sembra solo una bozza di un capolavoro rimasta infine incompiuta... La protagonista, la musica, esce vincitrice indiscussa di questo film, avvolge tutte le scene e permea il film [...] Vai alla recensione »

martedì 16 febbraio 2010
Matteo Fioramanti

Il film narra caduta e risalita di un dj berlinese. Fortemente motivato alla pubblicazione del suo album, si ritrova invischiato in una dipendenza dalle innumerevoli droghe diffuse nella capitale tedesca, si comporta da bambino viziato spaccando uffici e trascurando relazioni. Dopo aver fatto colazione nudo in un albergo chiccoso, giocando con il cibo come i bimbi col das, viene ricoverato in una struttura [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 settembre 2013
FcknRckstar

Ickarus è un DJ abbastanza conosciuto nell'ambito della minimal, reduce da un tour mondiale, torna finalmente a Berlino, dove dovrebbe, spinto dalle pressioni della sua produttrice, produrre il suo nuovo album. Mathilde, la sua ragazza, gli è sempre vicino, ma purtroppo, le pressioni, e l'insoddisfazione di Ickarus, lo portano sempre più giù, in una discesa verso la tossicodipendenza.

martedì 4 maggio 2010
boffese

berlin calling di hannes stohr e' un film sugli "effetti collaterali " delle droghe. cocaina, MDMA, metanfetamina, MPA, chetamina, chi piu' ne ha, piu' ne metta ! il protagonista del film, DJ ICKARUS  non si fa mancare niente, ingerisce e sniffa di tutto, vuoi per cercare la sua vena piu' geniale ed artistica, vuoi perche' come per molti, la droga diventa un aiuto [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 settembre 2010
IoEdie

io a differenza di tutti quelli che hanno giudicato male questo film,l'ho trovato interessante,affascinante,ne troppo lento ne troppo veloce e questo mi è piaciuto. tematica importante ma senza strafare come nei soliti filmetti sulla droga che spesso si rendono ridicoli! la musica mi è piaciuta un sacco e lui lo adoro a dir poco! il mio voto è 7!

martedì 21 febbraio 2012
Mister_WNB

Libidinosa la partenza con Altes Kamuffel(per chi ama la techno un'apertura così è una goduria) poi il film scorre su un tracciato prevedibile,confezionato in maniera onesta senza troppe pretese. il film di per se è da 2 stelle,ma la soundtrack è speciale e vale la stella in più. per apprezzare al meglio il lungometraggio è necessario un home theatre [...] Vai alla recensione »

martedì 11 febbraio 2014
ledyna

Di tutto il film, alla fine ti rimane il ricordo di aver ascoltato della gradevole musica composta e arrangiata con programmi del computer, che sia di qualità non saprei ma per chi è abituato al battito underground (ex proprietaria di discoteca) non mi è sembrata male, certo la tribal goa non era paragonabile, ma i tempi cambiano e bisogna anche apprezzare le novità.

lunedì 20 febbraio 2012
Ehiteo

Certo, non è assolutamente da considerarsi un capolavoro, non credo nemmeno che abbiano speso molto per realizzarlo, mancano alcuni perni chiave che caratterizzano l'ottima riuscita della pellicola. Allo stesso tempo però, la collocazione dei brani elettronici nelle scene appropriate è una ciliegina su una torta formata dalla perfetta rappresentazione di una reltà più [...] Vai alla recensione »

domenica 14 marzo 2010
Gabri

Quando mai i tedeschi hanno fatto un buon film. Inguardabile. Il cinema è un'altra cosa.

martedì 8 giugno 2010
paolorol

Confesso di essermi davvero molto divertito a guardare,e soprattutto ad ascoltare, questo filmetto da quattro soldi, privo di sceneggiatura, recitato a livello amatoriale, che in teoria avrebbe dovuto avere come punto di forza la musica di Kalkbrenner. Il poveretto si rivela addirittura meglio come attore che come musicista, e ho detto tutto. Il film ,a parte la traballante trama semi-pseudo-moralistica, [...] Vai alla recensione »

Frasi
"Non ho la pretesa che mio figlio creda in Dio, nè gli ho mai imposto niente, ma in qualcosa deve pur credere, deve avere qualche obiettivo!"
"Signore, io penso che suo figlio abbia una fede, lui crede nella musica..."
Una frase di Mathilde (Rita Lengyel)
dal film Berlin Calling - a cura di vany
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Francesco Alò
Il Messaggero

Dj Ickarus (Paul Kalkbrenner) compie il suo viaggio verso il sole da solo. Con indosso i ray-ban a goccia e le magliette di calcio di Brasile, Francia, Argentina e pure Milan, questo musicista elettronico palliduccio è pronto per la creazione dell'album capolavoro (Berlin Calling). Ma sia vita privata che creazione artistica verranno messe a dura prova dalla tossicodipendenza.

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Berlin Calling di Hannes Stöhr Dal festivaI di Locarno alla sala, Berlin Calling del tedesco Hannes Stöhr, con protagonista il celebre dj Paul Kalkbrenner nelle cuffie del discjockey lckarus: una grande passione per la techno, una grande dipendenza dalle droghe. Un binomio, quello di musica e sostanze, in verità poco stupefacente per il cinema, che da Jim Morrison a Kurt Cobain, passando per Ian Curtis [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

Non così il pretenziosissimo Berlin Calling, come già suggerisce il titolo, "rubato" ai Clash. È la storia di Dj Ickarus, boss della musica elettronica, schizofrenico e tossicodipendente. Anche qui gli stereotipi fioccano, ma senza ironia e leggerezza, forse perché la storia è ispirata al protagonista, Paul Kalkbrenner. Hannes Stoher di sesso ne mette molto, anche grazie alla statuaria Araba Walton, [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati