Cambio di indirizzo

Film 2006 | Commedia 85 min.

Titolo originaleChangement d'adresse
Anno2006
GenereCommedia
ProduzioneFrancia
Durata85 minuti
Regia diEmmanuel Mouret
AttoriEmmanuel Mouret, Frédérique Bel, Fanny Valette, Dany Brillant, Ariane Ascaride .
Uscitamercoledì 6 dicembre 2006
DistribuzioneLady Film
MYmonetro 3,00 su 16 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Emmanuel Mouret. Un film con Emmanuel Mouret, Frédérique Bel, Fanny Valette, Dany Brillant, Ariane Ascaride. Titolo originale: Changement d'adresse. Genere Commedia - Francia, 2006, durata 85 minuti. Uscita cinema mercoledì 6 dicembre 2006 distribuito da Lady Film. - MYmonetro 3,00 su 16 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Cambio di indirizzo tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

David, timido e impacciato musicista da poco trasferitosi a Parigi si innamora di Julia una giovane studentessa e fa di tutto per conquistarla. In Italia al Box Office Cambio di indirizzo ha incassato nelle prime 5 settimane di programmazione 84,5 mila euro e 24,3 mila euro nel primo weekend.

Cambio di indirizzo è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,00/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA 3,11
PUBBLICO 2,45
CONSIGLIATO SÌ
Un giro di walzer del cuore capace di affascinare chi non ama il cinema 'gridato' e sa distinguere tra realtà e sua rappresentazione, non pretendendo però che lo schermo gli offra una lettura edulcorata del vivere.
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 12 dicembre 2006
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 12 dicembre 2006

David, suonatore di corno, giunge a Parigi per suonare in un'orchestra contando di dare anche lezioni private. Un giorno legge un annuncio di condivisione di appartamento. Lo ha fatto pubblicare Anne. I due si incontrano e si accordano. Se Anne, addetta alle fotocopie, è innamorata di un cliente, David è affascinato da un'allieva che però tarda a prendere una decisione. I due si alternano nel ruolo di pazienti ascoltatori delle passioni altrui...
Un piccolo film passato alla Quinzaine di Cannes che ci consente di scoprire un regista/attore che in Patria ha già al suo attivo un mediometraggio e due 'lunghi'. Il doppiaggio italiano, per quanto ben fatto, penalizza sempre un po' i film francesi fatti di semitoni e di ritmo del dialogo. Con quel tanto di malinconica ironia che è propria del Woody Allen più recente e con il gusto rohmeriano per la rappresentazione dei sentimenti Emmanuel Mouret sfrutta il tema già noto della condivisione casuale di un appartamento per una serie di variazioni che hanno la delicatezza di un tocco personale che si concretizza anche nella recitazione. Non si fa mancare anche l'apporto di Ariane Ascaride, attrice feticcio del suo compagno Guediguian e capace di dare vita anche a ruoli minori in opere altrui con il talento che le è proprio. Un giro di walzer del cuore capace di affascinare chi non ama il cinema 'gridato' e sa distinguere tra realtà e sua rappresentazione non pretendendo però che lo schermo gli offra una lettura edulcorata del vivere. Si sorride con Cambio d'indirizzo ma con cuore e cervello sempre in funzione.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
CAMBIO DI INDIRIZZO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€3,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 6 novembre 2009
Kerry

Un gradevole film per trascorrere un pò di tempo in assoluto relax. Una storia circolare, come qualcuno ha scritto, delicata e raffinata. Non sarà certo un capolvoro, ma di porcherie in giro ce ne sono così tante che questo godibilissimo e delicato film merita tre belle stelle. Ottima musica (classica) usata con gusto, mai a sproposito.

lunedì 12 ottobre 2009
Jayan

Un film ottimo, raffinato e mentale, tipico francese, con finale circolare, anzi è tutto un girare intorno... finché non si chiude il cerchio. Un suonatore di corno cerca una camera in affitto a Parigi. La trova da una donna molto disinibita, che gli racconta del suo innamoramento e ascolta anche lui quando farà la corte alla sua allieva. Alla fine coloro di cui sono innamorati se ne andranno per la [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 ottobre 2009
Libertine

Lo visto due sere fa trasmesso in tv dalla rai, e lo trovato un film veramente leggero,che appassiona e con semplicità accompagna i sentimenti di questi personaggi.

giovedì 22 dicembre 2011
nick castle

Come si fa a dire di "Cambio di indirizzo", il solito film che piace solo alla critica? Non è vero, questa pellicola essenzialmente perfetta, giocata su un intreccio quanto mai così realistico e ben gestito in 111 anni di cinema. Personaggi incredibilmente azzeccati, uso inimitabile della musica classica, essenzialmente il primo concerto per corno di Mozart e Sul bel Danubio [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Massimo Lastrucci
Ciak

La leggerezza del tocco che ammorbidisce i momenti drammatici e affina quelli comici. È una caratteristica peculiare del cinema che la Francia dedica ai suoi figli più giovani, sin dai tempi di Truffaut e Rohmer. Infatti, per questo lungometraggio, il suo terzo, che Emmanuel Mouret si cuce addosso, i paragoni (sui toni) con l'autore di Baci rubati si sono sprecati, anche a Cannes, alla Quinzaine des [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Al centro del terzo film di Emmanuel Mouret, giovane autore-attore che era ora di scoprire anche in Italia, c'è un irresistibile seduttore "passivo" che ha il volto stralunato dello stesso Mouret (irresistibile per lo spettatore, dunque anche per le donne). In apertura lo vediamo gironzolare per Parigi squadrando con calma ogni ragazza che incrocia, dal vero o in fotografia: ma senza invadenza e men [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Una commedia francese sull'amore, allegra e spigliata. Con un finale prevedibile ma preparato in modo da vanificarlo ad ogni svolta, con tutte le varianti possibili. Un po' come in certe commedie americane tipo Harry ti presento Sally. L'impresa se l'è assunta un attore poco noto in Italia, Emmanuel Mouret, spesso anche regista, come qui. Il personaggio del protagonista, che si è costruito quasi su [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Rolling Stone

Grazie alla grazia di Emmanuel Mouret la sua terza regia, Cambio d'indirizzo, è quanto di meglio ci può aspettare da un film se si cerca ironia, leggerezza, bei dialoghi e Parigi. Nella capitale francese si incontrano i buffissimi David (lo stesso Mouret, un giovane Bob Geldof transalpino) e Anne (l'effervescente Frédérique Bel, bionda e svagata). Per caso vanno a vivere insieme, per caso si innamorano [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Emmanuel Mouret protagonista e regista, la bionda Frédérique Bel di fama televisiva, la bruna Fanny Valette giovane attrice nominata al César e il «crooner» Dany Brillant sono nomi che in Francia godono di una certa notorietà, ma da noi per ora dicono poco. Ragione di più per fare la loro conoscenza andando a vedere Cambio di indirizzo, una commedia di scarso richiamo ma di auspicabile passaparola [...] Vai alla recensione »

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Piccolo, piccolo, quasi minuscolo. Con l'attore-regista-sceneggiatore sempre in scena, due ragazze non particolarmente belle (una anche un po' catatonica), e su tutto la passione per il corno, strumento musicale che spinge il protagonista a trasferirsi a Parigi, nella speranza di trovar lavoro in un'orchestra. Se no restano le lezioni private, ma non è che fuori ci sia la fila.

Roberto Nepoti
La Repubblica

Professore di musica ingenuo e lunare, David s'innamora di due ragazze, la sua bionda coinquilina e la studentessa bruna cui dà lezioni di corno. Il regista e attore marsigliese Emmanuel Mouret (questa volta in trasferta a Parigi) è stato paragonato dalla critica francese a Eric Rohmer e a François Truffaut; con parecchia esagerazione, certo, ma non senza qualche fondamento.

Boris Sollazzo
Liberazione

"Variety", bibbia del cinema, ha detto di Cambio di indirizzo: «Quando Eric Rohmer incontra Woody Allen».Seppure si volesse dare a questo connubio una connotazione positiva, Emmanuel Mouret, il regista, al cineasta ebreo americano neanche si avvicina. E più che Rohmer, buon ultimo della fila di artigiani transalpini della macchina da presa, cerca di scimmiottare Truffaut.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati