Qualcosa di travolgente

Film 1986 | Commedia, Sentimentale, Thriller +13 114 min.

Regia di Jonathan Demme. Un film Da vedere 1986 con Ray Liotta, Jeff Daniels, Melanie Griffith, George 'Red' Schwartz, Leib Lensky. Cast completo Titolo originale: Something Wild. Genere Commedia, Sentimentale, Thriller - USA, 1986, durata 114 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 5 recensioni.

Condividi

Aggiungi Qualcosa di travolgente tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una donna dallo spirito libero "rapisce" un agente di cambio yuppie di New York per un fine settimana di avventura. Ma il divertimento prende rapidamente una svolta pericolosa quando fa la sua comparsa l'ex-marito, ed ex-detenuto, di lei. Il film ha ottenuto 3 candidature e vinto un premio ai Golden Globes,

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Un travolgente processo di trasformazione on the road di una femme fatale e di uno yuppie conformista.
Recensione di Marzia Gandolfi
Recensione di Marzia Gandolfi

Charlie Driggs vive a New York una vita noiosa fino a quando non incontra Lulu, una giovane donna disinibita che lo convince a seguirla in un week-end di sesso, alcool e stravaganze. Affascinato e sedotto dalle grazie e dalle manette di Lulu, Charlie si rivela sorprendentemente brillante, intraprendente e trasgressivo. Qualche chilometro, motel e ristorante dopo Charlie scopre che la seduttrice in black sta dissimulando la sua vera identità, quella di Audrey Hankel, cresciuta in Pennsylvania con una madre fintamente ingenua e un marito poco raccomandabile. Ray Sinclair, uscito di galera e deciso a "riconquistare" il cuore di Audrey, intralcia i due amanti in ogni modo e con ogni mezzo. Sarà l'inizio di una fuga on the road che si concluderà a New York.
Negli anni Ottanta il cinema di Jonathan Demme è colorato di colori vivi e primari, le sceneggiature sono brillanti ed estroverse, la musica traboccante di esotismo e allegria, i personaggi eccentrici e stravaganti. Al centro di Qualcosa di travolgente, come di Una vedova allegra ma non troppo, c'è un personaggio alle prese col suo processo di trasformazione. Una storia di redenzione complicata da virate improvvise che fanno scartare il registro del film: dal comico al sentimentale, dal sentimentale all'action, dall'action al thriller. Charlie è un imbranato con villetta suburbana e una Ford Station Wagon, Lulu è una trasgressiva con appartamento in stile multietnico nell'East Side e un libro di Frida Kahlo. La storia in apparenza è semplice: il pavido Charlie dovrà liberare il represso che c'è in lui trasgredendo con l'impulsiva Lulu. Ma il tono scanzonato del film e l'ostentata volontà di un lieto fine non impediscono di contare i momenti non rari in cui il discorso di Demme si fa esplicitamente politico (vedi il racconto di Ray sugli afroamericani e sulle rapine ai negozianti). Perchè il suo cinema, fin dagli esordi, si vuole politico, "femminista" e impegnato su alcune specifiche cause umane e sociali. Questa intenzione si può leggere soprattutto nei suoi protagonisti, emarginati verso cui Demme esibisce una spiccata solidarietà e simpatia. Il personaggio di Lulu, una "travolgente" Melanie Griffith, interpreta alla perfezione la volontà dell'autore, aprendosi ai contatti e alle relazioni umane, deprecando il razzismo (legge Winnie Mandela), non curandosi delle apparenze, trasgredendo i comportamenti conformisti.
Resta però un dubbio sul senso del disubbidire di Lulu/Audrey: l'impulsività femminile può essere accettata fino a un certo punto, limite entro il quale il maschio ragionevole (il Charlie di Jeff Daniels) deve ricondurla ed esorcizzarla attraverso la morte del vero ribelle: il cattivo Ray di Liotta. Rimossa la trasgressione e inibita l'emotività di Lulu, il principio femminile viene integrato e temperato dentro un abito elegantemente borghese. Questa volta è Charlie a invitarla a salire sull'auto, a prendere il volante e a guidarla nella vita. Da soggetto "travolgente" Lulu diventa oggetto del desiderio conteso tra due uomini, da forza liberatrice a "bellezza" salvata dall'eroe virile. I conti non tornano, il riscatto femminile nemmeno.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Una femme fatale e un agente di cambio yuppie di New York.
Recensione di a cura della redazione

Charles, agente di cambio di New York, incontra per caso una ragazza, Lulù, dalla quale viene letteralmente rapito e coinvolto in un'avventura folle. Nonostante dichiari di avere moglie e figli (in realtà sono trascorsi nove mesi da quando si è separato dalla moglie) e di dover tornare al lavoro, Charles viene dapprima portato in un motel e "quasi" violentato, poi viene coinvolto in una rapina e, infine, presentato alla madre di Lulù come suo nuovo marito. Charles, superato lo smarrimento iniziale, è convinto di trovarsi coinvolto in una specie di gioco; e quando Lulù lo trascina ad una cena di suoi ex compagni di liceo continua a stare al gioco di lei. Ma alla cena entra in scena Ray Sinclair, ex marito di Lulù, un violento lasciato dalla moglie durante i cinque anni trascorsi in carcere...

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Trascinato in un'avventura folle dalla bella Lulù, un agente di cambio si mette nei guai, ma s'innamora della donna e la vuole a ogni costo. Sembra ma non è un'imitazione di Fuori orario di Scorsese. Demme ha saputo eguagliarlo: saltando con abilità dalla dimensione brillante a quella di incubo, dirige con ritmo incalzante una superba M. Griffith. " Accadde una notte riscritto da Patricia Highsmith" (Sight and Sound). "Non è solo un copione di commedia scritto da un giallista, ma una vera e propria Idra a più teste. Un mostro, figlio di Hawks, di Hitchcock... dell'iperrealismo" (E. Martini). Scritto da E. Max Frye. Colonna sonora di John Cale, David Byrne e Laurie Anderson. Brevi apparizioni dei registi John Sayles (poliziotto in moto) e John Waters (venditore di auto).

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 14 aprile 2012
Paopon

Il thriller sembra sceneggiato per mettere alla prova le abilità di recitazione degli attori. Psicopatici o 'disturbati' che tornano sulla retta  (la Griffith), persone razionali e dalla vita 'organizzata' che invece vanno 'fuori di senno' ( Daniels) e psicopatici che restano tali (Ray Liotta). Ne esce fuori un film che si lascia ricordare prevalentemente [...] Vai alla recensione »

sabato 16 gennaio 2010
Francesco2

Vi sono film come “Forrest Gump” in cui una scena dà la svolta a tutto il film. Lì è il comizio improvvisato da Forrest davanti la folla;qui, invece, è la scena della rimpatriata degli ex-compagni. Anziché fare come in “Rachel sta per sposarsi”, dove usava il digitale(bene) e tecniche “Da teatro”(Maluccio) qui Demme fa centro disegnando nella scena che ho citato una sceneggiatura con personaggi come [...] Vai alla recensione »

Frasi
Lo rimpiangerai, questo.
Be', la vita è tutta un rimpianto.
Dialogo tra Ray Sinclair (Ray Liotta) - Charles Driggs (Jeff Daniels)
dal film Qualcosa di travolgente
NEWS
CELEBRITIES
giovedì 20 novembre 2008
Marianna Cappi

Non è una posa Truffaut gli ha aperto gli occhi con Tirate sul pianista e Roger Corman l'ha messo per la prima volta al volante di un film, Femmine in gabbia. Non poteva non venire alla luce, sotto questi auspici, un regista imprevedibile, innanzitutto [...]

winner
miglior attore non protag.
Golden Globes
1987
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati