2022: i sopravvissuti

Film 1973 | Fantascienza 100 min.

Regia di Richard Fleischer. Un film con Roy Jenson, Tim Herbart, Lincoln Kilpatrick, Leonard Stone, Whit Bissell, Stephen Young. Cast completo Titolo originale: Soylent Green. Genere Fantascienza - USA, 1973, durata 100 minuti. - MYmonetro 3,36 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi 2022: i sopravvissuti tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Tratto dal romanzo Largo! Largo! di Harry Harrison, può vantare notevoli interpretazioni di Charlton Heston ed Edward G. Robinson.

2022: i sopravvissuti è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,36/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,54
CONSIGLIATO SÌ
Distopico, cupo e disperato.
Recensione di a cura della redazione
Recensione di a cura della redazione

Nel 2022, la Terra e? irrimediabilmente inquinata e sovrappopolata, esiste solo l'estate, il cibo scarseggia, il suicidio e? promosso e assistito. A New York vivono 40 milioni di persone, divise in rigide caste, i rari padroni, i servi privilegiati, i milioni di poveri che dormono per strada e in auto e mangiano le gallette fornite dallo stato.
In seguito alle indagini per un omicidio di un dirigente di una industria alimentare, un poliziotto e il suo aiutante vengono a conoscenza di un segreto terribile: la ditta utilizza per i suoi prodotti cadaveri umani. Entrambi moriranno.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Dal romanzo Make Room, Make Room (1966) di Harry Harrison, sceneggiato da Stanley R. Greenberg. Nel 2022 New York, immersa in un'atroce calura, ha 40 milioni di abitanti che si cibano di un plancton sintetico. Di che cosa è fatto? Un poliziotto fa un'orrenda scoperta. Più che l'azione, piuttosto confusa e incoerente, conta l'atmosfera splendidamente resa all'insegna di un forte pessimismo ecologico sul Medioevo prossimo venturo. Ultimo ruolo di E.G. Robinson, meraviglioso nel finale.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
FANTAFILM
Cento anni di cinema di fantascienza

L'anno è il 2022. La città, New York. La multinazionale Soylent, produttrice di cibo sintetico, provvede al sostentamento di una popolazione di 40.000.000 di abitanti afflitti dai problemi della disoccupazione e della mancanza di alloggi. Le forze dell'ordine sono sempre all'erta per combattere una criminalità che rischia di sfuggire ad ogni controllo e per sedare le ripetute manifestazioni di protesta. L'omicidio di Simomson, attempato uomo d'affari, sembra ricollegarsi ad uno dei tanti crimini originati dalla disperazione, ma il poliziotto Thorn, con l'aiuto dell'amico Sol, scopre che la vittima aveva precedentemente ricoperto ruoli di primo piano nella Soylent. Quando il caso assume risvolti imbarazzanti, i superiori ordinano a Thorn di abbandonare le indagini, ma l'uomo è guidato dall'amico alla terribile verità. La Soylent esaurita la scorta di plancton confeziona il cibo con la carne dei cadaveri. Simomson, che lo aveva capito, è stato ucciso e Sol, terrorizzato e sgomento, preferisce lasciarsi morire in una clinica dove si pratica l'eutanasia. Ormai in possesso delle prove che inchiodano i vertici della Soylent, Thorn si prepara a denunciarli... ma i sicari lo attendono. "Soylent Green is People!" grida, disperato e sconfitto, Heston... Tratto liberamente dal bel romanzo di Harry Harrison, il film prospetta un futuro dove l'incubo è una realtà senza via di uscita. La società è nettamente divisa tra folle di poveri e una minoranza di ricchi. I poveri devono nutrirsi del soylent (la parola è la contrazione tra soy beans e lentis: semi di soia e lenticchie), mentre i ricchi possono ancora assaporare i sempre più introvabili cibi genuini. I poveri vivono in abitazioni in comune o in alloggi di fortuna; i ricchi in lussuosi appartamenti; le donne che vogliono sfuggire alla miseria accettano di accompagnare i piaceri dei potenti... Su tutto sovrasta l'ombra della decadenza, fisica e morale, drammaticamente resa dalla fotografia di Richard H. Kline che ricerca nella luce violenta un'atmosfera irreale, soffocante e parossistica. Il film deve molto al misurato confronto tra Heston e Robinson, due stili divistici diversi, due attori entrati con pieno diritto nella storia del cinema. Heston è il pensoso Thorn, poliziotto perdente (anche in amore) impegnato in una solitaria ed impari lotta contro una delinquenza che affonda le radici in una società marcia e in rovina. Robinson, il leggendario protagonista di Piccolo Cesare, che sarebbe morto poche settimane dopo la conclusione della pellicola, incarna, nel ruolo di Sol, l'ultimo sopravvissuto di una generazione amante della pace e della cultura: Sol, dietro una scorza ruvida e sarcastica, custodisce con nostalgia il ricordo di un passato in cui esisteva ancora la dignità di essere uomo. A lui, anziano e sopravvissuto, la morte si svela come estrema umiliazione. Nella "Casa dell'ultimo riposo" la morte gli viene somministrata con spettrale dolcezza, accompagnata dalle serene immagini di una natura idilliaca e da un sottofondo di musica classica: una eutanasia per nascondere la realtà che il cannibalismo è l'ultimo strumento necessario per mantenere in equilibrio un mondo imbarbarito. Il film ha vinto il premio Nebula 1973.

2022: I SOPRAVVISSUTI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 4 ottobre 2013
vjarkiv

Com'è noto la fantascienza sia letteraria che filmica spesso anticipa temi, situazioni sociologiche e addirittura tecnologie che si ritroveranno realmente negli anni successivi. Questa che è una delle caratteristiche più interessanti della creatività umana, spesso nasconde paure più o meno inconsce sul futuro dell'umanità.

venerdì 19 settembre 2014
darkglobe

Suggestivo film di fantascienza della MGM, diretto da Richard Fleischer e tratto dal romanzo di Harry Harrison Largo! Largo!, rappresenta una riuscita opera di pessimismo ambientale sul tema dell'inquinamento planetario e quello della drastica riduzione della risorse alimentari e dell'energia, causa di disuguaglianze sociali e sofferenze umane.

domenica 29 settembre 2019
Onufrio

Tratto dal romanzo del 1966, il film descrive la città di New York nel 2022, una visione catastrofica, l'autodistruzione dell'uomo che con le sue tecnologie ha ormai prosciugato ogni bene primario esistente sulla Terra. Temperature medie costanti sui 30°, carenza di cibo e sovraffollamento (ben 40 milioni gli abitanti di New YOrk).

domenica 7 marzo 2010
zazen67

Consegno 5 stelle a questo film non per motivi artistici ma per essere piuttosto profetico. E' indubbio che stiamo distruggendo il pianeta, è indubbio che siamo manipolati da pochi megalomani che decidono di volta in volta quale paese deve vivere e quale morire, tramite l'uso massiccio del controllo finanziario e purtroppo ci stiamo avviando verso una povertà diffusa su tutto il pianeta che porterà [...] Vai alla recensione »

mercoledì 11 settembre 2013
aldolg

 Maledettamente attuale, temo che manipolazioni alimentari siano già in corso... per il resto temi da pura SF di qualità. In italia è stato infelicemente rinominato 2022 i sopravvisuti. Beh ci siamo. Tematica: FUTURO

domenica 2 agosto 2020
muttley72

Nel 2022 (anno ormai molto vicino alla data odierna), il Mondo è sovrappopolato soprattutto nelle grandi metropoli, manca il lavoro, ci sono continui disordini e rivolte, il clima ambientale è mutato causa inquinamento e le risorse energetiche e alimentari mondiali sono esaurite. UNa oligarchia di pochissimi ricchi controlla il pianeta e queste sono anche le uniche persone a poter consumare [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 marzo 2013
Kronos

Anni addietro veniva visto come un classico della fantascienza apocalittica anni settanta ... oggi, per molti versi, appare quasi profetico. Richard Fleischer non era un genio ma in questo caso azzecca l'ambientazione (col senno di poi è un prologo della saga di Mad Max) e un cast d'attori motivati e di talento. Il resto lo fa l'ottima, inquietante sceneggiatura.

domenica 14 luglio 2019
Steffa

un film che al di la di tutto risulta molto sessista e gratuitamente violento, nel complesso nauseatamente retrogrado, ad oggi risulta assolutamente inguardabile

domenica 22 settembre 2013
hernan

Basato sul romanzo Make Room! Make Room! di Harrison, il film presenta limiti alquanto evidenti, mancando di pathos e di ritmo nonostante la trama offrisse tematiche originali e un colpi di scena notevole. Apprezzabile il tentativo di inserire il tema ecologico derivato dai recenti rapporti del Mit. Destinato agli archivi, peccato

Frasi

(Soylent Green is made of people!)
Frase scelta da 1500 addetti ai lavori dell'American Film Institute come la numero 77 tra le 100 migliori citazioni cinematografiche di tutti i tempi tratte da film di produzione USA
(Charlton Heston)
dal film 2022: i sopravvissuti
RECENSIONI MYMOVIES
PUBBLICO
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati