Baci rubati

Film 1968 | Commedia +16 92 min.

Titolo originaleBaisers volés
Anno1968
GenereCommedia
ProduzioneFrancia
Durata92 minuti
Regia diFrançois Truffaut
AttoriJean-Pierre Léaud, Delphine Seyrig, Claude Jade, Michael Lonsdale, Harry-Max, André Falcon Daniel Ceccaldi, Claire Duhamel, Catherine Lutz, Martine Ferrière, Jacques Rispal, Serge Rousseau, Paul Pavel, François Darbon.
TagDa vedere 1968
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 3,76 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di François Truffaut. Un film Da vedere 1968 con Jean-Pierre Léaud, Delphine Seyrig, Claude Jade, Michael Lonsdale, Harry-Max, André Falcon. Cast completo Titolo originale: Baisers volés. Genere Commedia - Francia, 1968, durata 92 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,76 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Baci rubati tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Congedato dall'esercito, Antone Doinel trova un lavoro e cerca di riconquistare il cuore della sua Christine. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar,

Baci rubati è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,76/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,39
CONSIGLIATO SÌ
Truffaut riprende il personaggio di Antoine Doinel per raccontarci una storia intrisa di malinconica dolcezza.
Recensione di Alessandro Regoli
Recensione di Alessandro Regoli

Congedato dall'esercito, il ventenne Antoine Doinel cerca di ricostruire il rapporto con la vecchia fidanzata, Christine, senza riuscirci. Dopo una breve esperienza come portiere d'albergo, trova lavoro come investigatore privato, attività per cui non è assolutamente portato. Tuttavia, tra un pedinamento e l'altro, tra un'indagine e l'altra, riuscirà a dare un senso alla sua ricerca di stabilità interiore, ritrovando l'amore della vecchia fiamma e una più matura consapevolezza di sé.
Diretto nei giorni della contestazione studentesca del '68, nei giorni della destituzione di Henry Langlois, direttore della Cinémathèque Française a cui il film è dedicato, Baci rubati lascia in secondo piano il contesto politico per concentrarsi sulle avventure di un giovane imbranato in cerca di un lavoro, di un amore, di una strada da percorrere nella vita.
Alla sua terza apparizione dopo I quattrocento colpi e l'episodio Antoine e Colette diretto nel film a episodi L'amore a vent'anni, Truffaut riprende il personaggio di Antoine Doinel interpretato dal suo attore feticcio Jean-Pierre Leaud, per raccontarci una storia intrisa di malinconica dolcezza, in cui il protagonista, alla disperata ricerca di un posto nel mondo, affronta un percorso di crescita e di maturazione interiore.
Un percorso di crescita che si configura come progressiva consapevolezza di sé, determinata da ogni azione che Antoine compie: dal lavoro che sceglie, investigatore privato, metafora di una ricerca non dei fatti altrui ma della sua interiorità, fino al rapporto con le donne e con l'amore: dalla prostituta che lo rifiuta, alla fidanzata restia a lasciarsi andare, fino a Fabienne Tabard, donna dell'alta borghesia, essere celestiale, avventura di una notte, elemento cardine nel percorso di ricerca di Antoine. Dall'amore a caro prezzo con la prostituta all'amore che non a prezzo con Fabienne, Antoine approderà finalmente in un porto sicuro, il dolce abbraccio di Christine, forse transitorio, forse assoluto e definitivo.
E alla fine del tenero peregrinare di Antoine Doinel rimane nella mente dello spettatore il quesito intorno a cui ruota tutto il film, accompagnato dalle parole di Charles Trenet: "Que reste-t'il de nos amours?".

Sei d'accordo con Alessandro Regoli?
BACI RUBATI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€6,75
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 4 agosto 2014
stefano capasso

Antoine viene riformato dall'esercito dove si era arruolato in seguito alla delusione dell'amore non corrisposto da Christine. I due giovani si ritrovano, ma Christine continua a essere ambigua verso le attenzioni di Antoine. Quando comincia a lavorare come investigatore privato, Antoine ha nuovi interessi nuove attenzioni femminili, ed in genere nuovi importanti esperienze.

domenica 17 maggio 2009
Mercuzio

Un lento, commovente slapstick pare questa delicata commedia di Truffaut, incentrata su di una figura che cambia di continuo mestiere, "costume", che arriva a fare del cambiar mestiere/costume un ruolo nel quale fatica a identificarsi, e fuori dal quale i suoi abiti cambieranno ancora, fino a divenire quelli dello sposo promesso (l’avvenire). Penso a Keaton (Sherlock Holmes Jr.

venerdì 14 agosto 2015
Arual66

Una perla, non troppo appariscente, ma raffinata e splendente potrebbe essere una metafora per descrivere questo capitolo della "saga" di Antoine Doinel. Con "Baci rubati" Truffaut realizza un piccolo spaccato che in realtà e' la storia di una vita, di un traguardo, di un passaggio. Leaud e' come al solito divertente e tenero nel suo ruolo di eterno spiantato, tutto mani tra i capelli e goffaggine. [...] Vai alla recensione »

martedì 4 ottobre 2011
dounia

Racconta la storia di un giovane che si congeda dall'esercito. Torna dalla fidanzata che aveva e cerca un lavoro. Le fa capire che la vuole per sè, ma lei non ci sta. Cambia parecchi lavori: portiere d'albergo, investigatore privato, commesso in un negozio di scarpe, operaio delle SOS. Il suo rapporto affettivo con la ragazza si scioglie e le dice che non lo vuole più.

sabato 11 giugno 2011
Francesco2

Un regista forse un pò sopravvalutato, ma capace come pochi di girare un film-documentario molto intenso nel suo apparente distacco,  sull'infanzia di un giovane particolare e che evita il "Bon sauvage" di Rousseau, ci regala un affresco sull'amore visto, ma qui è un complimento, secondo la prospettiva di certi "Bambini cresciuti", che qui però [...] Vai alla recensione »

domenica 13 novembre 2011
fedeleto

Quasi 10 anni sono passati dai 400 colpi e dalle biricchinate di antoine doinel,ma Truffaut e' sempre lo stesso ed ora per la terza volta riprende il personaggio di antoine,creando una storia divertente ed originalissima.Antoine esce dal servizio militare,ove si era recato a causa di una delusione d'amore(l'amore ha 20 anni),e cerca lavoro ,inizialmente fa' il portiere notturno,ma non [...] Vai alla recensione »

domenica 1 marzo 2015
il befe

bello

domenica 23 ottobre 2011
Luca Scialo

Dopo essere stato congedato dal servizio militare, espletato senza troppa lode, Antoine si rimette sulle tracce dell'ex fidanzata Christine. Il padre di lei gli trova un lavoro come portiere di notte ma viene licenziato poco dopo perché aiuta un investigatore privato ad incastrare la moglie traditrice di un suo cliente. Lo stesso investigatore lo introduce nell'agenzia per cui lavora [...] Vai alla recensione »

Frasi
Un giorno, in collegio, la mia professoressa spiegò la differenza fra il tatto e l’educazione. Un signore, in casa di amici, apre la porta di una stanza da bagno e scopre una donna nuda: si ritira subito, chiude la porta e dice “Oh, scusi, signora”. Questa è educazione. Lo stesso signore, aprendo la stessa porta, scoprendo la stessa donna nuda, dice: “Oh, scusi, signore”. Questo è tatto.
Dialogo tra Antoine Doinel (Jean-Pierre Léaud) - Fabienne Tabard (Delphine Seyrig)
dal film Baci rubati
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati