I magnifici sette

Film 1960 | Western 126 min.

Regia di John Sturges. Un film Da vedere 1960 con Yul Brynner, Eli Wallach, Steve McQueen, Charles Bronson, Robert Vaughn, Brad Dexter. Cast completo Titolo originale: The Magnificent Seven. Genere Western - USA, 1960, durata 126 minuti. - MYmonetro 4,50 su 22 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi I magnifici sette tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un gruppo di cowboys viene assoldato per difendere un villaggio messicano dalle scorrerie del bandito Calvera e della sua banda. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar,

Consigliato assolutamente sì!
4,50/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,00
ASSOLUTAMENTE SÌ
Un sacrificio che vale la libertà di una comunità.
Recensione di Adriano De Carlo
Recensione di Adriano De Carlo

Un gruppo di cowboys viene assoldato per difendere un villaggio messicano dalle scorrerie del bandito Calvera e della sua banda. Gli uomini, sette in tutto, compiono il loro mandato, sconfiggendo la banda dopo varie vicende e cruenti scontri. Quattro mercenari perdono la vita. Un sacrificio che vale la libertà di una intera comunità.
Remake del magistrale I sette samurai, questo anomalo western è un parente non indegno del film di Kurosawa. La trama, quasi identica nella scansione degli episodi, ha una plausibile ambientazione e il villaggio messicano non è dissimile da quello del Giappone medievale rappresentato nel capostipite. Se nel film originale i caratteri e l'ambiente traevano giovamento dalla sorpresa causata dall'emergente cinema giapponese con tutto l'armamentario culturale imperniato sulla ritualità e l'impeto belluino dei personaggi, nel film di Sturges vengono riproposti gli archetipi di comportamento della liturgia western e non. Ma con un elemento innovativo: la coscienza di una sconfitta morale da parte dei mercenari. Un finale affatto consolatorio è la conferma di questa intenzione.
Western adulto quindi, ma senza ombra di snobismo. Lo spirito di avventura che anima la pellicola è a tratti entusiasmante, come la miscela di attori, quasi tutti in odore di divismo, a parte il già affermato Yul Brynner. Sturges è per molti versi assimilabile nelle intenzioni a Raoul Walsh, con una tenuta tecnica forse superiore e una minore disinvoltura. Un regista dotato e sottovalutato, specie per la sua capacità di rendere giustizia al pubblico con prodotti ineccepibili sul piano dell'intrattenimento. Colpa gravissima negli anni in cui imperversava in Europa la cultura criptomarxista. I magnifici 7viene talvolta riproposto in televisione nell'aberrante versione "scannata", cioè a tutto schermo e con il taglio dei due lati del fotogramma.

Sei d'accordo con Adriano De Carlo?
Un film memorabile.
a cura della redazione
martedì 25 luglio 2006

Negli annali dei cinema hollywoodiano, I magnifici sette è un film per molti versi memorabile, al di là dell'enorme successo di pubblico da cui venne premiato. Innanzi tutto perché siede con intelligenza sulle spalle di un capolavoro: è il remake dei Sette samurai firmato Akira Kurosawa, 1954. Storia di orgogliosi uomini d'arme senza padrone, che si giocano tutto per un pugno di riso; che in nome del loro codice d'onore si sacrificano per salvaguardare le piccole esistenze dei deboli in una società spietata. Il loro "eroismo" non scaturisce tanto dal riconoscere la nobiltà di uno scopo, di una causa, quanto dall'essere intrappolati nella lealtà a se stessi, alla parola data, alla pura e semplice necessità psicologica di morire come si è vissuti. L'assurdità apparente della vicenda è uno dei tratti distintivi del film. li pagamento dei servizi dei "magnifici" non è niente più che un orologio e qualche ninnolo, quanto di più prezioso posseduto dai paesani. E gli eroi del film sono, in fondo, degli originali, personaggi che agiscono senza apparenti motivazioni. Chris, nonostante si renda perfettamente conto dell'inconsistenza del pagamento, accetta un incarico assurdo; O'Reaily, una faccia di pietra, ma con un debole per i bambini, lo segue senza motivo; Harry Luck, fino al termine del film, non riuscirà a convincersi che Chris abbia accettato questa causa persa senza il miraggio di un qualche tesoro nascosto, ma poi si batterà a fianco del capo; Lee, pistolero ancora temibile, ma col sistema nervoso rovinato da troppi anni di pericolosa professione, vive in un suo mondo tutto personale. Il risultato dell'assurdità della vicenda è una pellicola che ottiene un grande successo, lancia attori fino a quel momento poco conosciuti, e soprattutto contribuisce a rinnovare il genere, di cui costituisce un importante momento di svolta. I magnifici sette si pone, infatti, in un ideale punto d'equilibrio tra il western classico e quella che di lì a poco sarà la sua radicale revisione, in più direzioni: sguardo disincantato sui miti della frontiera, incrudelimento dei caratteri e delle situazioni, perdita dei punti di riferimento morali - o presunti tali, I good-bad men (uomini nello stesso tempo buoni e cattivi) del film, comunque, risultano ben più "politicamente corretti" di quanto una decina d'anni dopo saranno, per esempio, i fuorilegge del Mucchio selvaggio di Peckinpah Nella loro vicenda I antirazzismo è una parola d'ordine primaria. Eloquente fin dalla prima sequenza notevole del film, nella quale Chris e Vin vengono presentati: due pistoleri vagabondi che trasportano il cadavere di un indiano a riposare nel cimitero di una cittadina texana, contro la volontà dei cittadini bianchi che vorrebbero tenere la loro comunità "pulita" da contaminazioni etniche. Il film ha uno script assai elaborato e carico di buone intenzioni, che riesce ad alleggerire con una certa dose di humour la sua "lezione morale" ("chi combatte e se ne va vive per tornare a combattere"); una regia accorta, a cominciare dal felice assortimento di volti e caratteri del cast; una delle colonne sonore più avvincenti che siano state prodotte per una pellicola western. E davvero non sono pochi i momenti che restano nella memoria: il combattimento al coltello di Coburn, Vaughn uccisore di mosche, le battute ciniche di McQueen... Un grande successo che ebbe tre sequel, senza infamia e senza lode. Il ritorno dei magnifici sette (1966) conserva ancora chiari riferimenti ai Sette samurai e alla vicenda di fondo, resa solo apparentemente più "dinamica" da un mistero da risolvere. Dei sette originali è rimasto solo Brynner, e l'affiatamento con i suoi compagni di gesta è ben più fiacco. Il ruolo del leader, nei seguenti e ancor più stanchi Le pistole dei magnifici sette (1969) e l magnifici sette cavalcano ancora (1972), verrà interpretato rispettivamente da George Kennedy e Lee Van Cleef.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 2 giugno 2011
Camillo

Calvera ed i suoi uomini terrorrizzano un villaggio di contadini da molto tempo;questi decidono di trovare degli uomini disposti ad aiutarli a cacciare i banditi.Trovano così Chris,un pistolero che raduna altri sei compagni per il lavoro.Per un sedicenne,vedere un film così all'antica potrebbe rivelarsi noioso,ma non per il sottoscritto:gli attori che interpretano i pistoleri (compreso [...] Vai alla recensione »

martedì 26 aprile 2011
mondolariano

Una tappa obbligata nella storia del cinema. Se la morale dei “Magnifici 7” rivoluzionò il genere western - presentando per la prima volta la figura del cow boy come “perdente” - il film resta comunque ancorato alla leggenda americana, l’unica epopea che gli Stati Uniti possono dire di avere. Lo è per lo stile eroico della famosa colonna sonora e dei sette protagonisti, che per quanto venati di amarezza [...] Vai alla recensione »

mercoledì 28 novembre 2018
samanta

E' un film che visto la prima volta o le prime volte fa dare il giudizio di ottimo, in realtà vedendolo a distanza e riflettendoci si rivela un capolavoro, anche se nel genere western altri film siano superiori (Il cavaliere della Valle Solitaria, Mezzogiorno di fuoco e soprattutto Sentieri selvaggi). La storia del villaggio messicano taglieggiato ferocemente dal bandito Calvera (Un bravissimo [...] Vai alla recensione »

venerdì 13 agosto 2010
chriss

Sette pistoleri, per 20 miseri dollari ciascuno, decidono di difendere un paesino al confine tra Usa e Messico dalle razzie di Calvera e dei suoi amigos. Chris Adams capeggia i sette eroi che dovranno difendere i contadini del villaggio. Ogni uomo, accuratamente scelto, è diverso dall' altro. Vin (Steve McQueen) è il braccio destro di Chris; Bernardo (Charles Bronson) [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 marzo 2012
brando fioravanti

Remake dei sette samurai. Imparagonabile all'originale , ma con qualche buona trovata da distinguersi e avere una propria voce in capitolo nel mondo del cinema. Sette mercenari accettano di aiutare degli abitanti di un villaggio messicano continuamente derubato da un gruppo di banditi. Il protagonista accetta l'incarico non solo per i soldi.

venerdì 27 agosto 2010
chriss

Assegnare le famose stelle, non è mai facile, specialmente per chi recensisce. Credo che un film sia un capolavoro solo se rispetta certe condizioni: unicità, premi vinti e gusti personali. Un film diventa unico nel momento in cui comincia a trattare di un argomento sconosciuto, di cui non hanno mai parlato. Anche il periodo storico, e la cultura con cui il film arricchisce [...] Vai alla recensione »

mercoledì 24 aprile 2013
DOMENICO RIZZI

Sarebbero molti i punti da discutere riguardo a questo film, che comunque anticipa il declino del pistolero di professione, tema conduttore dei successivi "L'uomo che uccise Liberty Valance", "C'era una volta il West" e "Il pistolero". I sette magnifici non sono degli stinchi di Santi, uccidono senza troppi scrupoli e lavorano da mercenari, sebbene accontentando [...] Vai alla recensione »

sabato 25 settembre 2010
obiuanchenobi

UN OPERA D'ARTE

sabato 15 dicembre 2018
Onufrio

Stanchi delle continue visite del malvivente Calvera pronto a rubare i beni del villaggio, i contadini di un paesino di frontiera fra Messico e Usa, dopo aver chiesto consigli al vecchio saggio del villaggio decidono di ribellarsi, intenzionati dapprima a comprare fucili ed affrontare il ritorno di Calvera da soli, troveranno in Chris (Yul Brinner) la persona giusta che li possa guidare verso la loro [...] Vai alla recensione »

sabato 27 dicembre 2014
Robby Prato

C'è un po' di retorica ma teniamo conto si tratta di un film del 1960.Comunque è un bel film che ho seguito volentieri

domenica 10 aprile 2011
Nicola1

se lo rivedi prestando molta attenzione capirari che Sergio Leone e la nascita dello "spaghetti western" devono moltissimo a questo film. A cominciare dalla colonna sonora. Anzi aggiungerei tra le ispirazioni del western all'italiana anche "Mezzogiorno di fuoco" (1952) e "Un dollaro d'onore" (1959). Riflettici.

lunedì 19 aprile 2010
G. Romagna

Sette cowboy accettano di difendere, per un po' di cibo e pochi soldi, un villaggio di contadini martoriato da Calvera (Eli Wallach) e la sua banda di razziatori. I sette si prodigano ad addestrare alle armi gli abitanti ma, colti in fallo da Calvera, sono obbligati a desistere. Mentre se ne vanno, tuttavia, è l'orgoglio a prevalere sulla resa.

Frasi
Come quel tale a El Paso… una mattina si svegliò e si arrampicò nudo sopra un cactus. Anch'io gli chiesi perché… E lui disse che gli era parsa una buona idea al momento.
Una frase di Vin (Steve McQueen)
dal film I magnifici sette - a cura di Gianni
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati