I sette samurai

Acquista su Ibs.it   Dvd I sette samurai   Blu-Ray I sette samurai  
Un film di Akira Kurosawa. Con Toshiro Mifune, Takashi Shimura, Yoshio Inaba, Seiji Miyaguchi, Minoru Chiaki.
continua»
Titolo originale Shichi-nin no Samurai. Drammatico, Ratings: Kids+16, b/n durata 95 min. - Giappone 1954. MYMONETRO I sette samurai * * * * 1/2 valutazione media: 4,74 su 49 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
4,74/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * * 1/2
 critican.d.
 pubblico * * * * 1/2
Toshiro Mifune
Toshiro Mifune 1 Aprile 1920 Interpreta Kikuchiyo
Takashi Shimura
Takashi Shimura 12 Marzo 1905 Interpreta Kambei Shimada
Yoshio Inaba
Yoshio Inaba 15 Luglio 1920 Interpreta Gorobei Katayama
Seiji Miyaguchi
Seiji Miyaguchi (102 anni) 15 Novembre 1913 Interpreta Kyuzo
Minoru Chiaki
Minoru Chiaki 30 Luglio 1917 Interpreta Heihachi Hayashida
Daisuke Katô
Daisuke Katô (106 anni) 18 Febbraio 1910 Interpreta Shichiroji
   
   
   
Quando nel 1954 questo film arrivò in Occidente, il terreno era già predisposto. Quattro anni prima Kurosawa, regista massimo, aveva portato a Venezia...
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
L'epico racconto di sette samurai che scelgono di difendere gli abitanti di un villaggio dalla violenza di briganti sanguinari
Emanuele Sacchi     * * * * 1/2
Locandina I sette samurai

Da sempre e per sempre un punto di riferimento, oltre che uno dei rari casi in cui l'enfasi, più che consentita, è benvenuta, I sette samurai di Kurosawa Akira vanta tante imitazioni quanti sono i plausi ricevuti negli anni. Per trent'anni ne è circolata una versione ridotta, insignita del Leone d'Oro, prima di una nuova epifania di durata superiore alle tre ore. Che è giusto quanto basta per poter affrontare tematiche che abbracciano il mondo dei samurai, dei contadini e dei briganti ma nel farlo abbracciano l'umanità intera, quella folla di minuscoli esseri che abitano, ma spesso infestano, il pianeta Terra. Come per Boccaccio l'evento della peste permetteva di scavare negli anfratti dell'animo umano, così per Kurosawa è il medioevo dei predoni - quello di Rashômon, per intenderci, anche se ambientato nel periodo Heian - a fornire il terreno ideale per mettere in scena le più diverse sfaccettature dell'uomo. Sette samurai per sette modi di essere e di difendere il senso dell'onore a dispetto degli interessi e del buon senso; tanto da aiutare i bisognosi quasi a prescindere dalla effettiva volontà di questi ultimi (sia l'accoglienza dei contadini che il ringraziamento nei confronti dei samurai sono disarmanti per ingratitudine). C'è chi sceglie di subire, accettando la sua natura di predestinato all'oppressione e chi non ci sta ed è disposto a sacrificare anche la vita per l'onore e la libertà, in una ricerca spasmodica - e totalmente nipponica - dell'autodistruzione: tanto i samurai che i banditi si prestano a un evidente gioco al massacro senza esitare nemmeno per un momento, laddove i contadini si ritraggono, fanno gruppo, sgattaiolando qua e là, ma in fondo dimostrandosi la specie darwinianamente vincente. Le scene corali di battaglia, specie lo showdown sotto la pioggia battente, restano a tutt'oggi exempla per verismo della messinscena e sgangherata armonia degli assalti e delle ritirate di una lotta senza quartiere né inutili orpelli, resa ancor più vibrante dalla vigoria fisica di un travolgente Mifune Toshiro, a cui fa da contrappunto l'altro attore-feticco di Kurosawa, quel Takashi Shimura capace di tramutarsi dal triste impiegato di Vivere! nel disincantato Kanbei, saggio consigliere di morte a capo del manipolo di samurai. L'eredità dell'epica di John Ford e del gigantismo dei primi piani di Ejzenštejn si fonde con la teatralità kabuki in un racconto che si ferma a un passo dalla retorica, mescolando il registro aulico con il racconto popolare. Con I sette samurai il più filo-occidentale tra i maestri del Sol Levante eleva il cinema giapponese ai suoi vertici e genera proselitismo a Hollywood, dando vita a innumerevoli riedizioni dell'eroico sacrificio, dal remake diretto (I magnifici sette di Sturges) ai reiterati omaggi indiretti (da Quella sporca dozzina in giù) che il cinema non può fare a meno di tributare al capolavoro di Kurosawa.

Premi e nomination I sette samurai MYmovies
Sei d'accordo con la recensione di Emanuele Sacchi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
81%
No
19%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination I sette samurai

premi
nomination
Festival di Venezia
1
0
Premio Oscar
0
2
* * * * *

I sette samurai, un'epica al contrario

mercoledì 6 gennaio 2010 di Paola Di Giuseppe

Nel Giappone medievale,una storia di briganti,un villaggio di contadini plurisaccheggiato e sei samurai più un settimo,Kikuchiyo,un Toshiro Mifune,perfetto "miles gloriosus" nella buffa armatura,figlio di contadini decimati dai briganti,deciso a farsi consacrare samurai,fosse anche a costo della vita.Stralunato soldato di ventura,uscito dalla penna di Cervantes o scappato dalle scene di Shakespeare,sarà per tutto il film il collante fra due mondi separati,gli umili e spaventati contadini e i tronfi continua »

* * * * *

I sette samurai

martedì 29 dicembre 2009 di G. Romagna

Un inno alla lealtà, al coraggio e alla solidarietà, un bello spaccato culturale su una realtà a noi lontana e un più che avvincente dramma d'azione facente leva sulla grande suspance che si crea durante le attese del nemico (sul modello di Buzzati ne "Il deserto dei Tartari") e sul notevole dinamismo delle scene di battaglia. Magnifici Shimura e,ancor più, Mifune. Splendida è poi la piccola perla che ci viene offerta nel finale, quando, alla luce del rifiuto che il giovane samurai incassa dall'amata, continua »

* - - - -

Gli operai della spada

mercoledì 29 settembre 2010 di claudus

E' vergognoso trovare recensioni di livello cosi' basso soprattutto se si sta giudicando un film culturalmente importante per la storia di un'arte (o presunto tale). E' facilissimo e molto comodo ripararsi dietro le cinque stelle e dire : "capolavoro". Quì , l'unico ad aver criticato il film,(letteralmente parlando) anche se di opinione opposta alla mia è stato Miyamoto Musashi, peccato che questo nome, appartenente al più grande samurai della storia giapponese, non avesse nulla da spartire continua »

* * - - -

Lame che non tagliano neppure il vento

lunedì 27 settembre 2010 di claudus

Assieme a "sussurri e grida " di Bergman è stata la più grande delusione cinematografica della mia vita. Film di una povertà disarmante e di rara debolezza. In questa pellicola tutti sono deboli, poveri, umili, servili, vigliacchi . Si dirà...E' la condizione umana nel suo complesso ad essere debole e qui viene mostrato con un realismo devastante. Questo realismo, tuttavia, non interessa minimamente chi al cinema vuole sognare , come il sottoscritto. E qui non può che trovare delusione continua. Plebaglia continua »

Kambei
Noi samurai,siamo come il vento che passa veloce sulla terra,ma la terra rimane e appartiene ai contadini.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Bilanci del guerriero Takashi Shimura
Ho perso tutte le battaglie in cui mi sono trovato... Ci hanno sempre ripetuto: "Allenatevi, distinguetevi, diventate dei signori della guerra!" Consumiamo l'esistenza in questa vana ricerca, giunge la vecchiaia e ci troviamo con un pugno di mosche in mano...
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Kambei Shimada (Takashi Shimura)
"E intanto il tempo passa, in questa attesa, e ti vengono i capelli bianchi come a me. Ti accorgi che i genitori sono morti e che parenti e amici sono spariti..."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

DVD | I sette samurai

Uscita in DVD

Disponibile on line da martedì 21 luglio 2015

Cover Dvd I sette samurai A partire da martedì 21 luglio 2015 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd I sette samurai di Akira Kurosawa con Toshiro Mifune, Takashi Shimura, Yoshio Inaba, Seiji Miyaguchi. Distribuito da CG Entertainment. Su internet sette samurai (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 9,74 €
Prezzo di listino: 12,99 €
Risparmio: 3,25 €
Aquista on line il dvd del film I sette samurai

di John Woo

Kurosawa Akira e un gigante. Ma nonostante sia grande come una montagna, il suo cuore resta umano e accessibile. Il suo film traduce l'essenza dello spirito cavalleresco. Il samurai è un uomo d'onore, un uomo leale e generoso. La sua nobiltà comporta una devozione infallibile alla causa del bene dell'umanità. Anche se incompreso, segue sempre il cammino che si è tracciato. »

di Ugo Casiraghi

Nell’éra Sengoku un villaggio periodicamente assalito e saccheggiato dai banditi, fa appello ai cavalieri erranti detti samurai (dei samurai in decadenza, ma non ancora al punto di essere semplicemente prezzolati come i ronin) perché siano protetti i suoi raccolti e la sua gente. Il reclutamento di questi volontari pone diversi problemi, ma alla fine se ne trovano sette, uno dei quali è falso, codardo, semplice di spirito, esibizionista e pretenzioso, vero personaggio picaresco che si rivela, però, un combattente non meno valido. »

di Giuseppe Marotta

Non fui tra coloro che ebbero la fortuna di vedere I sette samurai a Venezia nel '54; e sono. anche adesso l'ultimo, forse, ad occuparmene. Ebbene? Il mio attonito "Gew, che film" non è per questo meno sincero; e pazienza se le forbici dei noleggiatori lo hanno seviziato, pazienza se avrei preferito di gran lunga, nei dialoghi, l'indecifrabile pigolio originale agli americanizzanti “Ehi, voi, fermatevi” e “C'è qualcosa che non va?” dello spiccio riduttore italiano Vinicio Marinucci. A me puoi dirlo, caro Vinicio: il testo giapponese era di un'altra parrocchia, immagino più gentile, più fantasioso, più letterario; ma ti avranno raccomandato gli infimi spettatori, i "descamisados" rionali, e tu per loro hai attinto a piene mani dai copioni dei western. »

di Georges Sadoul

Nel secolo XVI, sette samurai e il loro capo (Takashi Shimura) si mettono al servizio dei contadini contro un gruppo di banditi che li stanno uccidendo quasi tutti. Uno di essi è un vigliacco diventato valoroso (Toshiro Mifune), l'altro un giovinetto (Seji Miyaguchi) che ama una giovane contadina (Minoru Chiaki)... Come Rashomon, questo film di samurai non si estrania dalla vita contemporanea e contiene un messaggio generoso: i sette combattenti assicurano coi loro sacrifici la pace al popolo e, dice il loro capo, sono i contadini che vincono, perché rappresentano la continuità e la giustizia. »

I sette samurai | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Emanuele Sacchi

Pubblico (per gradimento)
  1° | g. romagna
  2° | paola di giuseppe
  3° | adriano sgarrino
  4° | il cinefilo
  5° | tomdoniphon
  6° | lucaguar
  7° | dandy
  8° | aristoteles
  9° | jacopo b98
10° | jos d
11° | claudus
12° | claudus
Rassegna stampa
Filippo Sacchi
Mario Gromo
Festival di Venezia (1)
Premio Oscar (2)


Articoli & News
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Chat | Shop |
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità